USA, Apple in tribunale per iTunes

Secondo una coppia i prezzi dello store online non sono ben segnalati

Due coniugi dell’Illinois hanno fatto causa ad Apple, accusando l’azienda di Cupertino di aver violato alcune condizioni contrattuali in merito all’utilizzo di alcune gift card per acquistare brani musicali attraverso iTunes Store.

Secondo quando riferito dal legale della coppia Apple avrebbe “consapevolmente e fraudolentemente nascosto le informazioni relative al prezzo di una singola canzone sul sito iTunes Store”. L’accusa prosegue poi indicando il danno economico inferto a Daniel e Barbara Owens: “Hanno speso una cifra per un prodotto che in realtà valeva meno di quanto preteso da Apple”.

Gli Owens si aspettavano di poter comprare musica per 99 centesimi al pezzo : quello che è stato il prezzo standard fino a qualche mese fa. Ad aprile, tuttavia, Apple aveva rivisto il listino prezzi del suo negozio di musica online, con il risultato di ripartire le canzoni i tre fasce di prezzo che tuttora varia da un minimo di 69 centesimi ad un massimo di 1,29 euro.

L’acquisto di alcuni brani costosi ha fatto sì che marito e moglie si siano sentiti espropriati di ben 30 centesimi per canzone : una cifra non meglio definita che i due rivogliono indietro a tutti i costi. Inoltre stanno cercando di far riconoscere la propria iniziativa giudiziaria come una vera e propria class action . In caso di certificazione il giudice potrebbe condannare Apple ad un risarcimento superiore ai 5 milioni di dollari . (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco Rinaldi scrive:
    Anche io maturando...
    Anche io quest'anno sono stato di maturità, e anche io ho scelto questa traccia. Sinceramente fin da subito mi ha un po' stranizzato averla categorizzata come Tecnico-Scientifica, dato che era più da Attualità. Comunque ho cercato di darle una parvenza tecnica, senza trascurare il forte aspetto sociale. Inoltre anche io sono stato limitato dalla necessaria citazione di quasi tutte le fonti per evitare problemi con i proff. In genere comunque ho fatto un elaborato molto interessante, spero solo che i proff lo capiscano e non premino chi invece ha scopiazzato le fonti solo perché non ne capiscono nulla!
    • etherodox scrive:
      Re: Anche io maturando...
      Marco scrive: spero solo che i proff lo capiscano e non premino chi invece ha scopiazzato le fonti solo perché non ne capiscono nulla!Te lo auguro. In genere i prof. che non ne capiscono nulla hanno il fiuto necessario per capire chi strapazza le fonti e chi le conosce. In bocca al lupo.
  • etherodox scrive:
    errore
    copia-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 giugno 2009 09.25-----------------------------------------------------------
  • etherodox scrive:
    Insegnanti in difficoltà
    Condivido completamente l'articolo e, particolarmente, le osservazioni sulla deludente cultura dei media, tra opinioni giornalistiche e difficoltà dei docenti a stare al passo. Davvero interessante poi la richiesta di studiare i testi dei maturandi. Quando mio figlio mi ha detto di aver scelto quella traccia e mi ha raccontato cosa ha scritto, confesso di aver pensato (rispetto ad alcuni passaggi un po' ingenui): va beh, tanto chi corregge ne sa quanto lui ..So per esperienza che gli insegnanti provano ad aggiornarsi su questi temi, ma disgraziatamente leggono solo in italiano, e generalmente giusto qualche articolo di giornale. Se poi decidono di leggere un libro su una delle tematiche del digitale, spesso è stato scritto da uno di quei giornalisti di cui parla Mantellini.
  • aaa scrive:
    A proposito di temi di maturità
    Visto che siamo in tema di esami, dai documenti per la traccia di ambito "artistico-letterario", vi propongo un semplice quiz "trova l'intruso":a: Caio Valerio Catullo, poema 85 (I secolo a.C.)b: F. Alberoni, "Innamoramento e amore", (Milano, 2009)c: Dante Alighieri, "Inferno", c. 5, versi 97-107 (XIV secolo d.C.)d: Guido Gozzano, "La signorina Felicità", versi. 290-301, da "I colloqui" (1911)
    • Sborone di rubikiana memoria scrive:
      Re: A proposito di temi di maturità
      Intruso trovato e soppresso. (cylon)
    • Josafat scrive:
      Re: A proposito di temi di maturità
      Dimmi che stai scherzando... dal ministero della Pubblica Distruzione hanno inserito tra le traccie d'esame un testo di un pseudo psicologo, in mezzo ad autori di ben altra storia?
      • etherodox scrive:
        Re: A proposito di temi di maturità
        Veramente Benkler è economista e professore di diritto.
        • Josafat scrive:
          Re: A proposito di temi di maturità
          Che c'entra Benkler? Parlavo di alberoni
          • etherodox scrive:
            Re: A proposito di temi di maturità
            Josafat mi rassicura: che c'entra Benkler? Parlavo di alberoni. In questo caso concordo in toto ;-)
    • Alessandrox scrive:
      Re: A proposito di temi di maturità
      STA' DIVENTANDO PEGGIO DEL PREZZEMOLO !UN PREZZEMOLO (IN)CULTURALE!
    • CCC scrive:
      Re: A proposito di temi di maturità
      - Scritto da: aaa
      Visto che siamo in tema di esami, dai documenti
      per la traccia di ambito "artistico-letterario",
      vi propongo un semplice quiz "trova
      l'intruso":

      a: Caio Valerio Catullo, poema 85 (I secolo a.C.)
      b: F. Alberoni, "Innamoramento e amore", (Milano,
      2009)
      c: Dante Alighieri, "Inferno", c. 5, versi 97-107
      (XIV secolo
      d.C.)
      d: Guido Gozzano, "La signorina Felicità", versi.
      290-301, da "I colloqui"
      (1911)ma come!!!si sono dimenticati le bellissime poesie d'amore di un certo signore.. qualcuno indovina chi?
      • bubba scrive:
        Re: A proposito di temi di maturità

        ma come!!!
        si sono dimenticati le bellissime poesie d'amore
        di un certo signore.. qualcuno indovina
        chi?quelle prodotte dall'emulo di zio fester, dici?
      • etherodox scrive:
        Re: A proposito di temi di maturità
        indovina indovinello, sarà mica il poeta che amava le rose che non colse?
        • Alessandrox scrive:
          Re: A proposito di temi di maturità
          - Scritto da: etherodox
          indovina indovinello, sarà mica il poeta che
          amava le rose che non
          colse?Fortuna per quelle rose...
  • Paffo scrive:
    Concordo
    Da maturando e appassionato di computer e internet, devo dire che ho apprezzato la presenza della succitata traccia nella prima prova. Tuttavia devo concordare con Mantellini sull'eccessivo numero di spunti di discussione, che, nel mio caso, mi hanno portato a deviare dal discorso che avrei voluto scrivere (un discorso sulla libertà di informazione e della Rete, che non ho potuto purtroppo affrontare come avrei voluto, pena il rischio di scarsa valutazione a causa dell'aver ignorato troppe fonti), portandomi a chiedermi se tutto ciò non fosse in realtà voluto in qualche modo... Se invece ci fosse stato solo l'intervento citato dall'autore dell'articolo, la mia riflessione sarebbe potuta essere molto più ampia e libera.Il tutto, naturalmente, secondo la mia opinione :-)
    • Anonimo codardo scrive:
      Re: Concordo
      Sì, è una cosa voluta. Tutti gli studenti che hanno affrontato la questione nell'ottica di tematiche sovversive quali "libertà d'espressione", "rischio della privacy" ed altre bestemmie simili saranno schedati e segnalati ai digossini.
    • CCC scrive:
      Re: Concordo
      - Scritto da: Paffo
      Da maturando e appassionato di computer e
      internet, devo dire che ho apprezzato la presenza
      della succitata traccia nella prima prova.
      Tuttavia devo concordare con Mantellini
      sull'eccessivo numero di spunti di discussione,
      che, nel mio caso, mi hanno portato a deviare dal
      discorso che avrei voluto scrivere (un discorso
      sulla libertà di informazione e della Rete, che
      non ho potuto purtroppo affrontare come avrei
      voluto, pena il rischio di scarsa valutazione a
      causa dell'aver ignorato troppe fonti),
      portandomi a chiedermi se tutto ciò non fosse in
      realtà voluto in qualche modo... ovviamente si
      Se invece ci
      fosse stato solo l'intervento citato dall'autore
      dell'articolo, la mia riflessione sarebbe potuta
      essere molto più ampia e
      libera.cosa che, infatti, esula dagli scopi della formazione liceale e universitaria secondo la "visione" (assolutamente trasversale) della "politica" ufficiale contemporanea: si va a scuola o all'università per essere "formati" come forza-lavoro, mica per imparare a ragionare e pensare in modo autonomo...
      Il tutto, naturalmente, secondo la mia opinioneanche il mio commento ovviamente;-)
Chiudi i commenti