Ulalà! I ministeri si passan tecnologie

Potrà sembrare scontato ma scontato in Italia non è: per la prima volta un ministero ha passato ad un altro dicastero una propria soluzione informatica. Simbolo di cooperazione. Incredibile


Roma – C’è un ministero, quello dell’Economia e delle Finanze, che ha sviluppato un sistema informatico per il controllo e la gestione delle proprie spese. C’è un altro ministero, quello delle Infrastrutture, che aveva bisogno di una soluzione simile. E ora, udite udite, il software sviluppato dal ministero dell’Economia passa in copia anche a quello delle Infrastrutture.

Potrà sembrare ovvio eppure per l’Italia è una sorta di rivoluzione, come ha voluto sottolineare il ministro all’Innovazione Lucio Stanca che in una nota dai toni entusiastici diffusa nelle scorse ore spiega che a decollare è stata “una nuova forma di cooperazione tecnologica tra Ministeri, in grado di determinare sostanziosi risparmi per il bilancio dello Stato”. Già, perché fino a qualche tempo fa il ministero delle Infrastrutture avrebbe dovuto realizzare un applicativo proprio e diverso da quello del dicastero che ora gli ha fornito ciò di cui ha bisogno.

La cessione della tecnologie è gratuita, e anche questo viene sottolineato, nonostante il valore del sistema sia stimato attorno al milione di euro.

Il passaggio della tecnologia ha richiesto la firma di un protocollo che lo stesso Stanca ha descritto così: “E’ solo il primo passo di un complesso processo di ammodernamento tecnologico che il Governo ha avviato e intende estendere a tutta l’amministrazione statale”. Stanca ha anche preannunciato che “la stessa procedura di cessione gratuita verrà adottata anche nei confronti di altre Amministrazioni che hanno già espresso il proprio interesse a dotarsi di tali supporti innovativi”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    BASTA CON I BREVETTI SUGLI ALGORITMI
    Non se ne puo' veramente piu'... ogni giorno esce fuori qualche idiota che vanta un brevetto su una tecnologia gia' ampiamente utilizzata da anni.... e vuole pure un sacco di soldi... ma perche' non li mettono in galera invece di pagarli?
    • laforge scrive:
      Ora algoritmi...domani organi...
      per il semplice motivo che la legge di oggi porta a dire che se hai un brevetto valido puoi spezzare le redini anche dell'intera economia...vorrei ricordare che in Australia un avvocato ha brevettato la ruota, solo per far capire la stupidita' della gestione dei brevetti, ma i casi peggiori potrebbero arrivare in futuro quando ditte legate alla biologia/farmaceutica riusciranno a brevettare organi ... per esempio un fegato ... c'e' gia un caso controverso sui diritti delle proprieta' di un fegato di una persona che sono state messe sotto "proprieta'" da una azienda farmaceutica ... mo ora il tipo che fa ? paga i diritti all'azienda farmaceutica per il fegato che LORO hanno studiato per anni ??? Pensiamoci ... un giorno pagheremo il fatto di avere un cuore che non puo' avere attacchi cardiaci...oppure perche' avremo ghiandole che permettono di distruggere un virus come l'AIDS... e pagheremo per tutta la vita....ora vediamo solo semplici esempi ... ma se evolve questo discorso ci sara' davvero da fare guerra...ma contro le multinazionali...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora algoritmi...domani organi...
        - Scritto da: laforge
        per il semplice motivo che la legge di oggi
        porta a dire che se hai un brevetto valido
        puoi spezzare le redini anche dell'intera
        economia...vorrei ricordare che in Australia
        un avvocato ha brevettato la ruota, solo per
        far capire la stupidita' della gestione dei
        brevetti, ma i casi peggiori potrebbero
        arrivare in futuro quando ditte legate alla
        biologia/farmaceutica riusciranno a
        brevettare organi ... per esempio un fegatoil genoma mi pare sia brevettato, comepure tantissimi principi attivi di farmaci.
        ... c'e' gia un caso controverso sui diritti
        delle proprieta' di un fegato di una persona
        che sono state messe sotto "proprieta'" da
        una azienda farmaceutica ... mo ora il tipo
        che fa ? paga i diritti all'azienda
        farmaceutica per il fegato che LORO hanno
        studiato per anni ??? Pensiamoci ... un
        giorno pagheremo il fatto di avere un cuore
        che non puo' avere attacchi
        cardiaci...oppure perche' avremo ghiandole
        che permettono di distruggere un virus come
        l'AIDS... e pagheremo per tutta la
        vita....ora vediamo solo semplici esempi ...
        ma se evolve questo discorso ci sara'
        davvero da fare guerra...ma contro le
        multinazionali...Guarda che quello funziona solo con lemultinazionali, perche' e' difficile che un povero sfigatodi inventore rivendichi un brevetto, perché sicuramentele multinazionali se lo spolpano vivo a suon dicause legali che non sarebbe in grado di sostenere...e poi hai voglia magari a vederti riconosciutola royaties dopo vent'anni di processi e beghe legali...Purtroppo sui brevetti ci stiamo facendo fregare e conla complicità delle istituzioni...
Chiudi i commenti