Un appello per sbloccare Vai con Internet

Il programma per il PC alle famiglie giace apparentemente abbandonato per mancanza di fondi. Un'iniziativa web per farlo ripartire

Roma – Con un appello già sottoscritto da alcune decine di italiani e promosso dal blog C’è chi dice no , si chiede che il Governo “sblocchi” la realizzazione del progetto Vai con Internet – PC alle famiglie 2006 , tuttora privo dei fondi necessari.

Ma ecco il testo:

“- Al Presidente del Consiglio Romano Prodi
– Al Ministro per le Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Luigi Nicolais
– Al Capo del Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie, Ciro Esposito
– Ai parlamentari del Parlamento Italiano

Noi sottoscritti,
– considerato che in data 12 Giugno 2006 sulla Gazzetta Ufficiale N. 134 è stato pubblicato il Decreto che ha avviato l’operazione Vai con Internet – PC alle famiglie 2006;
– considerato che il progetto non è ancora stato realizzato a causa del mancato stanziamento dei 9 milioni di euro necessari;
– considerato che diverse società hanno aderito al progetto, tra le quali Essedì Shop con computer a partire da 99 euro, utilizzando lo sconto di 200 euro previsto dal Progetto Vai con Internet 2006;
– considerato che numerosi cittadini italiani hanno ordinato da mesi i suddetti computer, attualmente fermi nei magazzini di Essedì Shop, e ne attendono il ritiro solo dopo l’avvio del progetto;
– considerato che secondo i dati Eurostat, in Italia la percentuale di computer nelle case è del 47% contro il 54% della media europea;

chiediamo che vengano resi disponibili i 9.000.000 di euro necessari per avviare l’Operazione Vai con Internet 2006 e che vengano approntate tutte le procedure di attivazione e, tra queste, anche la connessione online tra i rivenditori iscritti al progetto e il Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie”.

Su questa pagina il form per chi vuole sottoscrivere online l’appello.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Spettacolare!
    Bellissima idea.Se attuata con la dovuta perizia (e dagli inglesi, in fin dei conti, me lo aspetto), rappresentera' un contributo storico importante per i secoli a venire.
Chiudi i commenti