USA, cellulare tracciato richiede mandato

Nuovo colpo ferale della giustizia statunitense alla volontà di tecnocontrollo dell'amministrazione Obama: per tracciare e geolocalizzare le comunicazioni cellulari "storiche" ci vuole il mandato di un giudice

Roma – Nuova battuta di arresto per le tendenze spionistiche che la Casa Bianca ha mostrato nel corso degli ultimi anni: un giudice di appello ha stabilito l’illegittimità della consultazione delle informazioni di localizzazione dei cellulari senza mandato , scagliando l’ennesimo, duro colpo contro la discussa legge nota come Stored Communications Act ( SCA ).

Stando a quanto prevede l’SCA, infatti, le autorità federali possono ficcare liberamente il naso nelle informazioni di localizzazione delle celle – estrapolando prove dai tabulati di chiamata in un database che i carrier archiviano per un periodo di tempo di 18 mesi.

La Corte di Appello del Terzo Circuito ha invece stabilito che l’SCA non è in alcun modo considerabile come un lasciapassare con cui fare incetta di log senza alcun rispetto per la riservatezza e il ruolo di garanzia del sistema giudiziario, e che quindi anche gli ufficiali governativi hanno bisogno di un mandato per condurre le proprie indagini sulle comunicazioni cellulari.

La Corte ha anche rifiutato di riconsiderare la sua decisione come richiesto dalla Casa Bianca, stabilendo la pertinenza della protezione del Quarto Emendamento della Costituzione USA nel caso in oggetto. La stessa motivazione è stata recentemente adottata da una corte federale per squalificare la validità dell’SCA nella perquisizione delle email private registrate sui server remoti delle webmail.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Franky scrive:
    Video sulle manifestazioni Pro-Wikileaks
    Bianca Jagger che ha pagato gran parte della cauzione di Assange ed ha seguito la suaudienza per assicurarsi che si svolga in maniera corretta... e' un attivista per i diritti umani, presidente della omonima organizzazioneper i diritti umani, nonche' membro del consiglio direttivo di Amnesty international USA...in questo video difende wikileaks ed attacca una giornalista faziosa del giornale Observer che l'aveva criticata per il suo sostegno ad Assange - John Pilger giornalista investigativo rimprovera la BBC in un'intervista surriscaldata....[yt]hrtQywJzEk8[/yt]Melbourne WIkileaks Protest - World Human Rights Day Friday 10 Dec pt 1 of 2 [yt]0KVUcwVlKfw&feature=related[/yt]Melbourne WIkileaks Protest - World Human Rights Day Friday 10 Dec pt 2 of 2 [yt]tH0DvtgWv6o&feature=related[/yt]Manifestaciones Free Wikileaks España[yt]fihMT-mTeK0[/yt]Manifestación Wikileaks - Zaragoza- Spagna- Free Assange[yt]eIPcioDiKvc[/yt]
  • Franky scrive:
    Pannella:mirror wikileaks su nostri siti
    Pannella: "Wikileaks. Nelle prossime ore pubblicheremo anche noi i contenuti sotto attacco"Questa la dichiarazione di Marco Pannella, a nome del Partito radicale"A seguito degli attacchi che si stanno moltiplicando contro il sito Wikileaks, i suoi contenuti, i suoi finanziamenti e il suo fondatore, il Partito radicale, con la collaborazione di Radicali italiani e di Agorà digitale, ha deciso di raccogliere l'appello di Wikileaks a ripubblicare il materiale sotto attacco.I tecnici del Partito radicale sono già al lavoro per caricare le pagine con i documenti digitali sui siti della galassia radicale.Il Partito radicale è attivo alle Nazioni unite e ovunque nel mondo, per l'affermazione concreta del diritto alla libertà di informazione e conoscenza come parte integrante dei diritti umani fondamentali."http://www.radicalparty.org/it/content/pannella-wikileaks-nelle-prossime-ore-pubblicheremo-anche-noi-i-contenuti-sotto-attacco
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Pannella:mirror wikileaks su nostri siti
      - Scritto da: Franky
      Pannella: "Wikileaks. Nelle prossime ore
      pubblicheremo anche noi i contenuti sotto
      attacco"ogni tanto la mia fede nei loro confronti vacilla... poi se ne escono con queste iniziative :-)
  • Franky scrive:
    Anche Ron Pual (rep.) difende wikileaks.
    Anche il deputato repubblicano Ron Paul (Texas) si schiera dalla parte di wikileaks.....Ron Paul: "si vuole uccidere il messaggero delle cattive notizie""Il rilascio delle informazioni riservate da parte di WikiLeaks ha generato una grande attenzione nelle settimane scorse. Le reazioni isteriche ci portano a domandare se questo non sia il classico esempio di uccisione del messaggero che ci porta le cattive notizie. Nonostante quanto dichiarato, le informazioni finora rilasciate, sebbene riservate, non hanno causato danno ad alcuno , ma solo parecchio imbarazzo al governo. La perdita del controllo del nostro impero non e' ben vista dai neoconservatori al potere.""Alcuni esperti hanno accusato Assange , colui che ha pubblicato queste informazioni in Internet, di aver commesso un grave crimine, meritando di essere processato e condannato a morte per tradimento o addirittura assassinato. Ma non dovremmo perlomeno chiederci come potebbe il governo degli Stati Uniti accusare un cittadino australiano di tradimento per aver pubblicato informazioni segrete da lui non sottratte? E se WikiLeaks dovesse essere messa processata per aver pubblicato documenti segreti , perche' non dovrebbero anche esserlo il Washington Post, il New York Times e gli altri giornali che hanno anch'essi pubblicato tali documenti ? "Grandissimo discorso vi consiglio di leggerlo tutto....(questa e' solo una parte)La trascrizione completa di tutto il suo discorso in italiano la trovate qui:http://www.fainotizia.it/2010/12/10/wikileaks-ron-paul-si-vuole-uccidere-il-messaggero-delle-cattive-notizie#commentmentre il video a cui si riferisce il discorso e la trascrizione lo trovate su youtube:[yt]GDp1izlMQT0&feature=player_embedded[/yt]
    • Franky scrive:
      Re: Anche Ron Pual (rep.) difende wikileaks.
      Altre dichiarazioni di Ron Paul.....Ron Paul: " In un societa' libera dovremmo conoscere la verita'. Abbiamo bisogno di piu' WikiLeaks"" In una societa' dove la verita' viene considerata un tradimento si cade in seri guai. E ora , le persone che ci rivelano la verita' sono in grossa difficolta' proprio per questo." E' quanto affermato in una intervista alla Fox business il deputato repubblicano della Camera Federale USA Ron Paul (Texas) . Ron Paul e' uno dei sei deputati repubblicani ad aver votato al Congresso USA contro l'invasione dell'Iraq decisa da George W. Bush. Al momento della votazione disse tra le altre cose che "quando decidiamo di andare in guerra attraverso la porta di servizio e senza essere vittime di atti di aggressione e' molto probabile che le guerre durino a lungo e che abbiano conseguenze peggiori di quelle che si vorrebbero evitare, cosi' come e' sucXXXXX in Korea e in VietNam."
  • Franky scrive:
    Tutti i sostenitori di Assange
    Ho notato che molte persone si sono chieste che fine hanno fattole organizzazioni per i diritti umani e per la liberta' di parolanel caso di Julian Assange...diciamo che hanno fatto la loro parteappoggiando Assange solo che i giornalisti non ne' hanno parlatoquasi per nulla...Chissa' come mai...Quando si tratta di Cina e Iranriportano sempre tutto quello che viene fatto...ma quando si tratta deipaesi occidentali...ignorano le iniziative delle organizzazioni per i diritti umani....Allora iniziamo da "Reporters sans frontieres"...Reporters sans frontieres ha lanciato l'iniziativa "sos wikileaks"in pratica ha pubblicato l'appello di wikileaks per aiutarlia difendersi dagli attacchi lanciati contro il sito spiegando la procedura per diventare mirror del famoso sito....Al fine di rendere impossibile rimuovere completamente WikiLeaks da Internet, abbiamo bisogno del vostro aiuto. Se avete un server basato su Unix che ospita un sito web su Internet e volete dare a WikiLeaks alcune delle vostre risorse di hosting, è possibile aiutarci! Potete leggere l'appello pubblicato qui:http://rsfitalia.org/2010/12/07/wikileaks-chiede-aiuto-vista-l%E2%80%99intensificazione-degli-attacchi/http://en.rsf.org/united-states-wikileaks-appeals-for-help-as-06-12-2010,38970.htmlPoi hanno promosso una seconda iniziativa inviando al Ministro della giustizia britannico una lettera in cui chiedono "che siano garantiti il rispetto dei suoi diritti di difesa, nonostante lestrema tensione che circonda questo caso. Il procedimento dovrebbe riguardare unicamente le accuse di natura privata che sono state fatte contro Assange in Svezia e non deve trasformarsi in alcun modo in un proXXXXX-ombra per la pubblicazione di documenti resi pubblici WikiLeaks.""Reporters sans frontières ha ripetutamente condannato il blocco, i cyber-attacchi e la pressione politica dirette a Wikileaks. Questa è la prima volta in cui cè un tentativo a livello internazionale per censurare un sito web dedicato al principio di trasparenza.Chiediamo quindi che il sistema giudiziario britannico possa di esaminare il caso Assange con tutta limparzialità necessaria senza che alcuna pressione esterna governativa. Le autorità di alcuni paesi sembrano voler ottenere la condanna Assange, o almeno impedirgli di continuare la sua attività per porre fine alle rivelazioni WikiLeaks, senza riguardo alla libertà di informazione. Vorremmo sottolineare come Wikileaks stia svolgendo un ruolo utile nel divulgare le gravi violazioni dei diritti umani commesse in nome della guerra contro il terrore durante lo scorso decennio."http://rsfitalia.org/2010/12/07/wikileaks-invito-alla-imparzialita-giudiziaria-dopo-larresto-di-julian-assange-lettera-di-rsf-al-ministro-della-giustizia-britannico/Essi hanno inoltre condannato il tentativo di censura dei media che parlano dei cablogrammi..."I tentativi di bloccare la diffusione di materiale sensibile che è già ampiamente disponibile su Internet sono destinati al fallimento e violano il diritto ad essere informati".http://en.rsf.org/news-media-and-websites-censored-15-12-2010,39040.htmlL'organizzazione "Avaaz.org" ha invece pubblicato una petizione per Julian Assange che ha raggiuntooltre 600000 firme!!!http://www.avaaz.org/en/wikileaks_petition/?slideshow"Human right watch" ha addirittura scritto una lettera al presidente Barack Obama per chiederedi non perseguire Assange per la pubblicazione dei cablogrammi ed haesortato l'amministrazione Obama a favorire la trasparenza e la declassificazione delle informazioni."Caro Presidente Obama,Scriviamo per esprimere la nostra preoccupazione per la prospettiva che il governo statunitense avrebbe intenzione di impiegare le leggi contro spionaggio contro Wikileaks o il suo fondatore per il rilascio dei cablogrammidel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti""riteniamo che il ricorso a tali procedimenti danneggia la libertà di espressione per tutti, ricercatori e giornalisti dei media, e crea un precedente terribile che verrà colto con entusiasmo da altri governi"http://www.hrw.org/node/95001http://www.hrw.org/en/news/2010/12/15/us-don-t-prosecute-wikileaks-founderE' intervenuto perfino l'Alto commissario delle nazioni Unite per i diritti umani...."Sono preoccupata", ha detto a Ginevra Navi Pillay, Alto commissario delle nazioni Unite per i diritti umani, "dalle pressioni esercitate da banche, societa' di carte di credito e aziende per chiudere le linee di credito di Wikileaks o per sbarrare l'ospitalita' su siti-madre. Tutto cio -ha aggiunto Pillay nel corso di una conferenza stampa- puo' essere visto come un tentativo di censura sulla pubblicazione di informazioni e, di conseguenza, come violazione del diritto alla liberta' di espressione. Se Wikileaks ha commesso atti illegali questi vanno affrontati legalmente e non attraverso pressioni e intimidazioni che coinvolgono parti terze". http://www.agi.it/news/notizie/201012091637-cro-rt10229-wikileaks_onu_embarghi_a_sito_violano_liberta_di_espressioneNaturalmente non poteva mancare "Amnesty international" che ha redatto delle vere e proprie faq sul casowikileaks e che ritiene wikileaks uno strumento utilissimo per evidenziare e scovare le violazioni dei diritti umani e che ha conferito una medaglia nel 2009 allo stesso wikileaks per avere messo in luce le violazioni dei diritti umani in Kenya."Secondo Amnesty International, un procedimento penale volto a punire una persona per aver fornito prove sulle violazioni dei diritti umani non può mai essere giustificato. Lo stesso vale per le informazioni su altre questioni di interesse pubblico.Come minimo, un numero significativo di documenti rilasciati da Wikileaks sembra poter rientrare in queste categorie, quindi ogni azione penale basata in tutto o in parte su questi documenti particolare, sarebbe incompatibile con la libertà di espressione.""Amnesty International accoglie con favore gli sforzi per rendere le informazioni sulle violazioni dei diritti umani di pubblico dominio.Wikileaks ha pubblicamente annunciato che rilascerà gradualmente migliaia di documenti nelle prossime settimane o mesi, e Amnesty International studierà attentamente tutti i documenti che sembrano riguardare le violazioni dei diritti umani.Anche se non tutti i documenti distribuiti da Wikileaks al momento sono rilevanti per le violazionidei diritti umani, vorremmo sottolineare che il diritto alla libertà di espressione includeil diritto di ricevere o di comunicare ogni tipo di informazione".http://www.amnesty.org/en/news-and-updates/wikileaks-and-freedom-expression-2010-12-09
    • Franky scrive:
      Re: Tutti i sostenitori di Assange
      Si sono schierati dalla parte di Assange anche il sindacato dei giornalisti polacchi e c'e' stato addirittura chi ha proposto di candidare Julian Assange come premio Nobelper la pace 2011...si tratta di Walid Jumblatt leader del partito socilaista progressista(PSP) e di alcuni politici russi....http://news.am/eng/news/41904.htmlSolidarieta' inoltre e' stata espressa da Putin,dalla Libia e dal presidente brasiliano LULA...In Australia ci sono state manifestazioni in tutto il paese per chiedere al governo australianodi proteggere il proprio concittadino Assange e dargli asilo politico nel proprio paese...Un discorso a parte merita invece il sito spagnolo Free Wikileaks che ha organizzato decine di manifestazioni per la liberazione di Assange in diverse parti del mondo...http://freewikileaks.eu/
    • OldDog scrive:
      Re: Tutti i sostenitori di Assange
      - Scritto da: Franky
      Ho notato che molte persone si sono chieste che
      fine hanno fatto
      le organizzazioni per i diritti umani e per la liberta' di
      parola nel caso di Julian Assange...diciamo che hanno
      fatto la loro parte
      appoggiando Assange solo che i giornalisti non ne hanno
      parlato quasi per nulla (...)

      Allora iniziamo da "Reporters sans frontieres"...Grazie degli interventi che hai scritto: anch'io non avevo informazioni in merito e trovavo totalmente assurdo che nessuno intervenisse a fianco di Wikileaks (Assange è solo il parafulmine, infatti tutti si accaniscono su di lui). Da brividi il fatto che un (ex) professionista dello spionaggio come Putin abbia commentato senza scomporsi le informazioni denunciate da Wikileaks, a testimoniare che nel settore nessuno si stupisce di certe informazioni (e del rischio quotidiano che siano sottratte e divulgate) perché per loro l'informazione ha un valore strategico o tattico, che trascorso un certo periodo smette di aver significato. La politica che grufola nel peggior fango ha paura di farsi scoprire dal popolo con il grugno che fruga per mangiare radici, patate e tartufi. Ecco che zittire e punire oltre ogni ragionevolezza giuridica quelle persone vicine a WL assume il senso di una lotta irrinunciabile, come il bullo che non può consentire alcuna reazione alla propria vittima, perché solo stroncando sul nascere ogni speranza può impedire alla sua vittima di accorgersi di quanto il bullo sia vulnerabile."Strano, sento tacchi militari risuonare sulle scale, e ora urlano e bussano forte alla porta; prima che entrino cercherò di finire di scriver
      • Franky scrive:
        Re: Tutti i sostenitori di Assange
        - Scritto da: OldDog
        Grazie degli interventi che hai scritto: anch'io
        non avevo informazioni in merito e trovavo
        totalmente assurdo che nessuno intervenisse a
        fianco di Wikileaks (Assange è solo il
        parafulmine, infatti tutti si accaniscono su di
        lui). infatti...sembrava strano pure a me per questo ho dato un'occhiata direttamente ai siti per i diritti umani...
        Da brividi il fatto che un (ex)
        professionista dello spionaggio come Putin abbia
        commentato senza scomporsi le informazioni
        denunciate da Wikileaks, a testimoniare che nel
        settore nessuno si stupisce di certe informazioni
        (e del rischio quotidiano che siano sottratte e
        divulgate) perché per loro l'informazione ha un
        valore strategico o tattico, che trascorso un
        certo periodo smette di aver significato. infatti...ho riportato nel mio post solo la solidarieta' generica di Putin senza approfondire... anche perche' ovviamente questa storia viene usata da molti paesi non occidentali per far vedere che anche da noi in occidente la liberta' di espressione puo' cessare in alcuni casi...minimizzando quindi i casi in cui cessa nei paesi non occidentali....inoltre l'intervento di Putin i media l'hanno fatto vedere ampiamente....magari sarebbe stato piu' interessante riportare le dichiarazioni di Lula...
    • Valeren scrive:
      Re: Tutti i sostenitori di Assange
      Grazie per l'approfondita segnalazione.Davvero: grazie e complimenti!
      • Franky scrive:
        Re: Tutti i sostenitori di Assange
        - Scritto da: Valeren
        Grazie per l'approfondita segnalazione.
        Davvero: grazie e complimenti!Prego...grazie a te per i complimenti.
    • battagliacom scrive:
      Re: Tutti i sostenitori di Assange
      Ora che mi fai notare, i nostri telegiornali, radio e giornali hanno fatto apparire Assange come un povero rivoluzionario che si trova ad affrontare una battaglia che non ha speranza di vincere, come un pazzo alla ricerca di un desiderio irrangiungibile.Infatti al tuo discorso aggiungerei che nessun mezzo d'informazione (tranne internet) ha parlato che il sito era raggiungibile solo attraverso adeguati "mirror site"(o come si chiamano).
      • clitoride bagnato scrive:
        Re: Tutti i sostenitori di Assange
        non serviva questo post delirante per avere tali informazioni... bastava cercarsele su google
        • Glande Volante scrive:
          Re: Tutti i sostenitori di Assange
          Certo cara, riportare i fatti è delirio. Ora fa la brava e prendi la tua medicina. Ma sì, far sapere tutto ciò anche a chi non ha tempo, voglia o non sa cercare o cosa cercare, in definitiva far sapere a più persone, non è poi così orrendo, suvvia.
        • Glande Volante scrive:
          Re: Tutti i sostenitori di Assange
          - Scritto da: clitoride bagnato
          bastava cercarsele su googleDisse il clitoride bagnato, che non aveva neanche voglia di leggere più di due righe di fila
    • clitoride bagnato scrive:
      Re: Tutti i sostenitori di Assange
      la prossima volta scrivi meno righe, ma scrivi cose più furbe... qualità nno quantità...
      • Glande Volante scrive:
        Re: Tutti i sostenitori di Assange
        - Scritto da: clitoride bagnato
        la prossima volta scrivi meno righe, ma scrivi
        cose più furbe... qualità nno
        quantità...Dovremmo tutti imparare dai tuoi brevi post, scevri di qualsivoglia sostanza.
  • Sirlo scrive:
    quasi OT

    Ma il problema immediato è questo. Se in uno
    stato l'occupazione scende a livelli
    insostenibili, lo stato ha due possibilità. O
    permette alle persone di vivere dentro la società
    con lo stato sociale (pensioni, aiuti, assistenza
    sanitaria gratuita...) o sbatte in galera quelli
    che vivono fuori dalla legalità. non condivido , mi pare che in Italia esista sia lo stato sociale che la galera (che poi i benestanti riescano ad evitarla facilmente è un'altra storia)
    circolo vizioso: chi è stato licenziato e
    sfrattato, per quanto possa aver paura della
    galera, non potrà mai vivere nella legalità.Una persona di sani principi che si trova in difficoltà non andrebbe mai a rubare, piuttosto qualunque lavoro anche il più umile,faticoso e peggio retribuito che ci sia. Ciò non toglie che alcuni lo farebbero ma rimane una minoranza molto esile contro milioni di cittadini.
    allora lo stato ha bisogno di una repressione
    sempre maggiore. Fin quando fuori non resteranno
    solo i parlamentari e i più grandi capitalisti,mah...lo stato ha bisogno solo di dare consulenze e poltrone agli amici degli amici e sistemare tutti i parenti, il resto sono distrazioni di massa.
    oppure fin quando la gente non avrà capito che ci
    vuole un cambiamento
    radicale.all'italiano medio non glie ne fotte molto del cambiamento. ti basta ascoltare i discorsi "da bar" su calcio,reality,vallette etc.. e poi non ti stupire di cosa votano.poi basta che stiamo andando OT ;-)
    • Sandro kensan scrive:
      Re: quasi OT
      - Scritto da: Sirlo

      circolo vizioso: chi è stato licenziato e

      sfrattato, per quanto possa aver paura della

      galera, non potrà mai vivere nella legalità.

      Una persona di sani principi che si trova in
      difficoltà non andrebbe mai a rubare, piuttosto
      qualunque lavoro anche il più umile,faticoso e
      peggio retribuito che ci sia. Ciò non toglie che
      alcuni lo farebbero ma rimane una minoranza molto
      esile contro milioni di
      cittadini.Stupidaggini, una persona in difficoltà che non ha da mangiare ruba perché è la soluzione più immediata per risolvere il problema principale di ogni essere umano ovvero mangiare. L'altra soluzione è chiedere la carità ma non tutti ci sono portati. Da che mondo è mondo le carceri sono piene di poveri in tutto il mondo non solo in Italia. Se i poveri sono i neri d'America allora saranno e sono in maggioranza in carcere, se i poveri sono gli extracomunitari allora saranno in maggioranza in carcere, ecc, ecc.
      • clitoride bagnato scrive:
        Re: quasi OT
        concordo e aggiungo che volenti o nolenti nei prossimi anni molti di noi proveranno cosa vuole dire povertà e magari anche guerra civile, perchè da questa crisi non si esce, anzi si sprofonda dentro sempre di più... e quando i poveri sarnno molti più dei richhi sarà inevitabile una guerra civile
        • Glande Volante scrive:
          Re: quasi OT
          - Scritto da: clitoride bagnato
          concordo e aggiungo che volenti o nolenti nei
          prossimi anni molti di noi proveranno cosa vuole
          dire povertà e magari anche guerra civile, perchè
          da questa crisi non si esce, anzi si sprofonda
          dentro sempre di più... e quando i poveri sarnno
          molti più dei richhi sarà inevitabile una guerra
          civileOra anche abbiamo anche il clitoride nostradamus. Il delirio avanza...
    • clitoride bagnato scrive:
      Re: quasi OT
      - Scritto da: Sirlo
      all'italiano medio non glie ne fotte molto del
      cambiamento. ti basta ascoltare i discorsi "da
      bar" su calcio,reality,vallette etc.. e poi non
      ti stupire di cosa
      votano.soliti luoghi comuni tipici del borghese medio insoddisfatto e stufo della sua opaca esistenza... ho colto il tuo profilo?
  • nessuno nessuno nessuno scrive:
    la cauzione
    Questo commento c'entra poco con Assange, è sul concetto di cauzione.C'è qualcuno che pensa che la cauzione abbia qualcosa a che fare con la giustizia? A me sembra un modo esplicito per tirare fuori i ricchi di galera e lasciarci i poveri. Ci sono altri modi meno espliciti, come ad esempio il fatto che un avvocato d'ufficio non legge le tue carte prima di andare in aula mentre un avvocato che costa tantissimo dice ai giudici quello che devono fare e loro obbediscono.Ma la cauzione!? Voglio dire: una volta come regola andavi in galera se eri riconosciuto colpevole. Certo, la legge riconosceva delle eccezioni: se vi erano gravi indizi di colpevolezza E c'era il rischio che tu potessi inquinare le indagini o scappare (non nel senso che sapevi camminare, ma nel senso che avevi un fratello in Equador), allora c'era il carcere preventivo.Oggi è diverso. In Italia se uno non va in carcere preventivo è una notizia da telegiornale, e questo è normale in un paese dove chi mette le bombe nelle banche di Milano e chi sfrutta le minorenni sta in parlamento o è presidente, ma anche nel resto d'Europa la situazione non è diversissima. Se sei accusato di qualcosa di grave, mediamente te ne stai in galera.Ora, questa storia della condizionale secondo me non è minimamente mascherabile da meccanismo utile alla giustizia. Perchè, a parità di accusa e situazione processuale, uno che si può permettere si pagare 315mila sterline (e quindi, a maggior ragione, potrebbe comprare il giudice) dovrebbe essere meno pericoloso di uno che non le può pagare?E per favore che nessuno mi tiri fuori le condizioni sociali. Perchè se dobbiamo parlare di condizioni sociali, uno che vende qualche grammo di fumo ogni tanto la cauzione non la paga, ma chi spaccia eroina in casa sua di cauzioni ne potrebbe pagare 3 al giorno.Ora, il fatto che in Italia la cauzione non esista non significa granchè. Perchè? Beh, chi non sa nulla del mondo-carcere può sempre andarsi a cercare qualche statistica sul sito di qualche associazione tipo Pantagruel o Ristretti Orizzonti o Arci Carcere. Capirete ben presto che chi può permettersi di pagare una cauzione, in Italia, non va in carcere nemmeno per un quarto d'ora.
    • infame scrive:
      Re: la cauzione
      il concetto della cauzione è un caposaldo del diritto anglosassone, che, sorpresa, si applica in Gran Bretagna e non centra una beneamata mazza con il sistema giuridico penale italiano, quindi fai dei parallelismi che non stanno né in cielo né in terra...
      • nessuno nessuno nessuno scrive:
        Re: la cauzione
        Che la cauzione in italia non esista era scritto anche nel mio post. Se hai qualcosa da rispondere non ho nulla in contrario indipendentemente da come la pensi. Se non hai proprio niente da dire, pazienza.
      • clitoride bagnato scrive:
        Re: la cauzione
        siccome però in italia viene applicata qui chi scrive XXXXXXX sei tu... quindi prima di insultare gli altri pensa alle XXXXXXXte che scrivi e alle 4 idee confuse che tieni nella capoccia
    • www scrive:
      Re: la cauzione
      d'accordo, secondo me è un refuso dei diritti della nobiltà...in effetti non vedo il motivo. O uno non è pericoloso o è pericoloso. Discriminare chi puo' permettersi di pagare e chi non non è certo democratico... Ci lamnetiamo sempre del nostro paese ma non sempre è peggio degli altri.Ho letto "condizionale" ... quello è un discorso diverso...
      • nessuno nessuno nessuno scrive:
        Re: la cauzione
        - Scritto da: www
        d'accordo, secondo me è un refuso dei diritti
        della nobiltà...in effetti non vedo il motivo. O
        uno non è pericoloso o è pericoloso. Discriminare
        chi puo' permettersi di pagare e chi non non è
        certo democratico... Ci lamnetiamo sempre del
        nostro paese ma non sempre è peggio degli
        altri.Sinceramente non so se ci lamentiamo per gli stessi motivi, comunque sul'assurdità della questione siamo d'accordo.Anch'io penso che potrebbe essere un retaggio della nobiltà, ma so così poco della storia inglese che non ho voluto scriverlo per timore di affermare idiozie. Ma se lo pensi anche tu probabilmente è vero.A questo punto la domanda, puramente accademica, è: se è un retaggio della nobiltà perchè c'è anche negli USA, che fin dall'inizio sono stati la massima espressione degli ideali borghesi (quindi anti-aristocratici)?
        Ho letto "condizionale" ... quello è un discorso
        diverso...Devo smetterla di scrivere di notte. Chiedo scusa, ho scritto condizionale ma intendevo cauzione (ho dovuto rileggere 3 volte per capire, e meno male che l'ho scritto io... hehehe)
        • OldDog scrive:
          Re: la cauzione
          - Scritto da: nessuno nessuno nessuno
          Anch'io penso che potrebbe essere un retaggio
          della nobiltà, ma so così poco della storia
          inglese che non ho voluto scriverlo per timore di
          affermare idiozie. Ma se lo pensi anche tu
          probabilmente è
          vero.

          A questo punto la domanda, puramente accademica,
          è: se è un retaggio della nobiltà perchè c'è
          anche negli USA, che fin dall'inizio sono stati
          la massima espressione degli ideali borghesi
          (quindi anti-aristocratici)?Veramente i nobili erano (in certi periodi storici) assolti anche da gravi accuse per via del loro ceto sociale, non del loro censo (ricchezza), che anzi diventa distintivo della crescente importanza della borghesia.Direi che la cauzione nasce per monetizzare prima del proXXXXX (a garanzia) il rischio che un imputato cerchi di sottrarsi al giudizio e poi alla pena (se colpevole).Scappi? Almeno hai versato un importo compensativo, che risarcirà i danneggiati se tu ti sottrarrai alla pena.Stabilire a discrezione del giudice l'importo della cauzione può distorcere l'effetto concreto, non discuto: i ricchi possono comunque pagare, i meno ricchi no.
          • clitoride bagnato scrive:
            Re: la cauzione
            il grosso problema non sono i ricchi che possono pagare, ma i poveri che sono mediamente ignoranti come galline
          • Glande Volante scrive:
            Re: la cauzione
            - Scritto da: clitoride bagnato
            il grosso problema non sono i ricchi che possono
            pagare, ma i poveri che sono mediamente ignoranti
            come
            gallineSe volevi chicchi di grano, bastava chiedere.
    • Franky scrive:
      Re: la cauzione
      - Scritto da: nessuno nessuno nessuno
      Questo commento c'entra poco con Assange, è sul
      concetto di
      cauzione.


      Ma la cauzione!? Voglio dire: una volta come
      regola andavi in galera se eri riconosciuto
      colpevole. Certo, la legge riconosceva delle
      eccezioni: se vi erano gravi indizi di
      colpevolezza E c'era il rischio che tu potessi
      inquinare le indagini o scappare (non nel senso
      che sapevi camminare, ma nel senso che avevi un
      fratello in Equador), allora c'era il carcere
      preventivo.

      Oggi è diverso. In Italia se uno non va in
      carcere preventivo è una notizia da telegiornale,
      e questo è normale in un paese dove chi mette le
      bombe nelle banche di Milano e chi sfrutta le
      minorenni sta in parlamento o è presidente, ma
      anche nel resto d'Europa la situazione non è
      diversissima. Se sei accusato di qualcosa di
      grave, mediamente te ne stai in
      galera.

      Ora, questa storia della condizionale secondo me
      non è minimamente mascherabile da meccanismo
      utile alla giustizia. Perchè, a parità di accusa
      e situazione processuale, uno che si può
      permettere si pagare 315mila sterline (e quindi,
      a maggior ragione, potrebbe comprare il giudice)
      dovrebbe essere meno pericoloso di uno che non le
      può
      pagare?
      Il problema e' questo...fintanto che tu sei "sospettato" e non sei stato processato in uno stato democratico e liberista tu sei fino a prova contraria considerato "innocente"...la domanda e' perche' un "sospettato"dovrebbe stare in carcere se non e' stato nemmeno processato ?Perche' c'e' il pericolo di fuga o di inquinare le prove? Potrebbe essere...ma secondo me e' sbagliato...allora nel tentativo di ripristinare lo stato di diritto del sospettato c'e' la cauzione che puo' essere bassa o alta a seconda del reato o del pericolo di fuga...solitamente nessun cittadino si puo' permettere da solo di pagare una cauzione...ecco perche' spesso tale cauzione viene pagata dagli amici o dai familiari dell'arrestato...o viene fatta una colletta come nel caso di Assange....secondo me non dovrebbero esistere ne' il carcere preventivo ne' tantomeno la cauzione...una persona dovrebbe stare agli arresti domiciliari fino al proXXXXX se c'e' pericolo di fuga....trovo assurdo che una persona solo perche' sospettata di qualcosa debba stare in galera...
      • Franky scrive:
        Re: la cauzione
        comunque a titolo informativo... c'e' una voce abbastanza approfondita sul concetto di "bail" (cauzione) su wikipedia versione inglese:http://en.wikipedia.org/wiki/Bail
      • nessuno nessuno nessuno scrive:
        Re: la cauzione
        - Scritto da: Franky
        Il problema e' questo...fintanto che tu sei
        "sospettato" e non sei stato processato in uno
        stato democratico e liberista tu sei fino a prova
        contraria considerato "innocente"...la domanda e'Un momento, questo è un principio esiste tanto in democrazia quanto in alcuni (se non tutti) stati dittatoriali... poi viene deliberatamente ignorato, su questo non c'è dubbio... ma viene ignorato sia in democrazia sia nelle dittature, francamente non mi sembra che ci siano differenze da questo punto di vista.L'unica differenza è che le dittature hanno bisogno di pene più severe per mantenersi in vita. Ma se pensi che, con l'ultimo pacchetto sicurezza, si rischiano 2 anni di galera per aver scritto "ciao" su un muro già sXXXXX, beh... che dire...
        perche' un
        "sospettato"
        dovrebbe stare in carcere se non e' stato nemmeno
        processato
        ?
        Perche' c'e' il pericolo di fuga o di inquinare
        le prove? Potrebbe essere...ma secondo me e'
        sbagliato...Se non si è capito lo devo chiarire assolutamente: anche secondo me è sbagliato! Ma infatti questa cosa non la dico io, la dice la legge. Che a sua volta viene superata dalla pratica: resta in galera anche gente che non ha nessuna possibilità di inquinare le prove e che non ha contatti all'estero. Se può permettersi un avvocato, prima o poi questo lo farà uscire facendo ricorso al tribunale del riesame e facendo notare l'assurdità della cosa. Ma finchè non l'imputato non si è fatto qualche mese di galera, i giudici del riesame nemmeno ascoltano quello che l'avvocato ha da dire (a meno che l'avvocato non sia Taormina).
        allora nel tentativo di ripristinare
        lo stato di diritto del sospettato c'e' la
        cauzione che puo' essere bassa o alta a seconda
        del reato o del pericolo di
        fuga...Cauzione che però in Italia non esiste.
        solitamente nessun cittadino si puo' permettere
        da solo di pagare una cauzione...ecco perche'
        spesso tale cauzione viene pagata dagli amici o
        dai familiari dell'arrestato...o viene fatta una
        colletta come nel caso di Assange....Non sono molto d'accordo. Credo che la maggioranza dei cittadini, con un po' di sacrifici, possono pagare la cauzione. Ma quelli che non possono spesso non hanno nemmeno amici che possano farlo al loro posto, perchè un sottoproletario non ha amici altoborghesi...
        secondo me
        non dovrebbero esistere ne' il carcere preventivo
        ne' tantomeno la cauzione...una persona dovrebbe
        stare agli arresti domiciliari fino al proXXXXX
        se c'e' pericolo di fuga....trovo assurdo che una
        persona solo perche' sospettata di qualcosa debba
        stare in
        galera...In linea di principio io vado ancora oltre, dicendo che le galere non dovrebbero esistere. Lo dico perchè sono anarchico e XXXXXXXXXXXXX, d'accordo, ma ci sono fior di intellettuali democratici che sono o sono stati pagati da istituzioni come la UE... che sostengono la stessa cosa. Tanto per citarne due tra i più interessanti: Nils Christie e Louk Hulsman.Ma il problema immediato è questo. Se in uno stato l'occupazione scende a livelli insostenibili, lo stato ha due possibilità. O permette alle persone di vivere dentro la società con lo stato sociale (pensioni, aiuti, assistenza sanitaria gratuita...) o sbatte in galera quelli che vivono fuori dalla legalità. Siccome gli stati moderni (eccezion fatta per il nord Europa) non hanno più i soldi per mantenere lo stato sociale, ricorrono alla repressione. Ma è un circolo vizioso: chi è stato licenziato e sfrattato, per quanto possa aver paura della galera, non potrà mai vivere nella legalità. E allora lo stato ha bisogno di una repressione sempre maggiore. Fin quando fuori non resteranno solo i parlamentari e i più grandi capitalisti, oppure fin quando la gente non avrà capito che ci vuole un cambiamento radicale.
        • clitoride bagnato scrive:
          Re: la cauzione
          XXXXXXXn XXXXX, ma oggi vi è partito l'embolo della tastiera selvaggia? ma XXXXX scrivete post da 100 righe dio fa? andate a leccare una sorca che è meglio
          • Glande Volante scrive:
            Re: la cauzione
            - Scritto da: clitoride bagnato
            XXXXXXXn XXXXX, ma oggi vi è partito l'embolo
            della tastiera selvaggia? ma XXXXX scrivete post
            da 100 righe dio fa? andate a leccare una sorca
            che è
            meglioÈ un problema tutto tuo. Poveretto.
  • Hart scrive:
    Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
    Può stuprare chi vuole, perchè è un EroePraticamente può fare un po' che . vuole perchè alla peggio "è un gomplotto del capitalismo usa XXXXXpupù" e cmq lui è un XXXXXXX Eroe e c'ha sempre ragioneAh che bello l'immunità totale, cacchio io andrei in giro tipo GTA San Andreas a sparare col Kalashnikov a questo e a quello e stuprare chi voglioPer non parlare degli obbiettivi militarmente delicati di cui ha spifferato latitudine e longitudine, un gran ... Eroe ma proprio
    • thepassenge r scrive:
      Re: Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      Un pò come te, che sei un troll che scrive XXXXXXXte e bugie solo perchè ti definisci tale. A ognuno il suo.- Scritto da: Hart
      Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      Praticamente può fare un po' che . vuole perchè
      alla peggio "è un gomplotto del capitalismo usa
      XXXXXpupù" e cmq lui è un XXXXXXX Eroe e c'ha
      sempre
      ragione
      Ah che bello l'immunità totale, cacchio io andrei
      in giro tipo GTA San Andreas a sparare col
      Kalashnikov a questo e a quello e stuprare chi
      voglio

      Per non parlare degli obbiettivi militarmente
      delicati di cui ha spifferato latitudine e
      longitudine, un gran ... Eroe ma
      proprio
    • Alessio scrive:
      Re: Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      - Scritto da: Hart
      Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      Praticamente può fare un po' che . vuole perchè
      alla peggio "è un gomplotto del capitalismo usa
      XXXXXpupù" e cmq lui è un XXXXXXX Eroe e c'ha
      sempre
      ragione
      Ah che bello l'immunità totale, cacchio io andrei
      in giro tipo GTA San Andreas a sparare col
      Kalashnikov a questo e a quello e stuprare chi
      voglio

      Per non parlare degli obbiettivi militarmente
      delicati di cui ha spifferato latitudine e
      longitudine, un gran ... Eroe ma
      proprioTi informi dal tg1, vero?
    • noperfavore no scrive:
      Re: Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      - Scritto da: Hart
      Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      Praticamente può fare un po' che . vuole perchè
      alla peggio "è un gomplotto del capitalismo usa
      XXXXXpupù" e cmq lui è un XXXXXXX Eroe e c'ha
      sempre
      ragione
      Ah che bello l'immunità totale, cacchio io andrei
      in giro tipo GTA San Andreas a sparare col
      Kalashnikov a questo e a quello e stuprare chi
      voglio

      Per non parlare degli obbiettivi militarmente
      delicati di cui ha spifferato latitudine e
      longitudine, un gran ... Eroe ma
      proprioqui qualcuno ha interpretato l'articolo sottosopra come un esercizio di scrittura creativa ed ha provato ad imitare il maestro...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Può stuprare chi vuole, perchè è un Eroe
      Bella trollata.
  • ilcumo scrive:
    Articolo incomprensibile
    L'articolo ha qualche problema o è una mia impressione?(rotfl)
  • MEGALOL scrive:
    rotflonymous con dati personali nel pdf
    Geniacci questi hacker "anonimi".Ora si spiega il backpedaling degli ultimi giorni.
    • LordAzuzu scrive:
      Re: rotflonymous con dati personali nel pdf
      Anche io ci sono rimasto di XXXXX...A ragazzi', andate a studiare che è meglio, certe cose le fanno gli adulti...
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    JACKPOT!!!
    "definito dal Gudice""passando per sono arrivate che ha messo a disposizione di Assange la sua magione inglese""Assange Vaughan Smith a dover rispondere anche all'accusa di spionaggio""E secondo potrebbe trovarsi presto""al giovane soldato ripartirebbe""un web designer accusato di di essere un portavoce di è stato arrestato""Wikileaks.info, invece, Anonymous l'accusa mossagli da alcune organizzazioni di sicurezza di distribuire malware attraverso la lista di mirror fornita per accedere a Wikileaks""L'organizzazione del portale, infine, ha [cambiato qualche frase[http://wikileaks.ch/submissions.html" target="_blank"
    ha respinto nella sua pagina" (cambiato "qualche frase" dovreste farlo voi prima di pubblicare quella che non è manco una bozza...)"sedere sul banco degli impuitati"JACKPOT!!! [img]http://img.photobucket.com/albums/v630/no1nybaii/pedobear-jackpot.jpg[/img]Chi ve l'ha scritto l'articolo? Luridona Moranti?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 dicembre 2010 18.27-----------------------------------------------------------
    • Claudio Tamburrino scrive:
      Re: JACKPOT!!!
      No abbiamo 50 scimmie ammaestrate che battono a caso su altrettante tastiere nella speranza che prima o poi tirino fuori un pezzo da Pulitzer XDIl testo, evidentemente, ha avuto un grave problema di link e lo stiamo sistemando. Grazie per la pazienza con cui hai navigato in quello sconclusionato ammasso di parole caotiche per tirarne fuori una lista di errori: io mi sarei limitato a copiaincollare tutto;-)
      • Sgabbio scrive:
        Re: JACKPOT!!!
        un conto sono i problemi di link, ma qui sembra che abbiate usato google translater e affini per tradurre un articolo inglese :D
  • IOIO e TUTU scrive:
    x la redazione
    Scusate ma non si capisce quasi niente da questo articolo! Ci sono parti di frasi incompiute,altre che partono dal nulla...ridateci un'occhiata.ciao!
    • Claudio Tamburrino scrive:
      Re: x la redazione
      Si grazie è impazzito qualche link portandosi dietro pezzi di testo...stiamo sistemando, scusate per l'interruzione: i programmi riprenderanno il prima possibile
      • nessuno nessuno nessuno scrive:
        Re: x la redazione
        Capiamo benissimo, può succedere.E' bello vedere che non tutti i giornalisti di PI se ne fregano altamente dei commenti scatenati dai loro articoli, anzi pare che qualcuno risponda anche...
  • Anonimo scrive:
    Italiano questo sconosciuto
    Complimenti per il testo, in parecchi punti non si capisce proprio il senso della frase.VOTO: Sufficenza (rotfl)Esito: riscrivere il testo per favore,grazie :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: Italiano questo sconosciuto
      Da quel che ho capito Assage esce, il ricordo e stato respinto e non deve mettere più la cavigliera e consegnare il passaporto ?
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Italiano questo sconosciuto
        - Scritto da: Sgabbio
        Da quel che ho capitoSolo tu che riesci a fare altrettanti errori dell'articolo riusciresti a capire qualcosa in quell'accozzaglia di frasi prive di senso...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 dicembre 2010 18.25-----------------------------------------------------------
        • MEGALOL scrive:
          Re: Italiano questo sconosciuto
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: Sgabbio

          Da quel che ho capito

          Solo tu che riesci a fare altrettanti errori
          dell'articolo riusciresti a capire qualcosa in
          quell'accozzaglia di frasi prive di
          senso...Giuro che l'ho pensato anche io, ma mi sono astenuto dal scriverlo, perché sono sicuro che mi avrebbe risposto:la policy di qui, la policy di là...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Italiano questo sconosciuto
            La policy ? Comunque ho fatto una domanda, perchè il testo cosi com'è messo è confusionario.
      • Franky scrive:
        Re: Italiano questo sconosciuto
        - Scritto da: Sgabbio
        Da quel che ho capito Assage esce, il ricorso e'
        stato respintosi' infatti...e' in liberta' condizionata...e deve rientrare ogni sera al frontlineclub...
        e non deve mettere più la
        cavigliera e consegnare il passaporto
        ?no... questo no...restano l'obbligo della "cavigliera" insomma il braccialetto elettronico "da gamba"...e la consegna del passaporto...
    • uccello padulo scrive:
      Re: Italiano questo sconosciuto
      - Scritto da: Anonimo
      Complimenti per il testo, in parecchi punti non
      si capisce proprio il senso della
      frase.Non è neanche degno di essere definito bozza, una roba orrenda.
      VOTO: Sufficenza (rotfl)Non classificato, altro che suff.
      Esito: riscrivere il testo per favore,grazie :DAspetta e spera.
    • Claudio Tamburrino scrive:
      Re: Italiano questo sconosciuto
      Ehm, giuro di non averlo "scritto" così: c'è stato un problema nei link, ma diverso dal solito...stiamo correggendo...o meglio, inserendolo da capo...grazie per la segnalazione XD
    • EMAIL scrive:
      Re: Italiano questo sconosciuto
      - Scritto da: Anonimo
      Complimenti per il testo, in parecchi punti non
      si capisce proprio il senso della
      frase.

      VOTO: Sufficenza (rotfl)Soprattutto Sufficenza eh? Beh spero che tu l'abbia scritto sbagliato apposta altrimenti... (rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti