USA, il generale di Stuxnet

Un nuovo nemico per gli States: sotto indagine il responsabile dell'operazione che portò alla creazione del famigerato malware anti-iraniano. Sarebbe colpevole di diffusione di informazioni segrete
Un nuovo nemico per gli States: sotto indagine il responsabile dell'operazione che portò alla creazione del famigerato malware anti-iraniano. Sarebbe colpevole di diffusione di informazioni segrete

Se le rivelazioni di NBC News sono corrette, gli USA intendono aprire un nuovo caso Snowden mettendo alla berlina James “Hoss” Cartwright, generale di Marina in pensione che avrebbe concepito e gestito l’operazione nota come “Olympic Games” sguinzagliando il worm Stuxnet contro le centrali iraniane per l’arricchimento dell’uranio.

Cartwright, generale a quattro stellette e secondo ufficiali più alto in grado dell’intera forza militare statunitense, avrebbe proposto all’amministrazione Bush un’iniziativa di cyber-sicurezza senza precedenti. Quella iniziativa avrebbe poi dato origine – con il contributo dei servizi segreti israeliani – al succitato Stuxnet e all’intero dibattito sul cyber-warfare del nuovo millennio scaturito dall’individuazione del worm “in the wild”.

Ora Cartwright è sotto indagine federale , spiegano le fonti dell’emittente statunitense, perché dopo aver proposto e gestito l’operazione Olympic Games il generale avrebbe spifferato tutto alla stampa rendendo pubbliche informazioni riservate che non sarebbero mai dovute uscire dalle segrete stanze del cyber-spionaggio a stelle e strisce.

Qualora ci fosse del vero nella vicenda Cartwright, il generale in pensione – ed ex-consigliere della Casa Bianca – sarebbe il nono nominativo a entrare nella “colonna infame” delle talpe accusate dall’Amministrazione Obama di spionaggio secondo lo Espionage Act del 1917.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 07 2013
Link copiato negli appunti