Un iPhone come air guitar

Ecco come suonare una chitarra tenendo fra le braccia un iPhone

Chi non conosce la pratica dell’air guitar alzi la mano! Questa pratica è così diffusa da avere regolari competizioni nazionali e, addirittura, un campionato mondiale, che si tiene ogni anno nella città di Oulu, in Finlandia. Per chi ancora non lo sapesse, l’Air Guitar è quella pratica con cui si mima il gesto di suonare una chitarra, fingendo di averne una fra le mani. È come se si suonasse in playback, senza però avere a disposizione lo strumento stesso. Questa moda si sta così diffondendo che due giovani inventori, Ronald Mannak e Coli Karpfinger, hanno iniziato a progettare un plettro elettronico, l’Air Guitar Move, da collegare ad un iPhone, che funge da sintetizzatore.

Air Guitar Move

Attraverso opportuni sensori di movimento, con Air Guitar Move è possibile strimpellare l’aria, producendo suoni impressionanti corrispondenti ad altrettanti suoni emessi dal melafonino.
In tandem con il plettro, ovviamente, c’è un’app, progettata per gestire il corrispondente hardware. Questa applicazione prevede anche una sorta di sfida a tutto ritmo, in stile Guitar Hero. Non è un caso che i componenti dell’Air Guitar Move vengano prodotti e assemblati nella stessa fabbrica di Guitar Hero, con la supervisione dallo stesso team di ingegneri.

Il progetto, lanciato su Kickstarter all’inizio di giugno, è stato finanziato con una cifra superiore a quella obiettivo (ben 31.776 dollari su 25.000 dollari necessari) circa una settimana fa.

Gli utenti iPhone potranno così interagire con il melafonino e la propria musica preferita, accarezzando semplicemente l’aria.

(via OhGizmo )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massimo M scrive:
    è una truffa svegliatevi!
    haha bella li... RAGAZZI SVEGLIATEVI!! E' UNA TRUFFA ON LINE!! FATE COME ME! ANDATE IMMEDIATAMENTE DAI CARABINIERI A FARE DENUNCIA DI TENTATA TRUFFA, APPROPRIAMENTO INDEBITO DEI DATI PERSONALI E MINACCE VELATE!!!Oggi mi è arrivata un altra e-mail da italiaprogrammi.net dove dicevano che prima di andare al tribunale mi davano un altra occasione di pagare tutto.. Per carità ragazzi non fate gli scemi e andate dai carabinieri!! se pagate non rivedrete più i soldi dato che hanno il conto alle seychelle (paradiso fiscale privilegiato)!
  • Alberto spagno scrive:
    Sollecito pagamento
    Continuo a ricevere sollecito di pagamento da parte di Italia programmi.net con minaccia legale.Cosa devo fare?
    • Ovvio... scrive:
      Re: Sollecito pagamento
      - Scritto da: Alberto spagno
      Continuo a ricevere sollecito di pagamento da
      parte di Italia programmi.net con minaccia
      legale.
      Cosa devo fare?Costruisciti una cintura esplosiva e vai a farti saltare in aria nella loro sede.
  • renato silvestro scrive:
    truffa da italia programmi .net
    non intendo pagare niente perche ritengo si tratta di una truffa
  • baldaccioni erica scrive:
    anche io ngannata a mia sprovvista
    anche io sono tra di voi..nn ho richiesto mai questo programma,sono entrata sicuramente per sbaglio,ma non ho mai messo nessun dato personale,ne n carta identita ne codice fiscale,ne numeri carte a pagamento personali,quindi non paghero..dato che non ce neppure la possibilita di rispondere a quell imail...voi ke dite faccio bene???
    • pallino scrive:
      Re: anche io ngannata a mia sprovvista
      - Scritto da: baldaccioni erica
      anche io sono tra di voi..nn ho richiesto mai
      questo programma,sono entrata sicuramente per
      sbaglio,ma non ho mai messo nessun dato
      personale,ne n carta identita ne codice
      fiscale,ne numeri carte a pagamento
      personali,quindi non paghero..dato che non ce
      neppure la possibilita di rispondere a quell
      imail...voi ke dite faccio bene???Ciao Erica, mi presenti l'amica bona che si vede in foto sul tuo profilo di facebook ?
  • francesco scrive:
    aiutatemi!!
    ciao ragazzi sono l'ennesimo cittadino che viene imbrogliato da ITALIA PROGRAMMI. sono spaventato e molto visto che sono molto giovane e nn so come intervenire. Io nn ho detto nnt ai miei genitori per paura, quindi loro nn sospettano nulla. Io appena visto il messaggio sull e-mail mi sono lasciato prendere dal panico visto anche le minacce di recupero credito e allora la cosa piu istintiva è stata quella di eliminare l' account e-mail.Prima di eliminare l' account però ho visto i miei dati e l indirizzo di casa mia era sbagliatissimo ma il paese no. vorrei sapere cosa devo fare. voi dite di nn pagare? ma rischio?
  • mone ileana scrive:
    truffa italiaprogrami.net
    Anchio purtroppo sono vittima di questa truffa. Al 1° sollecito con minacce di ripercussioni legali e di recupero crediti. Non ho ancora risposto al e-mail ma trovo molto stressante questa situazione. Ho fatto liscrizione al sito che ho trovato su tutto gratis senza sospettare minimamente a quello a cui potevo andare incontro. Allatto dellliscrizione non cera cenno alcuno allabbonamento.Spero che questo incubo si risolva presto per tutti
  • lello scrive:
    truffa non pagate niente
    molte persone rimangono coinvolte in queto tipo di truffe bene come potete controllare loro vi hanno identificato con l'IP allora dovete confrontarlo con il vostro ma vedrete che non sara' uguale perchè sicuramente è un IP fasullo comunque non pagate niente
  • lello scrive:
    truffa non pagate niente
    molte persone rimangono coinvolte in queto tipo di truffe bene come potete controllare loro vi hanno identificato con l'IP allora dovete confrontarlo con il vostro ma vedrete che non sara' uguale perchè sicuramente è un IP fasullo comunque non pagate niente
  • angela donato scrive:
    denuncia
    c'è qualche azione legale in corso?se si voglio partecipare anche io...fatemi sapere
    • Renato Prattella scrive:
      Re: denuncia
      Potete non pagare, in tutti i casi non possono fare azione legale visto che sono indagati, e nel caso in cui si rivolgano ad una agenzia di recupero crediti non ha l'autorizzazione legale per intervenire visto che la società è sotto inchiesta proprio per questo, certo è sempre una scocciatura avere a che fare con queste cose.Ma non dobbiamo dargliela vinta.
    • Massimo M scrive:
      Re: denuncia
      vai subito dai carabinieri a denunciare il fatto. Poi ogni volta che ti scrivono ancora tu vai di nuovo dai carabinieri e casomai ti fai dettare una lettera da inviare a questi truffatori come ho fatto io. è ora che finisca tutto.. ci sono denuncie su denuncie a caico di italia programmi
  • Marcello Manno scrive:
    italia programma truffa
    Salve, come tanti in italia ho sottoscritto un contratto, che alla fine non ho mai voluto con italia-programmi. Dopo l'insistenza tramite posta elettronica, mi vedo recapitare a casa una lettera di sollecito al pagamento! Come mi devo comportare? Grazie Marcello.
  • enry scrive:
    denuncia
    ho ricevuto anche io i solleciti di pagamento della Italia programmi.Informandomi presso la Polizia Postale della mia città-ROMA-sono stato suggerito di non fare nulla.Segnalare il fatto all'Antitrust oppure alla AGCOM.Laprocura stà già indagando.L.M.
  • silvia. scrive:
    truffa italiaprogrammi.net
    salve e tutti!!! anche io truffata!! un mese fa..da una settimana a questa parte mi arrivano i solleciti non ho pagato ma solo risposto ai loro solleciti di pagamento dicendo che non avevo intanzione di pagare un servizio da me nn richiesto visto che nn cera scritto da nessuna parte a pagamento!!!! ora che dovrei fare?? una denuncia??dove??grazie a tutti??
  • Gloria Cattarinus si scrive:
    solleciti di pagament
    anche io sono vittima di questi solleciti di pagamento.. cosa bisogna fare per porne fine??
  • francesco mazzon scrive:
    Truffa Programmi Italia
    Anch'io sono vittima di Programmi Italia cosa bisogna fare ? cosa si rischia a non fare nulla ?Grazie di cuore a chi mi può aiutarefrancesco
  • corrao angelo scrive:
    chiarimenti
    anch'io come tanti ricevo email di solleciti di pagamenti da parte di italia programmi.net. che mi consigliati da fare.devo fare una denuncia o ignorarli?
  • Isopi roberto scrive:
    Truffa italia programmi
    Propio mezz'ora fa' come tanti altri mal capitati sono stato a mia insaputa vittima di una truffa da parte di ITALIA-PROGRAMMI, riportante la scritta 'GRATUITO' Attendo vostre risposte e consigli, nell attendere porgo distinti saluti.
  • Isopi roberto scrive:
    Vittima di truffa italia programmi
    Salve sono stato vittima di una vera truffa da parte di italia-programmi.
  • rosa provenzano scrive:
    truffa italia programmi
    anch'io sono bersagliata da continui solleciti di pagamento da italia programmi, sia via email,sia cartacei.ho fatto denuncia all'anti trust. aspetto sviluppi...
  • veronesi stefano scrive:
    truffa italia-programmi
    Ho ricevuto anch'io un sollecito di pagamento indirizzato a mio figlio .ho mandato una e-mail per chiedere spiegazioni e mi hanno risposto che la fattura in oggetto (io non l'ho mai vista!!!) è valida e non impugnabile!!!cosa posso fare visto che non ho intenzione di pagare,e cosa posso rischiare non pagando??? qualcuno può aiutarmi?
  • Danilo Bergonzi scrive:
    Truffato anch'io
    Ho ricevuto oggi il sollecito di pagamento per due fatture da 104 euro ciascuno a nome di mio filgio tredicenne. NON ho intenzione di pagare. Qualcuno sa a che unto è l'azione dell'antitrust?
  • danilo mezzera scrive:
    italia- programmi
    Anche mia figlia pur essendo minorenne è caduta in questo tranello.Mi hanno chiesto il suo documento per conferma,poi hanno detto che annullavano il contratto,ma sono arrivate lo stesso le lettere di pagamento.Poi mi dicono che ho usufruito di un altro programma e allora ho pagato,chiedendo di avere i codici di acXXXXX e i nomi dei programmi, ma non ho avuto risposta.
  • carmela masino scrive:
    truffa da parte italia-programmi
    sarebbe ora che qualcuno ci informasse a questo punto cosa fare
  • barbara sperti scrive:
    truffa italia-programmi
    buona sera anche io sono stata truffata, ed è dal 10 agosto che ricevo da questi signori email con minacce di avvocati se non pago la somma di 96 + 8,50 cosa devo fare?
  • Riccardo lubrano scrive:
    Truffato
    buongiorno sono stato fregato pure io cercavo un'applicazione e mi sono trovato il conto che devo fare
    • signorina scrive:
      Re: Truffato
      Anch'io sono stata fregata e vorrei sapere cosa devo fare.....non voglio pagare niente a questi cialtroni.
  • CLAUDIO DI BARI scrive:
    ITALIA-PROGRAMMI.NET
    Mi chiamo Claudio Di Bari ed abito a Milano in via delle Genziane 3, la mia e-mail è dibariclaudio@tiscali.it. Desidero presentare un esposto nei confronti della società italia-programmi-net per condotta commerciale scorretta. Mi hanno inviato 3 solleciti di pagamento per un account mai fatto. Pertanto al 1° ho risposto che non dovevo nulla. Al 2° e al 3° non ho potuto rispondere perchè è comparso il messaggio "IMPOSSIBILE INVIARE LA POSTA". Pertanto NON PAGO E LI IGNORO. Cordiali saluti CLAUDIO DI BARI.MILANO, 1/10/2011
  • gianfranco trivella scrive:
    informazioni
    non riesco a fare il diritto di reXXXXX su programmi italia.it grazie cosa mi consigli?
  • Ugo Nassi scrive:
    Truffa Programmi Italia
    Anch'io vittima di programmi Italia, COSA BISOGNA FARE?A non fare niente cosa si rischia? .... forse possibili futuri pignoramenti di beni?( E... pensare che sono stato costretto a cessare l'attività e arrivare male in fondo al mese per aver perso in più fallimenti i soldi che mi avrebbero fatto vivere decentemente.) Come si può sopportare che esistano persone COSI' e possono operare liberamente ???! Grazie per chi saprà darmi un consiglio utile.
  • Domenico Pernice scrive:
    italia programmi
    anche io sono stato vittima ma non intendo pagare cera scritto reggistrazione gratis e mi sono ritrovato 96 euro da pagare per questo anno non so come disdire il contratto visto che ho tentato di inviare parecchie email ma mi ritornano indietro se qualcuno mi puo aiutare
  • carlo peraine scrive:
    truffa programmi italia
    ciaoanche io purtroppo sono capitato nella stessa trappola il bello è che non sono nemmno riuscito a disdire l'iscrizione perchè la mail non viene accettata dal server del detinatario e propio ieri mi è arrivato un sollecito di pagamento........cosa devo fare?????? a chi m devo rivolgere?????
  • daniele bruni scrive:
    informazione
    anche a me sta' succedendo la stessa cosa inviandomi,e mai rispondendo alle mie e-mail,minacce di ingiunzioni giudiziarie in caso di mancato pagamento e non so' come comportarmi....in attesa saluti
    • angela pala scrive:
      Re: informazione
      buon giorno anche io sono stata tuffata da questo programma. italia programma .net io nn mi sono mai iscrita a questo programma e mi sno arrivate tante imail e ieri mie arrivata la lettera a casa non sono come mi devo comportare vi prego fattemi sapere come mi devo muovere e come posso fare a denuciare questo
  • Vito LASORELLA scrive:
    ricezione email da ITALIA-PROGRAMMI.NET
    IO SOTTOSCRITTO VITO LASORELLA, SOTTUFFICIALE DELLA GUARDIA DI FINANZA IN CONGEDO IN DATA 19.08.2011, MENTRE VISIONAVO LA MIA POSTA ELETTRONICA, NOTAVO UN'EMAIL DA PARTE DI ITALIA-PROGRAMMI.NET (TESTO ultimo sollecito prima della consegna al recupero crediti)nonostante la fattura del 09/07/2011 e il sollecito via email purtroppo fino ad oggi non abbiamo ancora ricevuto il pagamento della fattura per aver usufruito del nostro servizio italia-Programmi.net. Con la presente la preghiamo per l'ultima volta di effettuare il pagamento integrale dell'ammontare sotto indicato entro il 12.08.2011 sul conto corrente indicato ammontare del credito 96.00 commissioni di sollecito 8.50 ammontare totale 104,50 indichi per favore la seguente causale F157805 PER POTER EFFETTUARE IL BONIFICO LA PREGHIAMO DI UTILIZZARE LE SEGUENTI CORDINATE BENEFICIARIO Estesa Ltd. IBAN CY30005001400001400154795201 BIC-Code: HEBACY2N DOPO QUESTO TERMINE DI PAGAMENTO CI VEDREMO COSTRETTI DI PASSARE LA DOCUMENTAZIONE AL NOSTRO UFFICIO DI RECUPERO CREDITI. PER EVITARE DELLE SPESE ALTE DI RECUPERO, PER AVVIOCATO, TRIBUNALE E PROXXXXX, LA PREGHIAMO DI PRENDERE QUEST'OBBLICO DI PAGAMENTO SUL SERIO. REGISTRO DI COMMERCIO No.079143, Seychelles Company Book). Prego cortesemente valutare di quanto descritto e segnalare tale ingrescisa situazione. Porto a conoscenza che sono vittima per la seconda volta, l'anno scorso ho ricevuto tramite posta analoga situazione sotto nome "EASYDOWNLOAD" INNOCENTEMENTE E PRESO DAL PANICO, MI SONO PRECIPITATO AD ESEGUIRE UN BONIFICO, INFORMANDOMI SUCCESSIVAMENTE, SONO STATO RESO EDOTTO CHE SI TRATTAVA DI UNA TRUFFA, OVE HO INVIATO IL TUTTO A MEZZO RACCOMANDATA ALLA POLIZIA POSTALE COMPETENTE PER TERRTORIO. Cordiali saluti Vito LASORELLA
    • Alessandra scrive:
      Re: ricezione email da ITALIA-PROGRAMMI.NET
      mi faccio riferimento al messaggio del 19 Aug di Vito Lasorello...ringrazio... perché stavo per pagare ma non lo faccio, ma a chi devo rivolgermi per denucciarli??grazie a chiunque può aiutare..xche dopo un po...spaventa..ed è ora chi imparino invece!!!
    • raffaella varano scrive:
      Re: ricezione email da ITALIA-PROGRAMMI.NET
      vi prego aitatemi io anche sono stata vittima di questi signori e purtroppo ho pagato ma continuano ad inviarmi email cosa devo fare non mi lasciano in pace li ho anche minacciati che gli faccio causa ma non mollano che devo fare?
      • krane scrive:
        Re: ricezione email da ITALIA-PROGRAMMI.NET
        - Scritto da: raffaella varano
        vi prego aitatemi io anche sono stata vittima di
        questi signori e purtroppo ho pagato ma
        continuano ad inviarmi email cosa devo fare non
        mi lasciano in pace li ho anche minacciati che
        gli faccio causa ma non mollano che devo
        fare?E fagli causa !
  • emanuela sarracino scrive:
    vittima
    salve io ho ricevuto una mail da parte di Italia programmi che mi chiede di saldare una fattura a mio nome tra l' altro i dati inseriti sulla fattura non sono nemmeno corretti, non mi ricordo di essermi registrata ma se così dovesse essere cosa posso fare?...
  • urrr... scrive:
    bah, la solita gentaglia...
    Purtroppo internet è piena di questi signori che si inventano di tutto per fare soldi :(Si è polli ad iscriversi e si è ancora più polli a pagare...Con le fantomatiche lettere cartastraccia che ti mandano minacciando azioni legali, ehehehh.Questa gente non ti farà mai causa, per ovvie ragioni.
    • HappyCactus scrive:
      Re: bah, la solita gentaglia...
      - Scritto da: urrr...
      Questa gente non ti farà mai causa, per ovvie
      ragioni."Ovvie" ? Non credo.Non occorre arrivare alla causa per essere danneggiati, basta anche entrare nel mirino di un recupero crediti, per sXXXXXXXrsi come "cattivi pagatori". Vai poi tu a riparare al danno, quando le carte di credito vengono chiuse o le banche esigono i crediti, anche se sei nel giusto.Stai pericolosamente sottovalutando la situazione.
  • umby scrive:
    In effetti lo scrivono ...
    Provato or-ora.Sono andato al download di Spyware Terminator 1.8.5.986Licenza: Freeware SoftwareAccanto al form da compilare con tutti i dati, compare questo trafiletto:Con la registrazione sottoscrivete un abbonamento a pagamento al prezzo per cliente finale di soli 8.- euro, IVA compresa, per una durata di 24 mesi e con addebito annuale anticipato. Il contributo annuo pari a 96.- euro viene addebitato una volta l'anno anticipatamente e deve essere saldato entro 8 giorni dal ricevimento della fattura.italia-programmi.net Le CGV, dicono:§ 3 Oggetto del contratto 1. Tramite il servizio www.italia-programmi.net il Fornitore mette a disposizione del Cliente la possibilità di accedere, a pagamento, ai contenuti indicati sulla pagina internet http://www.italia-programmi.net o sotto il relativo link (Servizio). Ad integrazione vale la descrizione del fornitore dei servizi.§ 4 Modalità di conclusione del contratto 1. Al fine di ottenere lacXXXXX ai contenuti presentati sulla pagina http://www.italia-programmi.net lutente deve inserire i propri dati nel riquadro relativo alla richiesta di registrazione, in particolare nome e cognome, indirizzo di residenza, data di nascita, E-mail e numero di telefono.§ 7 Prezzi e modalità di pagamento 2. Il compenso per luso del servizio ammonta ad euro otto (8) al mese IVA inclusa. 3. La durata del contratto è di 24 mesi. E esclusa la tacita proroga alla scadenza del contratto. 4. A seguito della conclusione del contratto, il Fornitore provvederà ad inviare al Cliente la fattura recante limporto complessivo per lutilizzo del servizio per i successivi 12 mesi. 5. Allo scadere dei 12 mesi successivi alla conclusione del contratto, il Fornitore provvederà ad inviare al Cliente ulteriore fattura recante limporto complessivo per lutilizzo del servizio per i successivi 12 mesi residui. 6. Limporto indicato nella fattura dovrà essere accreditato a mezzo bonifico bancario sul conto indicato in fattura, al massimo entro otto giorni dal ricevimento della fattura stessa. In caso di ritardo nel pagamento, saranno applicati gli interessi legali vigenti. 7. In caso di mancato pagamento dellimporto indicato in fattura, le spese sostenute dal Fornitore per il recupero stragiudiziale del credito saranno addebitate al Cliente nella misura massima del 20% calcolato sullimporto dovuto e, in ogni caso, per un importo minimo di 19,00. 8. In caso di ritardo nel pagamento o di mancato pagamento, il Fornitore avrà diritto di negare lacXXXXX al Sito al Cliente fino al momento in cui questo non avrà corrisposto limporto di cui alla fattura.In effetti lo scrivono che dovete pagare CARISSIMO, del software con licenza: Freeware SoftwareDa wikipedia (licenza freeware):Il freeware è distribuito indifferentemente con o senza codice sorgente, a totale discrezione dell'autore e senza alcun obbligo al riguardo. È sottoposto esplicitamente ad una licenza che ne permette la redistribuzione gratuita. Il software freeware viene conXXXXX in uso senza alcun corrispettivo, ed è liberamente duplicabile e distribuibile, con pochissime eccezioni.Di norma l'autore che decide di rilasciare il suo lavoro come freeware, esercitando appieno il suo diritto di scegliere le forme e le modalità di distribuzione che ritiene più idonee, inserisce esplicitamente delle clausole che impediscono qualsiasi tipo di pagamento per la distribuzione del suo software, fatto salvo un eventuale "piccolo" rimborso per supporti e spese di duplicazione, esattamente come avviene per lo shareware.
    • limite superato scrive:
      Re: In effetti lo scrivono ...
      come mai non lo scrivono in evidenza?cosa hanno da temere a scriverlo chiaramente, sul modulo di iscrizione, che si tratta di un servizio di abbonamento?invece scrivono che devi accettare le condizioni e poi devi cliccare per leggerti un lungo papiro...non sara' mica che forse temono che se uno sa subito che deve pagare, neanche legge le condizioni e neanche si iscrive?certo che lo scrivono, ma ben nascosto, come mai?cercano forse di far cadere nella trappola gli sprovveduti che non leggono le condizioni?cercano forse di basare completamente il proprio business su questi sprovveduti?tutto questo lo definiresti un esercizio commerciale serio?
      • umby scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        Non per fare il guastafeste, ma un attimino di attenzione:http://imageshack.us/photo/my-images/51/italiaprogrammi.jpg/Non mi sembra proprio nascosto-nascosto ...Potrebbe essere che uso linux ed un vecchio browswer con castrate tutte le favolose features degli ultimi anni ...
        • HappyCactus scrive:
          Re: In effetti lo scrivono ...
          - Scritto da: umby
          Non mi sembra proprio nascosto-nascosto ...

          Potrebbe essere che uso linux ed un vecchio
          browswer con castrate tutte le favolose features
          degli ultimi anni
          ...O magari che hanno "aggiornato" il sito per costruirsi una difesa...
      • p4bl0 scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        - Scritto da: limite superato
        come mai non lo scrivono in evidenza?
        cosa hanno da temere a scriverlo chiaramente, sul
        modulo di iscrizione, che si tratta di un
        servizio di
        abbonamento?

        invece scrivono che devi accettare le condizioni
        e poi devi cliccare per leggerti un lungo
        papiro...
        non sara' mica che forse temono che se uno sa
        subito che deve pagare, neanche legge le
        condizioni e neanche si
        iscrive?

        certo che lo scrivono, ma ben nascosto, come mai?
        cercano forse di far cadere nella trappola gli
        sprovveduti che non leggono le
        condizioni?
        cercano forse di basare completamente il proprio
        business su questi
        sprovveduti?

        tutto questo lo definiresti un esercizio
        commerciale
        serio?guarda, screenshot da google: http://imageshack.us/photo/my-images/855/catturapi.png/
    • bubba scrive:
      Re: In effetti lo scrivono ...
      - Scritto da: umby
      Provato or-ora.
      Sono andato al download di Spyware Terminator
      1.8.5.986
      Licenza: Freeware Software
      (...)Beh c'e' un bel buco in questo "ragionamento". I turlpinatori citati NON SONO minimamente autorizzati a rivendere quel programma, non essendone gli autori o altro. Tra l'altro ha pure robazza adware dentro quell'affare. Messo dalla Crawler, LLC.Invece di fiaccare gli zebedei a chi scarica un mp3 dei beatles, dovrebbero impegnarsi a stroncare rapidamente cialtroni come questi. Che sono un danno per tutti, tranne che per i loro portafogli.
      • p4bl0 scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: umby

        Provato or-ora.

        Sono andato al download di Spyware Terminator

        1.8.5.986

        Licenza: Freeware Software

        (...)
        Beh c'e' un bel buco in questo "ragionamento". I
        turlpinatori citati NON SONO minimamente
        autorizzati a rivendere quel programma, non
        essendone gli autori o altro. Tra l'altro ha pure
        robazza adware dentro quell'affare. Messo dalla
        Crawler,
        LLC.e infatti non te lo vendono, ti vendono un "abbonamento per poter scaricare tante cose direttamente da là senza andartele a cercare"
    • HappyCactus scrive:
      Re: In effetti lo scrivono ...
      - Scritto da: umby
      1. Tramite il servizio
      www.italia-programmi.net il Fornitore mette a
      disposizione del Cliente la possibilità di
      accedere, a pagamento, ai contenuti indicati
      sulla pagina internet
      http://www.italia-programmi.net o sotto il
      relativo link (Servizio). Ad integrazione vale
      la descrizione del fornitore dei
      servizi....
      Di norma l'autore che decide di rilasciare il suo
      lavoro come freeware, esercitando appieno il suo
      diritto di scegliere le forme e le modalità di
      distribuzione che ritiene più idonee, inserisce
      esplicitamente delle clausole che impediscono
      qualsiasi tipo di pagamento per la distribuzione
      del suo software, fatto salvo un eventuale
      "piccolo" rimborso per supporti e spese di
      duplicazione, esattamente come avviene per lo
      shareware.Inutile ragionare sul contenuto del contratto, un'azienda con sede alle seychelles (che è un noto paradiso fiscale inserito in blacklist: vedi http://www.sigesgroup.it/Ufficio_Stampa/NF-Articoli_e_Circolari/NF-pdf/Elenco_Paesi_BlackList.pdf ) ha evidentemente la capacità di creare un contratto "blindato".Anche perché l'oggetto del contratto non è il software, ma l'acXXXXX al software (fa differenza sostanziale). Quando educheremo le persone a diffidare comunque di tutto quello che c'è su internet? in particolare tutto quello che è "gratis" ???
      • panda rossa scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        - Scritto da: HappyCactus
        Quando educheremo le persone a diffidare comunque
        di tutto quello che c'è su internet? in
        particolare tutto quello che è "gratis"
        ???La gente non va educata a diffidare di tutto cio' che e' gratis, visto di roba gratis genuina ce n'e' e pure tanta, e pure migliore.La gente va educata a smetterla di inserire i propri dati, comprensivi di codice fiscale, a tutti gli idioti che te le richiedono!Perche' io da questi qua dell'articolo, e da altri come loro, ho scaricato di tutto.
        • coniglio grasso scrive:
          Re: In effetti lo scrivono ...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: HappyCactus


          Quando educheremo le persone a diffidare
          comunque

          di tutto quello che c'è su internet? in

          particolare tutto quello che è "gratis"

          ???

          La gente non va educata a diffidare di tutto cio'
          che e' gratis, visto di roba gratis genuina ce
          n'e' e pure tanta, e pure
          migliore.

          La gente va educata a smetterla di inserire i
          propri dati, comprensivi di codice fiscale, a
          tutti gli idioti che te le
          richiedono!
          Perche' io da questi qua dell'articolo, e da
          altri come loro, ho scaricato di
          tuttoE quindi hai sottoscritto il contratto nel quale ti impegni a pagarli? No, vorrei capire altrimenti come hai fatto a "scaricare di tutto"...
          • panda rossa scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: coniglio grasso

            Perche' io da questi qua dell'articolo, e da

            altri come loro, ho scaricato di

            tutto

            E quindi hai sottoscritto il contratto nel quale
            ti impegni a pagarli? No, vorrei capire
            altrimenti come hai fatto a "scaricare di
            tutto"...Ho sottoscritto un contratto intestato a Panda Rossa c/o Fiat Lingotto, Torino. :D
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: coniglio grasso



            Perche' io da questi qua dell'articolo,
            e
            da


            altri come loro, ho scaricato di


            tutto



            E quindi hai sottoscritto il contratto nel
            quale

            ti impegni a pagarli? No, vorrei capire

            altrimenti come hai fatto a "scaricare di

            tutto"...

            Ho sottoscritto un contratto intestato a Panda
            Rossa c/o Fiat Lingotto, Torino.
            :DOvvio :-) ma non proprio saggio, per vari motivi. Non da ultimo perché anche 100 contratti falsi inducono i gestori a mantenere il servizio, perché è reputato utile. Invece 0 contratti hanno ben altro significato.Ed infine perché inserendo dati falsi in un contratto, ti esponi ad almeno 2 reati, falso materiale ed ideologico e sostituzione di persona. Non so se ne vale la pena, soprattutto con un'azienda sita alle seychelles, noto paradiso fiscale, che probabilmente non avrebbe scrupoli a fare denunce (visto che comunque i recupero crediti li fanno...)Vedi tu se sei furbo.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...

            Ed infine perché inserendo dati falsi in un
            contratto, ti esponi ad almeno 2 reati, falso
            materiale ed ideologico e sostituzione di
            persona. Non so se ne vale la pena, soprattutto
            con un'azienda sita alle seychelles, noto
            paradiso fiscale, che probabilmente non avrebbe
            scrupoli a fare denunce (visto che comunque i
            recupero crediti li
            fanno...)
            Vedi tu se sei furbo.Contratto fasullo e ideologico fasullo: Fanno PANDANMa vi rendete conto che un cotratto virtuale in rete fatto con un solo clik di cui non si sa neanche chi lo sottoscrive: minorenne, mitomane o spicolabile non può essere considerato un contratto valido da un punto di vista legale?Oppure c'è una legge che non conosco e che lo considera tale comunque?Un discorso diverso è se c'è un acquisto legale a monte: acquisto un computer e dentro mi trovo wonzozz preinstallato ed accetto le condizioni.Sono due cose ben diverse: nel secondo caso c'è un acquisto legale a tutti gli effetti, poi posso o no sottoscrivere un contratto, oppure contesto e mi faccio togliere il software che non voglio acquistare.Sono due situazioni ben distinte e nel secondo caso non ci sono equivoci.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Ma vi rendete conto che un cotratto virtuale in
            rete fatto con un solo clik di cui non si sa
            neanche chi lo sottoscrive: minorenne, mitomane o
            spicolabile non può essere considerato un
            contratto valido da un punto di vista
            legale?Stai scherzando, vero?
            Oppure c'è una legge che non conosco e che lo
            considera tale
            comunque?Ce ne sono quante ne vuoi. Vedi questo articolo di Tomassi su Interlex.http://www.interlex.it/ecomm/ditomas1.htmCito il primo paragrafo, che risponde perfettamente ai tuoi dubbi:"Il contratto telematico si differenzia dal contratto tradizionalmente inteso, disciplinato all'articolo 1321 c.c., solo per quanto attiene le modalità informatiche adottate in tutto l'iter che porta all'accordo, restando comunque invariata la struttura di base.La sua ammissibilità nel nostro ordinamento è fuori discussione, considerato che l'articolo 1322 c.c. lascia ampia libertà di contenuti alle parti, le quali possono anche concludere contratti che non sono oggetto di una disciplina particolare, purché questi siano diretti a realizzare interessi ritenuti meritevoli di tutela nel nostro sistema giuridico. Il legislatore, inoltre, richiede la forma ad substantiam actus solo in casi particolari, tutti disciplinati da precise norme (articolo 1350 c.c.)."Sottolineo: La sua ammissibilità nel nostro ordinamento è fuori discussione.
            Un discorso diverso è se c'è un acquisto legale a
            monte: acquisto un computer e dentro mi trovo
            wonzozz preinstallato ed accetto le
            condizioni.Ma suvvia. L'importante che l'oggetto del contratto non renda nullo il contratto stesso (cioè che il venditore o il fruitore abbia piena disponibilità dell'oggetto venduto o che le obbligazioni non siano contra-lege)
            Sono due situazioni ben distinte e nel secondo
            caso non ci sono
            equivoci.Ma per piacere.
        • HappyCactus scrive:
          Re: In effetti lo scrivono ...
          - Scritto da: panda rossa
          La gente non va educata a diffidare di tutto cio'
          che e' gratis, visto di roba gratis genuina ce
          n'e' e pure tanta, e pure
          migliore.Di gratis (et amore dei) esiste gran poco. Esiste "libero", che è qualcosa di diverso.Personalmente quando sento la parola "gratis" mi si accappona la pelle.
          Perche' io da questi qua dell'articolo, e da
          altri come loro, ho scaricato di
          tutto.E se ho capito bene, hai commesso almeno 2 o 3 reati. Non è così che si fa.
          • panda rossa scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: panda rossa

            La gente non va educata a diffidare di tutto
            cio'

            che e' gratis, visto di roba gratis genuina
            ce

            n'e' e pure tanta, e pure

            migliore.

            Di gratis (et amore dei) esiste gran poco. Questo la dice lunga sul dove vivi e che cosa fai.
            Esiste "libero", che è qualcosa di diverso.
            Personalmente quando sento la parola "gratis" mi
            si accappona la pelle.Questo spiega tutto. Sei allergico alla generosita'.

            Perche' io da questi qua dell'articolo, e da

            altri come loro, ho scaricato di

            tutto.

            E se ho capito bene, hai commesso almeno 2 o 3
            reati. Non è così che si fa.Si chiama legittima difesa. Non e' reato.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: panda rossa

            Di gratis (et amore dei) esiste gran poco.

            Questo la dice lunga sul dove vivi e che cosa fai.Questo tuo commento è irrilevante. Sono tutte informazioni che non hai e non puoi desumere da ciò che scrivo, quindi attieniti per cortesia al contesto, senza invadere la sfera personale, come del resto non ho fatto io.

            Esiste "libero", che è qualcosa di diverso.

            Personalmente quando sento la parola
            "gratis"
            mi

            si accappona la pelle.

            Questo spiega tutto. Sei allergico alla
            generosita'.Quando avrò bisogno di uno psicologo, stai certo che non verrò da te.Poi ti chiederei cortesemente di attenerti all'oggetto della discussione e di non invadere nuovamente la sfera personale... anzi, più che una richiesta è un suggerimento per dare un po' più di lustro al contenuto delle tue risposte, i giudizi personali sono sempre portavoce di una pochezza di contenuti

            E se ho capito bene, hai commesso almeno 2 o
            3

            reati. Non è così che si fa.

            Si chiama legittima difesa. Non e' reato.A furia di sparare XXXXXXX non ti accorgi neppure della palese illogicità di quello che scrivi.Devo farti la lezioncina su "che cosa è legittima difesa" o ti arrangi e rivedi da solo la tua posizione?
          • panda rossa scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: panda rossa


            Di gratis (et amore dei) esiste gran
            poco.




            Questo la dice lunga sul dove vivi e che
            cosa
            fai.

            Questo tuo commento è irrilevante. Sono tutte
            informazioni che non hai e non puoi desumere da
            ciò che scrivo, quindi attieniti per cortesia al
            contesto, senza invadere la sfera personale, come
            del resto non ho fatto
            io.Allora non affermare che non esiste nulla di gratis et amor dei, perche' dimostra solo che vivi in un recinto.


            Esiste "libero", che è qualcosa di
            diverso.


            Personalmente quando sento la parola

            "gratis"

            mi


            si accappona la pelle.



            Questo spiega tutto. Sei allergico alla

            generosita'.

            Quando avrò bisogno di uno psicologo, stai certo
            che non verrò da te.Anche perche' non faccio lo psicologo.
            Poi ti chiederei cortesemente di attenerti
            all'oggetto della discussione e di non invadere
            nuovamente la sfera personale... anzi, più che
            una richiesta è un suggerimento per dare un po'
            più di lustro al contenuto delle tue risposte, i
            giudizi personali sono sempre portavoce di una
            pochezza di contenutiTu non metterla sul personale, e io non avro' motivo per portare la discussione sul personale.Adotta un metro a disposizione di tutti, e saro' ben felice di usarlo pure io.


            E se ho capito bene, hai commesso
            almeno 2
            o

            3


            reati. Non è così che si fa.



            Si chiama legittima difesa. Non e' reato.


            A furia di sparare XXXXXXX non ti accorgi neppure
            della palese illogicità di quello che
            scrivi.
            Devo farti la lezioncina su "che cosa è legittima
            difesa" o ti arrangi e rivedi da solo la tua
            posizione?Devo spiegarti tutto?C'e' una societa' che adotta un comportamento palesemente illegale (lo dice l'articolo oltre al buon senso).Come se qualcuno con insistenza volesse attaccar bottone e chiedere informazioni su di te per un utilizzo evidentemente poco chiaro.Tu non hai la prontezza o la capacita' o la forza per rispondere come quello si merita e allora per togliertelo di torno gli racconti una balla.E' legittima difesa.Non puoi certo essere accusato di aver rilasciato false generalita', anche perche' solo un pubblico ufficiale e' preposto a richiedere le generalita'. Gli altri no.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: panda rossa
            Allora non affermare che non esiste nulla di
            gratis et amor dei, perche' dimostra solo che
            vivi in un
            recinto.No, tu non hai proprio capito. Tu non metterla sul personale finché stiamo parlando di altro, a prescindere dal fatto che tu condividi o meno il mio pensiero. Punto.E non insistere su dove e come vivo, perché è assolutamente irrilevante.

            Quando avrò bisogno di uno psicologo, stai
            certo

            che non verrò da te.

            Anche perche' non faccio lo psicologo.Allora evita di giocare a psicanalizzare gli altri, perché non ti riesce e ti rende ridicolo.

            giudizi personali sono sempre portavoce di
            una

            pochezza di contenuti

            Tu non metterla sul personale, e io non avro'
            motivo per portare la discussione sul
            personale.Non giocare a fare gli specchietti, sei puerile, e non ti rende più credibile.
            Adotta un metro a disposizione di tutti, e saro'
            ben felice di usarlo pure
            io.Cioè scusa, io rispondo sull'argomento, a te non piace la mia risposta e cerchi di psicanalizzarmi e poi mi dici di usare un metro a disposizione di tutti? Ma ti rendi conto che quello che scrivi è surreale?
            Devo spiegarti tutto?No, solo quello che è palesemente surreale del tuo argomentare, perché francamente non trovo nesso logico.
            C'e' una societa' che adotta un comportamento
            palesemente illegale (lo dice l'articolo oltre al
            buon
            senso).Ma suvvia. L'adozione del comportamento illegale (che parolone. Ci sarebbe da discutere su questo) non ti autorizza a commettere a tua volta un reato - questo si, plateale -. D'altra parte non hai alcun vincolo nell'accettare o meno il servizio, quindi è una tua scelta consapevole.Chi ruba ad un ladro, è parimenti un ladro. In più l'illecito penale che tu commetti con il falso è più grave dell'illecito sicuramente civile ma non necessariamente penale commesso dai gestori del sito.
            Come se qualcuno con insistenza volesse attaccar
            bottone e chiedere informazioni su di te per un
            utilizzo evidentemente poco
            chiaro.Questo non ti autorizza a dargli un cartone sui denti. Anche ammesso che si tratti di "legittima difesa", esiste un concetto che è quello dell'ecXXXXX di legittima difesa.

            Tu non hai la prontezza o la capacita' o la forza
            per rispondere come quello si merita e allora per
            togliertelo di torno gli racconti una
            balla.
            E' legittima difesa.Guarda, ti rivelerò una cosa. La legge non segue quelle che sono le TUE definizioni della realtà, come non lo fa il mondo intero. Puoi sbraitare, sbattere i piedini, insultare e urlare al complotto, ma ciò non cambia la sostanza delle cose, il tuo agire è lontano dalla legittima difesa di anni luce.
            Non puoi certo essere accusato di aver rilasciato
            false generalita', anche perche' solo un pubblico
            ufficiale e' preposto a richiedere le
            generalita'. Gli altri
            no.Ma non diciamo fesserie! Per concludere un contratto occorre identificare i contraenti, anzi, è conditio sine qua non per la conclusione dei contratti a distanza.Stai mescolando un sacco di concetti - che evidentemente non padroneggi - ma il fatto, ripeto, che tu ne sia convinto non cambia la sostanza delle cose.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Forse polemizzate su cose semplici.Un contratto per essere tale, e lo si scrive anche su di un testamento autografo, si dichiara di essere:1) Maggiorenni2) Di essere in grado di intendere e volere (sanità mentale)Normalmente vi è una terza persona (notaio che lo conferma)3) Di essere la persona (soggetto) resposabile e nelle possibilità legali di adempiere agli impegni sottoscritti.Ora ammettiamo che un contratto fatto on line con il solito cik sia legale.In questo caso ci sono forti dubbi, poichè si gioca sull'equivoco gratuito o free.Mi domando, chi sottoscrive è maggiorenne?E' normale o psicolabile?E' cosciente o è distratto?Oppure ha fatto il famoso cik poich' il gatto ha dato una zampata al topo?E quindi è il gatto che ha sottoscritto!Questi contratti sono fasulli a prescindere, poichè non vi è una presenza reale di chi lo sottoscrive, può essere chiunque che è in grado di sottoscriverlo poichè è in possesso dei dati di una persona qualsiasi.Se non c'è una legge occorre farla ed impedire questa tipologia di contratti.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Normalmente vi è una terza persona (notaio che lo
            conferma)Suvvia. Quando compri il latte vai dal notaio?
            Ora ammettiamo che un contratto fatto on line con
            il solito cik sia
            legale.Guarda che non è che si può discutere: un contratto on line con il solito click è legale, punto.Se a te non piace, non so che farci.
            In questo caso ci sono forti dubbi, poichè si
            gioca sull'equivoco gratuito o
            free.
            Mi domando, chi sottoscrive è maggiorenne?
            E' normale o psicolabile?
            E' cosciente o è distratto?
            Oppure ha fatto il famoso cik poich' il gatto ha
            dato una zampata al
            topo?Infatti la legge prevede un meccanismo definito "diritto di reXXXXX", e non solo sui contratti on line.
            Questi contratti sono fasulli a prescindere,
            poichè non vi è una presenza reale di chi lo
            sottoscrive, può essere chiunque che è in grado
            di sottoscriverlo poichè è in possesso dei dati
            di una persona
            qualsiasi.Rivelo anche a te una cosa che ti parrà sorprendente: la realtà non si adatta a quello che tu pensi o desideri, ma va per conto suo. E la realtà dice che i contratti a distanza, su internet, sono legali ed ampiamente utilizzati.
            Se non c'è una legge occorre farla ed impedire
            questa tipologia di
            contratti.Ma si, il solito discorso! Siccome i ladri fuggono in auto in autostrada, vietiamo la vendita di auto e la costruzioni delle autostrade!Non ti sembra un po' ridicolo quello che proponi?
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...

            Ma si, il solito discorso! Siccome i ladri
            fuggono in auto in autostrada, vietiamo la
            vendita di auto e la costruzioni delle
            autostrade!
            Non ti sembra un po' ridicolo quello che proponi?No non c'entra il fatto che tutti i contratti on line andrebbero aboliti.Semplicemente i contratti devono avere delle caratteristiche che ne garantiscono la validità.Se è garantita la maggiore età del contaente.Se è prorio la persona "tal dei tali" e non una qualsiasi a sottoscriverloSe è in grado di garantire gli impegni presiSe è consapevole di quello che faNormalmente tutti i contratti seri hanno meccanismi di verifica, comprese le mail di conferma.Ma non mi sembra che questo caso sia così chiaro e garantisca anche il diritto di reXXXXX, anche perchè scaricato il software (che sia loro o preso da altri... che è ancora un'altra questione) il reXXXXX non esiste di fatto. Una volta copiato puoi forse darlo indietro? Come si fa a garantire che non ti tieni una copia?Inoltre se accetto un contratto di acquisto on line serio, devo per forza di cose dare i miei dati oppure pagare con carta di credito anche se ho solo un nic su di un certo sito. Quindi il sito di iscrizione mi dà un servizio senza conoscere i miei dati che sono chiari solo alla banca di emissione per il pagamento.Ovviamente qui i tizi non fanno pagare nulla subito, illudendo di fatto al concetto di gratuito, poi chiedono il pagamento essendo in possesso di dati sensibili.E' di fatto una truffa mascherata.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            No non c'entra il fatto che tutti i contratti on
            line andrebbero
            aboliti.
            Semplicemente i contratti devono avere delle
            caratteristiche che ne garantiscono la
            validità.
            Se è garantita la maggiore età del contaente.
            Se è prorio la persona "tal dei tali" e non una
            qualsiasi a
            sottoscriverloQuindi proponi un terzo garante, imparziale... un notaio?
            Se è in grado di garantire gli impegni presi...Un notaio che faccia una visura sul conto corrente o sulla dichiarazione dei redditi di entrambi i contraenti...
            Se è consapevole di quello che fa...e anche una perizia psichiatrica...
            Normalmente tutti i contratti seri hanno
            meccanismi di verifica, comprese le mail di
            conferma.Ma per piacere, non diciamo fesserie! Mai fatto un contratto in vita tua, vero?In ogni caso, credi che chi sottoscrive erroneamente un contratto del genere poi si prenda cura di leggere le mail di conferma?Suvvia, dai...
            Ma non mi sembra che questo caso sia così chiaro
            e garantisca anche il diritto di reXXXXX, anche
            perchè scaricato il software (che sia loro o
            preso da altri... che è ancora un'altra
            questione) il reXXXXX non esiste di fatto.Non sai di cosa stai parlando e non ti sei neppure preso la briga di leggere il sito.Ma anche nell'articolo è citato il fatto che il reXXXXX non è stato comunque rispettato dalla società... quindi stai andando comunque andando fuori argomento.
            Una volta copiato puoi forse darlo indietro? Come
            si fa a garantire che non ti tieni una
            copia?E che c'entra scusa? è una scelta delle parti, che sono libere di fare quello che pare loro.
            Inoltre se accetto un contratto di acquisto on
            line serio, devo per forza di cose dare i miei
            dati oppure pagare con carta di credito anche se
            ho solo un nic su di un certo sito.E quindi?
            Quindi il sito di iscrizione mi dà un servizio
            senza conoscere i miei dati che sono chiari solo
            alla banca di emissione per il
            pagamento.
            Ovviamente qui i tizi non fanno pagare nulla
            subito, illudendo di fatto al concetto di
            gratuito, poi chiedono il pagamento essendo in
            possesso di dati
            sensibili.
            E' di fatto una truffa mascherata.Certo che lo è? e allora? cosa c'entra tutto 'sto popo' di sproloquio sui contratti a distanza? Non ti pare di esser un po' partito per la tangente "ad XXXXXXXm"?
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Mi sa che hai le idee un pò confuse.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Mi sa che hai le idee un pò confuse.Argomenta allora.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Forse ci vorrebbe un avvocato....Il fatto che citi, e le risposte che dai non sono coerenti con i fatti.A) Ti si propone un prodotto che non è neanche prorietà di chi lo propone ma è "pescato" da un'altra fonte: prima irregolarità.B) Ti si richiede i tuoi dati sensibili per scaricare: seconda irregolarità, poichè è una richiesta tedenziosa, nel senso che chi ci casca solo per ottenere un prodotto apparentemente gratuito.Pare che poi vi siano le informazioni che dicono che gratuito non lo è, ma se uno è disattento ci casca poichè il prodotto è dapprima presentato come gratuito.C) Sussiste quindi una "trappola" che diventa estorsione, ossia si estorcono con un inganno sia pur velato i dati personali.Ora chi scarica e fornisce dati fasulli non fa nessun reato poichè chi richiede i dati non ha l'autorità per farlo. E' lo stesso "reato" (come tu lo chiami) che permise ad Ulisse di ingannare Polifemo.Non ha l'autorità poichè non propone un documento ufficiale, ma solo un optional che dovrebbe servire unicamente come ricerca di mercato.Se poi vi sono clausele scritte uno vi potrà aderire o no.Inoltre se il tizio che propone il prodotto, e fa le richiesta di dati personali, e li vuole veritieri, sarà cura sua ottenere e verificare se i dati sono veritieri o no. Quindi cavolacci suoi.Se non sono veritieri, non permetterà (può) lo scaricamento del prodotto. Fine della fiera.Qui non siamo di fronte ad un atto pubblico, ma bensì una richiesta di sottoscrizione che ha valore solo per un privato.Se firmi il "contratto" come Pincopallo, semplicemente la firma può essere accettata o meno, basta fare le dovute verifiche.Ovviamente le verifiche non si fanno poichè chi propone questo contratto è già lui stesso in malafede.Se poi permette lo scaricamento del prodotto saranno cavoli suoi, è come se si vendesse un oggetto, si richiede una cifra ma non si controlla il pagamento.Coma mai questo non succede mai con le ditte serie?Ovvio, fanno prima i controlli che di solito sono bancari.Morale della favola: se il prodotto è fuffa e i dati sono fuffa si fa un reato fuffa. Fuffa + Fuffa = 0E' un'equazione molto semplice da capire, più di così non riesco a dare una risposta più precisa.Preciso: qui non si tratta di comprare da un ladro un prodotto rubato, e nemmeno siamo in grado di dire che sia rubato, altrimenti faremo un incauto acquisto ed in teoria saremmo perseguibili, anche dando dati sensibili a malfattori.Altra morale della favola: chi dà in giro in modo supeficiale i prori dati fa una XXXXXXXta colossale.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Forse ci vorrebbe un avvocato....Mah, basta anche qualcuno che abbia le basi del diritto e sappia ragionare.
            Il fatto che citi, e le risposte che dai non sono
            coerenti con i
            fatti.Sentiamo:
            A) Ti si propone un prodotto che non è neanche
            prorietà di chi lo propone ma è "pescato" da
            un'altra fonte: prima
            irregolarità.Falso. Si propone un SERVIZIO, che è l'accentramento dei contenuti.
            B) Ti si richiede i tuoi dati sensibili per
            scaricare: seconda irregolarità, poichè è una
            richiesta tedenziosa, nel senso che chi ci casca
            solo per ottenere un prodotto apparentemente
            gratuito.Falso, vengono richiesti dei dati personali non sensibili (non è richiesto di produrre lo stato di robusta costituzione né la tessera di iscrizione ad un partito, né il casellario giudiziale).E la richiesta è ragionevole, perché si sta concludendo un contratto.
            Pare che poi vi siano le informazioni che dicono
            che gratuito non lo è, ma se uno è disattento ci
            casca poichè il prodotto è dapprima presentato
            come
            gratuito.Questo è vero.
            C) Sussiste quindi una "trappola" che diventa
            estorsione, ossia si estorcono con un inganno sia
            pur velato i dati
            personali.Al massimo può essere truffa, come la descrivi tu, l'estorsione non c'entra nulla ed è tutt'altra fattispecie - non ti obbligano a fornirli con la violenza.
            Ora chi scarica e fornisce dati fasulli non fa
            nessun reato poichè chi richiede i dati non ha
            l'autorità per farlo.Palle, si sta concludendo un contratto è non c'è bisogno di autorità per richiedere i dati personali. Dove hai letto sta roba dell'autorità? Il reato di chi fornisce dati falsi alla conclusione di un contratto è il reato di falso e forse truffa e forse sostituzione di persona. Tutto il resto da te citato non c'entra nulla.
            E' lo stesso "reato" (come tu lo chiami) che
            permise ad Ulisse di ingannare
            Polifemo.e quindi? Anche insistendo su questo ridicolo paragone, che è del tutto irrilevante nell'argomento, non mi pare che polifemo avesse chiesto di concludere un contratto.
            Non ha l'autorità poichè non propone un documento
            ufficiale, ma solo un optional che dovrebbe
            servire unicamente come ricerca di
            mercato.Ma non diciamo XXXXXXX.
            Se poi vi sono clausele scritte uno vi potrà
            aderire o
            no.eh? Guarda che quello è un contratto a tutti gli effetti, che tu lo voglia o no.
            Inoltre se il tizio che propone il prodotto, e fa
            le richiesta di dati personali, e li vuole
            veritieri, sarà cura sua ottenere e verificare se
            i dati sono veritieri o no. Quindi cavolacci
            suoi.Palle, non sai di cosa stai parlando.
            Se non sono veritieri, non permetterà (può) lo
            scaricamento del prodotto. Fine della
            fiera.Ribadisco, non sai di cosa stai parlando.
            Qui non siamo di fronte ad un atto pubblico, ma
            bensì una richiesta di sottoscrizione che ha
            valore solo per un
            privato.Certo, ma è pur sempre un contratto. Chiamala scrittura privata se vuoi, ma ha validità di un contratto. Ti invito a leggerti un buon trattato divulgativo su cosa sono i contratti e le obbligazioni, scoprirai che i contratti non esistono solo davanti ad un notaio.
            Se firmi il "contratto" come Pincopallo,
            semplicemente la firma può essere accettata o
            meno, basta fare le dovute
            verifiche.No caro, non funziona così. Neanche quando firmi un contratto di persona. E' sufficiente la volontà di concludere il contratto, posto che il contratto sia valido, ovviamente. E quello di cui si parla non è palesemente illegale.
            Ovviamente le verifiche non si fanno poichè chi
            propone questo contratto è già lui stesso in
            malafede.
            Se poi permette lo scaricamento del prodotto
            saranno cavoli suoi, è come se si vendesse un
            oggetto, si richiede una cifra ma non si
            controlla il
            pagamento.
            Coma mai questo non succede mai con le ditte
            serie?Ti informo che l'errore non è di chi non controlla, ma di chi commette il reato di falso.Tutto il resto sono XXXXXXX.
            Ovvio, fanno prima i controlli che di solito sono
            bancari.
            Morale della favola: se il prodotto è fuffa e i
            dati sono fuffa si fa un reato fuffa. Fuffa +
            Fuffa =
            0
            E' un'equazione molto semplice da capire, più di
            così non riesco a dare una risposta più
            precisa.Si ma è ininfluente, ti informo che la legge e il diritto sono di avviso diverso.Ti auguro di non incappare mai in una situazione del genere, ma se davvero la pensi così, dovesse capitarti, avrai una davvero amara sorpresa.
            Preciso: qui non si tratta di comprare da un
            ladro un prodotto rubato, e nemmeno siamo in
            grado di dire che sia rubato, altrimenti faremo
            un incauto acquisto ed in teoria saremmo
            perseguibili, anche dando dati sensibili a
            malfattori.Ma che c'entra, loro forniscono un servizio, inutile se vuoi, ma un servizio.Stai mescolando un sacco di cose che hai dimostrato di non conoscere, per primo il concetto di contratto ti è completamente oscuro.
            Altra morale della favola: chi dà in giro in modo
            supeficiale i prori dati fa una XXXXXXXta
            colossale.Questa è l'unica cosa sensata che hai detto fino ad ora.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Continui sulla tesi del reato per aver fornito false generalità.Mi spieghi però che obbligo ha uno nel compilare una pagina di un cotratto fasullo (poichè oltretutto vi è contraddizione tra presentazioe e spiegazioni postume... se veramente c'erano e non siano state messe a posterioori) per dare generalità fasulle?Oppure è proibita la privacy?E poi i dati sono sensibili anche se dai solo il tuoo indirizzo e nome-cognome come chi si iscrive a FBMa ovviamente siete in tanti a sottoscrivere contratti come quello su FB mettendo i vostri dati reali.SIETE DEI PECORONI e prima o poi vi taglieranno la lana. :@Mi sembri molto ai giudici di Pinocchio che lo hanno condannato perchè ha creduto alle balle del Gatto e della Volpe.In parole povere tu condanni chi non si è fatto imbroigliare solo perchè si è cautelato.Spero vivamente che tu faccia un mestiere diverso dal giudice altrimenti combineresti un sacco di guai.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 luglio 2011 17.55-----------------------------------------------------------
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Continui sulla tesi del reato per aver fornito
            false
            generalità.
            Mi spieghi però che obbligo ha uno nel compilare
            una pagina di un cotratto fasullo (poichè
            oltretutto vi è contraddizione tra presentazioe e
            spiegazioni postume... se veramente c'erano e non
            siano state messe a posterioori) per dare
            generalità
            fasulle?Chi ha detto che si tratta di un contratto fasullo?
            Oppure è proibita la privacy?Chi ha detto che sia proibita? però per concludere quel contratto è richiesta l'iscrizione, ai fini di fatturazione. Hai due scelte legali: concludere il contratto, facendo fede ai tuoi obblighi (iscrizione con dati veritieri e pagamento) oppure non farlo. Tutto il resto è fuffa.
            E poi i dati sono sensibili anche se dai solo il
            tuoo indirizzo e nome-cognome come chi si iscrive
            aNo, i dati sensibili sono ben altra cosa, ti suggerisco di informarti meglio.
            FB
            Ma ovviamente siete in tanti a sottoscrivere
            contratti come quello su FB mettendo i vostri
            dati
            reali.Certo.
            SIETE DEI PECORONI e prima o poi vi taglieranno
            la lana. Si chiama "senso civico", che prevede anche di tener fede ai contratti. Se tu vuoi fare per conto tuo, fai, non ti lamentare se poi ne paghi le conseguenze (che possono anche essere la chiusura dell'account). La scelta è tua, non siamo noi che non rispettiamo le regole del vivere civile.Sei tu il fesso che si crede furbo, e prima o poi ne faranno costicine, ma questo è un parere esclusivamente mio e dettato da un saldo principio, che è quello di rispettare le regole oppure non giocare.
            Mi sembri molto ai giudici di Pinocchio che lo
            hanno condannato perchè ha creduto alle balle del
            Gatto e della
            Volpe.
            In parole povere tu condanni chi non si è fatto
            imbroigliare solo perchè si è
            cautelato.Non hai evidentemente capito un tubo, ma non mi stupisco.Io ho detto che (estrema sintesi)1) chi firma un contratto deve leggere tutte le clausole, dalla prima all'ultima2) chi firma un contratto, anche se ingiusto, con nome falso commette un reato3) chi lo fa e si crede furbo è un fesso4) chi lo fa, avendo un'alternativa, e per questo si crede furbo, è un fesso due volteC'è anche il seguito, che non ho detto, 5) a volte chi è onesto cade in qualche trabocchetto. Può succedere. La legge è fatta anche per questo.
            Spero vivamente che tu faccia un mestiere diverso
            dal giudice altrimenti combineresti un sacco di
            guai.Quel che faccio non è importante, anche perché il giudice non giudica grazie a Dio secondo quello che conviene o piace, ma secondo quello che dice la legge. ... e comunque ti faccio notare che nei miei argomenti, a differenza dei tuoi, non c'è alcun giudizio, soltanto una trattazione prettamente giuridica. La mia difficoltà è far capire i concetti a una persona non solo del tutto impreparata a semplici concetti giuridici (il contratto per esempio), ma anche del tutto acritica nella propria palese ignoranza, e che anzi, ritiene che il diritto sia quello che lui ritiene giusto, non il frutto di regole forgiate in secoli di saggezza e che per fortuna non si basano su ciò che ninjaverde ritiene sia giusto.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Ho capito vivo nel Paese degli Acciappacitrulli. :(
          • panda rossa scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: HappyCactus
            Cioè scusa, io rispondo sull'argomento, a te non
            piace la mia risposta e cerchi di psicanalizzarmi
            e poi mi dici di usare un metro a disposizione di
            tutti?Tu rispondi all'argomento con una generalizzazione palesemente falsa "non esiste niente gratis et amor dei".E poi ti risenti se ti si fa notare che hai preso una cantonata.Se hai dei problemi personali, vai a risolverteli fuori di qua.
            Ma suvvia. L'adozione del comportamento illegale
            (che parolone. Ci sarebbe da discutere su questo)
            non ti autorizza a commettere a tua volta un
            reato - questo si, plateale -.Non ho commesso nessun reato.Raccontar balle non e' reato.
            D'altra parte non
            hai alcun vincolo nell'accettare o meno il
            servizio, quindi è una tua scelta
            consapevole.
            Chi ruba ad un ladro, è parimenti un ladro. Adesso usre uno pseudonimo in rete e' diventato esser ladri.Pure tu quindi!
            In
            più l'illecito penale che tu commetti con il
            falso è più grave dell'illecito sicuramente
            civile ma non necessariamente penale commesso dai
            gestori del
            sito.Ma quale falso?E' un servizio in rete, che prevede l'iscrizione, e mi sono iscritto con un nick, esattamente come hai fatto tu qui su PI.

            Come se qualcuno con insistenza volesse
            attaccar

            bottone e chiedere informazioni su di te per
            un

            utilizzo evidentemente poco

            chiaro.

            Questo non ti autorizza a dargli un cartone sui
            denti. Adesso un nick equivale ad un cartone sui denti.
            Anche ammesso che si tratti di "legittima
            difesa", esiste un concetto che è quello
            dell'ecXXXXX di legittima difesa.EcXXXXX di legittima difesa e' quando ti ammazzo, non quando ti racconto una balla.



            Tu non hai la prontezza o la capacita' o la
            forza

            per rispondere come quello si merita e
            allora
            per

            togliertelo di torno gli racconti una

            balla.

            E' legittima difesa.

            Guarda, ti rivelerò una cosa. La legge non segue
            quelle che sono le TUE definizioni della realtà,
            come non lo fa il mondo intero. Puoi sbraitare,
            sbattere i piedini, insultare e urlare al
            complotto, ma ciò non cambia la sostanza delle
            cose, il tuo agire è lontano dalla legittima
            difesa di anni
            luce.Avranno buon gioco i loro avvocati.Ti faro' sapere come e' andata a finire...

            Non puoi certo essere accusato di aver
            rilasciato

            false generalita', anche perche' solo un
            pubblico

            ufficiale e' preposto a richiedere le

            generalita'. Gli altri

            no.

            Ma non diciamo fesserie! Per concludere un
            contratto occorre identificare i contraenti,A cominciare da chi vende.
            anzi, è conditio sine qua non per la conclusione
            dei contratti a distanza.Possono sempre sospendermi il servizio quando vogliono, se la fattura che avranno spedito chissadove gli ritorna indietro.
            Stai mescolando un sacco di concetti - che
            evidentemente non padroneggi - ma il fatto,
            ripeto, che tu ne sia convinto non cambia la
            sostanza delle cose.Amen.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: panda rossa
            Tu rispondi all'argomento con una
            generalizzazione palesemente falsa "non esiste
            niente gratis et amor
            dei".
            E poi ti risenti se ti si fa notare che hai preso
            una
            cantonata.No ciccio, non far finta di non ricordare come sono andate le cose.Una "generalizzazione palesemente false" è palese solo a te, visto che era chiaro dal contesto che si trattava di un punto di vista non assoluto neppure nel contenuto (basta leggere le frasi successive), e tu non mi hai fatto notare alcun ché , hai semplicemente asserito che ho dei problemi.Qui quello che sta facendo una plateale figura di sterco non sono io.
            Se hai dei problemi personali, vai a risolverteli
            fuori di
            qua.Scusa, non eri tu quello che pretendeva di psicanalizzarmi dicendomi di avere dei problemi con la generosità? Forse sei tu che dovresti stoppare qui la discussione, stai platealmente sbroccando.

            non ti autorizza a commettere a tua volta un

            reato - questo si, plateale -.

            Non ho commesso nessun reato.
            Raccontar balle non e' reato.Mica vero. Nell'ambito di un contratto costituisce senz'altro un comportamento che espone al reato di falso e forse di truffa, dipende ovviamente dal contesto.E' chiaro che non sai di cosa stai parlando, e il fatto che continui a dire di non aver commesso alcun reato mi fa pensare che forse stai prendendo coscienza della realtà delle cose.

            Chi ruba ad un ladro, è parimenti un ladro.

            Adesso usre uno pseudonimo in rete e' diventato
            esser
            ladri.
            Pure tu quindi!Ecco, sei sbroccato del tutto e non leggi.Ho affermato che commettere un reato nei confronti di una persona che ha perpetrato un altro reato non esime dalla gravità dell'atto. E dunque se rubi ad un ladro, sei un ladro.Eppure dal contesto mi sembrava chiaro che non mi riferissi al nickname. Purtroppo non posso farti un disegnino.
            Ma quale falso?
            E' un servizio in rete, che prevede l'iscrizione,
            e mi sono iscritto con un nick, esattamente come
            hai fatto tu qui su
            PI.Infatti anche iscrivendoti su PI hai stipulato un contratto, con tanto di obbligazioni nei confronti tuoi (ad esempio, quello di non insultare, purtroppo non quella di non dire XXXXXXX) e di PI (poche invero). La differenza è che nel caso di un contratto che preveda un pagamento, l'identificazione delle parti è strumentale al pagamento, nel caso di PI, no. Ma ciò non significa che tu possa utilizza un nick sempre anche nell'atto di stipulare il contratto.Sono due situazioni sostanzialmente diverse perché i termini del contratto sono diversi, ma l'ambito è lo stesso, due parti si impegnano a fare qualcosa.
            Adesso un nick equivale ad un cartone sui denti.Ok, è ufficiale, sei sbroccato completamente. Calmati perché è evidente che non sei lucido.
            EcXXXXX di legittima difesa e' quando ti ammazzo,
            non quando ti racconto una
            balla.Infatti non c'entra nulla con la fattispecie: non puoi invocare la legittima difesa. Nel tuo caso specifico opterei per l'infermità mentale, almeno a giudicare da quello che stai scrivendo ora.
            Avranno buon gioco i loro avvocati.
            Ti faro' sapere come e' andata a finire...Ma figurati.

            Ma non diciamo fesserie! Per concludere un

            contratto occorre identificare i contraenti,

            A cominciare da chi vende.Infatti, il "venditore" è assai chiaro, è quell'azienda con sede alle Seychelles. Del resto come potrebbero far valere i loro diritti, altrimenti?


            anzi, è conditio sine qua non per la
            conclusione

            dei contratti a distanza.

            Possono sempre sospendermi il servizio quando
            vogliono, se la fattura che avranno spedito
            chissadove gli ritorna
            indietro.L'avranno senz'altro fatto, ovvio. Ma potrebbero, in linea teorica, sporgere denuncia perché tu hai goduto di un indebito vantaggio a fronte di un'obbligazione che non volevi mantenere.Direi che gli estremi ci sono tutti.Faranno questo? secondo me no. Non hanno certo interesse ad alzare ulteriore attenzione su questa vicenda, se è vero che la loro condotta non è proprio irreprensibile.Io ritengo che in ogni caso, tu non avresti dovuto dare false generalità in un contratto, in primo luogo perché non ne avevi bisogno (quei programmi si trovano benissimo altrove), e poi per tua stessa tutela.Ma ognuno è libero di fare quello che vuole con il proprio XXXX, anche di giocare a palla avvelenata con una bomba a mano.


            Stai mescolando un sacco di concetti - che

            evidentemente non padroneggi - ma il fatto,

            ripeto, che tu ne sia convinto non cambia la

            sostanza delle cose.

            Amen.
      • umby scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        - Scritto da: HappyCactus
        Anche perché l'oggetto del contratto non è il
        software, ma l'acXXXXX al software (fa differenza
        sostanziale).In effetti rileggendo meglio, si paga l'iscrizione a diventare soci ...
        Quando educheremo le persone a diffidare comunque
        di tutto quello che c'è su internet? in
        particolare tutto quello che è "gratis"
        ???Su questo punto, non sono daccordo. Esistono tante e tante cose gratis, legali e pulite. Non bisogna fare di un filo d'erba un fascio.Bisogna educare le persone ad andare sui siti ufficiali piuttosto che scaricare da coloro che addirittura ti chiedono dati personali ...
        • HappyCactus scrive:
          Re: In effetti lo scrivono ...
          - Scritto da: umby

          Quando educheremo le persone a diffidare
          comunque

          di tutto quello che c'è su internet? in

          particolare tutto quello che è "gratis"

          ???

          Su questo punto, non sono daccordo. Esistono
          tante e tante cose gratis, legali e pulite. Non
          bisogna fare di un filo d'erba un
          fascio."Gratis" non è "libero", non confondere le cose.Esistono tante cose gratis, ma hanno sempre almeno dei paletti che vanno rispettati. Poi esiste tutto il resto che è "gratis" per modo di dire, perché richiedono una contropartita, SEMPRE. Sotto forma di dati personali, di pubblicità, o altro. Tutte cose legali, ma con trabbocchetti più o meno espliciti. L'attenzione deve essere ancora più alta quando si parla di internet, non perché sia in sé più insidiosa della vita reale, ma semplicemente perché non si ha la percezione di quello che accade a tutti i livelli. Ho detto di diffidare, ed è una legge universale. Sono gran poche le cose che sono realmente "gratis et amore dei". Esistono. Ma sono poche.
          Bisogna educare le persone ad andare sui siti
          ufficiali piuttosto che scaricare da coloro che
          addirittura ti chiedono dati personali
          ...Questo è un passo ben oltre, sarebbe sufficiente che la gente fosse educata a diffidare, ad usare il cervello e a sapere quello che sta facendo, in particolare quando si conclude un contratto.Ma soprattutto usare il cervello, sempre, non solo su internet!
    • ninjaverde scrive:
      Re: In effetti lo scrivono ...
      A scanso di equivoci, o di disattenzioni ed anche di spam:Compilare la richiesta di registrazione con dati fasulli: fine della fiera. :DPoi che vengano pure a cercare di farsi pagare e mandino pure mail a picopallo@pallo.i1 (rotfl)
      • HappyCactus scrive:
        Re: In effetti lo scrivono ...
        - Scritto da: ninjaverde
        Poi che vengano pure a cercare di farsi pagare e
        mandino pure mail a picopallo@pallo.i1Io personalmente non rischierei: anche perché quel software lì lo trovi tranquillamente anche senza commettere reati. Nel dubbio, meglio esser prudenti.Quando ti senti più furbo di qualcun altro, sei già a rischio.
        • ninjaverde scrive:
          Re: In effetti lo scrivono ...
          - Scritto da: HappyCactus
          - Scritto da: ninjaverde

          Poi che vengano pure a cercare di farsi
          pagare
          e

          mandino pure mail a picopallo@pallo.i1

          Io personalmente non rischierei: anche perché
          quel software lì lo trovi tranquillamente anche
          senza commettere reati. Nel dubbio, meglio esser
          prudenti.
          Quando ti senti più furbo di qualcun altro, sei
          già a
          rischio.Sì ma in questo casi chi ha commesso il reato?L'estortosore o chi ha dato dati fasulli?E' quasi come il pagare una estorsione con denaro fasullo.Allora l'estorsore truffato va dalla polizia a lamentarsi e a fare denucia? Già non è mai sucXXXXX!Poichè l'equivoco consiste nell'ingannare (approfittando di una non buona attenzione) richiedendo dati personali a scopo di non ben precisata "iscrizione". Ma se sappiamo di non essere sempre attentissimi, o di saper a prescindere di essere "tracciati" o semplicemente a rischio di spam, abbiamo comunque diritto di mantenere i nostri dati personali al sicuro per quanto possibile.Il reato che citi può essere tale se dichiaro il falso ad una autorità, non ad un pincopallo qualsiasi.Questo non ha le caratteristiche di falso in atto pubblico, tutt'alpiù potrebbe essere un atto privato. Quindi è chi propone il contratto che dovrebbe cautelarsi... ma dato che è un semi-truffatore non lo fa.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde

            Quando ti senti più furbo di qualcun altro,
            sei

            già a

            rischio.

            Sì ma in questo casi chi ha commesso il reato?
            L'estortosore o chi ha dato dati fasulli?Estorsore ??? ma chi ha parlato di estorsione (che evidentemente non sai cosa significa)?Il reato l'ha commesso lui inserendo dati falsi, questo è un dato di fatto. L'azienda forse ha commesso un illecito, può darsi - ma non è così scontato - che ci sia l'estremo della truffa.Ma questo cosa c'entra??? Ribadisco, chi ruba ad un ladro, è un ladro anch'esso, non c'è scusante.
            E' quasi come il pagare una estorsione con denaro
            fasullo.Che è un reato.
            Allora l'estorsore truffato va dalla polizia a
            lamentarsi e a fare denucia? Certo, lo può fare. Sarebbe furbo farlo? chissà. Dipende dalla gravità del reato e dai danni cagionati.
            Già non è mai
            sucXXXXX!Suvvia!Pensi di essere innocente se bastoni chi ti ha insultato ?
            Poichè l'equivoco consiste nell'ingannare
            (approfittando di una non buona attenzione)
            richiedendo dati personali a scopo di non ben
            precisata "iscrizione". Ma se sappiamo di non
            essere sempre attentissimi, o di saper a
            prescindere di essere "tracciati" o semplicemente
            a rischio di spam, abbiamo comunque diritto di
            mantenere i nostri dati personali al sicuro per
            quanto
            possibile.
            Il reato che citi può essere tale se dichiaro il
            falso ad una autorità, non ad un pincopallo
            qualsiasi.Non ti improvvisare avvocato, ti riesce male. Il "falso materiale" e la "sostituzione di persona" sono reati a prescindere da chi hai davanti, per tua informazione.
            Questo non ha le caratteristiche di falso in atto
            pubblico, e chi ha parlato di "atto pubblico"?
            tutt'alpiù potrebbe essere un atto
            privato. Quindi è chi propone il contratto che
            dovrebbe cautelarsi... ma dato che è un
            semi-truffatore non lo
            fa.Stai evidentemente parlando di cose che non conosci, e questo è molto triste, perché evidenzia come il semplice fatto di ritenere di aver ragione possa indurre le persone, te in questo caso, nell'insistere di aver ragione anche davanti ad un giudice o comunque in assoluto, come se la legge ed il diritto fossero un qualcosa che si possono piegare ed adattare alla bisogna.Ahimè, purtroppo non è così. Bisogna conoscere a fondo le conseguenze delle proprie azioni, soprattutto quando coinvolgono contratti e obbligazioni, ma a scuola l'educazione civica - che dovrebbe dare questi fondamenti - non la insegnano, ed ecco il risultato.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...

            E' quasi come il pagare una estorsione con
            denaro

            fasullo.

            Che è un reato.Tipico.Ti ricordi tanti fim sui rapimenti quando la polizia prepara la valigia con denaro fasullo?Non dirmi che quelli sono solo film.Pagare un reato con carta straccia non è un reato. Informati meglio.Altrimenti apro anche io un sito ed in prima pagina scrivo free e propongo un programma interessante scaricato illegalmente.Poi chiedo una sottoscrizione. E scrivo in piccolo che si deve pagare.Poi pretendo un pagamanto.Se non si paga faccio causa.Quindi vinco le cause oppure cerco di perseguire chi mi manda dati fasulli.Questo succede appunto nel paese degli Acchiappacitrulli.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde

            E' quasi come il pagare una estorsione con

            denaro


            fasullo.



            Che è un reato.

            Tipico.
            Ti ricordi tanti fim sui rapimenti quando la
            polizia prepara la valigia con denaro
            fasullo?
            Non dirmi che quelli sono solo film.
            Pagare un reato con carta straccia non è un
            reato. Informati
            meglio.Perché lo dici tu o puoi citarmi un articolo di legge che lo spiega?e come mai, nel tuo mondo fatato, lo può fare solo le f.d.o. sotto ben precise condizioni, e non chiunque? Forse perché non è un pagamento?Suvvia... gli esempi devono essere calzanti, non buttati lì, altrimenti evidenzi ancora di più la tua ignoranza.
            Altrimenti apro anche io un sito ed in prima
            pagina scrivo free e propongo un programma
            interessante scaricato
            illegalmente.
            Poi chiedo una sottoscrizione. E scrivo in
            piccolo che si deve
            pagare.E' qui il problema, in questa riga.
            Poi pretendo un pagamanto.
            Se non si paga faccio causa.A parte la clausola in piccola, che deve rispettare diverse condizioni, non ci vedo nulla di strano.
            Quindi vinco le cause oppure cerco di perseguire
            chi mi manda dati
            fasulli.Se riesci a vincere le cause, bene. Però ti informo che le cause non si vincono perché lo decidi tu, grazie al cielo c'è un giudice che valuta la fattispecie e decide. Il giudice prevedibilmente dirà che, visto che le clausole vessatorie non sono state scorporate dal resto del contratto, non sono applicabili, oppure che il contratto è ingannevole. Non ci vedo nulla di strano. In uno stato di diritto.Magari nel mondo dell'assurdo funziona come dici tu, non so.
            Questo succede appunto nel paese degli
            Acchiappacitrulli.Stai sparando esempi stupidi a ripetizione.E comunque tutto ciò nulla c'entra con l'argomento. Quel che non capisco è dove vuoi arrivare, visto che mescoli argomenti senza un preciso filo logico. Tutto ciò fa solo pensare che tu stia menando il can per l'aia senza una logica.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Mi spiace ma tu stai trollando quindi non rispondo.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Mi spiace ma tu stai trollando quindi non
            rispondo.Non c'è problema, non è un'uscita di scena molto onorevole, ma rispetto la tua decisione.Cheers.
          • ninjaverde scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: ninjaverde

            Mi spiace ma tu stai trollando quindi non

            rispondo.

            Non c'è problema, non è un'uscita di scena molto
            onorevole, ma rispetto la tua
            decisione.

            Cheers.Ma visto che fai polemiche giuridiche ed io non sono nè giudice nè avvocato, non vedo il merito di continuare.A meno che tu abbia la qualifica di giudice ed allora puoi fare delle affermazioni autorevoli altrimenti è tutta acqua fritta.
          • HappyCactus scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            - Scritto da: ninjaverde
            Ma visto che fai polemiche giuridiche ed io non
            sono nè giudice nè avvocato, non vedo il merito
            di
            continuare.
            A meno che tu abbia la qualifica di giudice ed
            allora puoi fare delle affermazioni autorevoli
            altrimenti è tutta acqua
            fritta.Come credi. Anche questa è un po' scarica, soprattutto dopo la precedente. Ma per me è ok.Ciao stammi bene.
          • Danilo Bergonzi scrive:
            Re: In effetti lo scrivono ...
            Ho letto con attenzione le tue argomentazioni. Comprendo il tuo approccio analitico e sebbene non sia un esperto in giurisprudenza, credo che ci siano dei punti difficilmente difendibili:1. un contratto siglato da minore2. conferma dell'attivazione del contratto che dovrebbe essere ricevuta dal contraente (sia esso voluto o incidentale)3. come giustifichi il fatto che l'antitrust stia procedendo per la chiusura del sito? http://www.webnews.it/2011/08/30/aduc-sanzioni-italia-programmi-net/Ripeto, oggettivamente hai ragione, ma nella sostanza la procedura di associazione è ambigua e volutamente, dico io, impostata per indurre all'errore.
Chiudi i commenti