UE Ciwin, la sicurezza IT

Le infrastrutture critiche dell'Europa necessitano di una supervisione migliore

Roma – Si chiama CIWIN, Critical Infrastructure Warning Information Network , ed è l’arma con cui la Commissione Europea intende rispondere all’esigenza di garantire la sicurezza delle infrastrutture critiche, una questione che è andata crescendo con l’espansione tecnologica nei gangli della vita socio-economica di tutti i paesi dell’Unione.

In particolare, la Commissione ha proposto la creazione di CIWIN definendola come una rete di warning e allerta , capace di fungere da veicolo per la condivisione rapida e ottimizzata di informazioni tra le autorità dei diversi paesi UE.

CIWIN dovrebbe assumere non soltanto compiti di gestione delle emergenze ma anche un ruolo di prevenzione, facilitando lo scambio di esperienze e case studies tra i paesi membri.

Alla base della nuova rete, hanno spiegato i tecnici della Commissione, un forum sicuro per lo scambio di informazioni e best practice con lo scopo anche di evitare la duplicazione di sforzi e soluzioni che possano essere impiegate da tutti. La partecipazione a CIWIN da parte delle singole autorità nazionali avverrà comunque su base volontaria.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nicola scrive:
    costo
    Speriamo che non la facciano costare 500 dollari come gli e-book reader
    • psychowood scrive:
      Re: costo
      Con (meno di) 500 Euro ci prendi i modelli di punta, un eReader della Sony costa meno di 300 dollari di listino, se prendi il modello base anche meno di 200. Il problema è trovarli, da queste parti (ne ho accattato uno usato per 150 Euro poche settimane fa, e li vale fino all'ultimo centesimo).
  • Akasha82 scrive:
    credo che
    Credo che prima di acquistare un televisore lcd di grandi dimensioni attenderò ancora un po... le tecnologie si fanno sempre + interessanti... :P
    • anonimo scrive:
      Re: credo che
      - Scritto da: Akasha82
      Credo che prima di acquistare un televisore lcd
      di grandi dimensioni attenderò ancora un po... le
      tecnologie si fanno sempre + interessanti...
      :PFai malissimo, tanto ora che escono queste cose passa un sacco di tempo e costeranno carissime. I televisori LCD ora sono scesi di prezzo e dopo ottobre è il momento migliore per prenderli, rispetto a un televisore CRT c'è una differenza abissale.
      • Funz scrive:
        Re: credo che
        io invece salto il plasma, l'LCD e per il momento mi tengo il Mivar 19"Se uscirà qualcosa di realmente economico e che consuma poco, ci penserò su.
        • Petengy scrive:
          Re: credo che
          non avete capito una beneamata fava di cosa parli in realtà l'articolo...
          • Funz scrive:
            Re: credo che
            - Scritto da: Petengy
            non avete capito una beneamata fava di cosa parli
            in realtà
            l'articolo...E come no, si parla di una tecnologia che forse sarà impiegata sugli schermi LCD. Quindi tu non hai capito una fava di quello di cui stavamo parlando
          • Petengy scrive:
            Re: credo che
            guarda che se studi un pochino cosa significa l'acronimo LCD alla fine capisci la boiata di applicare un film a nanotubi su uno schermo composto da diodi a cristalli liquidi .......
          • Petengy scrive:
            Re: credo che
            si tratta proprio (e dai ti aiuto) di tutt'altra tecnologia/materiale che, al massimo, andrà a SOTITUIRE la tecnologia LCD...... sono 2 cose veramente incredibilmente diverse nel loro principio di funzionamento... ad ogni modo nessuno ti vieta di stendere il tuo bel polimero (nanotubi) sullo schermo LCD ;)
      • Flynn scrive:
        Re: credo che
        a favore del crt naturalmente
    • battagliacom scrive:
      Re: credo che
      vabbè, l'importante è che lo schermo sia piatto... poi che ad essere il televisore piatto, dipende anche dalle tue esigenze di spazio.
Chiudi i commenti