UE: Internet deve restare aperta e neutrale

di G. Scorza - Neutralità è competitività e innovazione, è un principio da tutelare a favore di società civile e mercato. Dall'Europa all'Italia, con l'augurio per il nuovo governo

Roma – “Il carattere aperto di Internet ha rappresentato un incentivo determinante per la competitività, la crescita economica, lo sviluppo sociale e l’innovazione, portando a livelli di sviluppo straordinari per quanto riguarda le applicazioni, i contenuti e i servizi online, e ha in tal modo dato un contributo fondamentale alla crescita dell’offerta e della domanda di contenuti e servizi” nonché “impresso un’accelerazione fondamentale alla libera circolazione di conoscenze, idee e informazioni, anche nei paesi in cui l’accesso a mezzi di comunicazione indipendenti è limitato”.
È questa una delle più significative considerazioni dalla quale muove la risoluzione adottata ieri dal Parlamento Europeo con la quale si sottolinea la necessità di garantire il carattere aperto e neutrale di Internet e si manifesta la preoccupazione su “possibili comportamenti anticoncorrenziali e discriminatori nella gestione del traffico, in particolare da parte delle imprese a integrazione verticale”.

Quest’ultima preoccupazione è alla base dell’accorato invito che il Parlamento, con la stessa Risoluzione, ha rivolto alla Commissione ed ai singoli Stati membri, affinché controllino “da vicino l’evoluzione delle pratiche di gestione del traffico e degli accordi di interconnessione, soprattutto relativamente al blocco e alla strozzatura dei servizi VoIP e di condivisione di file (file sharing) o ai prezzi eccessivi ad essi applicati, nonché il comportamento anticoncorrenziale e il degrado eccessivo della qualità” e perché garantiscano “che i fornitori di servizi Internet non pongano in essere blocchi, discriminazioni, limitazioni o degradazioni a danno della capacità di ciascun individuo di utilizzare un servizio per accedere a contenuti, applicazioni o servizi di sua scelta nonché di utilizzare, pubblicare, inviare, ricevere o mettere a disposizione gli stessi, indipendentemente dalla fonte o dalla destinazione”.

È dunque una posizione ferma ed inequivocabile contro il diffondersi di pericolose ed inaccettabili pratiche di network management di tipo discriminatorio che, secondo il Parlamento, comporterebbero gravi rischi “come il comportamento anticoncorrenziale, il blocco dell’innovazione, le restrizioni della libertà di espressione e del pluralismo dei mezzi di comunicazione, la mancanza di consapevolezza da parte dei consumatori e la violazione del diritto alla vita privata, a danno delle imprese, dei consumatori e della società democratica nel complesso”.
Difficile essere più chiari di così.

“Il principio di neutralità della rete”, scrive il Parlamento nella Risoluzione di ieri, rappresenta “un prerequisito importante per garantire un ambiente Internet innovativo e la parità di condizioni per i cittadini e gli imprenditori europei”.

Ed è proprio per garantire tale neutralità che il Parlamento “chiede la trasparenza nella gestione del traffico, compresa una migliore informazione per gli utenti finali, e sottolinea la necessità di far sì che i consumatori possano effettuare scelte consapevoli e avere l’opzione effettiva di passare a un nuovo operatore che meglio soddisfa le loro esigenze e preferenze, anche in relazione a velocità e volume di download e ai servizi”.
Gli operatori di telecomunicazione sono, dunque, avvisati.

Parlamento e Commissione UE – auspicabilmente coadiuvati dalle Autorità nazionali – saranno rigorosi e severi difensori del principio di neutralità della Rete.
L’accesso a tutti servizi ed ad ogni genere di contenuto deve – perché Internet resti quello straordinario volano di innovazione, progresso e democratizzazione dell’Europa – essere garantito a tutti i cittadini a condizioni neutrali e non discriminatorie.
In un momento di crisi dell’economia e della democrazia come questo, non resta che augurarsi che i tecnici del nuovo Governo del nostro piccolo Paese leggano e comprendano il senso e l’importanza della recente Risoluzione del Parlamento Europeo e ne facciano tesoro nel porre mano agli interventi opportuni al fine di garantire che la Rete italiana sia aperta e neutrale come auspicato dal Parlamento Europeo.

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell’innovazione
www.guidoscorza.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Feffo scrive:
    Fuffa
    FUFFA! :-o
  • ... scrive:
    ...
    vedo che ormai i social network non attirano piu' nessuno... cominciano ad essercene troppi, a parte quelli specifici per argomento che possono essere molto utili per lavoro o per studio, ma quelli "generici" alla facebook gia' 2 sono troppi. google plus dopo il boom iniziale di iscrizioni chi lo stara' utilizzando?Questo socl non avra' neanche il boom di iscrizioni.
    • benkj scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ...
      google plus dopo il boom iniziale di iscrizioni chi lo stara'
      utilizzando?Io l'utilizzo, e molti altri come me. Uso facebook per mantenermi in contatto con gli amici di cui conosco anche la terza dimensione, mentre uso google+ principalmente per lavoro e universita', visto che posso configurare a mio piacimento le condivisioni.
Chiudi i commenti