Una sciarpa per smartphone

Un accessorio invernale in cui conservare il fido dispositivo

Freddo polare? Il meteo sulla Penisola è alquanto instabile, anche se non si può certo parlare di temperature gradevoli. Fra le nevicate a basse quote e le passate perturbazioni scandinave, l’Italia ha passato le festività all’insegna degli accessori intramontabili per coprirsi e stare caldi, come berretti, guanti e sciarpe. Proprio le sciarpe sembrano poter offrire qualcosa di più del solito e collaudato tepore al collo. La versione moderna di questo accessorio sembra essere in grado di tenere al riparo anche gli smartphone. Come? Con una tasca trasparente come quella della Peepsnake iPhone Scarf.

iPhonescarf

Questa particolare sciarpa, infatti, presenta una ZIP con finestra trasparente dove riporre al sicuro il proprio cellulare. Il particolare materiale conduttivo della plastica trasparente permette all’utente di usare il touchscreen del dispositivo senza doverlo rimuovere dalla tasca, consentendo così di telefonare, scrivere SMS ed email, navigare sul Web e quant’altro senza difficoltà.

La tasca, inoltre, è del tipo upside-down per cui quando si prende in mano il lembo di sciarpa dove lo smartphone è custodito, l’utente vedrà la schermata nella giusta direzione, anche qualora il dispositivo non supporti la rotazione della homescreen o del menù.

Nella parte posteriore della tasca è poi presente una piccola finestra per la lente della fotocamera, per acquisire scatti senza mai togliere lo smartphone dalla custodia integrata.

Se ciò non dovesse essere sufficiente, il produttore ha usato il Polartec come materiale, per una sensazione al tocco tipo cashmere. Sull’altro lembo della sciarpa è poi presente un’altra cerniera lampo, dove custodire altri effetti personali, come monete, chiavi, documenti e via discorrendo.

La Peepsnake iPhone Scarf è disponibile su Amazon al prezzo di 54 dollari.

(via 7Gadgets )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nonome scrive:
    Dollari americani?
    "56 milioni di dollari (17,6 milioni di euro)."Se stiamo parlando di dollari americani la conversione fa acqua...
    • attonito scrive:
      Re: Dollari americani?
      - Scritto da: Nonome
      "56 milioni di dollari (17,6 milioni di euro)."

      Se stiamo parlando di dollari americani la
      conversione fa acqua...boh, magari hanno usato dollari canadesi. cominque su PI non e' la procisone la prima cosa che ci si deve aspettare ma servilismo agli insersionisti, pubblicita soffocante, bassa qualita' deli articoli, completo menefreghismo nei confronti dei lettori.
      • tucumcari scrive:
        Re: Dollari americani?
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Nonome

        "56 milioni di dollari (17,6 milioni di euro)."



        Se stiamo parlando di dollari americani la

        conversione fa acqua...

        boh, magari hanno usato dollari canadesi.o sghei veneti...(rotfl)(rotfl)
  • tucumcari scrive:
    buona notizia
    Ma quando il numero di produttori si riduce tanto i rischi di cartello sono evidenti... e una multa rischia di non essere sufficiente come deterrenza.
Chiudi i commenti