Una cella solare alla clorofilla

Alcuni scienziati del MIT hanno svelato una cella solare capace di convertire l'energia luminosa in energia elettrica grazie alle stesse sostanze contenute nella clorofilla delle piante


Roma – Un gruppo di scienziati americani ha sviluppato un dispositivo che converte la luce solare in energia elettrica ispirandosi al principio di funzionamento della fotosintesi clorofilliana delle piante.

In un articolo apparso su NewScientist.com si spiega che alcuni ricercatori del MIT hanno costruito una cella solare che integra un complesso vitaminico derivato dal cloroplasto degli spinaci con dei semiconduttori organici. I cloroplasti sono corpuscoli verdi contenenti la clorofilla e preposti alla fotosintesi clorofilliana, un processo che nelle piante trasforma l’energia luminosa in energia chimica.

“La natura fa questo da miliardi di anni”, ha affermato Shuguang Zhang, uno dei ricercatori a capo del progetto. “E’ questa la prima volta che si è riusciti a sfruttare la fotosintesi in un dispositivo elettronico”.

Zhang ha spiegato che le celle fotovoltaiche organiche sono molto più sottili e leggere di quelle tradizionali e, sebbene al momento riescano a convertire in corrente elettrica solo il 12% della luce, in futuro promettono di raggiungere un’efficienza di gran lunga superiore a quella delle celle tradizionali.

Gli scienziati ammettono tuttavia che il loro sistema è ancora molto rudimentale: prima di vedere le prime applicazioni pratiche ci vorranno probabilmente ancora molti anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    fuori di zucca!
    E' gia' triste che le Flash abbiano gia 102 standard.Solo Sony ha prootto 4 standard parzialmente o completamente incompatibili fra di loro. Certo la CF, l' unica che vorrei su di un macchietta digitale, basta e avanza: dopotutto l' unica applicazione + vorace di una CF e' il video.... ma le videocassette DV con 25 Mb/s e prezzi non confrontabili con i vari DVD, flash o microdrive.La proliferazione degli standard serve solo a mantenere leadership con i brevetti. Dopo che si fa produrre in cina non si puo' pretendere che i cinesi non producano la stessa roba (o quasi) se non fregandoli con i brevetti. E' questo il motivo delle varie memori stick, sd, pirippipi'.... Poi pero' le CF costano la meta' o un terzo e non scadono come la mozzarella.Poi i cinesi producono gli SVCD per evitare di pagare i DVD. Poi ..... (a piacimento)Basta con fomati inutili!!!Claudio
    • Anonimo scrive:
      Re: fuori di zucca!
      Forse a TE andranno bene le CF, ma nell'ottica della miniaturizzazione sono (giustamente) destinate a sparire.Costano poco perchè la legge della domanda e dell'offerta è spietata e non guarda in faccia a nessuno...Io nei miei vari dispositivi uso CF, SD e MMC. SD e MMC sono intercambiabili (praticamente tutti i dispositivi che leggono una leggono anche l'altra) e se il nuovo formato di MMC ne migliora le caratteristiche di velocità, consumo e disponibilità di spazio ben vengano... intanto questo contribuirà a far abbassare i prezzi degli standard meno recenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: fuori di zucca!
        - Scritto da: Anonimo
        Forse a TE andranno bene le CF, ma
        nell'ottica della miniaturizzazione sono
        (giustamente) destinate a sparire.Gia', se una macchietta digitale fa cosi' schifo da essere + piccola di una CF (ricordiamo le leggi dell' ottica) forse abbisognera' di qcosa d'altro.Non mi sembra che il mio telefono P800, per esempio, aveva necessita' di una memory stick duo bis, sostanzialmnte illeggibile da una macchina fotografica Sony con 2 anni alle spalle nonostante l' adattatore. 2 mm in piu' non avrebbero appesantito il citofono. In oltre in zona batteria si poteva limare qualcosa.
        Io nei miei vari dispositivi uso CF, SD e
        MMC. SD e MMC sono intercambiabili
        (praticamente tutti i dispositivi che
        leggono una leggono anche l'altra) Non mi sembra che in uno slot mmc tu possa infilare una CF in uno slot SD (eccetera eccetera)Inoltre alcune standard non sono compatibili con loro stessi. Certo che se mi parli dei lettori multi card il disorso cambia. Peccato che siano + grossi di qualsiasi oggetto digitale.
        nuovo formato di MMC ne migliora le
        caratteristiche di velocità,chissenefrega. Devi fare montaggio video?
        e disponibilità di spazio in cambio di nuove incompatibilita'
        vengano... intanto questo contribuirà
        a far abbassare i prezzi degli standard meno
        recenti.che costano meno perche' meno complicati. un controller integrante un processore ARM7 a 32 bit non te lo regala nessuno!Claudio
        • Anonimo scrive:
          Re: fuori di zucca!
          quoto tutto.Ho il tuo stesso problema fra p800 e digitale Sony...nella mia beata innocenza volevo scattare delle foto decenti e spedirle via mms o allegarle ad un email usando la stessa memory stick e l'adattatore ...vabbèNe ho le balle piene di tremila formati incompatibili, il risultato è che non compro più nulla
          • Anonimo scrive:
            Re: fuori di zucca!

            Ne ho le balle piene di tremila formati
            incompatibili, il risultato è che non
            compro più nullaperche'? basta evitare i formadi del tubo.Non uso macchiette fotografiche, per il momento, e lo slot nel p800 e' "una roba in piu" non ricercata.Basta scegliere formati STANDARD.la CF anziche' la mmd/fg-4 ver 3.8Le pile stilo, ove possibile, anziche' formati proprietari legati ad un UNICO apparecchio.Evitare SATA finche' non sara' stabile.... oltretutto il vecchio ATA e'+ veloce di qualsiasi hdd...Evitare auto come la suv lexus che hanno una gomma propietaria (e non e' l' nica).usare files standard: i love you insegna.Semplicemente capire se l' ultima novita' e' tale per ragioni di marketing o portano a veri vantaggi per l' utilizzatore.
        • avvelenato scrive:
          Re: fuori di zucca!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Forse a TE andranno bene le CF, ma

          nell'ottica della miniaturizzazione sono

          (giustamente) destinate a sparire.
          Gia', se una macchietta digitale fa cosi'
          schifo da essere + piccola di una CF
          (ricordiamo le leggi dell' ottica) forse
          abbisognera' di qcosa d'altro.apparte che giudicare la qualità di una macchina fotografica solo in relazione alle dimensioni dell'ottica ti qualifica né più né meno che con l'appellativo di "turista giapponese", perché ti ci vedo benissimo con una reflex da due quintali e mezzo in giro a far foto.a volte (non sempre) conta anche l'ergonomia. Tipo la mia ixus iis, che fa foto... così... però me la metto in tasca e la porto ovunque!e poi mica ci sono solo fotocamere!ci sono palmari, lettori mp3, e infinità di altre applicazioni.
          Non mi sembra che il mio telefono P800, per
          esempio, aveva necessita' di una memory
          stick duo bis, sostanzialmnte illeggibile da
          una macchina fotografica Sony con 2 anni
          alle spalle nonostante l' adattatore. 2 mm
          in piu' non avrebbero appesantito il
          citofono. In oltre in zona batteria si
          poteva limare qualcosa.
          la sony è famosa per queste scelte infelici.

          Io nei miei vari dispositivi uso CF, SD
          e

          MMC. SD e MMC sono intercambiabili

          (praticamente tutti i dispositivi che

          leggono una leggono anche l'altra)

          Non mi sembra che in uno slot mmc tu possa
          infilare una CF in uno slot SD (eccetera
          eccetera)
          Inoltre alcune standard non sono compatibili
          con loro stessi.
          Certo che se mi parli dei lettori multi card
          il disorso cambia. Peccato che siano +
          grossi di qualsiasi oggetto digitale.stava parlando dell'intercambiabilità tra SD e MMC. Che c'entrano le CF?

          nuovo formato di MMC ne migliora le

          caratteristiche di velocità,
          chissenefrega. Devi fare montaggio video?no, ma hai mai provato a salvare 256gb di roba a 10k/s?



          e disponibilità di spazio
          in cambio di nuove incompatibilita'


          vengano... intanto questo
          contribuirà

          a far abbassare i prezzi degli standard
          meno

          recenti.
          che costano meno perche' meno complicati. un
          controller integrante un processore ARM7 a
          32 bit non te lo regala nessuno!
          vero.
          Claudio
          • Anonimo scrive:
            Re: fuori di zucca!

            alle dimensioni dell'ottica ti qualifica
            né più né meno che con
            l'appellativo di "turista giapponese",
            perché ti ci vedo benissimo con una
            reflex da due quintali e mezzo in giro a far
            foto.

            a volte (non sempre) conta anche
            l'ergonomia. Tipo la mia ixus iis, che fa
            foto... così... però me la
            metto in tasca e la porto ovunque!Sui 5Kg della mia macchina fotografica hai ragione, ma la DIMENSIONE dell' obiettivo dipende dalla diagonale del sensore (o pellicola: il cerchio di copertura) e dalla luminosita' da ottenersi.Sotto certe densita' dei fotoricettori, alle quali tristemente siamo gia' giunti, lo spazio delle dimensioni dei sensori sono inferiori a quelle dell' elettronica di contorno. Alias e' necessario introdurre amplificazione e disturbo al cubo per compensare la corsa verso il piccolo.Scendendo ancora i fotodiodi divengono dimensionalmente simili alla lunghezza d' onda da riprendere... alcune delle abberrazioni sono oggi gia' visibili in alcuni modelli.La mancanza cronica di grandangolari fa parte della difficolta' di infilare la luce angolata in un buchetto troppo piccolo.Quindi la dimensione NON puo' scendere sotto certe dimensioni (diciamo almeno 40 mm di diamero della lente ? sparo.) salvo avere una qualita' da usa e getta. Che costa molto, ma molto meno.

            e poi mica ci sono solo fotocamere!
            ci sono palmari, lettori mp3, e
            infinità di altre applicazioni.

            no, ma hai mai provato a salvare 256gb di
            roba a 10k/s?la cf deriva dai seagate ST (pc XT, ricordi divenuti ATA) capaci come controller di veicolare 3Mb/s = 24h per 256Gb (ovvero 32GB una capacita' oggi, e ancora per parecchio inesistente. alcuni formati si fermano a 0.5GB)Potresti pero' scoprire che le versioni moderne delle CF accreditate di farcela in meno di un ora, tempo assai interessante per la fantaflash da 32GB, non ti sarebbero di nessun aiuto con le periferiche oggi in commercio.La sfigatissima UniversalStupidBus non sarebbe in grado di gestire un traffico complesso e articolato senza azzopparti il transfert rate.Forse usando la odiata e standard (eccirisiamo) firewire riuciresti a ottenere prestazioni "umane". Sempre di avere un hdd strabiliante sul tuo pc.Mi stanno bene le migliorie, ma sono inutili quando costano di piu' e non danno nulla in cambio.La nuova flash e' piu' piccola: in un coso mp3 avere 6 grammi in + (magari compensati da -10 grammi in meno di controller e relative batterie) non e' la morte di nessuno.Con l' usb non fast e' invisibile la velocita... e con quella fast e' da dimostrare (soprattutto se sul chain hai collegato qcosa d'altro)Costa di piu'e' incompatibile con le altre flashnon vedo vantaggi per i prossimi 4 / 5 anni. Poi ci risentiamo. Ma forse anche il nuovo formato sara' vecchio. Magari faranno delle FF (fantaflash) con connettore ultra micro scsi o con connessione ottica da favola.Claudio
Chiudi i commenti