Ubuntu 10.10 in beta. In attesa del narvalo elegante

Canonical distribuisce la beta della prossima versione del suo sistema operativo con il suo carico di app store, aggiornamenti e "tweak" all'interfaccia. Quasi fissati i paletti anche per la release successiva. A partire dal nome in codice

Roma – Ubuntu 10.10, nome in codice “Maverick Meerkat”, è in arrivo entro il prossimo mese di ottobre: e per mettere a punto la release Canonical ha ora distribuito la beta della nuova versione della sua popolare distro Linux. Le novità includono nuovi software di utilità, interfaccia rinnovata e ulteriori raffinamenti all’ Ubuntu Software Center per la distribuzione centralizzata delle “app” in stile iTunes Store.

La nuova versione di Ubuntu – e la relativa beta già disponibile per il download comprende la versione 2.31 di GNOME , e il software di fotoritocco Shotwell in sostituzione del tradizionale F-Spot . Continua il lavoro di Canonical sugli indicatori come quello sonoro, che ora è dotato anche di controlli per il playback eliminando la necessità, per le singole applicazioni audio, di avere la propria icona di notifica personalizzata.

In Ubuntu 10.10 il succitato Ubuntu Software Center sarà caratterizzato dalla presenza di una sezione di applicazioni “In evidenza” e dalla possibilità di acquistare app commerciali di terze parti . Più ricercato ed esteticamente sofisticato anche la componente grafica del Software Center, mentre procedono i lavoro sull’interfaccia utente Unity per la “Netbook Edition” dell’OS.

E mentre “Maverick Meerkat” aggiunge software e funzionalità, almeno in un caso Canonical decide per una sottrazione: il prossimo Ubuntu eliminerà il supporto ufficiale di Itanium e SPARC, causa la scarsa qualità dei port e la mancanza di un responsabile dedicato. Chi usa Ubuntu sulle due succitate piattaforme si prepari: il supporto a Ubuntu 10.04 LTS (Long Term Support) è garantito fino al 2013 nella variante desktop, mentre sui server si aggiungono altri 5 anni.

Ubuntu 10.10 non è ancora uscito ma Canonical già anticipa alcune delle caratteristiche di Ubuntu 11.04: atteso per aprile 2011, il sistema noto come Natty Narwhal avrà come focus principali la compatibilità con le piattaforme ARM , un design evoluto e maggior supporto per l’hardware grafico.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lider scrive:
    lider
    LIDER?????????????????????????
    • panda rossa scrive:
      Re: lider
      - Scritto da: lider
      LIDER?????????????????????????Lider Maximo.http://it.wikipedia.org/wiki/Fidel_Castro
      • il solito bene informato scrive:
        Re: lider
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: lider

        LIDER?????????????????????????

        Lider Maximo.
        http://it.wikipedia.org/wiki/Fidel_Castroinfatti non è "Lider"... sulla "i" ci va l'accento ;-)
  • Pilerus scrive:
    Ex Presidente ??? Presidente ???
    Come hai fatto a chiamare un dittatore come fidel castro (non merita nemmeno le iniziali maiuscole) Ex Presidente di Cuba..... fidel è un dittatore che non ha mai chiamato a elezioni libere il proprio popolo.Persino Pinochet che era un dittatore dopo svariati anni ha fatto fare libere elezioni...
    • Enok scrive:
      Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
      [img]http://img230.imageshack.us/img230/4299/democracy.jpg[/img]
      • nome e cognome scrive:
        Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
        ma guarda, percentuali bulgare..
      • urrr scrive:
        Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
        Prova a parlare di persona con i cubani e poi vedi cosa ne pensano VERAMENTE.Con quei dati ti ci puoi pulire il didietro
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
          - Scritto da: urrr
          Prova a parlare di persona con i cubani e poi
          vedi cosa ne pensano
          VERAMENTE.

          Con quei dati ti ci puoi pulire il didietrose l'alternativa è la demograzia all'ammerigana, penso che siano ben contenti con Castro.
        • The Dude scrive:
          Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
          - Scritto da: urrr
          Prova a parlare di persona con i cubani e poi
          vedi cosa ne pensano
          VERAMENTE.

          Con quei dati ti ci puoi pulire il didietroProva a parlare di persona con i cubani ghettizzati a Miami e poi vedi cosa ne pensano MA MOLTO VERAMENTE.
    • rover scrive:
      Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
      L'hai sentito a Studio Aperto?Oppure hai letto il libro nero del comunismo, edizioni Berlusconi e soci?Comunque, storicamente, c'è un dato inoppugnabile: l'embargo USA non fu disposto per motivi di difesa delle libertà (quando mai del resto?) ma perchè furono espropriate le coltivazioni di società latifondiste americane e raffinerie di zucchero a capitale americano.D'altronde nel 1961 (mi sembra sia quello l'anno dell'embargo) la teoria dei diritti umani non era stata ancora partorita. Anche perchè negli USA vigeva ancora la segregazione razziale.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
        - Scritto da: rover
        L'hai sentito a Studio Aperto?
        Oppure hai letto il libro nero del comunismo,
        edizioni Berlusconi e
        soci?
        Comunque, storicamente, c'è un dato
        inoppugnabile: l'embargo USA non fu disposto per
        motivi di difesa delle libertà (quando mai del
        resto?) ma perchè furono espropriate le
        coltivazioni di società latifondiste americane e
        raffinerie di zucchero a capitale
        americano.
        D'altronde nel 1961 (mi sembra sia quello l'anno
        dell'embargo) la teoria dei diritti umani non era
        stata ancora partorita. Anche perchè negli USA
        vigeva ancora la segregazione
        razziale.però devi ammettere che il governo di Castro ha non poche contraddizioni, tipo: perché debellare la mortalità infantile se poi i bambini, è noto, se li mangiano?
    • The Dude scrive:
      Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
      - Scritto da: Pilerus
      Come hai fatto a chiamare un dittatore come fidel
      castro (non merita nemmeno le iniziali maiuscole)
      Ex Presidente di Cuba..... fidel è un dittatore
      che non ha mai chiamato a elezioni libere il
      proprio
      popolo.
      Persino Pinochet che era un dittatore dopo
      svariati anni ha fatto fare libere
      elezioni...Forse è meglio se ti studi un pò di storia per capire cos'era Cuba prima di Fidel.
      • Polemik scrive:
        Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
        Chissà come sarebbe oggi Cuba se non ci fosse stato l'embargo imposto dagli USA. Forse sarebbe diventata la Cina dei Caraibi...
        • The Dude scrive:
          Re: Ex Presidente ??? Presidente ???
          - Scritto da: Polemik
          Chissà come sarebbe oggi Cuba se non ci fosse
          stato l'embargo imposto dagli USA. Forse sarebbe
          diventata la Cina dei
          Caraibi...Ma anche no.
  • nosensazion alismo scrive:
    un pò di obbiettività
    Internet non è affatto proibita ai cubani, prima di fare certe affermazioni andrebbero verificate, oppure quantomeno evitare il sottotitolo un po' troppo, a mio avviso, sensazionalistico.A Cuba ci sono internet point pubblici in tutte le principali città, le velocità purtroppo sono limitate per problemi infrastruturali, ma internet è attiva e liberamente accessibile senza filtri. Filtri presenti invece ad esempio in tutto il medio oriente ed in cina.Semmai possiamo parlare di un problema econonomico, nel senso che senza finanziamento esterno per un cubano è impossibile collegarsi tutti i giorni ad internet, disponendo solo del proprio reddito di lavoratore.
    • sottoscrivo scrive:
      Re: un pò di obbiettività
      mia moglie è cubana, confermo che ci sono internet point pubblici, nessun divieto: internet è cara e lenta per colpa dell'embargo USA.I cubani, che per lavoro ne hanno bisogno, hanno libero acXXXXX a mail e internet.Aggiungo che ho letto qualche post di questa Yoani Sánchez e posso dire che sono farciti di inesattezze che ha costruito per diventare famosa.
      • albi scrive:
        Re: un pò di obbiettività
        Infatti ha ricevuto 2 riconoscimenti internazionali, anche Fabrizio Corona ha detto un sacco di mink***e, ma non mi sembra abbia vinto alcunchè. Dimenticavo, anche mio cuGGino è cubano e una volta gli USA l'hanno ucciso, ma adesso sta bene.
        • Polemik scrive:
          Re: un pò di obbiettività
          Ad occhio e croce tu a Cuba sei andato al massimo soltanto in vacanza, magari in un villaggio turistico isolato All Inclusive, e forse non l'hai vista neppure in sogno:http://tinyurl.com/32pb4dk
          • urrr scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            Si vabbè...quell'articolo ha anche toni MOLTO di parte come entrambe le fonti citate... Però è vero.D'altronde che ci vuoi fare. I cavi mica sono loro. Che se provino a posarli loro al posto di scroccare quelli degli USA...Ma forse prima di pensare a questo dovrebbero pensare a liberarsi della dittatura ed avviare una procedura di democratizzazione per far prosperare l'isola.Si, ci sono stato nell Cuba vera (non nei villaggi) e la miseria in cui vivono è allucinante. Non hanno nulla, non potranno mai avere nulla. Gli viene impedito direttamente dallo stato. Vivono in miseria e sono sotto una dittatura totale da una marea di anni. Un bella isola per i turisti, un posto devastato da Castro per tutti gli altri...
          • il solito bene informato scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: urrr
            Si vabbè...quell'articolo ha anche toni MOLTO di
            parte come entrambe le fonti citate... Però è
            vero.

            D'altronde che ci vuoi fare. I cavi mica sono
            loro. Che se provino a posarli loro al posto di
            scroccare quelli degli
            USA...

            Ma forse prima di pensare a questo dovrebbero
            pensare a liberarsi della dittatura ed avviare
            una procedura di democratizzazione per far
            prosperare
            l'isola.

            Si, ci sono stato nell Cuba vera (non nei
            villaggi) e la miseria in cui vivono è
            allucinante. Non hanno nulla, non potranno mai
            avere nulla. Gli viene impedito direttamente
            dallo stato. Vivono in miseria e sono sotto una
            dittatura totale da una marea di anni. Un bella
            isola per i turisti, un posto devastato da Castro
            per tutti gli
            altri...Pensi che la miseria in cui vivono sia dovuta allo stato, oppure è l'embargo? Quando trattò i prigionieri della "baia dei porci" Castro chiese in cambio viveri e medicinali ... quale altro "dittatore" l'avrebbe fatto?E comunque, anche nella miseria, lo stato garantisce ad ogni abitante la sanità, la casa e l'istruzione. Non sono mai stato a Cuba ma conosco gente che ci vive: non ci rinuncerebbero mai, perché lì si vive una vita povera di beni materiali, ma ricca di ben altro.Parli di "democratizzare" e "far prosperare" l'isola, il che, in linguaggio odierno, significa cedere al ricatto delle multinazionali. Pensaci: esiste un paese democratico in cui la persona, il partito che voti governa realmente ? un paese in cui non vengono continuamente emanate leggi per tutelare i profitti di pochi eletti? E tutto ciò va a discapito del "uomo della strada", perché dovunque ci sia "prosperità", c'è anche avidità, corruzione e quindi inefficienza. Lo viviamo tutti i giorni.
          • pokeroso scrive:
            Re: un pò di obbiettività

            So che uno dei problemi e' l'elettricita',
            fornita poca dagli stati uniti ed a prezzo molto
            alto, cosa che ha portato anche una certa
            arretratezza in ambito informatico ai
            cittadini.Nessuno vieta a Cuba di farsi le sue centrali elettriche.
          • krane scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: pokeroso

            So che uno dei problemi e' l'elettricita',

            fornita poca dagli stati uniti ed a prezzo molto

            alto, cosa che ha portato anche una certa

            arretratezza in ambito informatico ai

            cittadini.
            Nessuno vieta a Cuba di farsi le sue centrali
            elettriche.No, ma proviamo a chiederci perche' sono in condizione di dover comprare l'elettricita' dagli usa, leggo da wikipedia : ...Ramon Grau San Martin che, divenuto Presidente il 10 settembre 1933, si adoperò contro il monopolio nordamericano che controllava la distribuzione di elettricità e gas, e decise diverse misure di carattere sociale.Gli statunitensi, allarmati e sollecitati dalle classi tradizionalmente di potere, cercarono di porre rimedio favorendo il golpe militare di Fulgencio Batista che il 15 gennaio 1934 rovesciò il governo di Ramon Grau San Martin. Batista, assumendo la presidenza diretta o mediante presidenti da lui condizionati, rimase dominatore della politica cubana fino al 1944
          • pokeroso scrive:
            Re: un pò di obbiettività

            No, ma proviamo a chiederci perche' sono in
            condizione di dover comprare l'elettricita' dagli
            usa, leggo da wikipedia :
            [...]
            Batista,
            assumendo la presidenza diretta o mediante
            presidenti da lui condizionati, rimase dominatore
            della politica cubana fino al
            1944Mi hai solo detto che fino al 1944 erano di proprietà di privati (nota bene non del Governo Americano, ma di privati investitori).Inoltre siamo nel 2010 e dal 1961 (data dell'embargo) mi sembra che il tempo per costruire l'abbiano avuto.
          • krane scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: pokeroso

            No, ma proviamo a chiederci perche' sono in

            condizione di dover comprare l'elettricita'

            dagli usa, leggo da wikipedia : [...]

            Batista, assumendo la presidenza diretta

            o mediante presidenti da lui condizionati,

            rimase dominatore della politica cubana

            fino al 1944
            Mi hai solo detto che fino al 1944 erano di
            proprietà di privati (nota bene non del Governo
            Americano, ma di privati investitori).Leggi bene: investitori americani pilotati dagli usa, che hanno lasciato il paese in condizioni economiche devastate.
            Inoltre siamo nel 2010 e dal 1961 (data
            dell'embargo) mi sembra che il tempo per
            costruire l'abbiano avuto.Certo, sempre dovendo chiamare personale dalla russia e sempre che l'embargo consentisse alle navi russe di sbarcare tecnici sulle coste cubane.Subendo bombardamenti costanti da parte degli usa, come dimostrato quando nel luglio del 1960, Cuba chiese aiuto allONU, fornendo al Consiglio di Sicurezza le documentazioni relative a una ventina di bombardamenti, compresi i nomi dei piloti, i numeri di registrazione dellaereo, le bombe inesplose e altri dettagli specifici, affermando di aver riportato danni considerevoli e vittime e richiedendo la soluzione del conflitto per canali diplomatici. Ti consiglio di leggere : Cuba nel Mirino di Noam Chomskyhttp://www.znet-it.org/chomsky-cubanelmirino.htm
          • pokeroso scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pokeroso


            No, ma proviamo a chiederci perche' sono in


            condizione di dover comprare l'elettricita'


            dagli usa, leggo da wikipedia : [...]


            Batista, assumendo la presidenza diretta


            o mediante presidenti da lui condizionati,


            rimase dominatore della politica cubana


            fino al 1944


            Mi hai solo detto che fino al 1944 erano di

            proprietà di privati (nota bene non del Governo

            Americano, ma di privati investitori).

            Leggi bene: investitori americani pilotati dagli
            usa, che hanno lasciato il paese in condizioni
            economiche
            devastate.
            Sempre del 1944 parliamo.

            Inoltre siamo nel 2010 e dal 1961 (data

            dell'embargo) mi sembra che il tempo per

            costruire l'abbiano avuto.

            Certo, sempre dovendo chiamare personale dalla
            russia e sempre che l'embargo consentisse alle
            navi russe di sbarcare tecnici sulle coste
            cubane.
            Penso che fossero più occupati a installare i missili.
            Subendo bombardamenti costanti da parte degli
            usa, come dimostrato quando nel luglio del 1960,
            Cuba chiese aiuto allONU, fornendo al Consiglio
            di Sicurezza le documentazioni relative a una
            ventina di bombardamenti, compresi i nomi dei
            piloti, i numeri di registrazione dellaereo, le
            bombe inesplose e altri dettagli specifici,
            affermando di aver riportato danni considerevoli
            e vittime e richiedendo la soluzione del
            conflitto per canali diplomatici.
            Sempre il solito punto.Dal 1961 ad oggi cosa hanno ricostruito?

            Ti consiglio di leggere : Cuba nel Mirino di Noam
            Chomsky
            http://www.znet-it.org/chomsky-cubanelmirino.htm
          • krane scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: pokeroso
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pokeroso



            No, ma proviamo a chiederci perche' sono in



            condizione di dover comprare l'elettricita'



            dagli usa, leggo da wikipedia : [...]



            Batista, assumendo la presidenza diretta



            o mediante presidenti da lui condizionati,



            rimase dominatore della politica cubana



            fino al 1944


            Mi hai solo detto che fino al 1944 erano di


            proprietà di privati (nota bene non del


            Governo Americano, ma di privati investitori).

            Leggi bene: investitori americani pilotati dagli

            usa, che hanno lasciato il paese in condizioni

            economiche devastate.
            Sempre del 1944 parliamo.La storia si fa partenno dalla base che avevi il giorno prima, anche la germania nel 1945 non era piu' in guerra, ma quanto ci e' voluto a ricostruire berlino ?


            Inoltre siamo nel 2010 e dal 1961 (data


            dell'embargo) mi sembra che il tempo per


            costruire l'abbiano avuto.

            Certo, sempre dovendo chiamare personale dalla

            russia e sempre che l'embargo consentisse alle

            navi russe di sbarcare tecnici sulle coste

            cubane.
            Penso che fossero più occupati a installare i
            missili.E a schivare i colpi di mitra e gli attentati organizzati dagli usa in cui sono morti parecchi tecnici stranieri.

            Subendo bombardamenti costanti da parte degli

            usa, come dimostrato quando nel luglio del 1960,

            Cuba chiese aiuto allONU, fornendo al Consiglio

            di Sicurezza le documentazioni relative a una

            ventina di bombardamenti, compresi i nomi dei

            piloti, i numeri di registrazione dellaereo, le

            bombe inesplose e altri dettagli specifici,

            affermando di aver riportato danni considerevoli

            e vittime e richiedendo la soluzione del

            conflitto per canali diplomatici.
            Sempre il solito punto.
            Dal 1961 ad oggi cosa hanno ricostruito?Hanno fatto si che gli stati uniti smettessero di sparare loro addosso, hanno fatto si che gli venisse venduta l'elettricita' e di avere di nuovo scambi commerciali con i vicini che non venissero affondati dagli stati uniti, hanno ricostruito un tessuto sociale ed economico interno. Se a te sembra cosi' poco forse dovresti subire 40 anni di devastazioni e sabotaggi. Rinnovo l'invito a leggere il libro qui sotto.

            Ti consiglio di leggere : Cuba nel Mirino di

            Noam Chomsky

            http://www.znet-it.org/chomsky-cubanelmirino.htm
          • The Dude scrive:
            Re: un pò di obbiettività
            - Scritto da: urrr
            Si vabbè...quell'articolo ha anche toni MOLTO di
            parte come entrambe le fonti citate... Però è
            vero.

            D'altronde che ci vuoi fare. I cavi mica sono
            loro. Che se provino a posarli loro al posto di
            scroccare quelli degli
            USA...

            Ma forse prima di pensare a questo dovrebbero
            pensare a liberarsi della dittatura ed avviare
            una procedura di democratizzazione per far
            prosperare
            l'isola.

            Si, ci sono stato nell Cuba vera (non nei
            villaggi) e la miseria in cui vivono è
            allucinante. Non hanno nulla, non potranno mai
            avere nulla. Gli viene impedito direttamente
            dallo stato. Vivono in miseria e sono sotto una
            dittatura totale da una marea di anni. Un bella
            isola per i turisti, un posto devastato da Castro
            per tutti gli
            altri...Si vede che sei stato nella Cuba sbagliata. Io ci sono andato spesso e ho diversi amici che ogni tanto riescono a tirare fuori i soldi per venire qua.Ho visto molta miseria causata dall'EMBARGO (non so se sai cosa implica l'embargo fatto a Cuba) ma anche una dignità che qua ce la scordiamo. Hai bisogno di qualcosa? Stai sicuro che si fanno in quattro per aiutarti. C'è un senso di condivisione e di fratellanza una spanna sopra il resto del mondo. Raramente qualcuno cerca di fregarti. Si arrangiano con quello che hanno e non si lamentano.C'è un tasso altissimo di laureati e la sanità è migliore di quella che abbiamo qua.Purtroppo, ora che sta arrivando quella che tu chiami "democrazia", si sta deteriorando tutto...e te lo dice uno che la prima volta che ci è andato ha volato su di un Antonov...
    • fox82i scrive:
      Re: un pò di obbiettività
      Allora hanno cambiato approccio al mondo esterno!Fino a qualche anno fa era molto difficile navigare in internet e molti siti era stra bloccati!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 settembre 2010 10.24-----------------------------------------------------------
  • Paolo Nocco scrive:
    Nel paese dei ciechi...
    ...colui che ha un occhio solo è quello che domina.Mica scemo il caro dittatore.
  • panda rossa scrive:
    Solo in Italia...
    Perfino in un posto arretrato e oppresso come Cuba i governanti, nonostante siano vecchi e decrepiti, utilizzano la rete e ne apprezzano le potenzialita'.Solo da noi i governanti, per la maggior parte non sanno che cosa sia la rete, una minor parte conosce la parola Internet perche' l'ha sentita a Studio Aperto, quattro gatti sostengono che internet = IE6, e uno addirittura conosce gugol!Pero' tutti riconoscono che l'utilizzatore di internet e' un pedoterrosatanista e come tale va incarcerato senza neppure bisogno di un proXXXXX.
    • Andreabont scrive:
      Re: Solo in Italia...
      Dimentichi i giornalisti che pronunciano "Internèt", facendo chiedere a quelli che lo pronunciano correttamente (ovvero tutti) come sia possibile che un giornalista non lo sappia pronunciare, considerando il lavoro che fa.
    • Uau (TM) scrive:
      Re: Solo in Italia...
      - Scritto da: panda rossa
      Solo da noi i governanti, per la maggior parte
      non sanno che cosa sia la rete, una minor parte
      conosce la parola Internet perche' l'ha sentita a
      Studio Aperto, quattro gatti sostengono che
      internet = IE6, e uno addirittura conosce
      gugol!Molto peggio: "gogol".
Chiudi i commenti