Un'altra scuola tramortita dall'email

Anche in questo caso gli alunni volevano studiare il mondo, cercando di far arrivare il proprio messaggio di posta elettronica il più lontano possibile. Ora ogni giorno si riversano sul mail server scolastico migliaia di messaggi

Taylorsville (USA) – Un messaggio “innocente” quello inviato dagli alunni della scuola media di Taylorsville, in North Carolina. Un messaggio trasmesso via email a poche decine di persone, chiedendo loro di forwardarlo ai propri amici, per vedere “quanto lontano” una email può arrivare nel Mondo.

Il progetto di classe , “Geography Alive: Around the World via E-mail”, è riuscito talmente bene che oggi ogni giorno alla scuola di Taylorsville arrivano migliaia di messaggi di posta elettronica. E nulla fa ritenere che “il flusso” possa cessare.

Il messaggio “assassino” era stato progettato con grande intelligenza dagli alunni. Il subject è qualcosa come “Ciao! Siamo 50 studenti delle scuole di Taylorsville”. E nel corpo del messaggio si legge: “Siamo curiosi di vedere quanto viaggerà nel mondo questo messaggio. Per favore aiutaci”. La “bomba” è stata sganciata su 34 persone dalla segretaria della scuola, che ha inviato ai suoi conoscenti il messaggio chiedendo loro di forwardarlo a loro volta ad amici e conoscenti. Un fatto che ricorda da vicino quanto accaduto , recentemente, ad un’altra scuola americana, “incorsa” in un simile esperimento.

“Pensavamo – ha spiegato l’insegnante – di ricevere non più di 10mila risposte”. Ma ormai il numero dei messaggi ha superato il mezzo milione, con email provenienti da tutti i continenti. Non solo, dopo la chiusura dell’indirizzo email, sono iniziati ad arrivare lettere tradizionali, cartoline e persino pacchi… L’insegnante è comunque soddisfatta: “Volevamo dare nuova linfa allo studio della Geografia”…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Chi è costui ?
    Non l'ho mai sentito nominare in vita mia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è costui ?
      - Scritto da: www.
      Non l'ho mai sentito nominare in vita mia...Neanch'io. Eppure guardo parecchi film.Forse, piu' che ad un .com, avrebbe diritto ad un .uk
  • Anonimo scrive:
    la WIPO a volte ragiona bene e a vole a ca**o
    Mi sembra come la RA italiana che NATURALMENTEragiona SOLO a ca**o.Vi ricordate le "famose parole":"basta inviare una raccomandata alla RA indicandoil dominio contestato indicandone le ragioni e le prove per "bloccare" il dominio"il risultato?il dominio è ancora in vendita da parte del "caro"speculatore sardo...
Chiudi i commenti