Un'ambasciata su Second Life per la Svezia

Il paese continua a dimostrare di tenere gli occhi aperti sull'evoluzione della rete: a breve acquisterà un'isola nel metamondo per poter fornire informazioni e servizi a milioni di cittadini-avatar

Roma – Per la prima volta il Governo di un paese democratico decide di utilizzare la visibilità e l’interazione garantita dalla presenza nel metamondo di Second Life creando un’ambasciata virtuale, un distaccamento diplomatico e di servizio che a breve troverà a posto su un’isola dedicata nel celeberrimo e chiacchierato ambiente elettronico.

A darne notizia è The local , giornale di Stoccolma che riprende le dichiarazioni di alti funzionari dell’ Istituto Svedese , agenzia del ministero degli Esteri del paese: “Stiamo pianificando di stabilire un’ambasciata svedese in Second Life, essenzialmente per farne un portale di informazione sulla Svezia”.

Ambasciate virtuali Com’è ovvio non sarà questa l’ambasciata dove poter ottenere permessi di soggiorno o, per i paese non europei, visti di ingresso. Ma sarà a disposizione dei molti milioni di frequentatori del metamondo per fornire informazioni sul paese.

L’immagine qui sopra è relativa ad un possibile progetto di ambasciata svedese.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ottima iniziativa!
    ottima iniziativa!(geek)
    • Anonimo scrive:
      INESATTEZZA
      Quello che e' in CC in cile e' la BIBLIOTECA del PARLAMENTO, con possibilita' di accedere alle leggi ed al materiale legislativo. NON e' LA BIBLIOTECA NAZIONALE, intesa come deposito di ogni opera prodotta/stampata/diffusa nel paese. IN Italia e' paragonabile alla biblioteca della Camera dei Deputati (che con dal 2007 diventera' unica per i 2 rami del parlaento - la biblio del Senato saa' accorpata in quella della camera) ovvero parliamo di http://legxv.camera.it/serv_cittadini/1660/1662/1661/lista.aspe NON della Biblioteca Nazionale di Firenze o Roma http://www.bncrm.librari.beniculturali.it/.... Poiche' i giornali di oggi danno Bertinotti in viaggio in Cile, sarebbe tuttavia interessante sapere se anche la camera italiana vorra' adottare CC ed il sistema Plone usato dai cileni. E magari sviluppare di pari passo i software adeguati per 2 o + parlamenti . Chissa', che il berto rosso non diventi "capitalista" .Booksworm
      • Anonimo scrive:
        Re: INESATTEZZA

        Quello che e' in CC in cile e' la BIBLIOTECA del
        PARLAMENTO, con possibilita' di accedere alle
        leggi ed al materiale legislativo. Si ok ma un qualche link magari?
Chiudi i commenti