Uganda, schedatura facciale per chi vota

Un contratto del governo con un'azienda americana farà sì che i dieci milioni di votanti alle prossime elezioni siano controllati volto per volto. I tratti delle facce verranno archiviati e controllati in tempo reale dalla Viisage

Kampala (Uganda) – Dieci milioni di elettori schedati “biometricamente” attraverso la registrazione dei tratti e caratteristiche del volto di ciascuno: questo l’obiettivo del governo dell’Uganda che ha assegnato il compito di “registrare i volti” alla statunitense Viisage.

Stando alle note ufficiali, la “schedatura” è pensate per ridurre al minimo i brogli elettorali, rendendo impossibile ad una stessa persona di votare più volte. A breve, infatti, si terranno le elezioni presidenziali.

In realtà in Uganda, ufficialmente una repubblica presidenziale priva però di un Parlamento (ne fa le veci il Consiglio di resistenza nazionale), l’opposizione politica è emarginata: vietate le assemblee con più di sei partecipanti e impedimento a sostenere pubblicamente le candidature. Dunque non dovrebbe temere sorprese l’attuale presidente Yoweri Museveni, che nel 1986 si è insediato dopo aver guidato il suo Movimento di resistenza nazionale in anni di guerriglia.

Questo può significare che la schedatura dei volti abbia altri scopi, come ha avvertito qualcuno. Scopi che potrebbero andare ben al di là della semplice “garanzia” della regolarità del prossimo suffragio.

Ad ogni modo, il sistema offerto da Viisage si baserà sull’acquisizione dei dati del volto di ogni elettore che si reca all’ufficio di registrazione per l’iscrizione nelle liste elettorali. Quei dati verranno poi confrontati con quelli raccolti nei seggi. “Il volto – ha spiegato il CEO di Viisage Tom Colatosti – viene convertito in 128 vettori per misurare le singole caratteristiche, compresa l’angolazione del naso, la pienezza delle labbra o la distanza tra gli occhi”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Troppo consumismo...
    vi rendete conto che stanno gonfiando i videogiochi di filmati non compressi per far credere che sia necessario passare al dvd? dovrebbero ottimizzare il codice invece. tutto questo è uno spreco in tutti i sensi. Inoltro un masterizzatore è un prodotto di consumo, dopo 2 anni è ora di cambiarlo (se non si rompe prima). Perché questo? perché il loro unico scopo è quello di guadagnare. Se ne sbattono di tutto il resto. E questo mi da fastidio...PER QUESTO SONO FAVOREVOLISSIMO A QUESTI CD-R DA 1 GB, a patto che alla fine non costino più di 2 cd-r normli
  • Anonimo scrive:
    c'erano una volta.....
    l'anno scorso stavano studiando su un tipo di dvd ram trasparente con dei 6 strati flourescenti che doveva ridicolizzare un normale dvd dato che di parlava di dischetti che così potevano contenere decine di gigabyte.Adesso che facciamo? torniamo indietro?non era il dvd il futuro dei dischetti?
    • Anonimo scrive:
      Re: c'erano una volta.....
      beh diciamo che questo nuovo supporto non cambierà la vita di nessuno ma farà la felicità di molti cmq...io mi sono appena comprato il masterizzatore e la notizia mi garba alquanto...il masterizzatore sta divenendo piano piano accessibile ai + mentre i nuovi lettori dvd e masterizzatori hanno un costo piuttosto altinose ci pensiamo c'è ancora tanta gente che utilizza i fd. il masterizzatore cd deve ancora entrare nella casa dell'utente comune (non solo per problemi di prezzo ma anche per facilità d'uso e velocità)ben vengano i cd da 1 GB- Scritto da: BiG_BoY
      l'anno scorso stavano studiando su un tipo
      di dvd ram trasparente con dei 6 strati
      flourescenti che doveva ridicolizzare un
      normale dvd dato che di parlava di dischetti
      che così potevano contenere decine di
      gigabyte.

      Adesso che facciamo? torniamo indietro?
      non era il dvd il futuro dei dischetti?
    • Anonimo scrive:
      Re: c'erano una volta.....
      - Scritto da: BiG_BoY
      l'anno scorso stavano studiando su un tipo
      di dvd ram trasparente con dei 6 strati
      flourescenti che doveva ridicolizzare un
      normale dvd dato che di parlava di dischetti
      che così potevano contenere decine di
      gigabyte.Mai sentito parlare. Che cos'é? Hai qualche link?P.s.: P.I. ne sa qualcosa?
    • Anonimo scrive:
      Nuovo tipo di DVD? Come sarebbe?
      - Scritto da: BiG_BoY
      l'anno scorso stavano studiando su un tipo
      di dvd ram trasparente con dei 6 strati
      flourescenti Non ne ho mai sentito parlareRiesci a recuperare la notizia?Qualcuno ne sa qualcosa?Grazie
  • Anonimo scrive:
    vabbè..
    cd da 1Gb?Ci sono praticamente pronti i nuovi supporti da 140Gb di dati.. Certo.. c'è il discorso della compatibilità.. alla fine 400Mb non sono da buttare..
    • Anonimo scrive:
      Re: vabbè..
      Invece secondo me è un ottima idea: mantenere la retrocompatibilità, perfino con i master., aggiornando uno strumento fondamentale come il cd-r.L'unica cosa su cui dovrebbero lavorare è il supporto cd-rw, che è sicuramente il futuro dei master.http://zanezane.com- Scritto da: Slying Door
      cd da 1Gb?
      Ci sono praticamente pronti i nuovi supporti
      da 140Gb di dati..
      Certo.. c'è il discorso della
      compatibilità.. alla fine 400Mb non sono da
      buttare..
Chiudi i commenti