Una custodia da premere

Per rendere fisica una tastiera virtuale

Ricordate la cara e vecchia tastiera numerica di cui tutti i cellulari erano dotati fino a qualche anno fa? A ben pensarci non era così scomoda: piccola, minimale e soprattutto funzionale. Scrivere messaggi utilizzando pochi tasti non era affatto complicato, ancor più se aiutati dal T9. In effetti a rimpiangerla non sono stati in pochi, basti pensare ai primi schermi touch, che di certo non erano così sensibili al tocco come quelli attuali. I touchscreen nel corso di poco tempo hanno fatto passi da gigante, ma c’è chi avrebbe il desiderio di poter vedere comunque riproposta la vecchia tastiera sugli attuali smartphone. Ed è proprio per questo che il designer Moon Myounghak ha ideato una custodia per iPhone capace di trasformare la tastiera touchscreen in una tastiera fisica.

iphone case

Ed ecco che il design elegante e sottile dell’iPhone si trasforma per lasciare il posto ad un nuovo telefono in stile retrò. La custodia si applica frontalmente sullo schermo del dispositivo mettendo a disposizione i tasti classici dei vecchi telefonini.

Al momento si tratta solo di un concept ma, poiché le funzionalità dello smartphone di casa Apple integrate in un cellulare vecchio stile potrebbero interessare a molti, non è escluso che si possa vedere presto iPhone Case in commercio. L’unica noia per gli amanti della classica tastiera è quella di dover eseguire il jailbreak del proprio iPhone, perdendo così la garanzia del produttore.

(via Mashable )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Conclusione imprecisa.
    <i
    Da notare che la password presente sulla chiavetta non solo non è visibile ma non può essere né copiata né duplicata. </i
    Da windows!
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Conclusione imprecisa.
      - Scritto da: panda rossa
      <i
      Da notare che la password presente
      sulla chiavetta non solo non è visibile ma non
      può essere né copiata né duplicata. </i


      Da windows!Quindi tu, per esempio, sei in grado di fare copie <u
      funzionanti </u
      delle licenze caricate su una di queste?http://www.elicenser.net/en/
      • panda rossa scrive:
        Re: Conclusione imprecisa.
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: panda rossa

        <i
        Da notare che la password presente

        sulla chiavetta non solo non è visibile ma
        non

        può essere né copiata né duplicata.
        </i





        Da windows!

        Quindi tu, per esempio, sei in grado di fare
        copie <u
        funzionanti </u
        delle
        licenze caricate su una di
        queste?

        http://www.elicenser.net/en/dd effettua copie a livello fisico di qualunque unita', anche dei settori non formattati.Tu continua a vivere nel tuo colorato mondo del clicca clicca.
      • Piero scrive:
        Re: Conclusione imprecisa.
        l'unico metodo sicuro è quello che fa uso di token variabili, come i dispositivi che hanno le banchehttp://www.ecvv.com/product/2400760.htmlè la prima foto che ho trovato su google tanto per chiarire cosa intendo.Questi meccanismi su usb sono sicuramente utili per un uso "domestico" (la mia ragazza non ricorderà mai password più lunghe di 6 caretteri non stupide) ... ma non per dati aziendali da proteggere...
Chiudi i commenti