UE, si sdoppia l'Agenda Digitale

Nel nuovo organico della Commissione, l'accento è posto sul Mercato digitale unico e sulla riforma della direttiva e-privacy. Il nodo del copyright, dal Mercato Interno, passa alla direzione dedicata a economia e società digitale

Roma – Il presidente eletto Juncker ha reso nota la composizione della sua squadra e il nuovo aspetto della prossima Commissione europea e tra le novità vi è la divisione delle competenze legate all’agenda digitale .

In particolare, l’ex premier estone Andrus Ansip sarà Vicepresidente con competenze al Mercato Unico Digitale, mentre il popolare tedesco Günther Oettinger, già Commissario all’energia, è stato nominato commissario per il settore Digital Economy and Society . A sostituire Joaquín Almunia nel ruolo strategico di responsabile alla competizione, vi sarà invece la liberale danese Margrethe Vestager.


Come si apprende dal programma di Juncker e dalle prime parole di Oettinger, d’altronde, l’ economia digitale è una delle priorità della nuova Commissione europea : anche il fatto che si parli di Mercato Unico Digitale, d’altronde, appare in questo senso significativo.

Inoltre, Juncker ha riferito che “la UE potrebbe diventare leader nell’industria creativa ma nel pieno rispetto della diversità culturale”: una tendenza incoraggiata dal digitale e dalla Rete, capaci di valorizzare e di dare visibilità a tutte le realtà e a tutti i produttori di contenuti. Proprio per questo motivo, le competenze dedicate al diritto d’autore transiteranno dalla Direzione Generale dedicata a Mercato interno e servizi alla Direzione Generale Digital Economy and Society , prima denominata “Reti di comunicazione, contenuti e tecnologie e tradizionalmente più orientata agli interessi degli intermediari e dei fornitori dei servizi che ai potentati dei media.

In una lettera diretta a Oettinger, inoltre Juncker ha scritto che il nuovo commissario per il settore Digital Economy and Society dovrà altresì lavorare ad una riforma della direttiva sull’e-Privacy lavorando proprio a stretto contatto con Ansip .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • evviva scrive:
    Dai però
    Mi avete cancellato il commento dove facevo notare che openssl è controllato da ossi? Ma daiiiii...
  • evviva scrive:
    ti conosco è inutile fingere
    - Scritto da: passatorto
    - Scritto da: evviva

    - Scritto da: passaporto


    - Scritto da: evviva



    Sull' implementazione di ssl ci
    hanno
    rimesso

    la



    faccia tutti i principali



    protagonisti:



    GnuTLS,



    Apple,



    Openssl.







    Tutti software americani. Bug che
    sono
    rimasti





    dici che sia meglio usare qualche
    crapware

    russo?





    Cominciare a prendere le distanze dal
    crapware

    americano di sicuro. SSL si è dimostrato una

    XXXXXXX bucata da tutte le parti, tanto vale
    non

    usarlo.

    grazie del consiglio, tuttavia devo proprio
    dirtelo:

    openssl è sviluppato quasi esclusivamente da
    europei
    (https://www.openssl.org/about/)Ma controllato da zio rockabilly:http://www.oss-institute.org/resources/resources-technologyChe si occupa anche di questo:http://oss-institute.org/component/events/event/47Sviluppatori quasi tutti UK vedo, praticamente braccio destro degli USA in Europa.

    Questo perché in USA ci sono restrizioni sulla
    possibilità di esportare software crittografici
    (assimilati alle
    armi).Che razzo c' entra? Tanto quel software non serve uguale? E' una presa per i fondelli dentro una presa per i fondelli. Capo NSA: facciamo il software crypto fuori dagli usa che qui non si può!servo NSA: ma capo ssl è bucato come un colapasta.Capo NSA: apparenze figliolo, apparenze.

    Vabbé non è un problema visto che useremo
    PutinSSL.Dove lo posso scaricare?A me non andrebbe bene neppure RenziSSL, GrilloSSL o ArcoreSSL: tanto poi va a finire che venderebbero il tuo sederino uguale (la storia questo ha mostrato con apple/Gnu/openssl), non è questo il punto. E' una questione di fiducia. Tu ti fidi? Bravo, io no!La tanto agognata sicurezza per tutti su internet è il più grosso fallimento dell' era digitale.
  • evviva scrive:
    munnezza
    Sull' implementazione di ssl ci hanno rimesso la faccia tutti i principali protagonisti:GnuTLS,Apple,Openssl.Tutti software americani. Bug che sono rimasti inspiegabilmente ignorati per anni sino all' apparizione di Snowden e non è detto che oggi siano sicuri.Se dovemo fida? Bah...
    • passaporto scrive:
      Re: munnezza
      - Scritto da: evviva
      Sull' implementazione di ssl ci hanno rimesso la
      faccia tutti i principali
      protagonisti:
      GnuTLS,
      Apple,
      Openssl.

      Tutti software americani. Bug che sono rimastidici che sia meglio usare qualche crapware russo?
      • evviva scrive:
        Re: munnezza
        - Scritto da: passaporto
        - Scritto da: evviva

        Sull' implementazione di ssl ci hanno rimesso la

        faccia tutti i principali

        protagonisti:

        GnuTLS,

        Apple,

        Openssl.



        Tutti software americani. Bug che sono rimasti

        dici che sia meglio usare qualche crapware russo?Cominciare a prendere le distanze dal crapware americano di sicuro. SSL si è dimostrato una XXXXXXX bucata da tutte le parti, tanto vale non usarlo.
        • passatorto scrive:
          Re: munnezza
          - Scritto da: evviva
          - Scritto da: passaporto

          - Scritto da: evviva


          Sull' implementazione di ssl ci hanno rimesso
          la


          faccia tutti i principali


          protagonisti:


          GnuTLS,


          Apple,


          Openssl.





          Tutti software americani. Bug che sono rimasti



          dici che sia meglio usare qualche crapware
          russo?


          Cominciare a prendere le distanze dal crapware
          americano di sicuro. SSL si è dimostrato una
          XXXXXXX bucata da tutte le parti, tanto vale non
          usarlo.grazie del consiglio, tuttavia devo proprio dirtelo:openssl è sviluppato quasi esclusivamente da europei (https://www.openssl.org/about/)Questo perché in USA ci sono restrizioni sulla possibilità di esportare software crittografici (assimilati alle armi).Vabbé non è un problema visto che useremo PutinSSL.
          • evviva scrive:
            Re: munnezza
            - Scritto da: passatorto
            - Scritto da: evviva

            - Scritto da: passaporto


            - Scritto da: evviva



            Sull' implementazione di ssl ci
            hanno
            rimesso

            la



            faccia tutti i principali



            protagonisti:



            GnuTLS,



            Apple,



            Openssl.







            Tutti software americani. Bug che
            sono
            rimasti





            dici che sia meglio usare qualche
            crapware

            russo?





            Cominciare a prendere le distanze dal
            crapware

            americano di sicuro. SSL si è dimostrato una

            XXXXXXX bucata da tutte le parti, tanto vale
            non

            usarlo.

            grazie del consiglio, tuttavia devo proprio
            dirtelo:

            openssl è sviluppato quasi esclusivamente da
            europei
            (https://www.openssl.org/about/)

            Questo perché in USA ci sono restrizioni sulla
            possibilità di esportare software crittografici
            (assimilati alle
            armi).

            Vabbé non è un problema visto che useremo
            PutinSSL.E' vero confermo tutto meglio USSL putinssl fa schifo. :$
Chiudi i commenti