USA, il database dei cellulari rubati

Fortemente voluto dalla polizia per evitare che i cellulari rubati vengano sfruttati per altri crimini, vede la collaborazione di FCC e dei principali carrier

Roma – I principali carrier statunitensi (Verizon, Sprint, AT&T, T-Mobile) hanno avviato una collaborazione con il Governo degli Stati Uniti con l’obiettivo di unirsi contro il furto di cellulari.

In generale si tratta di una misura fortemente voluta dalle forze dell’ordine, che sono sempre più oberate dalle denunce legate al furto di cellulari, che secondo uno studio rappresentano i beni maggiormente sottratti oggi negli Stati Uniti: per questo le autorità si sono rivolte alla Federal Communications Commission ( FCC ) chiedendo di agire di concerto con i carrier.

Tuttavia il problema non è limitato al furto in sé, ma all’utilizzo che del dispositivo rubato si può fare: così, il furto di un cellulare comporta non solo un suo alto valore di riciclaggio in quanto riutilizzabile con una nuova scheda, ma anche la possibilità di perpetrare altri crimini. Il loro blocco, di conseguenza, diminuirebbe sensibilmente il valore del furto e disinnescherebbe questo meccanismo arrivando fino al punto di ridurre in generale i crimini.

Per questo le telco intendono impegnarsi per costruire nei prossimi sei mesi un database per tracciare i dispositivi di cui si è denunciato lo smarrimento o il furto, individuandoli e bloccandone il traffico dati e voce .

Si tratta di una contromossa che attualmente attuano negli Stati Uniti solo Verizon e Sprint Nextel (entrambi grazie all’impiego di CDMA che permette il blocco del dispositivo senza possibilità di essere riattivato) e non AT&T e T-Mobile che impiegato tecnologia GSM che identifica i dispositivi tramite la SIM, sostituibile permettendo il riutilizzo dei device.

Mentre dunque AT&T e T-Mobile stanno lavorando per trovare soluzioni interne alla loro tecnologia (magari chiedendo un’autorizzazione in più rispetto a quella della scheda per collegarsi alle loro linee), l’adozione di un database con gli identificativi dei dispositivi rubati potrebbe rappresentare un utile strumento per coordinare i vari soggetti protagonisti del settore, in modo tale da stringere il cerchio intorno al riuso dei device rubati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Credevo l'avessero abbandonato
    Credevo che ormai google puntasse tutto su android (Chrome OS doveva essere destinato ai tablet, ma ormai sembra che la strada per i tablet sia android)Vabbè, è sempre utile avere una alternativa in più.
  • Dave scrive:
    Forse meglio così!
    Passo indietro o meno da ciò che fu detto, penso che sia un miglioramento.Se poi si riesce a renderlo un OS più completo (nel vero senso della parola) allora meglio ancora. Serve proprio un OS diverso con dietro qualcuno di grosso che lo possa gestire e mantenere e difenderlo dai soliti noti (sperando però che resti sempre libero).
    • stelvio scrive:
      Re: Forse meglio così!
      tutti cercano di cambiare le gui, ma la verità è che il desktop semplice con un barra, icone, e un menù, è tutto quello che serve su un pc
Chiudi i commenti