UE, tre commissioni contro ACTA

Tre votazioni suggeriscono al Parlamento di respingere il trattato internazionale anticontraffazione. Non garantirebbe un equo bilanciamento dei diritti in gioco

Roma – L’ Anti-Counterfeiting Trade Agreement ( ACTA ) è stato respinto da tutte e tre le commissioni del Parlamento d’Europa cui era preliminarmente sottoposto.

Le tre commissioni fungono da “consiglieri” per la Commissione commercio internazionale dell’Unione, alla cui opinione è legata l’approvazione di ACTA da parte dell’istituzione europea.

La Commissione sulle libertà civili ha detto che il Trattato anticontraffazione, anche sulla base di numerose ambiguità rilevate nel testo, non rispetta i diritti fondamentali dei cittadini dell’UE, quali il diritto alla privacy. Gli ISP non dovrebbero essere incaricati di pattugliare la Rete , ha spiegato la Commissione, e l’Europa dovrebbe impegnarsi a stendere una strategia di contrasto alla pirateria e alla contraffazione che non stridano con il quadro normativo in vigore.

La Commissione industria ha osservato che non sono trattati in maniera equilibrata i diritti e le libertà dei diversi soggetti interessati : ACTA non garantisce un equo bilanciamento tra i diritti di proprietà intellettuale e quelli della libertà d’impresa, il rispetto della privacy e la libertà di informarsi e informare.

La Commissione affari legali deve ancora votare una raccomandazione a proposito di ACTA, ma per il momento ha respinto 12 contro 10 con due astenuti quella del parlamentare Marielle Gallo a suo favore.

Pur essendo state accolte come vittorie dagli oppositori di ACTA,
tali votazioni restano opinioni che la Commissione commercio internazionale può o meno recepire: per la sua decisione, quella decisiva, occorre attendere il prossimo 21 giugno.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti