Ubuntu gira su PlayStation 3

Grazie ad un hack

Roma – Sul sito web della nota rivista americana Popular Mechanics è uscito un articolo che spiega come far girare la distribuzione Ubuntu Linux su PlayStation 3.

La procedura prevede la sostituzione dell’hard disk della console con uno più grande, ed una serie di passi che permettono di installare Linux in dual-boot con il sistema operativo nativo di PS3: in questo modo, l’utente può scegliere con quale dei due OS avviare la console.

Va detto che PS3 supporta ufficialmente Linux, ed ha anche una distribuzione certificata: Yellow Dog Linux di Terra Soft .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • IL_Jolly scrive:
    Re: Tutta colpa di Bowser
    Questa notizia mi sembra una fotocopia di quella annunciata già tempo fa (ora non ho voglia di andarla a cercare).Greenpeace denuncia Nintendo di inquinare più degli altri produttori di consolle in particolare perchè N si è rifiutata di consegnare a Greenpeace l'elenco dei materiali utilizzati per costruire la consolle.Quindi per loro questo significa automaticamente che N inquina, senza effettivamente sapere quanto è vero.Lode all'idea di Greenpeace, ma purtroppo mi pare che spesso parlino più per far prendere aria alla bocca che altro.
    • picard12 scrive:
      Re: Tutta colpa di Bowser
      può anche essere un modo per far loro (nintendo e soci) scoprire le carte, in modo da spingerli in una direzione ecologica.. o no?
  • ndr scrive:
    Re: Tutta colpa di Bowser
    Boicotta Greenpeace e i suoi simili piuttosto. Il pianeta, il buon senso e l'etica te ne saranno grati.
    • pentolino scrive:
      Re: Tutta colpa di Bowser
      che male ti ha fatto greenpeace?
      • ndr scrive:
        Re: Tutta colpa di Bowser
        Oltre al commento di IL_jolly che leggerai più sotto c'è il fatto che queste associazioni fanno più danni che altro, creando allarmismi e cavalcando ondate emotive spesso senza fondamenti scientifici allo scopo di rastrellare finanziamenti e visibilità.A parte l'ipocrisia della pratica questo distoglie l'attenzione e spesso l'impegno per quelli che sono problemi più veri, immediati, gravi, ma che non essendo "sensazionali" come lo sguardo di una foca o il nome della Nintendo o Apple che sia non interessano a questi "signori".Altra conseguenza è l'ostacolo allo sviluppo di tecnologie ed approcci innovativi e più efficienti, data la gretta ed ottusa mentalità di queste associazioni, del no a tutto, del muro contro muro, del fermiamo tutto perchè così ci sentiamo forti, diciamo no anche senza proposte alternative.Ne è la prova che lo sviluppo di energie pulite e rinnovabli in Italia è indietro anche grazie a loro...
        • pentolino scrive:
          Re: Tutta colpa di Bowser
          ok capisco, torno a Mario Kart allora :-)In realtà il problema quando si parla di questi argomenti è difficile distinguere il confine tra fanatismo, interesse e verità e mi spiego meglio: da una parte hai greenpeace (e altri) che eccedono nel dire che bisogna più o meno tornare a vivere nelle caverne, dall' altra hai le varie multinazionali il cui unico interesse è guadagnare una montagna di soldi e se il pianeta va a rotoli sono problemi di chi verrà dopo.Sono posizioni talmente distanti che riuscire a trovare una via di mezzo risulta praticamente impossibile, certe volte ha ragione greenpeace, certe altre volte la multinazionale di turno, certe altre volte hanno torto tutte e due ed altre volte ancora non si sa quale possa essere l' atteggiamento "giusto".Per come la vedo io sparare a zero su greenpeace è eccessivo, come peraltro sparare a zero sulla Nintendo...
        • asas scrive:
          Re: Tutta colpa di Bowser
          - Scritto da: ndr
          Oltre al commento di IL_jolly che leggerai più
          sotto c'è il fatto che queste associazioni fanno
          più danni che altro, creando allarmismi e
          cavalcando ondate emotive spesso senza fondamenti
          scientifici allo scopo di rastrellare
          finanziamenti e
          visibilità.se i flatati non si possono usare nei giocattoli non si usano e basta. E' un dato di fatto e Greenpeace lo ha solo fatto emergere perchè è compito loro fare anche informazione ecologica.Un vero governo, farebbe ritirare tutti i prodotti no a norma dagli scaffali, che possa servire come esempio per tutte quelle aziende che non rispettano le norme. E non dire che è una idiozia, perchè in Europa, sono stati miliardi di accendini già in circolazione e sugli scaffali perchè non a norma.Certo. l'accendino costa poco e ritirare le console manderebbe sul lastrico tali aziende.io dico, CAZZI LORO.
        • Akiro scrive:
          Re: Tutta colpa di Bowser

          Oltre al commento di IL_jolly che leggerai più
          sotto c'è il fatto che queste associazioni fanno
          più danni che altro, creando allarmismi e
          cavalcando ondate emotive spesso senza fondamenti
          scientifici allo scopo di rastrellare
          finanziamenti e visibilità.e chi dovrebbe vigilare sui prodotti che ci propinano le aziende? non mi pare che i governi facciano molto per arginare il lancio di prodotti zozzeria (vedi il caso MATTEL che è nato da una ricerca Greenpeace)
          A parte l'ipocrisia della pratica questo
          distoglie l'attenzione e spesso l'impegno per
          quelli che sono problemi più veri, immediati,
          gravi, ma che non essendo "sensazionali" come lo
          sguardo di una foca o il nome della Nintendo o
          Apple che sia non interessano a questi
          "signori".scusa ma cosa c'è di più importante delle intossicazioni?
          Altra conseguenza è l'ostacolo allo sviluppo di
          tecnologie ed approcci innovativi e più
          efficienti, data la gretta ed ottusa mentalità di
          queste associazioni, del no a tutto, del muro
          contro muro, del fermiamo tutto perchè così ci
          sentiamo forti, diciamo no anche senza proposte
          alternative.si fermano le cose nocive, o almeno si richiedo maggiori studi a riguardo, visto che a sentire le aziende i prodotti sono sempre il top del top, salvo poi qualche piccola intossicazione e ogni tanto qualcuno ci lascia la pelle.
          Ne è la prova che lo sviluppo di energie pulite e
          rinnovabli in Italia è indietro anche grazie a
          loro...vabè, questa poi...
    • Funz scrive:
      Re: Tutta colpa di Bowser
      - Scritto da: ndr
      Boicotta Greenpeace e i suoi simili piuttosto.
      Il pianeta, il buon senso e l'etica te ne saranno
      grati.Meglio credere acriticamente alla TV, informarsi costa troppa fatica. E ti porta a scoprire cose spiacevoli sulla nosrta società e i danni che stiamo causando.Continuiamo a tapparci gli occhi e la bocca.
Chiudi i commenti