Una scomoda controinformazione web

di Giorgio Montanari. Vero o falso? Talvolta persino questo è secondario se ciò che offre una certa produzione web consente di aprire gli occhi e apprendere che non tutto debba essere dato sempre per scontato. Anzi
di Giorgio Montanari. Vero o falso? Talvolta persino questo è secondario se ciò che offre una certa produzione web consente di aprire gli occhi e apprendere che non tutto debba essere dato sempre per scontato. Anzi


Roma – In rete si può trovare di tutto, e questo è un dato di fatto acquisito da ogni navigatore non proprio novizio. E spesso questa rete ospita ciò che non riuscirebbe mai a ritagliarsi uno spazio neppure minimo all’interno degli altri media, in particolare nella televisione, nonostante quest’ultima sia direttamente interessata.

Sul web viaggiano quindi i principali canali di contro-informazione; questo è dovuto al fatto che sia relativamente facile (ed economico) procedere contro mano nell’enorme autostrada di internet fruendo di una visibilità illimitata (almeno teoricamente), soprattutto se messa a confronto con quella consentita dal consueto tubo catodico televisivo.

Un esempio a mio parere esemplare è costituito da L’asile utopique , portale francese che, con estrema cura e dovizia di particolari, mette in discussione senza mezzi termini nientemeno che l’attacco terroristico (o presunto tale?) ai danni del Pentagono dell’11 settembre scorso.

Alcune delle pagine contenenti le molte argomentazioni a sostegno di questa tesi sono disponibili in più lingue, compreso l’italiano, e consistono in un’accurata analisi di tutte le informazioni disponibili riguardo all’evento: testimonianze, foto, dichiarazioni ufficiali, successive smentite e confutazioni ecc…, con un occhio di riguardo a tutti i punti in cui, secondo asile.org, emergerebbero delle forti contraddizioni che le Autorità americane, sempre secondo il sito, avrebbero cercato di rattoppare come possibile.

Il tutto è infine riassunto da quello che viene chiamato sarcasticamente Il
Gioco dei sette errori
, dove in sette domande inerenti allo schianto sul Pentagono gli autori cercano di portare il lettore alla conclusione che effettivamente nella vicenda in questione qualcosa non quadra.

Senza dover a tutti i costi arrivare a pensare che sia stato addirittura un missile statunitense a provocare lo squarcio nella facciata del Pentagono, (soluzione a cui asile.org peraltro non cela di ammiccare) è interessante accorgersi di come, abituati ed assuefatti alle deformazioni della realtà che ci vengono proposte dalla televisione, si possa interpretare la stessa ignota realtà in maniera diametralmente opposta e alternativa. E asile.org (a torto o a ragione, pochi possono vantare la certezza di saperlo) prova ad aprire una breccia nella mente del lettore con una sua verità scomoda, anzi scomodissima, che turba e disturba, e che contemporaneamente cerca di demolire una certezza resa tale nelle nostre menti dalla gravità stessa dell’accaduto di quel triste giorno.

Giorgio Montanari

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 05 2002
Link copiato negli appunti