Una città interamente wi-fizzata

Rete a banda larga, libera e gratuita per tutti, disponibile in ogni luogo, per trasformare la vita e la partecipazione nel digitale. E' la visione-shock dell'amministrazione comunale di St. Louis. Wireless in canoa e nei viali

Roma – Iperconnessione? Connessione continua? Ambiente connesso? Città neoborg? Si può definire in tanti modi la visione degli amministratori cittadini di St. Louis, una visione che scarta a sinistra della connettività tradizionale per mettere in campo antenne wi-fi ad accesso libero.

Ci sono proprio la gratuità, la banda larga e la disponibilità diffusa di connettività nella testa del sindaco e dei suoi consiglieri, che vogliono trasformare St. Louis da affascinante città del Missouri a cuore della tecnofollia wireless.

L’idea è semplice: incaricare un’azienda locale – che ha già donato decine di migliaia di dollari in materiali – e installare antenne wi-fi nel centro cittadino, inizialmente per 42 blocks e poi, via via, per tutte le altre aree cittadine.

La visione-shock è quella di parchi nei quali passeggerà la wi-fi people , che in una mano terrà il portatile wi-fi e nell’altra la mano dell’amato bene, è quella di businessman sempre più multitasking, è quella di studenti destinati a trovare nel proprio notebook molte delle risposte che andavano cercando, è quella di turisti che sorpresi dal wi-fi non riusciranno più a lasciar la città.

Una veduta di St. Louis Ma è senz’altro la gratuità del servizio a portare maggior lustro al progetto, per lo sconforto di un manipolo di imprenditori locali, quelli che negli internet café hanno trovato un business serio e intelligente. Per ora reggono, perché gli aggeggi wired e soprattutto la cultura della connettività tradizionale son duri a morire, ma un domani il wi-fi cittadino potrebbe crear loro non pochi problemi: quello che offrono loro si paga. D’altra parte tutti gli analisti quando divagano sul wi-fi, chi più chi meno, preconizzano esplosioni, fuoco e fiamme, di tutto e di più. O sbagliano tutti o sta per succedere qualcosa.

Non è certo l’amministrazione comunale, peraltro, a preoccuparsi di chi potrebbe rimanere indietro e soffrire il cambiamento. “Le aspettative del sindaco – ha dichiarato ai giornali un consigliere comunale – sono quelle di rendere St. Louis un centro competitivo tecnologico e globale. Una grande sfida, ma quando si guarda alla pervasività e alla densità della tecnologia in città, allora si capisce che è una sfida che può essere vinta”.

Se tutto va bene le prime sei antenne wi-fi, destinate a creare invisibili cupole di banda larga gratuita, dovrebbero essere attive già entro poche settimane. Solo da quel momento sarà possibile verificare se il broad band liberamente disponibile in formato wireless è davvero destinato a cambiare il modo di vivere di una città già fortemente digitalizzata.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quale' la novita?
    in svizzera si fa anche il il formulario per il censimento annuale via internet... e non bisogna usare per forza windows! :-P--Pascal
  • Anonimo scrive:
    Bush
    Sarà contento Bush, che già quando è stato Eletto (?) ha imbrogliato con le buste premandate.Magari fanno così anche nel 2006 con quel maiale di berlusca.
  • Anonimo scrive:
    Re: Solo per windows
    - Scritto da: Friday
    Minimum Computer Requirements
    1. a Windows-based computer (Windows 95, 98,
    ME, 2000, NT or XP)

    http://www.serveusa.gov/public/aca.aspxSi tratta di un "minimum computer requirement" nulla ti impedisce di usare qualcosa di meglio.
  • Friday scrive:
    Solo per windows
    Minimum Computer Requirements1. a Windows-based computer (Windows 95, 98, ME, 2000, NT or XP)http://www.serveusa.gov/public/aca.aspx
  • Anonimo scrive:
    Per un pugno di voti Martin...
    ...perse la presidenza. Quel pugno di voti veniva da oltre oceano, e con questo si vogliono assicurare che tutti i militari possano votare con facilita'. Il fatto che in futuro, forse, tutti voteremo tramite internet, mi fa capire il perche' di tanto interesse per il controllo della stessa da parte dei soliti simpaticoni in completino nero.holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: Per un pugno di voti Martin...
      - Scritto da: Anonimo
      ...perse la presidenza. Quel pugno di voti
      veniva da oltre oceano, e con questo si
      vogliono assicurare che tutti i militari
      possano votare con facilita'. Il fatto che
      in futuro, forse, tutti voteremo tramite
      internet, mi fa capire il perche' di tanto
      interesse per il controllo della stessa da
      parte dei soliti simpaticoni in completino
      nero.

      hola
      crackAnche se fosse come dici tu (ma l'esperienza insegna che non è mai come dicono gli illuminati) perché un militare non potrebbe votare? A cuba c'è un militare che governa male e sfrutta l'embargo per arricchirsi ancora di più col contrabbando (come tutti i dittatori), in cina c'è un potere politico che in pratica è militare. Solo quando vi fa comodo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Per un pugno di voti Martin...
        E dimenticavo: almeno negli USA votano e lo stato fa votare tutti. E chiunque può candidarsi, come succede anche in italia, fortunatamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per un pugno di voti Martin...
          - Scritto da: Anonimo
          E dimenticavo: almeno negli USA votano e lo
          stato fa votare tutti. E chiunque può
          candidarsi, come succede anche in italia,
          fortunatamente.Negli USA il presidente e' stato scelto dai giudici.In Italia i giudici processano il presidente ed i suoi servi e vengono incriminati.(ho semplificato un po')Non so dove si sta peggio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Per un pugno di voti Martin...

            Negli USA il presidente e' stato scelto dai
            giudici.
            In Italia i giudici processano il presidente... e si dimenticano di perseguire per gli stessi reati quelli della parte opposta del presidente(ho semplificato un po'....)
          • Anonimo scrive:
            Re: Per un pugno di voti Martin...
            - Scritto da: Anonimo

            Negli USA il presidente e' stato scelto
            dai

            giudici.

            In Italia i giudici processano il
            presidente
            ... e si dimenticano di perseguire per gli
            stessi reati quelli della parte opposta del
            presidente
            (ho semplificato un po'.......troppo!holacrack
      • Anonimo scrive:
        Re: Per un pugno di voti Martin...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...perse la presidenza. Quel pugno di voti

        veniva da oltre oceano, e con questo si

        vogliono assicurare che tutti i militari

        possano votare con facilita'. Il fatto che

        in futuro, forse, tutti voteremo tramite

        internet, mi fa capire il perche' di tanto

        interesse per il controllo della stessa da

        parte dei soliti simpaticoni in completino

        nero.



        hola

        crack

        Anche se fosse come dici tu (ma l'esperienza
        insegna che non è mai come dicono gli
        illuminati) perché un militare non potrebbe
        votare? Ci fai o ci sei? Chi ha detto che i militari non possano votare?!Ho semplicemente detto che la sperimentazione via internet serve a rendere piu' facile il voto sopratutto nei confronti di chi si sa votare per l'attuale Presidente. E questo e' un fatto, neppure poi troppo rilevante.Quello invece che va focalizzato e' quanto sia sicuro allo stato attuale affidare ad internet il voto. Qual'e' il margine di brogli per questo tipo di votazione? A cuba c'è un militare che governa
        male e sfrutta l'embargo per arricchirsi
        ancora di più col contrabbando (come tutti i
        dittatori), in cina c'è un potere politico
        che in pratica è militare. Solo quando vi fa
        comodo?Allora ci fai, eh...? Vabbe' il tuo sproloquio politico lo hai fatto ora di' qualcosa di intelligente e di destra, di qualcosa di destra, ... di qualcosa!holacrack
Chiudi i commenti