Un videogame per gesticolare come gli iracheni

I finanziamenti DARPA portano alla realizzazione di un gioco che consentirà ai Marines di dialogare meglio con i cittadini iracheni. In via di sviluppo versioni per Afghanistan e Libano


St Louis (USA) – Come insegnare ad un marmittone a comunicare in maniera adeguata con il popolo iracheno? Questa dev’essere stata la domanda che si sono posti al Pentagono, e che ha trovato una risposta nello sviluppo di un vero e proprio videogioco che permetterà all’esercito di stanza in Iraq, di imparare la gestualità e qualche convenevole tipico di quelle zone.

Come all’interno di un gioco di ruolo, l’utente è chiamato a confrontarsi con “personaggi non giocanti” iracheni e a scambiare qualche battuta con tanto di gesti. Nella cultura araba la comunicazione del corpo viene considerata importante come quella verbale.

Grazie al coinvolgimento della University of Southern California – e i finanziamenti della Defence Advanced Research Projects Agency ( Darpa ) – il “training tool”, denominato Tactical Iraqi , è diventato il momento di pseudo-intrattenimento della giornata di tanti militari. Se poi si considera che il motore grafico è quello dell’acclamato FPS Unreal Tournament , è evidente che, almeno sotto il profilo visivo, il prodotto non può che essere “ammiccante”.

L’obiettivo, comunque, è quello di formare i soldati per evitare che alcuni gesti o parole possano essere fraintesi come azioni offensive. Il giocatore, infatti, deve destreggiarsi in situazioni tipiche del quotidiano reale, utilizzando la gestualità e la comunicazione appropriata in lingua irachena.

“In Iraq per mostrare sincerità bisogna fare attenzione ai propri gesti. Nella cultura araba questo dimostra quanto si sia aperti e disponibili”, ha dichiarato Hannes Vilhjalmsson, ricercatore presso University of Southern California, durante l’ultimo meeting di St Louis dell’American Association for the Advancement of Science ( AAAS ). “Un maggiore contatto con la popolazione locale non può che favorire un allentamento della tensione”.

Secondo Vilhjalmsson il “gioco”, testato inizialmente fra i Marines, ha dato risultati positivi. Così incoraggianti da aver convinto University of Southern California a lavorare su altre versioni del gioco , sviluppate espressamente per l’Afghanistan (Tactical Pashto), per il Libano (Tactical Levantine) e altre zone “calde”.

Negli Stati Uniti la formazione videoludica non è una novità. Basta ricordare il progetto del Center for Disease Control and Prevention per scopi sanitari e il gioco Americàs Army per favorire il reclutamento e divulgare le tecniche militari di base.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fanno presto
    Quattro foto e hanno già schedato il 99% della popolazione.
  • Anonimo scrive:
    Distinguere un singolo volto tra solo
    ...un miliardo e rotti di cinesi. Miseriaccia, se ci riescono, sono veramente dei... draghi :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Distinguere un singolo volto tra sol
      Senza contare che sono tutti uguali :D - Scritto da: Anonimo
      ...un miliardo e rotti di cinesi. Miseriaccia, se
      ci riescono, sono veramente dei... draghi :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Distinguere un singolo volto tra sol
        e senza contare che basta farsi crescere la barba (anche se il cinese medio non ce l'ha, ma vabbè) per diventare potenzialmente un'altra persona.
        • Anonimo scrive:
          Re: Distinguere un singolo volto tra sol
          - Scritto da: Anonimo
          e senza contare che basta farsi crescere la barba
          (anche se il cinese medio non ce l'ha, ma vabbè)
          per diventare potenzialmente un'altra persona.Come no, una barba e un cappello e sei tutto un altro volto.http://chir.ag/stuff/mcbrg.jpg
      • Anonimo scrive:
        Re: Distinguere un singolo volto tra sol
        - Scritto da: Anonimo
        Senza contare che sono tutti uguali :D

        - Scritto da: Anonimo

        ...un miliardo e rotti di cinesi. Miseriaccia,
        se

        ci riescono, sono veramente dei... draghi :)al di la' delle ovvie battute cmq i software di riconoscimento si basano su misure biometriche, ovvero tratti caratteristici del volto, come dimensioni, distanze tra occhi, naso, bocca, orecchie.. etc etc...resta il fatto che schedare un miliardo e mezzo di persone e' un'opera non da poco, anche in un paese che non ha molti problemi di privacy (nel senso che se ne frega abbastanza e che nessuno osa protestare)
      • Anonimo scrive:
        Re: Distinguere un singolo volto tra sol
        - Scritto da: Anonimo
        Senza contare che sono tutti uguali :D Anche noi per loro ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Distinguere un singolo volto tra sol
      - Scritto da: Anonimo
      ...un miliardo e rotti di cinesi. Miseriaccia, se
      ci riescono, sono veramente dei... draghi :)Considerando poi che i cinesi avranno 3/4 tipi di faccia diversa in tutto e solo una decina di nomi e cognomi diversi a disposizione,la vedo veramente dura riuscire a distinguerli!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Distinguere un singolo volto tra sol
      - Scritto da: Anonimo
      ...un miliardo e rotti di cinesi. Miseriaccia, se
      ci riescono, sono veramente dei... draghi :)Gia' la cosa di cui praticamente tutti si scordano e' che i "precisissimi" e promettenti sistemi biometrici hanno un error rate (nelle ipotesi migliori e piu' costose) del 1.5 o 2 % il che fa su un miliardo e 300 milioni di persone la bellezza di 19.500.000 oppure 26.000.000 (praticamente oltre meta' della popolazione italiana totale) di errore MATEMATICO..In pratica ha la certezza matematica che il tuo error rate e' maggiore della intera popolazione carceraria attuale in cina!Veramente promettente!Se poi si aggiunge che questi dati vanno accoppiati con un data base (dati immessi da umani) il cui error rate medio e' vicino al 10% si ricava un risultato veramente promettente!Suppongo che fare il secondino sia il "mestiere del futuro" :-) :) :) :)
  • Anonimo scrive:
    5 --
    Meno anonimo e più affascinante.
Chiudi i commenti