USA, di trademark e filetti di unicorno

Letteraccia spedita a ThinkGeek. Colpevole di aver copiato illegalmente uno slogan della National Pork Board. E di averlo usato per pubblicizzare il primo aprile un cibo di fantasia

Roma – C’è chi non ha risparmiato le più ironiche battute , parlando di un tipo di carne sicuramente ottima con broccoli e patatine fritte. Un accostamento succulento, se almeno la carne di unicorno fosse reperibile al banco di un comune macellaio. Ma i legali della società statunitense Faegre & Benson probabilmente non si sono mai accorti che il leggendario cavallo cornuto appartiene esclusivamente ad un regno incantato, da favola.

E così i responsabili del sito ThinkGeek – negozio online dove è possibile acquistare magliette curiose o lampade di Star Trek – hanno potuto leggere quella che è stata da loro stessi definita la migliore lettera della categoria cease-and-desist mai ricevuta. Una comune letteraccia, almeno nella forma, scritta per impedire le vendite future di un prodotto.

Ma proprio sul prodotto è scattata la generale ilarità . Una porzione di carne di unicorno in scatola , pubblicizzata su ThinkGeek.com il primo giorno dello scorso aprile. Uno scherzo, con l’immagine della carne in bella vista accompagnata dallo slogan: la nuova carne bianca. Un’espressione che non è affatto piaciuta ai vertici della National Pork Board a stelle e strisce.

Il titolo di altra carne bianca spetterebbe al più reale maiale. ThinkGeek si sarebbe così macchiato di violazione del trademark . Ecco dunque il motivo della lettera ricevuta dal sito, un corposo dattiloscritto di 12 pagine in cui viene spiegata l’origine dell’attività illecita. ThinkGeek si è poi scusato con la National Pork Board , con parole meritevoli di una breve menzione.

“Non era nelle nostre intenzioni causare una crisi nazionale, facendo confondere i cittadini statunitensi sulla differenza esistente tra il maiale e l’unicorno – ha spiegato Scott Kauffman, CEO di Geeknet proprietaria del sito – Infatti, la carne di unicorno in scatola di ThinkGeek è brillante, un po’ rossa e non approvata da alcuna agenzia governativa”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • senex scrive:
    Mossa costretta
    Devono pur fare qualcosa per non rimanere indietro. E sinceramente mi sembra una buona mossa: è il momento dei pad e devi averne uno; non ci puoi mettere Atom perchè consuma troppo e saresti fuori mercato. Anche Intel si deve dare una mossa se vuole fare concorrenza agli ARMhttp://xxiluna.blogspot.com/2010/02/mwc-2010-meego-bada-e-windows-mobile.html
    • collione scrive:
      Re: Mossa costretta
      interessante articolo ma mi ha sconcertato molto il commento di un utente del blogsecondo lui tutta questa frammentazione produrrà solo problemi e allontanerà gli sviluppatoriquesto sarebbe vero se le cose fossero com'erano anche solo 5 anni fa, ma oggi si va verso strumenti cross-platformtutto il discorso su RIA, native client, webgl, il cloud non ci ha fatto capire nulla quindi?il futuro sarà basato su os eterogenei ma che offrono tramite framework cross-platform le stesse funzionalitàè di 3-4 mesi fa, se non sbaglio, quel test che uno sviluppatore adobe fece mostrando che un programma scritto con flex girava su tutte le piattaforme attualmente esistenti
  • DarkOne scrive:
    Meego - versione preliminare
    http://www.engadget.com/2010/06/22/meego-for-tablets-gets-a-pre-alpha-video-demonstration/Sembra fantastico. Un tablet con questo sistema operativo, fatto come si deve...se lo mangia a colazione l'ipad! Speriamo bene!
    • Uno scrive:
      Re: Meego - versione preliminare
      Si bel video, interessante, speriamo anche in un prezzo umano...
    • ruppolo scrive:
      Re: Meego - versione preliminare
      - Scritto da: DarkOne
      http://www.engadget.com/2010/06/22/meego-for-table

      Sembra fantastico. Un tablet con questo sistema
      operativo, fatto come si deve...se lo mangia a
      colazione l'ipad! Speriamo
      bene!È un bel sistema operativo, mi piace, molto meglio del confusionario Android. Che si mangi l'iPad a colazione dubito molto, ma è certamente un valido concorrente.Pre-alfa però indica che uscirà tra 1 anno, non prima. E poi ci vorranno le applicazioni.
      • DarkOne scrive:
        Re: Meego - versione preliminare
        - Scritto da: ruppolo
        È un bel sistema operativo, mi piace, molto
        meglio del confusionario Android. Che si mangi
        l'iPad a colazione dubito molto, ma è certamente
        un valido
        concorrente.
        Beh io intendevo a livello di funzionalità e di utilizzo. Mi sembra decisamente una spanna sopra ipad. Anche se, c'è da dire, ipad è già una realtà da mesi, questo è un pre alpha...
        Pre-alfa però indica che uscirà tra 1 anno, non
        prima. E poi ci vorranno le
        applicazioni.Non è detto, pre-alpha è soltanto l'interfaccia utente. Il sistema meego è già pronto e completo, manca "solo" la gui e le applicazioni apposite per i tablet. 1 anno forse no, 6 mesi più probabile...ed in effetti è un pò troppo :Per quanto riguarda le applicazioni, sicuramente non potrà competere con iphone ed ipad da questo punto di vista...ma con QT, secondo me, si potrà fare davvero bene. E poi conta che è un vero e proprio linux, già oggi su maemo possono installare i pacchetti per linux che non serve quasi a niente d'accordo, ma è per dire che il codice è riutilizzabile con un "banale" adattamento della GUI.
      • collione scrive:
        Re: Meego - versione preliminare
        guarda che meego è già qui adesso, lo puoi scaricare ed installare ed è alla versione 1.0quindi dove lo vedi questo pre-alpha?
Chiudi i commenti