USA, il videogame sulle tasse

Una speciale commissione voluta da Obama a colloquio con Steve Ballmer. L'idea è: sviluppare un gioco per far capire ai cittadini quanto sia difficile gestire il bilancio federale
Una speciale commissione voluta da Obama a colloquio con Steve Ballmer. L'idea è: sviluppare un gioco per far capire ai cittadini quanto sia difficile gestire il bilancio federale

Si chiamano Erskine Bowles e Alan K. Simpson i due uomini voluti dal Presidente statunitense Barack Obama per guidare una speciale commissione bipartisan di circa venti elementi, alla continua ricerca di idee su come combattere al meglio le non certo lievi difficoltà del paese in ambito fiscale. Idee il più possibile innovative, in modo da elaborare un piano strategico nella lotta ad un deficit nazionale in continua crescita. Un’idea , certo particolare, è recentemente stata partorita: diffondere in terra a stelle e strisce un videogioco web-based , giocabile con un qualsiasi laptop.

Ma non si tratta di sfrenati inseguimenti in auto o di smerciare sostanze illecite a livello internazionale. Ogni giocatore sarà chiamato ad un compito non facile, ovvero quello di dedicarsi alle alterne sorti del bilancio federale degli Stati Uniti . Non sarà però una simulazione realistica delle specifiche attività governative, probabilmente perché in questo modo l’appeal del gioco crollerebbe.

L’idea della commissione è invece di favorire lo sviluppo di una certa confidenza con tasse e tagli in vari ambiti della vita pubblica, in modo da comprendere quanto sia difficile agire e prendere decisioni a livello centrale .

Il tutto grazie ad un game – peraltro che verrà sviluppato da Microsoft – che piacerà probabilmente poco a tutti i giovani fan di Assassin’s Creed .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 04 2010
Link copiato negli appunti