Una station wagon per... molecole

Alcuni scienziati della Rice University, negli USA, hanno creato il più piccolo mezzo di trasporto mai realizzato. Grande appena 60 atomi di carbonio, la nanomacchina potrà trasportare molecole

Houston (USA) – L'”automezzo” destinato ad essere il più compatto ed il più innovativo dell’anno sembra sia la nanomobile assemblata dai ricercatori statunitensi della Rice University . Migliaia di volte più piccola del diametro di un capello, la nanomobile è grande appena 3-4 nanometri: circa trecento atomi di carbonio , strutturati esattamente come una normale autovettura.

“Abbiamo quattro ruote connesse su quattro assi rotanti completamente indipendenti, coperti da uno chassis organico”, fanno sapere gli inventori James Tour e Kevin Kelly. Si tratta di un importante passo avanti che apre nuove prospettive di ricerca nel settore biomedico: “In futuro potranno trasportare molecole alla stessa maniera dell’emoglobina”.

“Non esiste niente di più piccolo per il trasporto di atomi”, dichiara James Tour in un’intervista al New York Times , dove svela che il progetto è il frutto di ben otto anni di accuratissime ricerche a livello nanoscopico.

La nanomobile Le nanomacchine si muovono in maniera differente rispetto ai nanotrasportatori inventati dagli scienziati scozzesi o ai nanospider creati dai ricercatori dell’ Università di Bologna . “Rotolano” infatti su minuscole ruote da 60 atomi di carbonio l’una ma necessitano, per il momento, di superfici metalliche ad alta termoconduttività. In futuro, sostiene Tours, verranno sviluppati nanomotori per ovviare a questi limiti.

Il movimento delle attuali nanomacchine è assai difficile da controllare: poste su una lastra d’oro, le nanovetture hanno bisogno di temperature non al di sotto dei 200 gradi centigradi. Tours parla di un “buon punto di partenza”, tuttavia fa sapere che servono “ancora molti anni per acquisire le conoscenze necessarie alla costruzione di nanotrasportatori veramente efficaci”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • The_Stinger scrive:
    Darsi una svegliata prima?
    Ma porca la pupazza!Proprio ora che Apple passa ad Intel escono tutti questi bei progetti?Non potevano uscire prima?!?!(Ebbene si, non ho ancora digerito bene il passaggio dal G5 al x86) :
    • Anonimo scrive:
      Re: Darsi una svegliata prima?
      - Scritto da: The_Stinger
      Ma porca la pupazza!
      Proprio ora che Apple passa ad Intel escono tutti
      questi bei progetti?
      Non potevano uscire prima?!?!

      (Ebbene si, non ho ancora digerito bene il
      passaggio dal G5 al x86) :http://www.thinkgeek.com/images/products/front/resistance.jpg(cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: Darsi una svegliata prima?
      - Scritto da: The_Stinger
      Ma porca la pupazza!
      Proprio ora che Apple passa ad Intel escono tutti
      questi bei progetti?
      Non potevano uscire prima?!?!Certo che no... altrimenti Apple avrebbe dovuto inventarsi un'altra scusa...
  • Anonimo scrive:
    Bene :che aumenta la concorenza
    non ci sono solo + amd e intel , ma transmeta,questi qua,i cinesi di Godson, Freescale ,.il C7 della Via .etc..etc..certo sarebbe anche ora che l Europa avesse un suo microprocessore,
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene :che aumenta la concorenza
      già, tra l' altro sia l' architettura power che la sparc sono "open" (liberamente licenziabili, sarebbe meglio) e creare un' azienda come questa non mi sembra affatto impossibile: avere una tecnologia così fondamentale in casa mi sembra doveroso, dovrebbe essere un impegno per i nostri politici.....
      • dinolib scrive:
        Re: Bene :che aumenta la concorenza
        :| 'azzo centrano i politici!?!?Qui mancano gli imprenditori!!Speriamo nell'Europa, perchè in Italia sono impegnati a correre dietro soubrette e intrallazzi... (non tutti, per fortuna).
        • Anonimo scrive:
          Re: Bene :che aumenta la concorenza
          - Scritto da: dinolib
          :| 'azzo centrano i politici!?!?

          Qui mancano gli imprenditori!!
          Speriamo nell'Europa, perchè in Italia sono
          impegnati a correre dietro soubrette e
          intrallazzi... (non tutti, per fortuna).Gli imprenditori italiani? sai quanti sono quelli che piangon miseria dando la colpa alla cina per prendere soldi dallo stato e poi li usano per delocalizzare (indovina dove)?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bene :che aumenta la concorenza

            Gli imprenditori italiani? sai quanti sono quelli
            che piangon miseria dando la colpa alla cina per
            prendere soldi dallo stato e poi li usano per
            delocalizzare (indovina dove)?In Cina ovviamente...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene :che aumenta la concorenza
        Si...vista l'impostazione dell'europa (copiare quanto di peggio c'è in america, e seguire attentamente le indicazioni delle multinazionali) un processore europeo sarebbe solo un altro oggetto inutile, tarpato e pieno di drm e controlli a distanza.
  • Anonimo scrive:
    Dan Dobberpuhl e un genio
    il chief designer della PaSemi e Dobberpuhl geniaccio che a suo tempo progetto i primi processori a 64 bit , Alpha che poi fu comprata da Intel ( perche con gli ingegneri che si ritrova Intel altrimenti col cavolo che lo facevano il 64 bit )che mito !
    • Giambo scrive:
      Re: Dan Dobberpuhl e un genio
      - Scritto da: Anonimo
      , Alpha che poi fu comprata da Intel AFAIK, Alpha e' stata comperata da Compaq e quindi poi da HP.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dan Dobberpuhl e un genio
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: Anonimo


        , Alpha che poi fu comprata da Intel

        AFAIK, Alpha e' stata comperata da Compaq e
        quindi poi da HP.Probabilmente si è confuso con ARM, ma anche col fatto che si sospetta che l'accordo fra HP e intel per trasferire tecnologie da PA-Risc a Itanium abbia comportato anche una trasfusione di idee dai progetti più avanzati per le evoluzioni EV9 de EV10 di Alpha, nonché accordi sottobanco per uccidere Alpha ed eliminare un concorrente scomodo di Itanium (intel deve aver sborsato parecchio per ottenerlo, ma in molti si chiedono se sia davvero convenuto ad HP, basti vedere che IBM ha sì deciso di non fare più CPU ad hoc per le esigenze di Apple, ma si guarda bene da "uccidere" PPC, anzi, è un'architettura che sta andando a gonfie vele indipendentemente da quanto o quanto poco sia diffusa fra i PC).
  • Anonimo scrive:
    Quanto scaldera'?
    con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto scaldera'?
      - Scritto da: Anonimo
      con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/ma la gente li legge gli articoli o va direttamente nei forum? :
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanto scaldera'?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/


        ma la gente li legge gli articoli o va
        direttamente nei forum? :Be, se dissipa fino a 13W per core e gli 8 core sono completi (cioè non condividono componenti, che farebbe scendere le prestazioni globali) l'8 core finirebbe per dissipare 8*13 W, come un p4 bello inca**ato.Solo che qundo hai una codifica/decodifica, compressione o algoritmo crittografico (insomma, macinanumeri) monothread (magari perchè, come è logico in molte applicazioni, ciascuna elaboraqzione influenza le successive) 7 core stanno buoni buoni a farsi delle *** o mandare avanti tread di controno ed il lavoro comunque si completa in x8 del tempo che prenderebbe su una valida cpu monocore.IMHO la parallelizzazione spinta è più che altro la moda del momento ma per una workstation, che spesso deve eseguire compiti impegnativi ma non parallelizzabili a livello di algoritmi, 2-4 cpu sono già più che ragionevoli per evitare situazioni di stallo frequenti con una mono cpu, ma da 8 in su servirebbero solo con grossi server magari partizionati virtualmente per tenere in piedi più server contemporaneamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto scaldera'?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/





          ma la gente li legge gli articoli o va

          direttamente nei forum? :

          Be, se dissipa fino a 13W per corema l'hai letto l'articolo?:|
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto scaldera'?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            con 8 core sta roba deve bollire parecchio
            :/








            ma la gente li legge gli articoli o va


            direttamente nei forum? :



            Be, se dissipa fino a 13W per core

            ma l'hai letto l'articolo?:|Opsfino a 13 W x il dualquindi se metteranno core completi anche nel x4 e x8 avremo fino a 26 per il quad e fino a 52 per il x8, insomma, il x4 come un centrino e il x8 come un vecchio athlon non tirato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto scaldera'?

      con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/Quale parte di"La prima versione del chip conterrà due core con frequenza tra 1,5 e 2 GHz e consumerà tipicamente fra i 5 e i 13 watt"non ti e' chiara?
      • Anonimo scrive:
        Re: Quanto scaldera'?
        - Scritto da: Anonimo

        con 8 core sta roba deve bollire parecchio :/

        Quale parte di

        "La prima versione del chip conterrà due core con
        frequenza tra 1,5 e 2 GHz e consumerà tipicamente
        fra i 5 e i 13 watt"

        non ti e' chiara?Beh su un Pentium M a 1,6Ghz per laptop c'è una pompa di calore con un dissipatore grande quando un pacchetto di gomme Brooklyn. Scalda pochissimo a 21 watt senza tenere conto che con la tecnologia di scalatura della frequenza lo usi a meno di 600Mhz per quasi tutte le applicazioni "normali".Un 13 watt permetterebbe certamente un dissipatore passivo di dimensioni medie o uno più piccolo con un ventolino microbo.
  • Anonimo scrive:
    Può essere usato con linux?
    cdo
    • Anonimo scrive:
      Re: Può essere usato con linux?
      suppongo sia x86_64 e i386 compatibile..senno' l'utente consumer se ne fa meno di niente...
      • Anonimo scrive:
        Re: Può essere usato con linux?
        - Scritto da: Anonimo
        suppongo sia x86_64 e i386 compatibile..senno'
        l'utente consumer se ne fa meno di niente...Ma se è Power...
        • Anonimo scrive:
          Re: Può essere usato con linux?
          e visto che esiste linux ppc...
          • Anonimo scrive:
            Re: Può essere usato con linux?
            - Scritto da: Anonimo
            e visto che esiste linux ppc...si, ma la mia risposta era rivolta a chi diceva che è x86 compatibile
          • Anonimo scrive:
            Re: Può essere usato con linux?

            si, ma la mia risposta era rivolta a chi diceva
            che è x86 compatibilesono io che l'ho detto!e ho detto una cazzata, deve essere stata l'ora :D
          • The_Stinger scrive:
            Re: Può essere usato con linux?
            E visto che MontaVista è una distribuzione Linux direi che la domanda iniziale è pleonastica.
      • Anonimo scrive:
        Re: Può essere usato con linux?
        - Scritto da: Anonimo
        suppongo sia x86_64 e i386 compatibile..senno'
        l'utente consumer se ne fa meno di niente...capito tutto vero?
      • MeDevil scrive:
        Re: Può essere usato con linux?
        - Scritto da: Anonimo
        suppongo sia x86_64 e i386 compatibile..senno'
        l'utente consumer se ne fa meno di niente...Architettura degli elaboratori: 30 e lode...ppc non è x86... (a 64, 32 o tutti i bit che volete)cmq linux gira sulla maggior parte delle piattaforme, tra le quali le mips per i sistemi embedded... xkè non dovrebbe farlo su ppc?
        • Anonimo scrive:
          Re: Può essere usato con linux?
          infatti, pensa a yellowdog linux (gli unici autorizzati a vendere gli xserve di apple con su linux)ma anche debian e red hat hanno una versione ppc. e anche ubuntu
          • Anonimo scrive:
            Re: Può essere usato con linux?
            Oltre al già citato Montavista, se non erro anche la nuova release 10 di SuSE dovrebbe esistere pure in versione PPC...
        • Anonimo scrive:
          Re: Può essere usato con linux?

          Architettura degli elaboratori: 30 e lode...
          ppc non è x86... (a 64, 32 o tutti i bit che
          volete)
          a dire il vero 20, sono le 2 birre medie di ieri sera che non erano d'accordo O_ooh posso tirare cazzate anche io ogni tanto, alla luce del giorno me ne accorgo ^_^
    • Anonimo scrive:
      Re: Può essere usato con linux?
      Montavista!http://www.mvista.com/products/
  • Anonimo scrive:
    e ora?
    ma ppc non era praticamente "morto"??immagino che qualcuno comincerà già a dire "gne gne gne perchè non usano quelli sugli ibook/powerbook gni gni gni"
    • Anonimo scrive:
      Re: e ora?
      Per i macachi tutto quello che nn gira sui loro scatoli firmati è morto. Per il giugno prossimo riscopriranno la potenza nascosta e superiore dei P4 :(
  • Anonimo scrive:
    2 domande:
    Quanto costa?Se la cifra è ragionevole:Ha il DRM?se si: se la fikkino in quel postose no: dove si compra?
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 domande:
      - Scritto da: Anonimo
      Quanto costa?
      Se la cifra è ragionevole:
      Ha il DRM?
      se si: se la fikkino in quel posto
      se no: dove si compra?Non fa parte del consorzio TCPA, ma non è detto che un giorno ci entri.
Chiudi i commenti