UE, meno scavi per la banda larga

La Commissione d'Europa propone un pacchetto di regole per ridurre del 30 per cento i costi legati alla diffusione delle connessioni ad alta velocità. A partire dallo snellimento delle opere di ingegneria civile e della burocrazia

Roma – Nuove disposizioni proposte dai vertici della Commissione Europea per ridurre del 30 per cento i costi della diffusione di connessioni ad alta velocità , a partire dal taglio di quelle opere di ingegneria civile – ad esempio, gli scavi stradali per la posa della fibra – che ad oggi rappresentano fino all’80 per cento del costo di installazione delle reti a banda larga.

“Nella maggior parte dei casi, le regole attuali ostacolano la competitività dell’Europa”, ha ammesso il vicepresidente della Commissione Europea Neelie Kroes in un suo intervento a Bruxelles. Nelle stime presentate dalle autorità del Vecchio Continente, il nuovo pacchetto di proposte porterebbe ad un risparmio tra i 40 e i 60 miliardi di euro per le imprese dei vari stati membri .

Direttamente applicabile in tutta Europa – e basato sulle best practices attuate in paesi come la Germania, la Svezia e il Regno Unito – il nuovo regolamento comunitario vorrebbe innanzitutto garantire che tutti gli immobili nuovi o ristrutturati vengano predisposti per la banda larga. Aprendo l’accesso alle infrastrutture – cavidotti, tubature, pozzetti, centraline e via dicendo – a condizioni eque e ragionevoli anche per quanto riguarda il prezzo.

Inoltre, il pacchetto di proposte europee vuole consentire a qualsiasi gestore di rete di negoziare accordi con altri fornitori di infrastrutture per porre fine all’insufficiente coordinamento delle opere di ingegneria civile . Giudicate troppo lente e complesse, le procedure burocratiche di autorizzazione dovranno essere sostituite con un sistema automatico di concessione o rifiuto entro sei mesi, con l’attivazione di uno sportello unico per la presentazione delle domande.

“Tutti hanno diritto alla banda larga veloce – ha continuato Kroes – È mia intenzione eliminare la burocrazia che ci impedisce di raggiungere questo obiettivo. La Commissione Europea vuole rendere più rapido e meno costoso l’accesso alla banda larga”. Gli obiettivi restano quelli fissati dall’Agenda Digitale: entro il 2013, accesso alla banda larga di base per tutti i cittadini europei. Entro il 2020, accesso a velocità di connessione superiori a 30 Mbps e sottoscrizione di abbonamenti a Internet con connessioni al di sopra dei 100 Mbps per almeno il 50 per cento delle famiglie.

Obiettivi minacciati dall’ultimo taglio di fondi stabilito dai vari capi di stato europei: dai 50 miliardi di euro inizialmente previsti per il piano Connecting Europe Facility si è scesi agli attuali 29,3 miliardi, così i piani per “broadband e servizi digitali” avranno a disposizione (tra il 2014 e il 2020) solo 1 miliardo sui 9,2 precedenti. La riduzione dei costi per la diffusione delle connessioni salverà la tabella di marcia europea?

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Caro amico ti scrivo scrive:
    Brutto
    E c'era bisogno di un hardware da 64 Euro per fare delle operazioni che si possono fare con dei filtri gratuiti!Brutto!
Chiudi i commenti