USA, Ballmer dovrà deporre

Sull'affaire dei bollini Vista Capable il giudice vuole sentire tutti. Anche il CEO di Microsoft
Sull'affaire dei bollini Vista Capable il giudice vuole sentire tutti. Anche il CEO di Microsoft

No, non si placa il caso Vista Capable, che sembra ingrossarsi di settimana in settimana, rischiando di trasformarsi in qualcosa di più di un semplice disturbo per i suoi protagonisti. Il giudice che si occupa della vicenda ha infatti deciso di chiamare a testimoniare anche Steve Ballmer, CEO di Microsoft.

Lo scorso venerdì il giudice Marsha Pechman ha stabilito che da quanto emerso finora Ballmer potrebbe essere a conoscenza di molti dati utili a chiarire quanto accaduto e ha dunque disposto che Ballmer debba presentarsi entro i prossimi 30 giorni e mettersi a disposizione dei magistrati per almeno tre ore.

Come noto tutta la questione dei bollini Vista Capable gira attorno ai presunti accordi che avrebbero legato Microsoft ed Intel all’epoca del lancio di Vista e del mercato hardware a questo collegato, accordi che secondo le ipotesi ventilate in aula potrebbero aver avuto conseguenze pesanti per il mercato e per i concorrenti dei due player.

Proprio nei giorni scorsi erano emersi ulteriori dettagli sui contatti in merito tra i due colossi dell’informatica. Da qui la decisione del giudice di convocare il CEO del big di Redmond. La softwarehouse in una nota ha già fatto sapere che “naturalmente obbediremo alle richieste del tribunale. La conoscenza del programma Windows Vista Capable da parte di Ballmer è legata a quanto dichiarato dai dirigenti a cui lui aveva conferito l’incarico di gestire il programma e prendere le conseguenti decisioni, e due di questi dirigenti hanno già testimoniato in questo caso”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 11 2008
Link copiato negli appunti