UE: no alle batterie inquinanti

La proposta di direttiva trova d'accordo tutti i maggiori paesi: riciclare le batterie sarà un obbligo e la loro produzione dovrà limitare al massimo l'uso di agenti particolarmente tossici

Bruxelles – Ci sono voluti lunghi mesi, ma alla fine sta per vedere la luce la proposta di direttiva europea che, di fatto, metterà al bando la produzione di batterie particolarmente inquinanti, utilizzate oggi in un vastissimo insieme di dispositivi , dalle automobili ai telefonini.

Due i cardini della proposta su cui si raccoglie in queste ore il consenso di molti paesi dell’Unione: bloccare la produzione di batterie che contengano “più di una traccia” di materiali come il mercurio o il cadmio, considerati particolarmente pericolosi per l’ambiente, e rendere obbligatorio il riciclaggio, ossia uno smaltimento più “intelligente” di questi prodotti. Per favorire tutto questo l’obbligo di far sì che tutte le batterie siano rimuovibili .

Una “roadmap” decisa dalla direttiva prevede che entro il 2012 un quarto di tutte le batterie siano raccolte e avviate al riciclo , percentuale che dovrà salire al 45 per cento entro il 2016. Sebbene non si arrivi a definire una data per il “riciclaggio totale” di questi apparecchi, la speranza dell’Unione è di innestare su questo un nuovo mercato, ed indurre quindi via via produttori e consumatori ad un comportamento più “ecologico”.

I primi obiettivi puntano ad un riciclaggio del 75 per cento per le batterie nichel-cadmio, del 65 per quelle che sfruttano reazioni chimiche impiegando certe dosi di piombo e del 50 per tutte le altre. La questione non è secondaria: ogni anno in Europa vengono vendute migliaia di tonnellate di batterie, da quelle per cellulari (160mila tonn.), a quelle industriali (190mila) fino a quelle da veicolo (800mila).

Una batteria Nella direttiva si definiscono anche altri obblighi di sicuro interesse per i sostenitori di politiche più attente alla tutela dell’ambiente: ad esempio dal 2009 tutte le batterie dovranno portare con sé una “data di scadenza”. Una misura, questa, pensata sia per tenere traccia della produzione, che per tutelare i consumatori.

Tra le novità anche la creazione obbligatoria di luoghi a cui gli utenti di batterie possano fare riferimento per procedere allo smaltimento. I negozi che vendono dispositivi con batteria saranno tenuti a ricevere quelle usate dai propri clienti senza costi aggiuntivi . Ed è questa una delle misure chiave e più controverse, perché rientra nel principio secondo cui gli oneri industriali della direttiva dovranno essere affrontati, e pagati, dall’industria di settore.

Il testo definito da Bruxelles, che si ritiene passerà senza problemi il voto dell’Europarlamento e dal Consiglio dei ministri europei, è frutto di un lungo negoziato: come si può immaginare, gli interessi industriali in questa materia sono enormi. Come sempre, una volta approvata, la Direttiva dovrà essere recepita dai paesi membri entro due anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Il cellulare rovina la vista?
    Non diciamo CAZZATE !Nessun dispositivo di visualizzazione (dal monitor CRT al display del telefonino) può in alcun modo compromettere la capacità visiva.Certo se il soggetto presenta dei difetti refrattivi, il dover visualizzare caratteri molto piccoli e poco contrastati può scatenare cefalee e disturbi dell'accomodazione, comunque reversibili o sospendendo l'uso del particolare dispositivo o meglio ancora rivolgendosi da un medico oculista per una accurata visita oculistica e l'eventuale prescrizione dell'occhiale più idoneo.La pubblicizzazione di lenti antiaffaticanti è assolutamente ingannevole, non esistono occhiali da riposo, ma solo occhiali che correggono un preciso difetto diottrico, specifico per quel soggetto (o meglio per ciascuno dei due occhi del particolare soggetto).Dr. Fabio Zaghi , Medico Oculista
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cellulare rovina la vista?
    Si , anche a farsi troppe pippe si diventa ciechi ! @^Ma smettiamola una buona volta con queste ricerche ! :D :D
  • AnyFile scrive:
    Re: cellulare rovina vista? dipend tempo
    Penso proprio che dipende anche da quanto tempo guardi lo schermo. Se dai solo delle fugaci occhiate e' un conto. Se invece rimani sempre con gli occhi fissi sullo schermo potrebbero esserci problemi. Ma questo probabilmente e' vero per qualsiasi cosa. Se guardi per lungo tempo un oggetto (specie se brillante o luminoso) l'occhio si affatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: cellulare rovina vista?
      No , anzi qui pochi minuti di "fatica" sono un ottima ginnastica per combattere la presbiopia da "Adulto" che altro non è che un indurimento dei muscoli
      • AnyFile scrive:
        Re: cellulare rovina vista?
        Ma la ginnastica e' data dal fatto che passi da uno sguardo lontono allo sguardo vicino oppure dal fatto di mantenere a lungo lo sguardo sul vicino?Da quel poco che so io, l'occhio ha bisogno di muoeversi in continuazione ed e' per questo che ha addirittura dei tremori involontari.Anche alzare gli occhi al cielo in una giornata assolata per un attimo non provoca particolari problemi, mentre fissare il sole gli provoca.Io poi sapevo che di solito il problema e' l'opposto, che oggigiorno di solito si gurda solo da vicino e che sarebbe utile ogni tanto poter gardare lontano (ma oltre al fatto che passiamo quasi tutta la giornata al chiuso, leggendo, stando al computer o guardando la tv, anche quando sei fuori e' difficile che l'occhio possa spazzare per distanze piu' lunghe di 1 km)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cellulare rovina la vista?
    i famosi " occhiali da riposo" funzionanno si o no?penso che in america vendano questi occhiali che permetterebbero di leggere senza affaticare la vista...
  • Anonimo scrive:
    Re: Il cellulare rovina la vista?
    il cellulare non lo so.. ma il nuovo forum sì..e fa venire un po' di emicrania pure
  • Anonimo scrive:
    La mutande strette...
    ...faranno male al pipi? O) O) O)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: La mutande strette...
      - Scritto da:
      ...faranno male al pipi? O) O)
      O)(rotfl)(rotfl)(rotfl)no :-o
      • Anonimo scrive:
        Re: La mutande strette...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ...faranno male al pipi? O) O)

        O)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

        no :-oInvece forse si'. Mi pare di ricordare che uno studio ha mostrato che le mutande troppo strette fanno stare il "pippi" e sopratutto lo scroto troppo vicino al resto del corpo. Non solo viene schiacciato, ma cosi' resta anche troppo al caldo.
Chiudi i commenti