Ucciso per il suo operato anti-pirateria

La vittima, un cittadino malese, era da tempo impegnata nella lotta al traffico di materiale pirata, entrando a far parte di IFPI e MPAA. L'ipotesi è quella della vendetta da parte delle organizzazioni criminali

Roma – È quella dell’omicidio la pista seguita nelle ultime ore dalla polizia tailandese in relazione alla morte di Kasim Cha Tong, da anni impiegato nella lotta alla pirateria, lavorando per MPAA e IFPI . Ancora da definire il movente: si presume sia stato il suo impegno sul lavoro a far scattare la sentenza di morte. Nel mentre la polizia continua a indagare.

Stando a quanto riportato dalle cronache locali , l’omicidio è avvenuto a Sungai Golok, nel sud della Thailandia, fuori da un ristorante, luogo in cui l’uomo avrebbe trascorso la serata in compagnia di amici. Nel recarsi verso la sua moto, è stato ferito da un colpo di arma da fuoco sparato da distanza ravvicinata. “Probabilmente l’assassino era nello stesso ristorante della vittima” ha dichiarato Wan Seman, vice capo della polizia locale. “L’uomo è stato subito portato in ospedale, ma non c’è stato nulla da fare: è morto poco dopo l’arrivo”.

Al momento, nessuna ipotesi valida su un possibile movente legato ad una rapina o a un delitto passionale: stando a quanto dichiarato dalla polizia, tra gli oggetti personali non manca nulla, ipotesi che apre diversi possibili scenari, tra cui quello della spedizione punitiva: l’uomo, era diventato una vera e propria istituzione nel ramo della lotta alla pirateria, lavorando per la International Federation of Phonogram Industry , legando il suo nome a numerose operazioni e iniziative anti-pirateria.

Se confermata tale pista, si tratterebbe della prima vittima umana voluta dalla criminalità che ruota intorno alla distribuzione di materiale piratato: la prima vittima umana perché le cronache locali annoverano già una misteriosa morte , quella di Manny, uno dei cani utilizzati dalle forze dell’ordine malesi per scovare i carichi di materiale illegale, il cui fiuto era forse divenuto troppo scomodo . (V.G.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pino scrive:
    Meglio Lupas Rename Utility
    Rimango sempre del parere che è meglioLupas Rename Utility.
    • martinasco scrive:
      Re: Meglio Lupas Rename Utility
      - Scritto da: pino
      Rimango sempre del parere che è meglio
      Lupas Rename Utility. Quoto PINO.
    • zio robot scrive:
      Re: Meglio Lupas Rename Utility
      - Scritto da: pino
      Rimango sempre del parere che è meglio
      Lupas Rename Utility.se non fosse per la mancanza delle regex
    • Ciro scrive:
      Re: Meglio Lupas Rename Utility
      - Scritto da: pino
      Rimango sempre del parere che è meglio
      Lupas Rename Utility.quoto pure io
    • Giulio Fornasar scrive:
      Re: Meglio Lupas Rename Utility
      - Scritto da: pino
      Rimango sempre del parere che è meglio
      Lupas Rename Utility.Anche a me piace molto e... avete notato la splendida traduzione in italiano? ;-)he he... :DComunque: http://punto-informatico.it/s_1118774/Download/News/lupas-rename.aspxCiao!!
    • Funz scrive:
      Re: Meglio Lupas Rename Utility
      - Scritto da: pino
      Rimango sempre del parere che è meglio
      Lupas Rename Utility.Questo me lo ero perso, mò provo :)
  • Funz scrive:
    Da non confondere col Krename
    Tra i tanti che ho visto è uno dei migliori... lo userò per un po' tanto per capire se è meglio del bulk rename utility (potentissimo ma dall'interfaccia parecchio incasinata e fuori standard)Unica pecca: non è open. Già che è free, tanto valeva fare il passo successivo.Mi piacerebbe che il Krename di Linux fosse come questo.
    • Berbenno scrive:
      Re: Da non confondere col Krename
      - Scritto da: Funz
      Tra i tanti che ho visto è uno dei migliori... lo
      userò per un po' tanto per capire se è meglio del
      bulk rename utility (potentissimo ma
      dall'interfaccia parecchio incasinata e fuori
      standard)

      Unica pecca: non è open. Già che è free, tanto
      valeva fare il passo
      successivo.
      Mi piacerebbe che il Krename di Linux fosse come
      questo.un cotno è far entrare tutti allo spettacolo del mago gratis... un altro conto è mostrare che la magia è invece un trucco.quando spieghi a tutti come si fa, nessuno ha più bisogno di te.almeno così tutti usano il programma...
      • Funz scrive:
        Re: Da non confondere col Krename
        Quindi?Oramai esiste un SW gratuito e libero che fa le stesse cose che fa il tuo SW chiuso a pagamento. Possibili soluzioni:1) vietiamo per legge l'open source3) miglioriamo il nostro SW in modo da che qualcuno sia ancora invogliato a spendere per avere funzionalità in più. (risultato nel 99% dei casi: bloatware)2) cambiamo mestiere
        • Varganza scrive:
          Re: Da non confondere col Krename
          - Scritto da: Funz
          Quindi?

          Oramai esiste un SW gratuito e libero che fa le
          stesse cose che fa il tuo SW chiuso a pagamento.
          Possibili
          soluzioni:

          1) vietiamo per legge l'open source
          3) miglioriamo il nostro SW in modo da che
          qualcuno sia ancora invogliato a spendere per
          avere funzionalità in più. (risultato nel 99% dei
          casi:
          bloatware)
          2) cambiamo mestieresai che nel caso dei compressori ad esempio questa è una baggianata?winzip e winrar sono impareggiabili rispetto a izarc e 7zip ad esempio... e quei due sono i migliori a mio avviso.ma non sono bruscolini, sono feature vere, dettagli grossi, crash, possibilità, e *velocità* oltre all'efficienza.rar, poi, è disponibile in scrittura solo se hai rar (o quasi)PSa questo ultimo proposito propongo 7z come formato da diffondere a manetta.in fondo è quasi come RAR in quanto a non-standard ... ed è più efficiente in termini di compressione.
          • Funz scrive:
            Re: Da non confondere col Krename
            - Scritto da: Varganza
            winzip e winrar sono impareggiabili rispetto a
            izarc e 7zip ad esempio... e quei due sono i
            migliori a mio
            avviso.

            ma non sono bruscolini, sono feature vere,
            dettagli grossi, crash, possibilità, e *velocità*
            oltre
            all'efficienza.

            rar, poi, è disponibile in scrittura solo se hai
            rar (o
            quasi)

            PS
            a questo ultimo proposito propongo 7z come
            formato da diffondere a
            manetta.
            in fondo è quasi come RAR in quanto a
            non-standard ... ed è più efficiente in termini
            di
            compressione.Quoto, è una cosa incredibile quanto questi due programmi (winzio e winrar) si siano seduti sugli allori di una base di utenti incompetenti (però bravissimi a craccarseli, non ho mai conosciuto nessuno col winzip originale ;) ), e sono stati superati in tromba da due programmini gratuiti che comprimono zip e rar meglio di loro!
Chiudi i commenti