Un supercomputer simulerà il Big Bang

Uno dei supercomputer più potenti d'Europa avrà il compito di fare luce sulle origini dell'universo e simularne l'evoluzione


Londra – Sarà un supercomputer a dirci come è quando è nato con esattezza l’universo? Gli scienziati dell’Università di Durham, in Inghilterra, lo sperano davvero, anche perché sul progetto sono già stati investiti 2 milioni di dollari.

Il supercomputer, battezzato “Cosmology Machine”, è stato costruito da Sun ed è in grado di eseguire 10 miliardi di calcoli al secondo. Questo piccolo mostro, uno dei computer più potenti installati in Europa, verrà impiegato dagli scienziati dell’Institute for Computational Cosmology per rispondere alle mille domande che ancora assillano gli studiosi in merito alla creazione dell’universo e alla teoria del Big Bang.

“La nuova macchina – ha detto Carlos Frenk, uno degli scienziati a capo del progetto – ci consentirà di ricreare l’intera evoluzione dell’universo, dal Big Bang fino al presente”.

La Cosmology Machine elaborerà i dati raccolti da migliaia di osservazioni riguardanti il comportamento delle stelle, i gas, le galassie e la misteriosa materia nera che si trova nell’universo, ed in base a queste informazioni avrà il non facile compito di simulare la nascita e l’evoluzione delle galassie e del sistema solare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Molto meglio Loquendo
    molto ma molto meglio Loquendo (http://actor.loquendo.com/actordemo/), redazione...please check it!
  • Anonimo scrive:
    ha ha ha
    che scarica di post veramente divertenti!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ha ha ha
      - Scritto da: n
      che scarica di post veramente divertenti!!Sai com'è, non tutti si divertono scannandosi a vicenda. Abbi pazienza, siamo menti semplici...
    • Anonimo scrive:
      Re: ha ha ha
      - Scritto da: n
      che scarica di post veramente divertenti!!Sai com'è, qualcuno si diverte a flammare e a scannare gli altri, mentre noi menti semplici siamo felici così. Porta pazienza.
      • Anonimo scrive:
        Re: ha ha ha
        OPS, che figura barbina... Mi è saltato il collegamento mentre spedivo la risposta (grazie telecom) e non pensavo che avesse fatto in tempo ad arrivare! Zorry!!! 8)
  • Anonimo scrive:
    fa schifo
    e' molto meglio loquendohttp://actor.loquendo.com/actordemo/
  • Anonimo scrive:
    deja-vu
    Non vorrei dire (e non vorrei passare per l'ennesimo vecchiaccio nostalgico), ma la vecchia narrator.device dell'Amiga (soprattutto quella del Workbench 2.04) unita alla translator.library faceva già la sua bella figura nel campo della sintesi vocale (leggi: numerosi accenti e inflessioni, tra cui addirittura il Klingon!!!).Tant'è vero che già nell'86 qualcuno usava Amy come segreteria telefonica!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: deja-vu
      Ecco.. mi hai fatto piangere ! CONTENTO ?!?!?!?:.(
      • Anonimo scrive:
        Re: deja-vu
        - Scritto da: Zibri
        Ecco.. mi hai fatto piangere ! CONTENTO
        ?!?!?!?
        :.(Ti faccio smettere di poangere io: a ottobre - novembre uscira' il WorkBench 4.0 per i386.Speriamo bene.
    • Anonimo scrive:
      Re: deja-vu
      - Scritto da: Alex
      Non vorrei dire (e non vorrei passare per
      l'ennesimo vecchiaccio nostalgico), ma la
      vecchia narrator.device dell'Amiga
      (soprattutto quella del Workbench 2.04)
      unita alla translator.library faceva già la
      sua bella figura nel campo della sintesi
      vocale (leggi: numerosi accenti e
      inflessioni, tra cui addirittura il
      Klingon!!!).
      Tant'è vero che già nell'86 qualcuno usava
      Amy come segreteria telefonica!!!Mi hai veramente tolto le parole di bocca, dopo aver letto l'articolo stavo venendo qui per scrivere le stesse cose che hai scritto tu.Piango anche io...UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!In quei tempi il PC aveva risoluzioni penose e un audio ancora + penoso... quanto godevo.UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!UUUUHAAAAA!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: deja-vu
      e chi si ricorda del modulo vocale per VIC20 che oltre a poterlo "programare" a fonemi "leggeva" i tasti premuti?ricordo ancora il suo nasalissimo "return"snif
Chiudi i commenti