Uno sniffatore di reti wireless

Ha la forma di una carta di credito e si propone di dare una mano a chi vuole sfruttare le reti wi-fi con il proprio portatile. Piccolo tool per wardriver


Roma – “Sono in una zona coperta dal wi-fi?”, “La rete è attiva?”. A queste domande, che sempre più frequentemente si porranno gli utilizzatori di dispositivi portatili capaci di interfacciarsi con le reti wireless, intende rispondere un piccolo dispositivo presentato di recente.

Secondo iDetect Technology , un’azienda di Singapore, il “wi-fi sniffer” risulterebbe utile tanto agli amministratori di rete quanto agli utilizzatori dei network wi-fi. Ai primi, infatti, consente di verificare il grado di accessibilità di una certa rete, ai secondi di essere certi di trovarsi in una zona coperta da una rete wireless W-LAN.

Lo sniffer, grande più o meno come una carta di credito, può essere utilizzato secondo il produttore con estrema facilità. Attivandolo con un pulsante, infatti, consente di verificare immediatamente se ci si trova in zona coperta e a quale livello di segnale.

L’idea è quella di consentire una vita più facile agli utilizzatori di notebook, affinché possano accendere i propri dispositivi soltanto quando si trovino già in un’area coperta dalla rete anziché “vagare” alla ricerca del sospirato “contatto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    whuoaaahhhh!!!! IL FUTURO DELL'MP3!!!!
    Cazzo!!!!!è il futuro del WalKman!!!!!Questo davvero!Lettori mp3 strafighissimi!!!!!!--melomane
  • Anonimo scrive:
    Molto Interessante ma partono MALE!!
    La tecnologia sembra interessante, ma dovrebbero riflettere un attimo se vogliono diffonderla sul globo e venderne centinaia di milioni.1 - Devono portare il costo del lettore a soli 50 euro2 - Devono partire gia con 1 o 2 Giga, che ce ne facciamo di solo 100 mega3- Devono portare il prezzo delle card a soli 4, 5 euro, per venderne milioni se non miliardi al più presto4 - dare in licenza ai grandi (tipo Sony, JVC, Philips ed altri ) la loro tecnologia a costi ridottissimi per farla implementare su palmari, cellulari, Notebook e PC nella speranza di soppiantare dispositivi obsoleti ed ingombranti come i vecchi lettori di floppy-disk.Pensate che meraviglia fare i Backup e collegarlo al portatile..Se poi vogliono tenersela nel cassetto allora basta non rispettare i punti di cui sopra...
    • godzilla scrive:
      Re: Molto Interessante ma partono MALE!!
      sono d'accordo... poi c'è da aggiungere che:1) il fatto che supportino schemi per il DRM non è un fatto positivo (come la vedi se domani la tua storcard si rifiuta di memorizzare mp3 o se il tuo portatile/PDA palladium-compliant si rifiuta di leggerli?)2) mi sembra in generale un po' lenta, contando anche che in un prossimo futuro godremo delle velocità del serial ATA. 5 mega/sec vanno bene (anzi benino) per le card da 100 mega, ma per quelle da 5 giga...
  • Anonimo scrive:
    Altro che Jhonny Mnemonic !!!!
    Qui ci possiamo infilare 10 giga anche ............
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro che Jhonny Mnemonic !!!!
      figurati.in johnny mnemonic nel 2020 usavano mini-cd da 160 gb, raddoppiabili a 320 gb..secondo te a quanto terabyte arriveremo nel 2020 ? :-D
  • Anonimo scrive:
    Il primo..
    il primo ha scrivere... (scusate ma non ho resistito),cmq niente male davvero: i lettori costano ancora troppo, ma sembrerebbe che invece le card siano davvero interessanti...
Chiudi i commenti