Ultimo miglio, le nebbie si diradano

Dal 31 gennaio gli operatori alternativi a Telecom Italia inizieranno a lavorare per accaparrarsi il doppino domestico. Ma il condizionale è d'obbligo dopo il micro-rinvio deciso dall'Autorità. Intanto proseguono le sperimentazioni


Roma – Il doppino telefonico che collega l’utente finale alla rete telefonica da tempo avrebbe già dovuto essere “liberalizzato”, secondo i progetti originali dell’Autorità TLC, e ora le ultime notizie in materia sembrano indicare il 31 gennaio come data della “svolta”. Alla fine del mese, infatti, Telecom Italia dovrebbe aver corretto definitivamente listini e condizioni per gli operatori che intendono offrirsi come gestori alternativi per il cosiddetto Ultimo miglio.

Telecom Italia nelle scorse ore ha incassato un micro-rinvio dell’Autorità TLC che ha spostato al 31 gennaio la data per la presentazione dei documenti definitivi, quelli che di fatto daranno il via ai giochi, sebbene siano ormai diversi gli operatori che in via sperimentale gestiscono il local loop per alcune migliaia di utenti.

Intanto sono già state presentate all’Autorità le affermazioni di interesse all’unbundling del local loop da parte degli altri operatori, che hanno indicato le aree in cui intendono muoversi e le modalità con cui intendono stabilire la propria presenza e la propria offerta su un mercato fino ad oggi in mano alla sola Telecom.

Sul tappeto rimangono ancora una serie di questioni tecniche. Queste comprendono la definizione territoriale dei siti nei quali potranno partire da subito le operazioni di unbundling; il chiarimento sulle procedure con le quali gli utenti potranno chiedere di far gestire il proprio collegamento da un operatore alternativo; le condizioni che potranno essere praticate all’utenza.

Tutto questo anche a fronte del fatto che, come noto, alcuni operatori hanno iniziato da tempo, e in anticipo sulle decisioni dell’Autorità, a presentare offerte all’utenza in via sperimentale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' passata la sbandata dei regional code??
    Prima di comprare un qualsiasi tipo DVD, aspetto che cadano in disuso i regional code.Una volta che arrivera' la lucidita' su lettori e supporti, sara' una scelta da considerare
    • Anonimo scrive:
      Re: E' passata la sbandata dei regional code??

      Prima di comprare un qualsiasi tipo DVD,
      aspetto che cadano in disuso i regional code.
      Una volta che arrivera' la lucidita' su
      lettori
      e supporti, sara' una scelta da considerareSe aspetti questo, aspetti troppo... Comprati un dvd region free (o uno normale e fallo modificare) che fai prima e ti godi il dvd in tutta la sua pienezza (anche perchè se aspetti alcuni dvd escono fuori catalogo e te li sogni, non puoi nemmeno duplicarli come quando succedeva con le vhs...).Fidati, ne vale la pena, anche se magari costano il 10-20% in più delle vhs, la resa è almeno 10 volte superiore (certo, ci sono delle eccezioni, ma è cmq sempre superiore!)Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: E' passata la sbandata dei regional code??
        COme si fa ad eliminare da un lettore di DVD la Regional COde e farlo diventare in Region Free ?(posseggo uno sharp)Grazie- Scritto da: MaurizioB

        Prima di comprare un qualsiasi tipo DVD,

        aspetto che cadano in disuso i regional
        code.

        Una volta che arrivera' la lucidita' su

        lettori

        e supporti, sara' una scelta da
        considerare

        Se aspetti questo, aspetti troppo...
        Comprati un dvd region free (o uno normale e
        fallo modificare) che fai prima e ti godi il
        dvd in tutta la sua pienezza (anche perchè
        se aspetti alcuni dvd escono fuori catalogo
        e te li sogni, non puoi nemmeno duplicarli
        come quando succedeva con le vhs...).
        Fidati, ne vale la pena, anche se magari
        costano il 10-20% in più delle vhs, la resa
        è almeno 10 volte superiore (certo, ci sono
        delle eccezioni, ma è cmq sempre superiore!)
        Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: E' passata la sbandata dei regional code??

          COme si fa ad eliminare da un lettore di DVD
          la Regional COde e farlo diventare in Region
          Free ?
          (posseggo uno sharp)Se sei fortunato puoi farlo digitando una sequenza numerica "segreta" dal telecomando del dvd.Oppure va modificato via hard+ware.Ovviamente questa sequenza non c'e' su tutti i lettori e se c'e' varia da modello a modello.Fai una ricerca in rete con "regionn free dvd", oppure chiedi sul newsgroup italiano it.hobby.home.cinema.
  • Anonimo scrive:
    Il rischio è...
    ...che le case produttrici di hardware e i governi si accordino per creare dispositivi che non consentano di produrrei propri DVD liberamente.Hardware per marchiare TUTTI i DVD prodotti come'incopiabili'. (la Apple già lo fa!)In tal modo si dovrà SEMPRE passare attraverso grosse case produttrici.In tal modo si dovrà pagare la SIAE anche per fareuna copia del backup del proprio disco fisso.Bel sistema per zittire le masse e dar voce soloa chi ha i soldi!Per maggiori dettagli vedi:http://cryptome.org/jg-wwwcp.htmAuguri
    • Anonimo scrive:
      Re: Il rischio è...
      e secondo te non si trovera' il modo per oltrepassare questi DVD 'incopiabili'?ricordati che alla fine si trasforma tutto in una fila di zero e di uno...CiaoInSa- Scritto da: max
      ...che le case produttrici di hardware e i
      governi si accordino per
      creare dispositivi che non consentano di
      produrre
      i propri DVD liberamente.
      Hardware per marchiare TUTTI i DVD prodotti
      come
      'incopiabili'. (la Apple già lo fa!)
      In tal modo si dovrà SEMPRE passare
      attraverso
      grosse case produttrici.
      In tal modo si dovrà pagare la SIAE anche
      per fare
      una copia del backup del proprio disco fisso.
      Bel sistema per zittire le masse e dar voce
      solo
      a chi ha i soldi!

      Per maggiori dettagli vedi:
      http://cryptome.org/jg-wwwcp.htm

      Auguri
      • Anonimo scrive:
        Re: Il rischio è...

        ricordati che alla fine si trasforma tutto
        in una fila di zero e di uno...hai ragione, e finchè si parla di sowtware sono convinto che non esista nessun sistema invalicabile.Ma quando si parla di hardware...pensa se trovassi in commercio dei masterizzatori che mettono a 1 il primo bit di ogni CD prodotto.Bada bene, non è il software, ma il masterizzatoreche lo fa, senza dirti niente.Pensa adesso che, lo stesso masterizzatore, si preoccupi di controllare quel bit quando deve fare una copia. Pensa a cosa accade se questo sistema viene imposto, per legge, su tutti i masterizzatori.Pesa poi a cosa accade se lo impongono anche su tutti i dischi fissi, e magari sulle schede madri.Il software me lo faccio anche in casa, ma l'hardware...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il rischio è...
          E tu pensi che le case che producono masterizzatori facciano robe del genere..... perderebbero il mercato masterizzatori, sicuramente lo faranno.... ma crakkabile via software!!!!!- Scritto da: max

          ricordati che alla fine si trasforma tutto

          in una fila di zero e di uno...
          hai ragione, e finchè si parla di sowtware
          sono convinto che non esista nessun sistema
          invalicabile.
          Ma quando si parla di hardware...
          pensa se trovassi in commercio dei
          masterizzatori
          che mettono a 1 il primo bit di ogni CD
          prodotto.
          Bada bene, non è il software, ma il
          masterizzatore
          che lo fa, senza dirti niente.
          Pensa adesso che, lo stesso masterizzatore,
          si preoccupi di controllare quel bit quando
          deve fare una copia.
          Pensa a cosa accade se questo sistema viene
          imposto, per legge, su tutti i
          masterizzatori.
          Pesa poi a cosa accade se lo impongono anche
          su tutti i dischi fissi, e magari sulle
          schede madri.

          Il software me lo faccio anche in casa, ma
          l'hardware...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il rischio è...

            E tu pensi che le case che producono
            masterizzatori facciano robe del genere.....
            perderebbero il mercato masterizzatori,
            sicuramente lo faranno.... ma crakkabile via
            software!!!!!Hai ragione. Lo faranno solo quando i governi lo imporranno, permettendo la vendita dei soli dispositivi ritenuti:'Legalmente distribuibili con garanzia di tutela del copyright'che significa:'Se vuoi copiare il tuo CD te lo fai fare da qualchegrossa casa distributrice, la quale ha abbastanzasoldi per comprarsi i masterizzarori professionali'Vi prego, cercate di convincermi che non sarà così.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il rischio è...
          E poi, alle brutte, ci sono sempre i "chippetti" modello PlayStation... ;-)- Scritto da: max

          ricordati che alla fine si trasforma tutto

          in una fila di zero e di uno...
          hai ragione, e finchè si parla di sowtware
          sono convinto che non esista nessun sistema
          invalicabile.
          Ma quando si parla di hardware...
          pensa se trovassi in commercio dei
          masterizzatori
          che mettono a 1 il primo bit di ogni CD
          prodotto.
          Bada bene, non è il software, ma il
          masterizzatore
          che lo fa, senza dirti niente.
          Pensa adesso che, lo stesso masterizzatore,
          si preoccupi di controllare quel bit quando
          deve fare una copia.
          Pensa a cosa accade se questo sistema viene
          imposto, per legge, su tutti i
          masterizzatori.
          Pesa poi a cosa accade se lo impongono anche
          su tutti i dischi fissi, e magari sulle
          schede madri.

          Il software me lo faccio anche in casa, ma
          l'hardware...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il rischio è...
        - Scritto da: InSa
        e secondo te non si trovera' il modo per
        oltrepassare questi DVD 'incopiabili'?
        ricordati che alla fine si trasforma tutto
        in una fila di zero e di uno...Il poter usufruire di una tecnologia non dobrebbeessere riservato a major e hacker :-/Per prendere il DVD stavo aspettando l'arrivo diun periodo di sobrieta', ma qui' altro chesuperalcolici, si sono attaccati a canna a bere alcol puro 8-(La vedo brutta, davvero molto molto brutta :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Il rischio è...

      ...che le case produttrici di hardware e i
      governi si accordino per
      creare dispositivi che non consentano di
      produrre i propri DVD liberamente.Benvenuto nel magico mondo del capitalismo globale.
Chiudi i commenti