UnitedLinux infila il Pinguino nelle telecom

UnitedLinux infila il Pinguino nelle telecom

UnitedLinux ha annunciato una piattaforma Linux specificamente pensata per il mercato degli operatori telefonici e la creazione di servizi voce, dati e wireless. Dietro c'è lo zampino di HP, IBM e Intel
UnitedLinux ha annunciato una piattaforma Linux specificamente pensata per il mercato degli operatori telefonici e la creazione di servizi voce, dati e wireless. Dietro c'è lo zampino di HP, IBM e Intel


CastelNuovo Rangone (Mo) – UnitedLinux , la joint-venture dei distributori Linux Conectiva, SCO Group, SuSE Linux e Turbolinux, ha presentato quella che definisce la prima piattaforma basata su Linux dedicata agli operatori di telefonia mobile per creare sistemi voce, dati e wireless avanzati.

La piattaforma, sviluppata da SuSE in collaborazione con HP, IBM e Intel, è il risultato dell’integrazione in UnitedLinux 1.0 dell’intero set di caratteristiche del Carrier Grade Linux ( CGL ) 1.1 e dell’integrazione di una serie di strumenti avanzati per lo sviluppo e la distribuzione di applicazioni avanzate per la telefonia e le telecomunicazioni in grado di girare su di un ambiente Linux standard.

CGL è una specifica sviluppata dal Carrier Grade Linux Working Group, un’iniziativa degli Open Source Development Labs tesa a definire quei requisiti che possano fare di Linux una valida opzione per i provider di servizi e apparecchiature di telecomunicazione: fra i requisiti vi sono quelli di piattaforma, high availability, livello di servizio, supporto per strumenti di sviluppo, prestazioni e sicurezza.

Le caratteristiche di CGL saranno disponibili sotto forma di service pack nel primo trimestre 2003: il prodotto e i relativi servizi verranno forniti tramite i partner UnitedLinux.

UnitedLinux sostiene che la nuova piattaforma girerà inizialmente su hardware Intel-based e consentirà ai provider di telecomunicazioni di sviluppare e distribuire nuovi prodotti e servizi su piattaforme di comunicazione modulari.

“Il mercato delle telecomunicazioni – si legge in una nota di UnitedLinux – è regolato da standard elevati e molto specifici e richiede prestazioni, affidabilità e disponibilità dell’infrastruttura IT: per le applicazioni esistenti, tra cui sistemi di supporto gestionali e operativi, gateway, server di gestione e segnalazione, oltre che per le soluzioni vocali, dati e wireless di prossima generazione, le caratteristiche di CGL consentiranno un impiego più rapido ed economico di applicazioni avanzate e affidabili con prestazioni potenziate e costi significativamente inferiori”.

“La disponibilità di caratteristiche OSDL Carrier Grade Linux per UnitedLinux consente a carrier e produttori di apparecchiature per le telecomunicazioni di passare a soluzioni commerciali preconfigurate che riducono i costi di sviluppo e il time-to-market”, ha dichiarato Boris Nalbach, CEO di SuSE Linux. “Grazie a una scalabilità che spazia da sistemi software real-time all’elaborazione backend, i clienti ora possono utilizzare un’unica piattaforma per la maggior parte delle applicazioni di telecomunicazione, limitando in modo significativo il TCO attraverso la riduzione delle competenze tecniche IT richieste”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 01 2003
Link copiato negli appunti