UE: occhio alle infrastrutture critiche

di F. Sarzana di S.Ippolito - Richiamo al rigore dalle istituzioni continentali. Ma la questione è già ampiamente prevista negli ordinamenti legislativi dei paesi membri

Roma – Il tema degli attacchi ai sistemi informatici a scopi di terrorismo o di criminalità organizzata dopo un sonno durato diversi anni sembra destinato a tornare alla ribalta in questi ultimi tempi. In una “preoccupata” conferenza stampa del Commissario Europeo Kroes del 30 settembre, per la presentazione di nuove misure sulla criminalità informatica, ha dato conto del fatto che “Più si usano le reti, più ne diventiamo dipendenti”: la Kroes ha quindi sottolineato che bisognerebbe “prepararsi al peggio”.

Dovendosi intendere con il “peggio”, probabilmente, attacchi su vasta scala alle infrastrutture critiche di rilevanza nazionale, quali i sistemi informatici di aeroporti, acquedotti, centrali elettriche o, più semplicemente, come avvenuto qualche anno fa in Estonia, con gli attacchi portati in teoria dal territorio russo: attacchi ai siti e ai sistemi informatici Statali.

Per questi motivi la Commissione europea ha presentato il 30 settembre due nuove direttive in tema di criminalità informatica, volte a garantire che l’Europa possa difendersi dagli attacchi contro i principali sistemi di informazione. Una proposta di direttiva per affrontare i nuovi reati informatici, come gli attacchi su larga scala, affiancata da una proposta di regolamento per rafforzare e modernizzare l’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA).

In particolare la direttiva sugli attacchi informatici prevede che gli autori di aggressioni e i produttori di software maligni possano essere perseguiti e possano essere oggetto di sanzioni penali aggravate. La stessa direttiva prevede inoltre che gli Stati membri siano tenuti a rispondere rapidamente alle richieste urgenti di aiuto in caso di attacchi informatici, rendendo più efficace la cooperazione giudiziaria e di polizia in questo settore.

L’iter delle direttive prevede che le stesse debbano essere sottoposte per l’adozione al Parlamento europeo e al Consiglio dei ministri della UE, dopodiché gli Stati membri avranno due anni di tempo per recepire le direttive all’interno del proprio ordinamento.

Ma quali sono le nuove aggravanti per chi compie attacchi informatici all’interno dell’UE? L’inasprimento delle pene è già contenuto nella decisione 222 del Consiglio Europeo del 24 febbraio 2005, che fra l’altro singolarmente riporta una risoluzione sul terrorismo del Parlamento Europeo del 5 settembre 2001, sei giorni prima dell’attacco alle Torri gemelle, e prevede diversi tipi di reato e diverse aggravanti per: l’accesso abusivo a sistema informatico, il “furto” di dati informatici, l’interruzione di sistemi informatici di pubblici servizi, il compimento di reati informatici in un contesti di criminalità organizzata. Con pene che vanno da un minimo di un anno sino ad un massimo di 5 anni.

L’Italia, pur ignorando di fatto questi pericoli che difficilmente, almeno sino a quando il danno non è compiuto, raggiungono le pagine delle testate generaliste o catturano l’interesse della pubblica opinione, non è al “giorno zero” nel contrasto alla criminalità informatica: tutt’altro. Basti pensare che da noi pressoché tutti i suggerimenti dell’Unione Europea sulla responsabilità delle imprese per i reati informatici dei propri dipendenti sono stati adottati con largo anticipo rispetto a quanto previsto, e che chi compie aggressioni informatiche in Italia, soprattutto in riferimento a sistemi pubblici, rischia ben più dei 5 anni previsti dalla legislazione comunitaria.

Per non parlare poi di chi compie questi atti con finalità di terrorismo internazionale, anche solo ideandoli o fornendo strumenti di comunicazione, o anche istigando qualcuno a compiere questi atti: in quel caso le pene vanno addirittura dai sette ai quindici anni di reclusione.

Si ha l’impressione che L’Unione Europea abbia deciso di imprimere un’accelerazione sugli attacchi terroristici online senza particolari ragioni, vista la presenza di molti stati di norme già stringenti in tema di criminalità di questo tipo. Le ragioni di questa preoccupazione restano, dunque, al momento insondabili.

Fulvio Sarzana di S.Ippolito
www.fulviosarzana.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • geppetto scrive:
    bella scopiazzatura
    veramente un articolo originale... di 3 anni fa:http://www.designerblog.it/post/762/una-coperta-usb-per-surfers-freddolosiuna bella vergognatina alla redazione scopiazzonara no???
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: bella scopiazzatura
      ma stai scherzando, vero? :D
    • attonito scrive:
      Re: bella scopiazzatura
      - Scritto da: geppetto
      veramente un articolo originale... di 3 anni fa:
      http://www.designerblog.it/post/762/una-coperta-us

      una bella vergognatina alla redazione
      scopiazzonara no???che abbiano la faccia come il XXXX, siamo d'accordo, ma che non possano riprendere una notizia, be, mi sembra tu pretenda un po' troppo.
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Ottimo
    Per cremare gli alimentatori, in ogni caso la porta usb più di tanto non può dare, ridicolo per riscaldare.Perchè la terra non viene distrutta da un meteorite ?Quando leggo certe notizie mi dispiace che non accada !
  • Me Stesso scrive:
    CheXXXXXta!
    Un nuovo modo per bruciare le porte usb...
  • LordAzuzu scrive:
    Nun ve se po legge!!!
    Come da oggetto...Certe volte si sfiora il ridicolo...
    • scoreggia potentissi ma scrive:
      Re: Nun ve se po legge!!!
      - Scritto da: LordAzuzu
      Come da oggetto...
      Certe volte si sfiora il ridicolo...Si "sfiora" solamente? Qui si tocca con mano, altro che. :D
  • Stefano Lavori scrive:
    Non solo il plaid
    Niente male la paccottiglia che produce sta genteHttp://goo.gl/3rHc
  • iupiter scrive:
    reggo senza coperta
    e comunque io fino a 12 gradi reggo senza coperta e riscaldamento quindi a me non serve a tutto ci si abitua anche al freddo...a meno che non hai una donna in casa allora sei fregato che ti rompe l anima ogni 5 minuti pure con 20 gradi con i suoi ho freddo...era piu' utile una donna usb ...stacchi la spina e s'azzitta.
    • Rover scrive:
      Re: reggo senza coperta
      Misogino!!!Comunque rosa per le femminucce e azzurra per i maschietti non sarebbe male.Non trovate???A quando un paio di pantofole USB?
      • Giggetto scrive:
        Re: reggo senza coperta
        - Scritto da: Rover
        Misogino!!!
        Comunque rosa per le femminucce e azzurra per i
        maschietti non sarebbe
        male.
        Non trovate???Meglio un maglioncino a quel punto.
        A quando un paio di pantofole USB?Esistono già, le ho viste qualche anno fa su un sito di gadget per nerd.
        • Rover scrive:
          Re: reggo senza coperta
          Hanno proprio inventato tutto. Il guaio è che oggi la maggior parte di ciò che viene "inventato" è sull'inutile spinto.
  • iupiter scrive:
    il fratello della pantera rosa
    si se uno apre la webcam con quella roba ti prendono o per il fratello della pantera rosa o per la prossima fidanzata di lele mora....ma per favore....la potevano fare a forma di mantello di batman per gli uomini...non che me la sarei messa lo stesso pero'
  • attonito scrive:
    Nelle gelide giornate invernali...
    Nelle gelide giornate invernali, cosa c'è di meglio di un caldo tepore USB?Cosi', all'improvviso, senza pensarci piu' di tanto mi viene in mente: 3 ragazze maggiorate bisessuali ed io che mi butto nel mucchio.E la copertina usb se la compri pure il tipo di PI che fa sti articoli, sono sicuro gli piacera' moltissimo...
  • schifezza scrive:
    Ridicola
    Come da oggetto e nome
  • Giggetto scrive:
    consumo?
    considerando che una termocoperta da letto consuma circa 60W voglio proprio vedere come riescono a prendere un wattaggio simile da una porta usb.. assurdo.
    • attonito scrive:
      Re: consumo?
      - Scritto da: Giggetto
      considerando che una termocoperta da letto
      consuma circa 60W voglio proprio vedere come
      riescono a prendere un wattaggio simile da una
      porta usb..
      assurdo.Quale parte di "gadget" non hai capito? :DSi tatta di vedere: che funzioni o che serva a qualcosa, e' tutto un di piu' :D:D:D:D:D:D
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: consumo?
        no non puo funzionare, l'usb eroga 2.5w (5v * 500mA da specifica), quindi è notevolmente maggiore l'effetto isolante del panno che l'effetto termico attivo della resitenza.dopo questa considerazione alla piero angela, ridiamo sui babbi che lo pigliano... (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Il nipote di Piero Angela scrive:
          Re: consumo?
          Facciamo una considerazione al contrario.Se la termocoperta di casa è da 60W, 220V, necessita di una corrente di A = W / V = 60/220 = 0,273 AmpereLa porta USB supporta fino a 0,500 Ampere quindi in teoria ce la fa.
          • HappyLand scrive:
            Re: consumo?
            Il calore generato è proporzionale ai W.W = V x AL'usb fornisce 5V.5V x 0,5A = 2,5Wun po'poco per scaldarsi le spalle...IMHO se non erro
          • maranos scrive:
            Re: consumo?
            - Scritto da: HappyLand
            Il calore generato è proporzionale ai W.
            W = V x A
            L'usb fornisce 5V.
            5V x 0,5A = 2,5W
            un po'poco per scaldarsi le spalle...
            IMHO se non errostraquoto cmq non hai considerato la possibilità di bruciarla ... anche se pochi secondi dandogli fuoco un po scalda ... magari la corrente che arriva via usb genera la combustione della coperta !!!
          • Giggetto scrive:
            Re: consumo?
            se poi ci metti una termocoppia dentro sai che picco di energia elettrica con la fiammata! :D
          • TuttoaSaldo scrive:
            Re: consumo?
            Ovviamente ha un alimentatore esterno, solo il termostato si regola con l'USB e c'è pure l'applicazione Facebook condividi termostato: "Gino si sta scaldando a 40 Gradi. ". Si può usare anche come controllo remoto per scaldare la nonna se cambia il tempo.
          • Me Stesso scrive:
            Re: consumo?
            - Scritto da: Il nipote di Piero Angela
            Facciamo una considerazione al contrario.
            Se la termocoperta di casa è da 60W, 220V,
            necessita di una corrente di

            A = W / V = 60/220 = 0,273 Ampere
            La porta USB supporta fino a 0,500 Ampere quindi
            in teoria ce la
            fa.220 V in alternata....
      • Giggetto scrive:
        Re: consumo?
        ah ok, in effetti mi era sfuggito questo aspetto :D
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: consumo?
      Nessuna coperta "riscalda", il calore viene generato dal corpo umano.Quel plaid isola le spalle e riduce la dispersione di calore da parte del corpo. Un debole elemento riscaldante (5W) compensa quel poco calore che il plaid non riesce a trattenere.L'effetto risultante è che "sotto al plaid" fa più caldo.GTFS
  • attonito scrive:
    Mai piu' senza!
    Dove si compra? lo voglio! A casa, in unfficio, in auto.... indispensabile.Usare un golfino, neanche a parlanrne: troppo antiquato....
Chiudi i commenti