USA: 3G in ritardo di due anni

L'amministrazione Bush ha deciso di rinviare al 2004 la partenza delle reti ultraveloci: il Pentagono ha la precedenza su tutto


Washington (USA) – La telefonia di terza generazione negli Stati Uniti partirà in ritardo rispetto al previsto: l’amministrazione Bush ha deciso di rinviare l’assegnazione dei lotti di spettro radio destinati ai sistemi 3G. Il Pentagono ha bisogno di quelle porzioni di spettro.

Bisognerà aspettare settembre del 2004 per decidere sull’assegnazione di tali porzioni alle reti wireless ultraveloci, che hanno avuto la sfortuna di trovare proprio il Pentagono come loro concorrente: l’istituzione militare americana ha bisogno infatti delle stesse frequenze radio di cui si servirebbero le reti di terza generazione. E il Pentagono necessita anche di una larga porzione di spettro: non c’è spazio per il 3G, per adesso, negli USA. Infatti, la gestione degli apparati militari e della difesa missilistica è coordinata proprio attraverso le frequenze radio adesso contese dalle reti 3G; le autorità hanno deciso di rimandare la questione di due anni proprio per trovare una soluzione al problema. Forse saranno necessari milioni di dollari per ristrutturare il sistema delle assegnazioni delle onde radio negli Stati Uniti.

Una ristrutturazione sembrerebbe necessaria, tuttavia, anche per altri settori della telefonia statunitense, da sempre afflitta dal problema della carenza di linee fisiche, insufficienti a soddisfare le esigenze dei privati e delle aziende (ogni cittadino in America ha almeno due linee telefoniche).

E le reti, nei momenti di emergenza, rischiano la congestione: è quanto si è verificato a New York in questi giorni, in seguito alla sanguinosa strage di due giorni fa, quando milioni di persone, in apprensione per la sorte dei propri familiari residenti nella città, hanno sovraccaricato le linee telefoniche. Si è registrato un ammontare di telefonate doppio rispetto la media, ha segnalato Verizon Communications.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E la Stratelibri ???
    Le ultime notizie (di un po' di tempo fa) mi davano la Stratelibri come fallita o comunque non piu' interessata ai GDR.Qualcuno sa dirmi che fine han fatto le serie Cyberpunk e Stormbringher ?Le ha aquisite qualcuno ? Tradurranno ancora qualcosa ?Buaaaaaaaaaaaaaa Voglio l'espansione sulla citta' sognante.....
  • Anonimo scrive:
    NoOoOoOOO
    giochi di ruolo pure qui no!!basta ho la nausea
  • Anonimo scrive:
    scrivere articoli senza sapere ... che tristezza!
    Se poi pensiamo che gli investimenti iniziali necessari ___siano spesso quasi irrisori____ - ci riferiamo a progetti come Legend of Mir o La Quarta Profezia che si basano su ___tecnologie vecchie di anni___ per proporre agli utenti giochi comunque divertenti - capiamo come i Publishers di tutto il mondo abbiano trovato una gallina dalle uova d'oro.e' triste vedere che c'e' gente che scrive senza avere le necessarie informazioni di base.molto triste e frustrante.l'investimento non e' irrisoriola tecnologia utilizzata non e' affatto vecchia, anzi:((
    • Anonimo scrive:
      Re: scrivere articoli senza sapere ... che tristezza!
      Purtroppo anche chi critica (o peggio giudica) dovrebbe documentarsi.The Legend Of MIR è il porting di Lineage (gioco coreano già da alcuni anni sul mercato) e per porting intendiamo sopratutto la traduzione di tutti i testi ed il rifacimento delle aree di gioco, ma il motore che gestisce tutto non è cambiato. La quarta profezia è altresì basato su una tecnologia di 4/5 anni fa (al momento mi sfugge il titolo che presentò questa tecnologia).Poi il discorso costi è forse relativo ma possiamo assicurare che rispetto agli investimenti necessari per pubblicare MMORPG come l'atteso Star Wars Galaxy i costi sono "irrisori".
  • Anonimo scrive:
    PK --
    (parlando di mondi dove esiste una versione per quanto ridotta di gioco di ruolo, non certo diablo2 o mondi di powerpl)Per quanto riguarda il pkilling... ho visto più assidui giocatori lasciare il gioco in quanto tutto diveniva null'altro che un'arena dove poter sfogare le proprie frustazioni personali o dar voce alla natura "cattiva" che una società civile reprime, che newbie abbandonare... il newbie trova SEMPRE un giocatore esperto che interpreta un buono, o che di solito fa il cattivo ma vede oltre al personaggio anche il giocatore in difficoltà, pronto a fargli riprendere il gusto del gioco.Come mai questo non accade così di frequente nei gdr su carta?Poichè i problemi che stanno alla base di un gioco scorretto, che non ha come scopo il divertimento di tutti ma solo del proprio, sono problemi risolubili con l'assistenza di un gruppo di buoni amici che si incontrano a far rotolare dadi colorati di fronte ad una ciotola di pop-corn, passando piacevoli ore insieme, ma non sono neanche da rivelare a delle finestre aperte su una chat... considerare gli altri giocatori alla stregua di mob + raffinati e non come persone è l'errore che non penso sia eliminabile e che rende zoppo il gdr online, raggiungibile sono se si ha la fortuna di appartenere ad una delle rare "sacche" di giocatori corretti.
  • Anonimo scrive:
    alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
    Direi che nel preambolo dell'articolo sono state fate delle considerazioni abbastanza fuorvianti."Giocare di ruolo" non significa "impersonare quello che non si e'", come la casalinga di voghera che finge di essere Megan Gale."Giocare di ruolo" significa "giocare a fare finta di essere qualcun'altro".E' un po' come paragonare un'imbroglione ad un attore. Inoltre nello spara-spara 3d, non c'e' NESSUN componente del gioco di ruolo. Perche' ? Perche' quando si gioca di ruolo e' IMPORTANTE oltre ad AGIRE come agirebbe il personaggio, anche INTERAGIRE con gli altri partecipanti al gioco. Io ho avuto modo di giocare sia a quake che ad unreal, ma mai nessuno mi ha chiesto "soldato, da dove vieni?" o "hai paura di morire" o "hai famiglia?".Figuriamoci! la caratterizzazione del soldato in uno shooter 3d, e' paragonabile a quella del cursore del vostro mouse: ASSOLUTAMENTE NULLA!!!!Una amara constatazione finale: in base a quanto scritto sopra non basta scrivere sulla scatola di un gioco "questo e' gioco di ruolo", perche' questo diventi effettivamente uno strumento per "giocare di ruolo". Diablo non e' un gioco di ruolo, perche' andare in giro a massacrare mostri e far crescere un personaggio, non e' un'attivita' sufficiente a definirlo "gioco di ruolo". Chiamatelo "gioco di avventura" se volete.
    • Anonimo scrive:
      Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
      Centro!!!!!!!!!Complimenti per l'analisi
    • Anonimo scrive:
      Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
      - Scritto da: lord auberon
      "Giocare di ruolo" significa "giocare a fare
      finta di essere qualcun'altro".... così come la casalinga di Voghera gioca ad essere una giovane e maliziosa fotomodella: infatti quest'ultima, oltre farsi a chiamare Megan e dire di essere bella e mora, cerca di comportarsi come farebbe una vera ragazzina, tenta di pensare come lei ed esprime concetti di conseguenza. Secondo me anche questo è "Giocare di Ruolo".Scusa se persevero ma non vedo differenze sotanziali (se non quella lessicale) fra le due definizioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
        - Scritto da: Matt
        - Scritto da: lord auberon


        "Giocare di ruolo" significa "giocare a
        fare

        finta di essere qualcun'altro".

        ... così come la casalinga di Voghera gioca
        ad essere una giovane e maliziosa
        fotomodella: infatti quest'ultima, oltre
        farsi a chiamare Megan e dire di essere
        bella e mora, cerca di comportarsi come
        farebbe una vera ragazzina, tenta di pensare
        come lei ed esprime concetti di conseguenza.

        Secondo me anche questo è "Giocare di Ruolo".Mettiamola così: nel GdR fingi sapendo di fingere, e il tuo interlocutore sa che lo fai, e a sua volta finge sapendo che tu lo saiSe è così anche in chat (che non frequento), allora potrebbe essere GdR
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
        Anch'io navigo nel buio :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
        la casalinga _non gioca_.
      • Anonimo scrive:
        Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
        Mi rendo conto di essere ancora poco chiaro.la casalinga che fa finta di essere la giovane modella, se lo fa volutamente per "gioco", come ha detto anche Salkalner, gli interlocutori sono consci di questa cosa.la casalinga che fa finta di essere una modella, ma per nascondere la sua vera identita' (vuoi perche' si vergogna, vuoi perche' vuole essere al centro dell'attenzione, vuoi per schizofrenia (spero di no)), non sta "giocando". E' come se stesse "recitando".Nel gioco di ruolo comunemente detto, ogni giocatore e' un po' come se fosse un attore su un palcoscenico immaginario. Questo pricipio vale anche giocando in chat, in email, o su mud. La base comune a questi strumenti, e' che questo e' fatto con la precisa volonta' di _tutti_ i partecipanti di giocare.Una persona che si finge un'altra persona, non e' gioco di ruolo, quanto non lo e' un'appostamento in borghese di un poliziotto. In entrambi i casi non e' fatto per gioco. Nel primo caso e' fatto per soddisfare qualche impulso personale, nel secondo caso per "lavoro/dovere".Spero che sia piu' chiaro !
        • Anonimo scrive:
          Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
          - Scritto da: lord auberon
          Mi rendo conto di essere ancora poco chiaro.
          [...]Continuo a non condividere questa visione alquanto limitativa del gioco di ruolo ma la posso capire.Inoltre ti contraddici: prima dici che giocare di ruole "non è recitare" mentre poco dopo affermi che giocare di ruolo è come essere "attori di un palcoscenico virtuale".Tornando invece alla bistrattata casalinga (chissà se gli stanno fischiando le orecchie) poco importa se il suo interlocutore è al corrente o meno che dall'altra parte del Terminale non vi è chi lui sta immaginando. La casalinga interpreta il suo piccolo "ruolo" (e non è certo schizofrenica, magari solo un po' annoiata) in un gioco dove le regole sono ideate da lei stessa.Condivido invece (se mai c'e ne fosse il bisogno) la tua visione circa Diablo et simila, di RPG hanno solo l'uso delle statistiche per simulare la crescita del personaggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
            Non credo di essere (molto) in contraddizione: giocare di ruolo e' come "giocare a fare l'attore", non necessariamente "recitare". (infatti nella recitazione c'e' un grado di immedesimazione decisamente piu' alto della maggior parte delle sessioni di gioco di ruolo)Quanto all'ennesima precisazione sulla casalinga, sfatiamo un altro mito: non si puo' giocare di ruolo da soli. Ci deve essere un interlocutore che e' conscio che sta giocando di ruolo.Altrimenti, una "candid camera" e' un gioco di ruolo (persona che finge di essere qualcosa che non e', interlocutore ignaro), cosa che mi sembra evidentemente sbagliata. :)morale: se non si tratta di "gioco", si ricade nel campo della psichiatria o del teatro.
          • Anonimo scrive:
            Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
            Come gia detto prima capisco la tua posizione ma non la condivido. Io ho un'idea molto più "ampia" di gioco di ruolo che va ben oltre il semplice significato strettamento ludico..Tutto qui.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: alcune precisazioni su cosa e' VERAMENTE il GDR
      - Scritto da: lord auberon[CUT]
      Una amara constatazione finale: in base a
      quanto scritto sopra non basta scrivere
      sulla scatola di un gioco "questo e' gioco
      di ruolo", perche' questo diventi
      effettivamente uno strumento per "giocare di
      ruolo". Diablo non e' un gioco di ruolo,
      perche' andare in giro a massacrare mostri e
      far crescere un personaggio, non e'
      un'attivita' sufficiente a definirlo "gioco
      di ruolo". Chiamatelo "gioco di avventura"
      se volete.Smack!
Chiudi i commenti