Un thin-client invece della presa elettrica

Si chiama Jack PC ed è la killer app di una giovane azienda informatica: un thin-client delle dimensioni di una presa di corrente, pronto per essere installato su muro. Un computer da muro da 5 watt

Londra – Il prodotto di punta di ChipPC , dinamica azienda nata nel 2005, è una presa elettrica molto particolare: si chiama JackPC e nonostante l’aspetto, sicuramente insolito, è un thin-client supercompatto basato su architettura AMD RISC. Con un consumo energetico di appena 5 watt, JackPC usa il sistema operativo Windows CE e può diventare un “terminale leggero” per qualsiasi applicativo server-based.

Andy MacLellan, responsabile del distaccamento britannico di ChipPC, è stato intervistato da ZDNet ed ha spiegato alcune delle caratteristiche fondamentali del thin-client : “Il punto di forza di JackPC è la sua efficienza energetica: si può alimentare direttamente dalla connessione di rete, sfruttando le specifiche della tecnologia Power over Ethernet “.

Il pc da presa JackPC è dotato di scheda grafica, e processori AMD RISC di velocità fino a 500MHz, insieme a 128MB di memoria RAM. MacLellan parla di JackPC come “una delle più grandi invenzioni mai realizzate nel settore informatico, specialmente adesso che i thin-client, in molti campi, sono destinati a rimpiazzare i computer tradizionali”.

Un’osservazione intrigante: specialmente per quanto riguarda il settore della microproduttività , con un numero sempre maggiore di applicativi online può cadere la necessità di un computer desktop sul tavolo del proprio ufficio. Più l’informatica si addentra nell’era del cosiddetto “web 2.0”, basato su soluzioni di sviluppo come AJAX , minore diventa il bisogno di avere accesso locale a software specialistici.

JackPC innescherà una rivoluzione? Forse no: il prezzo del terminale è ancora troppo alto rispetto a quello di un computer tradizionale. Un modello di JackPC costa 200 sterline, pari a quasi 300 euro: senza tastiera e senza monitor. L’era dei thin-client può attendere?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Garson Poole scrive:
    Re: Disney, parte la vendita di film onl
    Forse fra un pò di tempo...un torrente di risate li seppelliranno :oMa non credo. La disney è una dellemaggiori multinazionali...però i fil che fà la pixar sono uno più bello dell'altro :)
  • Anonimo scrive:
    Se li possono tenere!!
    solito discorso, un utente medio non prenderebbe nemmeno in considerazione l'ipotesi di comprare film non portabili...e un novizio smetterebbe di farlo dopo il primo acquisto
  • Anonimo scrive:
    Re: Disney, parte la vendita di film online
    Non capisco. Si moltiplicano le occasioni di pirateria e poi dobbiamo pagare noi perche' la Disney veda riconosciuti i propri diritti (o melgio i propri introiti)Dovrebbero vietarla la vendita on line a meno che l'azienda che vende non rinunci a farci spendere una montagna di soldi in indagi su presunti illeciti.Insomma se non vogliono essere piratati dovrebbero smettere di agitare il mantello rosso sotto il naso del toro...
  • gioverone scrive:
    Re: Disney, parte la vendita di film onl
    Li compresrò subito hua hua hua!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti