Uomo del warez rischia 10 anni

Uno degli arrestati durante la celebre Operazione Fastlink si dichiara colpevole cercando di mitigare una condanna per pirateria che potrebbe rivelarsi assai pesante
Uno degli arrestati durante la celebre Operazione Fastlink si dichiara colpevole cercando di mitigare una condanna per pirateria che potrebbe rivelarsi assai pesante


San Antonio (USA) – Considerato uno dei più attivi promotori della scena warez americana, il 24enne Joshua Abell si è dichiarato colpevole dinanzi al giudice dei capi di imputazione ascrittigli, cercando un patteggiamento che possa mitigare la pena, che secondo le leggi statunitensi potrebbe arrivare a 10 anni di carcere.

Abell era stato arrestato nel corso dell’ Operazione Fastlink , probabilmente la più imponente iniziativa contro il warez mai condotta dal Dipartimento di Giustizia americano in collaborazione con polizie di molti altri paesi, un’operazione che ha preso di mira le infrastrutture informatiche messe in piedi per piratare e diffondere enormi quantità di software, film, musica e videogiochi tramite internet.

Come Abell, lo scorso gennaio si era dichiarato colpevole anche Jathan Desir, considerato un elemento chiave della scena warez e per il quale dovrebbe presto arrivare la sentenza.

Nel caso di Abell i capi di imputazione riguardano il reato di violazione del diritto d’autore e soprattutto l’associazione con altri nella violazione, considerata una importante aggravante.

La sentenza per Abell è prevista per il 26 maggio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 03 2005
Link copiato negli appunti