UK, quel database veniva usato per ricattare

Individui iscritti in quel registro di polizia finivano per essere ricattati proprio da chi aveva il compito istituzionale di manutenere i database. Chi controlla i controllori?
Individui iscritti in quel registro di polizia finivano per essere ricattati proprio da chi aveva il compito istituzionale di manutenere i database. Chi controlla i controllori?

Amerdeep Singh Johal, 29 anni, era impiegato a Scotland Yard come controllore di nomi e indirizzi nel database di informazioni in mano alla polizia, l’archivio Crimint , quando richiesto dai poliziotti operanti sul campo. Ma al di là di questo, Johal ha utilizzato Crimint a suo esclusivo vantaggio , agitandolo come un’arma in faccia a persone iscritte nel registro, a cui veniva
richiesto un riscatto per evitare di spifferare il “segreto” della loro vita ai quattro venti.

È un caso di clamorosa devianza quello che arriva dal paese della telesorveglianza e della privacy, l’abuso d’ufficio di chi dovrebbe gestire informazioni sensibili per il bene comune e ne fa invece un uso che lo mette sullo stesso piano dei criminali sulle cui vite il database è stato costruito.

Johal ha approfittato del proprio ruolo istituzionale per contattare 11 individui richiedendo loro “il prezzo del silenzio”, cifre dalle 29mila alle 31mila sterline a seconda dei casi. In caso contrario avrebbe rivelato, a colleghi e vicini in quali nefaste attività si fossero intrattenuti i bravi cittadini a cui sorridevano e stringevano la mano ogni giorno.

In un caso il “poliziotto” è arrivato a chiedere ben 89mila sterline come “segno di buona volontà”. In un altro ad essere coinvolto era un ex spacciatore di droga che aveva fatto parte di una nota gang criminale.

L’attività di Johal, terminata con il suo arresto nel luglio del 2007 da parte dell’unità anti-corruzione di Scotland Yard, sarebbe potuta andare avanti ancora per anni se una delle sue “vittime” non avesse denunciato il tentativo di estorsione agli agenti, mettendoli sulle tracce del poliziotto-criminale.

A quel punto è stato attivato un agente sotto copertura che ricoprisse il ruolo di criminale da ricattare, offrendosi di pagare 5.000 sterline a Johal per stare tranquillo con la sua vita nuova di pacca. Una volta arrestato, l’ex-poliziotto ha sostenuto (tramite il suo avvocato) la tesi secondo cui la vera vittima sarebbe stata lui , costretto a sottostare al giogo di due estorsori.

Ma tutte le prove individuate dai bobbies incastravano evidentemente Johal alle proprie esclusive responsabilità: l’uomo era solito chiedere agli amici consigli su come investire grosse somme di denaro , i presunti estorsori di cui parlava il suo avvocato non sono mai saltati fuori né la moglie dell’uomo era a conoscenza di qualsiasi pressione sul marito.

In conclusione del processo, Johal è stato dichiarato colpevole dalla giuria, ed è stato condannato dal giudice a 6 anni di prigione per estorsione con in più l’obbligo di corrispondere una multa di 32mila sterline come compensazione dei suoi crimini.

Per quanto riguarda l’abuso del database di Crimint , infine, Scotland Yard prova a minimizzare il problema assicurando che “esistono delle linee guida per quanto riguarda l’uso dei database di intelligence e se qualcuno ne abusa la cosa viene presa molto seriamente in considerazione”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 12 2008
Link copiato negli appunti