USA, in carcere lo spione omofobico

Dharun Ravi è stato condannato ad un mese di prigione dopo aver spiato a mezzo webcam il suo compagno di stanza all'università. Era accusato di violazione della privacy, ma non è stato dichiarato colpevole di incitamento all'odio

Roma – Ha resistito per tre lunghe ore, prima di scoppiare in lacrime alla visione della madre. Il giovane studente di origini indiane Dharun Ravi è stato condannato a 30 giorni di carcere nello stato del New Jersey, accusato di aver spiato a mezzo webcam il suo compagno di stanza alla Rutgers University . Un’abitudine finita presto in tragedia dopo il suicidio di Tyler Clementi.

Alla metà dello scorso marzo, Ravi era stato dichiarato colpevole di violazione della privacy e incitamento all’odio, avendo in qualche modo contribuito al fatale gesto di Clementi. Il collega era stato ripreso – di nascosto – intento a baciare un suo amico, con un video diffuso online e una serie di sgradevoli cinguettii a sfondo omofobico.

Il giudice del New Jersey ha ora sottolineato come l’imputato non fosse pervaso da un reale sentimento d’odio nei confronti del compagno di stanza. Le attività silenti della sua webcam sarebbero invece state guidate da una “colossale mancanza di sensibilità” . Non trattandosi di un crimine legato all’odio o alla violenza fisica, il giudice ha preferito una condanna lieve pari ad un solo mese di prigione.

Lo studente di origini indiane dovrà poi pagare una cifra pari a 11mila dollari per danni morali e servire la comunità con 300 ore di lavoro socialmente utile. Vibranti le proteste da parte dell’accusa – supportate da alcune organizzazioni per la tutela dei diritti omosessuali – che avvierà presto le pratiche d’appello nel tentativo di prolungare il periodo di detenzione imposto a Ravi.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nemis scrive:
    e brevettiamo dati random
    ci vorrebbe una bella colletta, e depositare brevetto per, che ne so, 20mila Terabyte di dati random in suolo americano...poi, se una canzone, un programma, o un qualsiasi "cosa" digitale dovesse avere un a piccola sequenza di numeri uguale a quella brevettata... giu di denuncie, e il ricavato alla comunità opensource.
    • Furbissimo scrive:
      Re: e brevettiamo dati random
      - Scritto da: Nemis
      ci vorrebbe una bella colletta, e depositare
      brevetto per, che ne so, 20mila Terabyte di dati
      random in suolo
      americano...
      poi, se una canzone, un programma, o un qualsiasi
      "cosa" digitale dovesse avere un a piccola
      sequenza di numeri uguale a quella brevettata...
      giu di denuncie, e il ricavato alla comunità
      opensource.Possiamo iniziare da questo post che di random ne ha messo parecchio
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: e brevettiamo dati random
      Could Quantum Computing Kill Copyright? https://torrentfreak.com/could-quantum-computing-kill-copyright-110731
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: e brevettiamo dati random
      - Scritto da: Nemis
      ci vorrebbe una bella colletta, e depositare
      brevetto per, che ne so, 20mila Terabyte di dati
      random in suolo
      americano...
      poi, se una canzone, un programma, o un qualsiasi
      "cosa" digitale dovesse avere un a piccola
      sequenza di numeri uguale a quella brevettata...
      giu di denuncie, e il ricavato alla comunità
      opensource.Basterebbe brevettare lo zero. O l'uno.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Supreme Court Refuses $675000
    Supreme Court Refuses $675000 File-Sharing Case https://torrentfreak.com/supreme-court-refuses-675000-file-sharing-case-120521
  • Izio01 scrive:
    Costa quasi meno...
    ...causare disastri ecologici con migliaia di persone, che caricare qualche canzone.http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_BhopalTra 8000 e 25000 vittime, a seconda della fonte, più innumerevoli persone contaminate, devastazioni genetiche e distruzione del territorio. Contando comunque solo le vittime, però:470.000.000 $ / 15000 vittime = 3100 $/vittima circa.Poco più della multa legata alla condivisione di una canzone. Molto equo, no?Se qualcuno accoppasse qualche scagnozzo di RIAA, secondo voi se la caverebbe con queste cifre? Quasi quasi... :-)
    • Allibito scrive:
      Re: Costa quasi meno...
      - Scritto da: Izio01
      ...causare disastri ecologici con migliaia di
      persone, che caricare qualche
      canzone.
      http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Bhopal
      Tra 8000 e 25000 vittime, a seconda della fonte,
      più innumerevoli persone contaminate,
      devastazioni genetiche e distruzione del
      territorio. Contando comunque solo le vittime,
      però:
      470.000.000 $ / 15000 vittime = 3100 $/vittima
      circa.
      Poco più della multa legata alla condivisione di
      una canzone. Molto equo,
      no?

      Se qualcuno accoppasse qualche scagnozzo di RIAA,
      secondo voi se la caverebbe con queste cifre?
      Quasi quasi...
      :-)Il fatto che esistano violazioni più gravi non deve far apparire le prime come fosse acqua fresca, vanno punite entrambe con le sanzioni previste per ognuna. Ci sono stati risarcimenti milionari per fumatori che avevano scelto liberamente di fumare, ogni storia è a se.E' innegabile che un danno sia stato fatto e se si ottiene giustizia non mi sembra una stranezza, semmai la normalità.
      • anon scrive:
        Re: Costa quasi meno...
        - Scritto da: Allibito
        Il fatto che esistano violazioni più gravi non
        deve far apparire le prime come fosse acqua
        fresca, vanno punite entrambe con le sanzioni
        previste per ognuna.Il fatto è che codeste sanzioni sono spesso palesemente sproporzionate e inique, a fronte della violazione commessa.
      • Izio01 scrive:
        Re: Costa quasi meno...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Izio01

        ...causare disastri ecologici con migliaia di

        persone, che caricare qualche

        canzone.

        http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Bhopal

        Tra 8000 e 25000 vittime, a seconda della fonte,

        più innumerevoli persone contaminate,

        devastazioni genetiche e distruzione del

        territorio. Contando comunque solo le vittime,

        però:

        470.000.000 $ / 15000 vittime = 3100 $/vittima

        circa.

        Poco più della multa legata alla condivisione di

        una canzone. Molto equo,

        no?



        Se qualcuno accoppasse qualche scagnozzo di
        RIAA,

        secondo voi se la caverebbe con queste cifre?

        Quasi quasi...

        :-)

        Il fatto che esistano violazioni più gravi non
        deve far apparire le prime come fosse acqua
        fresca, vanno punite entrambe con le sanzioni
        previste per ognuna. Ci sono stati risarcimenti
        milionari per fumatori che avevano scelto
        liberamente di fumare, ogni storia è a se.E'
        innegabile che un danno sia stato fatto e se si
        ottiene giustizia non mi sembra una stranezza,
        semmai la
        normalità.Io parlo di proporzionalità della pena al reato commesso, è come se ci fosse la pena di morte per chi parcheggia in sosta vietata. Naturalmente le major possono sponsorizzare qualcuno che fornisca loro leggi ad hoc, ed ecco che magicamente il caricare una canzone diventa grave quanto ammazzare una persona. Per quanto mi riguarda è un'evidente aberrazione e un obbrobrio giuridico.
        • Allibito scrive:
          Re: Costa quasi meno...
          - Scritto da: Izio01
          Io parlo di proporzionalità della pena al reato
          commesso, è come se ci fosse la pena di morte per
          chi parcheggia in sosta vietata. Naturalmente le
          major possono sponsorizzare qualcuno che fornisca
          loro leggi ad hoc, ed ecco che magicamente il
          caricare una canzone diventa grave quanto
          ammazzare una persona. Per quanto mi riguarda è
          un'evidente aberrazione e un obbrobrio
          giuridico. Bisogna anche rendersi conto di quanto danno possa arrecare all'intera filiera, un semplice gesto come il click per scaricare un file, per non parlare del danno incalcolabile che può fare un upload.
          • krane scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Izio01

            Io parlo di proporzionalità della pena al reato

            commesso, è come se ci fosse la pena di morte
            per

            chi parcheggia in sosta vietata. Naturalmente le

            major possono sponsorizzare qualcuno che
            fornisca

            loro leggi ad hoc, ed ecco che magicamente il

            caricare una canzone diventa grave quanto

            ammazzare una persona. Per quanto mi riguarda è

            un'evidente aberrazione e un obbrobrio

            giuridico.
            Bisogna anche rendersi conto di quanto danno
            possa arrecare all'intera filiera, un semplice
            gesto come il click per scaricare un file, per
            non parlare del danno incalcolabile che può fare
            un upload.Appunto: nessuno.
          • Polemik scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            Guarda che il tizio sta trollando... :|
          • krane scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Polemik
            Guarda che il tizio sta trollando... :|Io invece gli sto dando risposte complete ed elaborate vero ?
          • Izio01 scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Izio01

            Io parlo di proporzionalità della pena al reato

            commesso, è come se ci fosse la pena di morte
            per

            chi parcheggia in sosta vietata. Naturalmente le

            major possono sponsorizzare qualcuno che
            fornisca

            loro leggi ad hoc, ed ecco che magicamente il

            caricare una canzone diventa grave quanto

            ammazzare una persona. Per quanto mi riguarda è

            un'evidente aberrazione e un obbrobrio

            giuridico.
            Bisogna anche rendersi conto di quanto danno
            possa arrecare all'intera filiera, un semplice
            gesto come il click per scaricare un file, per
            non parlare del danno incalcolabile che può fare
            un
            upload.Anche uno che parcheggia in sosta vietata può far sì che una macchina invada la corsia opposta per passare, e per pura sfortuna in quel momento sta svoltando in quella via un'autobotte che trasporta metano, che prende fuoco in seguito all'urto e incendia un intero isolato causando la morte di n persone. Ciò non toglie che la sosta vietata non è automaticamente punita come strage colposa, ma normalmente solo con qualche decina di euro di multa.Le major invece si fanno confezionare leggi ad hoc che presuppongono danni ancora più devastanti di quelli che ho descritto io, sulla base di stime indimostrabili ed esagerate. Se la proporzione che a te piace venisse applicata a TUTTI gli uploader, credo che le multe supererebbero il PIL dell'intero pianeta. Questa per me è un'evidente dimostrazione della falsità delle stime dell'industria dell'intrattenimento. Quanto al fatto che paghino tangenti, spesso anche alla luce del sole, bè, è facile da dimostrare. Basta ricordarsi di Mitch Glazier. Evviva la giustizia!
          • Polemik scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            Beh, ma è normale: la giustizia è uguale per tutti, ma non tutti sono uguali di fronte alla giustizia.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            Se è dimostrabile che da un illecito amministrativo come un divieto di sosta è derivato un grave danno, se ne può chiedere conto all'autore. C'è una sentenza recente in tal senso. Però, appunto: se dimostrabile ! In merito alle violazione del diritto d'autore, si chiacchiera e si chiacchiera ma nessuno ha mai provato che al download corrisponde il mancato acquisto.Quanto alla filiera ... non è un mio interesse che sopravviva. Sono disponibile a retribuire l'autore, non il pubblicitario, il distributore, il negoziante, il videonoleggiatore, il benzinaio, il parcheggiatore abusivo, etc.
          • Allibito scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Joe Tornado
            Se è dimostrabile che da un illecito
            amministrativo come un divieto di sosta è
            derivato un grave danno, se ne può chiedere conto
            all'autore. C'è una sentenza recente in tal
            senso. Però, appunto: se dimostrabile ! In merito
            alle violazione del diritto d'autore, si
            chiacchiera e si chiacchiera ma nessuno ha mai
            provato che al download corrisponde il mancato
            acquisto.

            Quanto alla filiera ... non è un mio interesse
            che sopravviva. Sono disponibile a retribuire
            l'autore, non il pubblicitario, il distributore,
            il negoziante, il videonoleggiatore, il
            benzinaio, il parcheggiatore abusivo,
            etc.Solo perchè non sai come funzionano le cose... un autore senza il produttore non esiste, così come non esisterebbero registi o attori. Quello che tu vedi è solo il prodotto finale frutto di collaborazione di centinaia di persone. Se scrivi una bella ssceneggiatura, o la vendi ad un produttore o ti fai il film da solo o rimane nel tuo cassetto, non ci sono altre strade.
          • krane scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Joe Tornado

            Se è dimostrabile che da un illecito

            amministrativo come un divieto di sosta è

            derivato un grave danno, se ne può chiedere
            conto

            all'autore. C'è una sentenza recente in tal

            senso. Però, appunto: se dimostrabile ! In
            merito

            alle violazione del diritto d'autore, si

            chiacchiera e si chiacchiera ma nessuno ha mai

            provato che al download corrisponde il mancato

            acquisto.



            Quanto alla filiera ... non è un mio interesse

            che sopravviva. Sono disponibile a retribuire

            l'autore, non il pubblicitario, il distributore,

            il negoziante, il videonoleggiatore, il

            benzinaio, il parcheggiatore abusivo,

            etc.
            Solo perchè non sai come funzionano le cose... un
            autore senza il produttore non esiste, così come
            non esisterebbero registi o attori. Quello che tu
            vedi è solo il prodotto finale frutto di
            collaborazione di centinaia di persone. Se scrivi
            una bella ssceneggiatura, o la vendi ad un
            produttore o ti fai il film da solo o rimane nel
            tuo cassetto, non ci sono altre strade.Non c'erano altre strade, ora siamo nel 21' secolo:http://magazine.terre.it/notizie/rubrica/24/articolo/1719/nuovo-cinema-condiviso
          • panda rossa scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            Solo perchè non sai come funzionano le cose... un
            autore senza il produttore non esiste,Esiste.Io non ho nessun produttore eppure ho scritto un sacco di programmi.
            così come
            non esisterebbero registi o attori. Teatro, questo sconosciuto.I primi teatri risalgono al I millennio a.C. in Grecia e in Egitto.Il primo produttore a che epoca risale invece?
            Quello che tu
            vedi è solo il prodotto finale frutto di
            collaborazione di centinaia di persone.Esistono anche piccole produzioni, opera di due o tre persone al massimo.
            Se scrivi
            una bella ssceneggiatura, o la vendi ad un
            produttore o ti fai il film da solo o rimane nel
            tuo cassetto, non ci sono altre
            strade.Pensa che potrei perfino usare questo forum per pubblicarla in rete, se volessi.Me lo impedisci tu?
          • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            Non va punita perchè la <b
            Libera Condivisione del Sapere </b
            deve essere considerata legale ed incentivata.Il vero danno lo fanno i rottami del passato con il cervello fermo al grammofono che pretendono di controllare la diffusione del Sapere. <b
            ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
            p)
          • panda rossa scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Izio01

            Io parlo di proporzionalità della pena al reato

            commesso, è come se ci fosse la pena di morte
            per

            chi parcheggia in sosta vietata. Naturalmente le

            major possono sponsorizzare qualcuno che
            fornisca

            loro leggi ad hoc, ed ecco che magicamente il

            caricare una canzone diventa grave quanto

            ammazzare una persona. Per quanto mi riguarda è

            un'evidente aberrazione e un obbrobrio

            giuridico.
            Bisogna anche rendersi conto di quanto danno
            possa arrecare all'intera filiera, un semplice
            gesto come il click per scaricare un file, per
            non parlare del danno incalcolabile che può fare
            un
            upload.La filiera e' inutile.Bastano solo gli estremi: l'autore da una parte, il pubblico dall'altra.Tutti i parassiti che fino a ieri si strafogavano stando nel mezzo, sono pregati di andare a zappare.
          • Gattazzo scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            .............
            Bisogna anche rendersi conto di quanto danno
            possa arrecare all'intera filiera, un semplice
            gesto come il click per scaricare un file, per
            non parlare del danno incalcolabile che può fare
            un
            upload." Incalcolabile " lo hai detto tu... Allora come mai le Major sanguisughe se lo calcolano secondo parametri di loro comodo, che guarda caso il giodice di turno, benchè da loro sicuramente "pressato", non può evitare di abbassare quanto meno ad un valore 10 volte inferiore? Sulla quantificazione del danno sarebbe da scrivere un libro, cosa vuoi che ci si possa "render conto" quando si parla di cifre, di comodo appunto, totalmente fuori di ragione per diversi ordini di grandezza? Mi sembra quasi di parlare di valori che possono apparire in trattati di astronomia, e stiamo parlando non delle dimensioni dell'Universo ma di quanto può valere una canzonetta che anche io con un modesto computer, una chitarra con jack nel mic, un buon microfono ed un buon SW anche free Sequencer + Mixer + Effetti saprei tirar fuori in qualche giorno... Dai, dimmi quanto può valere, 100 Euro, 200? Guarda, facciamo 500 e non se ne parli più... Una canzonetta a casa mia vale quanto può valere l'impegno e la professionalità per tirarla fuori, non quanto viene imposto come corrispettivo dalle mafie sanguisugatrici in oggetto!Bada bene che stiamo parlando di canzonette, perche di 30 canzonette parla l'articolo. Non stiamo parlando di opere cinematografiche, per le quali ho tutto il rispetto del caso, visto che mai e poi mai potrei amatorialmente tirar fuori qualcosa al livello del più modesto dei telefilm made in USA (anche se mi sentirei tranquillamente di poter fare qualcosa di paragonabile a certe melense e addormentevoli produzioni italiche nelle quali per interi quarti d'ora vengono inquadrate 4 persone che parlano di argomenti quanto meno improbabili tra le 4 mura di una stanza oltretutto modestamente arredata...).E non stiamo parlando di SW, il vero SW, per il quale ho tutto il rispetto, visto che SOLO IN QUESTO CASO si può parlare di opera d'ingegno, ma che, guarda caso, per sua stessa natura DEVE essere patrimonio dell'Umanità, come lo sono la teoria della Relatività e la conoscenza delle scoperte scientifiche in genere. Fuori dal tempio chi ci commercia , disse Qualcuno 2000 anni or sono!
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Gattazzo
            Bada bene che stiamo parlando di canzonette,
            perche di 30 canzonette parla l'articolo. Non
            stiamo parlando di opere cinematografiche, per le
            quali ho tutto il rispetto del caso, visto che
            mai e poi mai potrei amatorialmente tirar fuori
            qualcosa al livello del più modesto dei telefilm
            made in USAFalso. Basta cercare sponsorizzazioni che ti coprano le spese e un certo guadagno e poi rilasci gratis tutto in modo che abbia una diffusione ampia.[yt]I1fQ-3-CEFg[/yt]
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Costa quasi meno...
            - Scritto da: Allibito
            Bisogna anche rendersi conto di quanto danno
            possa arrecare all'intera filiera, un semplice
            gesto come il click per scaricare un file, per
            non parlare del danno incalcolabile che può fare
            un upload.La filiera è inutile. Se vado sul sito di south park posso vedermi gratis tutti gli episodi che voglio e non ho bisogno della filiera che mi impone costi, spostamenti, attese, rotture di maroni.
      • sbertuccia scrive:
        Re: Costa quasi meno...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Izio01

        ...causare disastri ecologici con migliaia di

        persone, che caricare qualche

        canzone.

        http://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Bhopal

        Tra 8000 e 25000 vittime, a seconda della fonte,

        più innumerevoli persone contaminate,

        devastazioni genetiche e distruzione del

        territorio. Contando comunque solo le vittime,

        però:

        470.000.000 $ / 15000 vittime = 3100 $/vittima

        circa.

        Poco più della multa legata alla condivisione di

        una canzone. Molto equo,

        no?



        Se qualcuno accoppasse qualche scagnozzo di
        RIAA,

        secondo voi se la caverebbe con queste cifre?

        Quasi quasi...

        :-)

        Il fatto che esistano violazioni più gravi non
        deve far apparire le prime come fosse acqua
        fresca, vanno punite entrambe con le sanzioni
        previste per ognuna. Ci sono stati risarcimenti
        milionari per fumatori che avevano scelto
        liberamente di fumare, ogni storia è a se.E'
        innegabile che un danno sia stato fatto e se si
        ottiene giustizia non mi sembra una stranezza,
        semmai la
        normalità.Ma che cappero dici? Diceva Beccaria che le pene devono essere commisurare alla gravità dei delitti (o qualcosa del genere), e mi sembra che confrontando queste due cose non si veda proprio un'equità dal punto di vista sociale (ovvero le aziende che chiedono i danni ai privati pretendono cifre fuori di testa, mentre quando sono i privati a subire un danno in genere le aziende se la cavano con spiccioli!). Si dice che la giustizia è uguale per tutti, ma in realtà si sa che non è vero, perchè basta avere un buon avvocato che spesso anche se si è nel torto si riesce a spuntarla! Luoghi comuni? No, non credo...
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: Costa quasi meno...

        Il fatto che esistano violazioni più gravi non
        deve far apparire le prime come fosse acqua
        fresca, vanno punite entrambe con le sanzioni
        previste per ognuna.Non va punita perchè la <b
        Libera Condivisione del Sapere </b
        deve essere considerata legale ed incentivata.
        E'innegabile che un danno sia stato fattoQuesta è la tua personalissima opinione.Il vero danno lo fanno i rottami del passato con il cervello fermo al grammofono che pretendono di controllare la diffusione del Sapere. <b
        ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
        p)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Costa quasi meno...
        contenuto non disponibile
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Costa quasi meno...
        - Scritto da: Allibito
        E' innegabile che un danno sia stato fattoQuesto chi lo dice? I videotechini? Le major? Gli studi <B
        NON COMMISSIONATI DALLE MAJOR </B
        dicono che la gratuita condivisione dell'opera comporta pubblicità gratuita verso l'opera stessa e quindi più introiti per gli autori, sia pure sotto forme diverse (gadget, spettacoli, concerti, popolarità, passaggi in tv, sponsorizzazioni, proposte pubblicitarie, ecc.).Gli unici che ci perdono siete voi della filiera. Ed è proprio quello il nostro scopo, vogliamo eliminarvi e ci stiamo riuscendo.
    • nonne scrive:
      Re: Costa quasi meno...
      Hai ragione, questo è il sistema criminale dei governi al soldo delle grandi multinazionali. Pensiamo ad esempio ad una grande società petrolifera che inquina e viene multata di qualche decina di migliaia di dollari al giorno, che differenza può fare questa multa se loro guadagnano milioni di dollare al minuto? Il cancro poi viene a noi mica a loro che vivono nei loro castelli.
  • Goldrake scrive:
    ...
    Ehi Mauro Vecchio, sai che in quella foto assomigli a Capitan Harlock? :)
  • andbad scrive:
    Piratare è come rubare
    Ok, allora fanno 79 cents a canzone....facciamo 30$ e non se ne parla più, ok?
    • panda rossa scrive:
      Re: Piratare è come rubare
      - Scritto da: andbad
      Ok, allora fanno 79 cents a canzone....facciamo
      30$ e non se ne parla più,
      ok?Purche' finiscano direttamente nelle tasche dell'artista, sulle quali ci paghera' le tasse.
      • Allibito scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: andbad

        Ok, allora fanno 79 cents a
        canzone....facciamo

        30$ e non se ne parla più,

        ok?

        Purche' finiscano direttamente nelle tasche
        dell'artista, sulle quali ci paghera' le
        tasse.L'artista prenderà la sua percentuale, per avere il 100% dovrà fare come molti, creare una sua casa discografica o produrre da solo il cd.
        • panda rossa scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: andbad


          Ok, allora fanno 79 cents a

          canzone....facciamo


          30$ e non se ne parla più,


          ok?



          Purche' finiscano direttamente nelle tasche

          dell'artista, sulle quali ci paghera' le

          tasse.
          L'artista prenderà la sua percentuale, per avere
          il 100% dovrà fare come molti, creare una sua
          casa discografica o produrre da solo il
          cd.Lo faranno tutti i nuovi artisti.E lo farebbero anche tutti i vecchi artisti se non fossero legati mani, piedi e collo, con gli intermediari parassiti che li sfruttano.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Piratare è come rubare
      - Scritto da: andbad
      Ok, allora fanno 79 cents a canzone....facciamo
      30$ e non se ne parla più, ok?Facciamo 0 e non se ne parla più.Anzi, facciamo che pagano loro a me, per il tempo perso ad ascoltare la loro musica di XXXXX e a guardare i loro film di XXXXX e a usare i loro software di XXXXX... fare il betatester è un lavoro, eh...
      • Allibito scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: andbad

        Ok, allora fanno 79 cents a
        canzone....facciamo

        30$ e non se ne parla più, ok?

        Facciamo 0 e non se ne parla più.
        Anzi, facciamo che pagano loro a me, per il tempo
        perso ad ascoltare la loro musica di XXXXX e a
        guardare i loro film di XXXXX e a usare i loro
        software di XXXXX... fare il betatester è un
        lavoro,
        eh...Chi ti ha detto di scaricarli, non fare questi favori a chi crea, ne possono fare a meno.
        • krane scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

          - Scritto da: andbad


          Ok, allora fanno 79 cents a

          canzone....facciamo


          30$ e non se ne parla più, ok?

          Facciamo 0 e non se ne parla più.

          Anzi, facciamo che pagano loro a me, per

          il tempo perso ad ascoltare la loro

          musica di XXXXX e a guardare i loro

          film di XXXXX e a usare i loro

          software di XXXXX... fare il betatester

          è un lavoro, eh...
          Chi ti ha detto di scaricarli, non fare
          questi favori a chi crea, ne possono
          fare a meno.La legge dice che e' consentito farlo, quindi perche' no ?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Piratare è come rubare

          Chi ti ha detto di scaricarli, non fare questi
          favori a chi crea, ne possono fare a
          meno.Facciamo che nessuno paga nessuno e siamo tutti contenti.
          • Osvy scrive:
            Re: Piratare è come rubare
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Chi ti ha detto di scaricarli, non fare
            questi

            favori a chi crea, ne possono fare a

            meno.

            Facciamo che nessuno paga nessuno e siamo tutti
            contenti.Gli avvocati non credo... la loro parcella la vogliono :-(
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: Allibito
          Chi ti ha detto di scaricarliNessuno, ci sono, me li prendo da solo, come mi leggo le notizie sul sito dell'ansa o come respiro l'aria senza bisogno di chiedere il permesso a nessuno.Piuttosto, chi ha detto loro di farli?Non io di certo.
      • Civil Servant scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        Ciao Luco, sono sempre del tutto d'accordo con te e ammiro il tuo stile e il tuo argomentare. Chiarito ad abundantiam - salvo per i XXXXX che continuano a difendere l'indifendibile - che la politica delle majors sulla musica è criminale e suicida, volevo sapere cosa pensi della politica degli editori e degli smerciatori di libri (Amazon, Google) sull'editoria digitale. In particolare in Italia. Se io acquisto un libro in formato cartaceo, l'acquisto lo rende una mia proprietà in tutto e per tutto. Posso farci quel che voglio: leggerlo, prestarlo ad amici, regalarlo ad una biblioteca, usarlo come zeppa per la gamba sghemba di un tavolo. Ti sembra giusto che uno acquisti un libro in formato elettronico - almeno in Italia, a prezzi quasi identici a quelli della versione cartacea - e poi non sia il vero proprietario del bene che ha acquistato, dato che il file pullula di DRM, non si può copiare, non si può convertire, non si può prestare, a volte lo nascondono così bene nel device (vedi libri Google Books da Google Play ex Market) che non lo trovi neanche a morire nelle cartelle, e può solo essere letto sull'aggeggio o col software proprietario fornito o venduto dallo stesso smerciatore di libri elettronici? Non è uno scandalo che grida vendetta? Che richiederebbe, per giustizia retributiva, dieci, cento, mille Megaupload di libri e pubblicazioni digitali? Grazie in anticipo per il tuo punto di vista.
        • panda rossa scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: Civil Servant
          Ti sembra
          giusto che uno acquisti un libro in formato
          elettronico - almeno in Italia, a prezzi quasi
          identici a quelli della versione cartacea - e poi
          non sia il vero proprietario del bene che ha
          acquistato, Rispondo io per lui.No, non e' giusto!
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: Civil Servant
          Ciao Luco, sono sempre del tutto d'accordo con te
          e ammiro il tuo stile e il tuo argomentare.
          Chiarito ad abundantiam - salvo per i XXXXX che
          continuano a difendere l'indifendibile - che la
          politica delle majors sulla musica è criminale e
          suicida, volevo sapere cosa pensi della politica
          degli editori e degli smerciatori di libri
          (Amazon, Google) sull'editoria digitale.Ciao, il mio pensiero non si discosta dal resto:1) qualunque forma di DRM è male e chi lo usa va punito mandandolo in miseria e usando qualunque mezzo, lecito e non, per farlo fallire, quindi nel nostro caso scaricando e diffondendo e non pagando2) gli editori, le corporazioni, i grossisti, i dettaglianti, online e offline, sono sfruttatori sia degli autori sia degli utenti, e vanno pertanto puniti, con ogni mezzo, lecito e non, in ogni caso evitando di far guadagnare loro alcunché, neanche un decimillesimo di euro3) gli autori (e solo loro) devono poter guadagnare attraverso un sistema pubblicitario e di gadget/donazioni (/concerti/teatro/ecc.) in modo da prendere un giusto compenso per la loro arte ma senza costringere chi vuole solo accedere all'opera a cacciare soldi di tasca propria; per il resto devono imparare a capire che registrazioni, file digitali, copie dell'opera, sono pubblicità gratuita per loro e vanno considerati PATRIMONIO DELL'UMANITA' e non possono essere fatti pagare a chi ne voglia usufruire4) va implementato un sistema di filesharing legale in modo che ogni autore possa guadagnare sull'opera caricata attraverso un sistema di banner e/o donazioni, praticamente quello che voleva fare Kim Dotcom trovando accordi con gli artisti, in parte è quello che fa lo stesso Google con Youtube in tutti i casi dove l'artista decide che il ContentID non comporti la rimozione del video ma comporti introti pubblicitari per l'artista. In questo modo è tutelata la libertà sia di chi carica il video (fair use) sia di chi vuole accedere al video e sono contemporaneamente tutelati anche i diritti d'autore (nota bene: diritti d'autore, non copyright: le due cose sono notevolmente diverse, il diritto d'autore è dell'autore ed è inalienabile e non cedibile, il copyright quasi mai è dell'autore...).
          In particolare in Italia. Se io acquisto un libro
          in formato cartaceo, l'acquisto lo rende una mia
          proprietà in tutto e per tutto. Posso farci quel
          che voglio: leggerlo, prestarlo ad amici,
          regalarlo ad una biblioteca, usarlo come zeppa
          per la gamba sghemba di un tavolo.Sacrosanto.
          Ti sembra
          giusto che uno acquisti un libro in formato
          elettronico - almeno in Italia, a prezzi quasi
          identici a quelli della versione cartacea - e poi
          non sia il vero proprietario del bene che ha
          acquistato, dato che il file pullula di DRM, non
          si può copiare, non si può convertire, non si può
          prestare, a volte lo nascondono così bene nel
          device (vedi libri Google Books da Google Play ex
          Market) che non lo trovi neanche a morire nelle
          cartelle, e può solo essere letto sull'aggeggio o
          col software proprietario fornito o venduto dallo
          stesso smerciatore di libri elettronici?Ovviamente è assurdo, è come voler vendere l'aria e pretendere pure che la gente paghi.
          Non è uno scandalo che grida vendetta?Certo che lo è.
          Che
          richiederebbe, per giustizia retributiva, dieci,
          cento, mille Megaupload di libri e pubblicazioni
          digitali?Naturalmente. La guerra è guerra, se le major se ne fregano delle leggi (trattati internazionali in primis, vedi appunto il caso di Kim Dotcom) e dei diritti degli utenti, non vedo perché gli utenti debbano badare alle leggi ad personam... E la guerra la stiamo vincendo noi perché siamo mille volte più veloci delle major.
          Grazie in anticipo per il tuo punto di vista.Ma se mi conosci sai bene che questo è esattamente quello che dico da anni. :)
    • Allibito scrive:
      Re: Piratare è come rubare
      - Scritto da: andbad
      Ok, allora fanno 79 cents a canzone....facciamo
      30$ e non se ne parla più,
      ok?Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se tenti di rubarla, le sanzioni non possono essere uguali al costo, altrimenti chi comprerebbe? Inoltre la condivisione di un brano non è semplicemente un brano...
      • anon scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        - Scritto da: Allibito
        Inoltre la condivisione di un brano
        non è semplicemente un brano...No? e che cos'è?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Piratare è come rubare

        Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se tenti
        di rubarla, le sanzioni non possono essere uguali
        al costoMa chi avrebbe rubato? Di certo non chi scarica, visto che scarica da qualcuno che ha condiviso volontariamente.Chi condivide ruba? No, perchè condivide qualcosa che ha comprato, e che quindi è suo.
        , altrimenti chi comprerebbe? Inoltre la
        condivisione di un brano non è semplicemente un
        brano...Cosa è, allora?
        • Osvy scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se
          tenti

          di rubarla, le sanzioni non possono essere
          uguali

          al costo

          Ma chi avrebbe rubato? Di certo non chi scarica,
          visto che scarica da qualcuno che ha condiviso
          volontariamente.

          Chi condivide ruba? No, perchè condivide qualcosa
          che ha comprato, e che quindi è suo.


          , altrimenti chi comprerebbe? Inoltre la

          condivisione di un brano non è semplicemente
          un

          brano...

          Cosa è, allora?Arrampicamento sugli specchi?... (il tuo, con riferimento alla tesi 2)...)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Piratare è come rubare
            Allora rispondi tu alla domanda: chi è che ruba?E a chi sta rubando?Se compro un contenuto, il contenuto a chi appartiene?
      • sbertuccia scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: andbad

        Ok, allora fanno 79 cents a canzone....facciamo

        30$ e non se ne parla più,

        ok?
        Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se tenti
        di rubarla, le sanzioni non possono essere uguali
        al costo, altrimenti chi comprerebbe? Inoltre la
        condivisione di un brano non è semplicemente un
        brano...Cappero, pensa alla condivisione delle ciliege del mio albero, che tutti cercano di "scaricare"...e dire che non si tratta nemmeno di informazioni replicabili, quindi il furto esiste, è tangibile, quantificabile!Seriamente, queste multe faraoniche mi fanno pensare al ladro che ruba una mela al mercato e si prende 4 anni di carcere, mentre l'A.D. di qualche azienda che ruba milioni di euro nemmeno un giorno!
        • panda rossa scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: sbertuccia

          Cappero, pensa alla condivisione delle ciliege
          del mio albero, che tutti cercano di
          "scaricare"...e dire che non si tratta nemmeno di
          informazioni replicabili, Come no.Ci vuole un po' di tempo, perche' la tecnologia non e' ancora ben sviluppata, ma se io prendo una delle tue ciliegie, e la pianto nel mio giardino, dopo un certo lasso di tempo puoi venire a prendere tutte le ciliegie che vuoi dall'albero che sara' cresciuto.Possiamo tranquillamene supporre che in un futuro non troppo lontano, i tempi di questo proXXXXX di replicazione siano piu' rapidi, ma concetualmente la ciliegia e' replicabilissima.
        • Funz scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: sbertuccia
          Cappero, pensa alla condivisione delle ciliege
          del mio albero, che tutti cercano di
          "scaricare"...Se pendono sulla strada, sono di tutti! :p
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Piratare è come rubare
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: sbertuccia


            Cappero, pensa alla condivisione delle
            ciliege

            del mio albero, che tutti cercano di

            "scaricare"...

            Se pendono sulla strada, sono di tutti! :pInfatti.
        • krane scrive:
          Re: Piratare è come rubare
          - Scritto da: sbertuccia
          - Scritto da: Allibito

          - Scritto da: andbad


          Ok, allora fanno 79 cents a
          canzone....facciamo


          30$ e non se ne parla più,


          ok?

          Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se
          tenti

          di rubarla, le sanzioni non possono essere
          uguali

          al costo, altrimenti chi comprerebbe?
          Inoltre
          la

          condivisione di un brano non è semplicemente
          un

          brano...

          Cappero, pensa alla condivisione delle ciliege
          del mio albero, che tutti cercano di
          "scaricare"...e dire che non si tratta nemmeno di
          informazioni replicabili, quindi il furto esiste,
          è tangibile,
          quantificabile!

          Seriamente, queste multe faraoniche mi fanno
          pensare al ladro che ruba una mela al mercato e
          si prende 4 anni di carcere, mentre l'A.D. di
          qualche azienda che ruba milioni di euro nemmeno
          un giorno!Io fossi in te chiederei un ecquo compenso a tutti i possessori dei dintorni di ciglieli di eta' inferiore al tuo, in quanto potrebbero essere venuti fuori dai semi delle tue cigliege.
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: Piratare è come rubare

        se tenti di rubarla <b
        COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE </b
        http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24 <b
        Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003) </b
        ...non configurabilità del reato di furto dei files mediante duplicazione (o copiatura)...http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903 <b
        Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840 </b
        ...è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura...http://laws.findlaw.com/us/473/207.html <b
        Supreme Court of the United States, Dowling vs. United States, 473 U.S. 207 (1985) </b
        ...interference with copyright does not easily equate with theft...http://www.variety.com/article/VR1118054314 <b
        Chris Dodd, chairman of Motion Picture Association of America (MPAA) </b
        ...we're on the wrong track if we describe this as thievery...https://torrentfreak.com/piracy-is-not-theft-111104 <b
        Piracy is NOT Theft: Problems of a Nonsense Metaphor </b
        [yt]IeTybKL1pM4[/yt] p)
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Piratare è come rubare
        - Scritto da: Allibito
        Se compri una cosa paghi il suo prezzo, se tenti
        di rubarlaSe rubassi una cosa, questa viene tolta a chi ne ha la disponibilità.
  • qwerty scrive:
    piracy rulez
    il copyright va abolito. non esiste che io non posso copiareun numero (si un numero dato che una sequenza di bit altro non è che un numero) da un supporto di memoria di massa ad un altro!!!io voglio tutti i numeri! nessuno escluso! e nessuno puo' dirmiche alcuni numeri sono suoi e solo lui può copiarli!!!
    • alvaro scrive:
      Re: piracy rulez
      ma che vuoi ma chi sei...nessuno come tutti gli scarichini
    • Allibito scrive:
      Re: piracy rulez
      - Scritto da: qwerty
      il copyright va abolito. non esiste che io non
      posso
      copiare
      un numero (si un numero dato che una sequenza di
      bit altro

      non è che un numero) da un supporto di memoria di
      massa ad un
      altro!!!
      io voglio tutti i numeri! nessuno escluso! e
      nessuno puo'
      dirmi
      che alcuni numeri sono suoi e solo lui può
      copiarli!!!Se non li hai fatti tu non sono tuoi, puoi comprarli non appropriartene senza il volere del titolare dei diritti. Non è difficile da capire, si tratta di proprietà intellettuale, come un brevetto, un progetto o una semplice idea, chi l'ha creata prima di te avrà diritto a gestirla e divulgarla come meglio crede o no. Non devono esserci limiti ai guadagni di chi crea, migliore sarà la creazione e maggiori saranno i suoi introiti, questo vale per tutti i lavori e questo non è diverso.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: piracy rulez

        Se non li hai fatti tu non sono tuoiI numeri ci sono, non li ha "fatti" nessuno, al massimo li hai disposti in un certo ordine.
        , puoi comprarliSe li compro però a quel punto sono miei, per definizione. E non appartengono più a chi li ha venduti, ma a me.
        non appropriartene senza il volere del
        titolare dei diritti.Se li ho comprati il detentore dei diritti sono diventato io.Altrimenti, cosa mi hai dato in cambio dei soldi?
        Non è difficile da capire,Infatti: e non è difficile da capire che se dici che mi vendi una merce, e dopo aver preso i soldi continui a dire che la merce è ancora tua, sei un truffatore, e nessuno ti darà mai più soldi.
        Non devono
        esserci limiti ai guadagni di chi creaPuò guadagnare solo se lavora. Altrimenti, farà la fame.
        , migliore
        sarà la creazione e maggiori saranno i suoi
        introiti, questo vale per tutti i lavori Falso: per gli altri lavori, se smetti di lavorare smetti anche di guadagnare.
        • Furbissimo scrive:
          Re: piracy rulez


          Se li compro però a quel punto sono miei, per
          definizione. E non appartengono più a chi li ha
          venduti, ma a
          me.
          Ma non è come per i beni materiali, altrimenti, se ti ostini a scrivere sta fesseria, ha ragione anche chi dice che scaricare un file è come rubare.Allora mettiti le idee in chiaro prima: bisogna usare le stesse regole del bene fisico o no? perchè prendere un po' di qua ed un po' di la come fa comodo è facile.
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo
            Allora mettiti le idee in chiaro prima: bisogna
            usare le stesse regole del bene fisico o no?
            perchè prendere un po' di qua ed un po' di la
            come fa comodo è
            facile.Va bene, usiamo pure le regole del bene fisico.Quale scegli?a) se me lo vendi e' mio e non e' piu' tuo.b) se invece lo copio non te lo tolgo ed e' ancora tuo.
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            Va bene, usiamo pure le regole del bene fisico.

            Quale scegli?
            a) se me lo vendi e' mio e non e' piu' tuo.
            b) se invece lo copio non te lo tolgo ed e'
            ancora
            tuo.a) infatti non te lo vendono ma ti danno una licenza d'uso limitata (più o meno). Se tu volessi comprarlo non ti basterebbero i soldi di una vita per una produzione medio/piccola, figuriamoci per una grandeb) ma io, che detengo i diritti dell'opera legalmente, cercherò in tutti i modi o di non fartelo copiare o di farti pagare se ti beccoGiusto o sbagliato a me non interessa, ma ragioniamo su una base comune o non finiamo da nessuna parte.
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            Va bene, usiamo pure le regole del bene
            fisico.



            Quale scegli?

            a) se me lo vendi e' mio e non e' piu' tuo.

            b) se invece lo copio non te lo tolgo ed e'

            ancora

            tuo.

            a) infatti non te lo vendono ma ti danno una
            licenza d'uso limitata (più o meno). Io della licenza d'uso che dicono loro non so che farmene.
            Se tu
            volessi comprarlo non ti basterebbero i soldi di
            una vita per una produzione medio/piccola,
            figuriamoci per una grandeHai le idee ben chiare sul costo per produrre musica a quanto vedo.Basta la voce e una chitarra.Se proprio vuoi fare le cose in grande, aggiungi un microfono e due casse.Il resto non e' necessario.
            b) ma io, che detengo i diritti dell'opera
            legalmente, cercherò in tutti i modi o di non
            fartelo copiare o di farti pagare se ti
            becco

            Giusto o sbagliato a me non interessa, ma
            ragioniamo su una base comune o non finiamo da
            nessuna parte.La base comune e' che la musica e' aria che vibra, e non e' pensabile fare una legge per imporre al vento di non soffiare.
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            Io della licenza d'uso che dicono loro non so che
            farmene.
            E questo si era capito.

            Hai le idee ben chiare sul costo per produrre
            musica a quanto
            vedo.
            Basta la voce e una chitarra.
            Se proprio vuoi fare le cose in grande, aggiungi
            un microfono e due
            casse.
            Il resto non e' necessario.Evviva la fiera delle banalità

            La base comune e' che la musica e' aria che
            vibra, e non e' pensabile fare una legge per
            imporre al vento di non
            soffiare.Ma soffiati sta XXXXXXXXX PRRRRRR
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            La base comune e' che la musica e' aria che
            vibra, e non e' pensabile fare una legge per
            imporre al vento di non
            soffiare.Neppure una per imporre alla gente di ragionare a quanto vedo
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            La base comune e' che la musica e' aria che

            vibra, e non e' pensabile fare una legge per

            imporre al vento di non

            soffiare.

            Neppure una per imporre alla gente di ragionare a
            quanto
            vedoDi questo dovresti essere contento, altrimenti saresti in carcere da un pezzo!
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            La base comune e' che la musica e' aria che

            vibra, e non e' pensabile fare una legge per

            imporre al vento di non

            soffiare.

            Neppure una per imporre alla gente di ragionare a
            quanto
            vedohttp://it.wikipedia.org/wiki/Acustica
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: piracy rulez

            a) infatti non te lo vendono ma ti danno una
            licenza d'uso limitata (più o meno). Io non voglio la licenza. Non mi interessa proprio, come merce. Te la lascio. Perciò siamo a posto: non compro la licenza, e nemmeno la scarico.
            Se tu
            volessi comprarlo non ti basterebbero i soldi di
            una vita per una produzione medio/piccola,
            figuriamoci per una
            grandeAllora non lo compro: ne faccio semplicemente uno uguale (vale a dire una copia).

            b) ma io, che detengo i diritti dell'opera
            legalmente, cercherò in tutti i modi o di non
            fartelo copiare o di farti pagare se ti
            beccoE questo è fisicamente impossibile, quindi fallirai sempre.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo
            a) infatti non te lo vendono ma ti danno una
            licenza d'uso limitata (più o meno).Quindi qualcosa che non ci serve. La licenza me la dà il fatto di avere due occhi e due orecchie (e mi basterebbe un occhio e un orecchio). Non devo certo andarla a pagare a qualcuno. E anche fosse, mi rivolgo a chi mi pare, siamo in un libero mercato: tu dici che la "licenza d'uso" del tuo film costa 20 euro io trovo chi mi dà il film (non la licenza d'uso) a zero euro, vado da quello che mi dà il film a zero euro, non vado certo da te. Non ti sta bene? Non fare il film, o almeno non venderlo a nessuno, tienilo chiuso in un cassetto e guardatelo da solo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            Se li compro però a quel punto sono miei, per

            definizione. E non appartengono più a chi li
            ha

            venduti, ma a

            me.



            Ma non è come per i beni materiali, altrimenti,
            se ti ostini a scrivere sta fesseria, ha ragione
            anche chi dice che scaricare un file è come
            rubare.
            In tal caso, però, il suo ragionamento verrebbe smontato dal mio.
            Allora mettiti le idee in chiaro prima: bisogna
            usare le stesse regole del bene fisico o no?Ovviamente no, perchè le regole destinate ai beni fisici non sono applicabili ai beni digitali.Per i beni digitali, la soluzione è di eliminare completamente il concetto stesso di "vendita" e di "noleggio", perchè tali concetti si applicano solo ai beni fisici.
            perchè prendere un po' di qua ed un po' di la
            come fa comodo è
            facile.Quando uno usa le regole relative ai beni fisici sui beni digitali, lo faccio anche io per dimostrare come il suo sistema non funziona.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo
            Ma non è come per i beni materiali, altrimenti,
            se ti ostini a scrivere sta fesseria, ha ragione
            anche chi dice che scaricare un file è come
            rubare.

            Allora mettiti le idee in chiaro prima: bisogna
            usare le stesse regole del bene fisico o no?Ecco, fattela sta domanda.Se la risposta è SI allora con quello che pago posso farci quello che mi pare (compreso farne copie e darle ad altri alle condizioni che mi pare) perché L'HO PAGATO ED E' QUINDI DIVENTATO DI MIA PROPRIETA'.Se la risposta è NO allora posso fare quello che voglio perché non sto togliendo niente a nessuno perché quando scarico, condivido, copio, chi aveva il bene continua ad averlo, nessuno (E MEN CHE MENO IO) gliene toglie la disponibilità.Decidi tu qual è la risposta alla domanda, se è SI o è NO. In entrambi i casi ci (al 99,9% dell'umanità che è cresciuta senza considerare sbagliato scambiarsi le figurine) dando ragione.
      • nonne scrive:
        Re: piracy rulez
        I numeri sono numeri, non puoi distribuire sequenze di 0 ed 1 e poi pretendere che ti vengano pagate. Sarebbe come vendere l'aria.
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: piracy rulez

        chi l'ha creata prima di te avrà diritto a gestirla e
        divulgarla come meglio crede <b
        NO </b
        Le idee, i pensieri, l'informazione stessa sono concetti astratti e nessuno può pretendere di esserne il proprietario.Arrograsi il diritto di essere proprietario di un'idea è come pretendere di puntare il dito verso il sole e dire "Quello e mio e se volete usarlo per vedere o scaldarvi mi dovete pagare". <b
        ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
        p)
      • asdsdas scrive:
        Re: piracy rulez

        Se non li hai fatti tu non sono tuoi, puoi
        comprarli non appropriartene senza il volere del
        titolare dei diritti. Non è difficile da capire,
        si tratta di proprietà intellettuale, come un
        brevetto, un progetto o una semplice idea, chi
        l'ha creata prima di te avrà diritto a gestirla e
        divulgarla come meglio crede o no. Non devono
        esserci limiti ai guadagni di chi crea, migliore
        sarà la creazione e maggiori saranno i suoi
        introiti, questo vale per tutti i lavori e questo
        non è
        diverso.Questo tuo intervento sottolinea come il copyright, i brevetti e tutta questa fuffa sulla proprietà intellettuale sia un cancro per l'evoluzione, alla stregua della PROPRIETA' che in natura NON ESISTE e anche se noi la chiamimamo proprietà rimane FUFFA. Sembriamo i cani che marchiano il proprio angolo di giardino.E sostengo che se vuoi proprio vedere qualcosa di proprietà "sul pianeta terra" dovresti guadagnartelo con la lotta vera e propria. Altrimenti tutto dovrebbe essere di tutti.Quindi ogni forma di proprietà = cancro: alcune forme di proprietà sono discutibili ma quasi un male necessario per come si è evoluto il mondo oggi.PERSONALMENTE darei la pena di morte a chi sostiene la proprietà intellettuale.
      • Funz scrive:
        Re: piracy rulez
        La "proprietà intellettuale" è un obbrobrio giuridico, etico, tecnico e morale. Va avversata in ogni modo possibile, e abolita al più presto.
    • Osvy scrive:
      Re: piracy rulez
      - Scritto da: qwerty
      il copyright va abolito. non esiste che io non
      posso
      copiare
      un numero (si un numero dato che una sequenza di
      bit altro

      non è che un numero) da un supporto di memoria di
      massa ad un altro!!!
      io voglio tutti i numeri! nessuno escluso! e
      nessuno puo' dirmi
      che alcuni numeri sono suoi e solo lui può
      copiarli!!!Beh, allora io voglio la libertà di poterti sparare,in fondo cosa sei, un insieme di atomi legati insieme,come la cenere, come un sasso, come un albero.. flusso chimico
      • krane scrive:
        Re: piracy rulez
        - Scritto da: Osvy
        - Scritto da: qwerty

        il copyright va abolito. non esiste che

        io non posso copiare un numero (si un

        numero dato che una sequenza di bit

        altro non è che un numero) da un

        supporto di memoria di massa ad un

        altro!!!

        io voglio tutti i numeri! nessuno escluso!

        e nessuno puo' dirmi che alcuni numeri

        sono suoi e solo lui può copiarli!!!
        Beh, allora io voglio la libertà di poterti
        sparare, in fondo cosa sei, un insieme di
        atomi legati insieme, come la cenere, come
        un sasso, come un albero.. flusso chimicoCrea un partito che lotti per quell'idea, come il partito pirata fa riguardo al p2p.
    • Furbissimo scrive:
      Re: piracy rulez
      - Scritto da: qwerty
      il copyright va abolito. non esiste che io non
      posso
      copiare
      un numero (si un numero dato che una sequenza di
      bit altro

      non è che un numero) da un supporto di memoria di
      massa ad un
      altro!!!
      io voglio tutti i numeri! nessuno escluso! e
      nessuno puo'
      dirmi
      che alcuni numeri sono suoi e solo lui può
      copiarli!!!Si si, c'è anche da dire che però i numeri che scriveresti tu non se li cache...bbe nessuno, mentre i numeri che scrivono certi autori, musicisti, registi e sviluppatori li vogliono in tanti.Il tuo ragionamento è ottimo per appiattire la vita di chi sa fare qualcosa allo stesso livello di chi non sa farla.
      • panda rossa scrive:
        Re: piracy rulez
        - Scritto da: Furbissimo
        Si si, c'è anche da dire che però i numeri che
        scriveresti tu non se li cache...bbe nessuno,
        mentre i numeri che scrivono certi autori,
        musicisti, registi e sviluppatori li vogliono in
        tanti.E quindi?Tu perche' vorresti privare gli altri di questo?Sei un autore, o sei un intermediario parassita, totalmente incapace di creare alcunche' ma che ha una rendita sulla distribuzione e ha paura di perderla perche' sa di essere totalmente incapace di fare nulla?
        Il tuo ragionamento è ottimo per appiattire la
        vita di chi sa fare qualcosa allo stesso livello
        di chi non sa farla.Il tuo ragionamento e' ottimo per continuare a lucrare sulla distribuzione in un'epoca in cui la tecnologia rende totalmente inutile l'intermediario parassita.
        • Furbissimo scrive:
          Re: piracy rulez


          E quindi?
          Tu perche' vorresti privare gli altri di questo?
          Io non voglio privare niente a nessuno, sei tu che vuoi privare del guadagno a qualcuno
          Sei un autore, o sei un intermediario parassita,
          totalmente incapace di creare alcunche' ma che ha
          una rendita sulla distribuzione e ha paura di
          perderla perche' sa di essere totalmente incapace
          di fare
          nulla?
          Mi dispiace per la tua frustrazione ma non sono niente di tutto questo, mi sa che dovrai prendertela con qualcun altro. Io per il mio lavoro vengo pagato.
          Il tuo ragionamento e' ottimo per continuare a
          lucrare sulla distribuzione in un'epoca in cui la
          tecnologia rende totalmente inutile
          l'intermediario
          parassita.Ma io non ho fatto ragionamenti, ho solo commentato quella schifezza di prima.
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            E quindi?

            Tu perche' vorresti privare gli altri di
            questo?



            Io non voglio privare niente a nessuno, sei tu
            che vuoi privare del guadagno a
            qualcunoNon certo l'artista, che per ogni disco venduto riceve l'elemosina dello zero virgola zero zero.L'artista puo' sempre andare ad esibirsi dal vivo.Invece tutti gli intermediari parassiti verranno disinfestati.

            Sei un autore, o sei un intermediario
            parassita,

            totalmente incapace di creare alcunche' ma
            che
            ha

            una rendita sulla distribuzione e ha paura di

            perderla perche' sa di essere totalmente
            incapace

            di fare

            nulla?



            Mi dispiace per la tua frustrazione ma non sono
            niente di tutto questo, mi sa che dovrai
            prendertela con qualcun altro. Io per il mio
            lavoro vengo pagato.Pure io vengo pagato.Alla consegna.Una volta sola.

            Il tuo ragionamento e' ottimo per continuare
            a

            lucrare sulla distribuzione in un'epoca in
            cui
            la

            tecnologia rende totalmente inutile

            l'intermediario

            parassita.

            Ma io non ho fatto ragionamenti, ho solo
            commentato quella schifezza di
            prima.La schifezza degli intermediari parassiti che la tecnologia rende inutili?
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            Non certo l'artista, che per ogni disco venduto
            riceve l'elemosina dello zero virgola zero
            zero.
            L'artista puo' sempre andare ad esibirsi dal vivo.
            Invece tutti gli intermediari parassiti verranno
            disinfestati.
            Va bene, quando sarei Re del mondo deciderai tu cosa deve fare la gente.

            Pure io vengo pagato.
            Alla consegna.
            Una volta sola.Si, per dieci volte tanto quanto meriteresti visto che stai sempre qua postare. In altre parole, per te va bene farti pagare 8 ore anche se ne lavori 6, per gli altri che hanno il piccolissimo rpegio di farti divertire quando non sono dei veri e propri artisti e poeti invece, solo esibizioni dal vivo, bella storia!

            La schifezza degli intermediari parassiti che la
            tecnologia rende
            inutili?Tolti gli intermediari fammi capire in che punto del passaggio dello scaricamento tu fai arrivare soldi all'artista... uhm.. forse in nessuno? forse tolti gli intermediari non ti andrà bene qualche altra cosa? forse l'importante è avere tutto gratis??
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            Non certo l'artista, che per ogni disco
            venduto

            riceve l'elemosina dello zero virgola zero

            zero.

            L'artista puo' sempre andare ad esibirsi dal
            vivo.

            Invece tutti gli intermediari parassiti
            verranno

            disinfestati.



            Va bene, quando sarei Re del mondo deciderai tu
            cosa deve fare la
            gente.Invece adesso che il re sei tu, ci costringi a pagare per delle copie fino a 70 anni dopo la morte dell'artista.

            Pure io vengo pagato.

            Alla consegna.

            Una volta sola.

            Si, per dieci volte tanto quanto meriteresti
            visto che stai sempre qua postare.Non sapevo che il controllo qualita' si facesse in questo modo.
            In altre
            parole, per te va bene farti pagare 8 ore anche
            se ne lavori 6,Io faccio stime e preventivi, che quando vengono accettati determinano il compenso finale.Dopodiche' sono solo problemi miei rispettare i tempi preventivati.
            per gli altri che hanno il
            piccolissimo rpegio di farti divertire quando non
            sono dei veri e propri artisti e poeti invece,
            solo esibizioni dal vivo, bella
            storia!Tu di mestiere fai il rigiratore di frittate, suppongo.

            La schifezza degli intermediari parassiti
            che
            la

            tecnologia rende

            inutili?

            Tolti gli intermediari fammi capire in che punto
            del passaggio dello scaricamento tu fai arrivare
            soldi all'artista... uhm.. forse in nessuno?Alla biglietteria, quando pago il biglietto per entrare a vedere lo spettacolo.
            forse tolti gli intermediari non ti andrà bene
            qualche altra cosa? forse l'importante è avere
            tutto gratis??No, l'importante e' far scomparire i parassiti, categoria alla quale hai appena dimostrato di appartenere.Non sei un artista. Tu sei uno che sfrutta gli artisti senza neppure apprezzarli.Io almeno li apprezzo!
          • Findus scrive:
            Re: piracy rulez


            Invece adesso che il re sei tu, ci costringi a
            pagare per delle copie fino a 70 anni dopo la
            morte
            dell'artista.
            Non sono io che ho fatto quelle leggi, mi dispiace che continui a infilarti in un vicolo cieco.

            Non sapevo che il controllo qualita' si facesse
            in questo modo.
            Chi se ne frega della qualità? vuoi vedere che quando si tratta degli altri devono essere pagati solo quando si esibiscono, e quando si tratta di te invece conta la qualità? ma va! non avrei mai detto che gente come te fosse brava a ragionare sempre con i soldi ed i diritti degli altri per poi applicare a se stessi regole e comportamenti diametralmente opposti.

            Io faccio stime e preventivi, che quando vengono
            accettati determinano il compenso
            finale.
            Dopodiche' sono solo problemi miei rispettare i
            tempi
            preventivati.No no, tu hai detto che uno va pagato solo quando lavora, quindi fai la persona seria e lavora al posto di stare qua a scrivere. Altrimenti dimostri solo che tu pensi di essere superiore agli artisti.

            Tu di mestiere fai il rigiratore di frittate,
            suppongo.
            No, di mestiere gioco a rigirare gli incoerenti come te

            Alla biglietteria, quando pago il biglietto per
            entrare a vedere lo
            spettacolo.
            ad un intermediario quindi, come volevasi dimostrare, parole parole e poi realtà differente dalla parole

            No, l'importante e' far scomparire i parassiti,
            categoria alla quale hai appena dimostrato di
            appartenere.Parassita io? guarda che chi vive alla spalle di altri sei tu per tua stessa ammissione, di me non sai nulla
            Non sei un artista.
            Tu sei uno che sfrutta gli artisti senza neppure
            apprezzarli.
            Io almeno li apprezzo!come no...
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Findus



            Invece adesso che il re sei tu, ci costringi
            a

            pagare per delle copie fino a 70 anni dopo la

            morte

            dell'artista.



            Non sono io che ho fatto quelle leggi, mi
            dispiace che continui a infilarti in un vicolo
            cieco.Ma tu le sostieni.



            Non sapevo che il controllo qualita' si
            facesse

            in questo modo.



            Chi se ne frega della qualità? vuoi vedere che
            quando si tratta degli altri devono essere pagati
            solo quando si esibiscono, e quando si tratta di
            te invece conta la qualità? La qualita' conta sempre. Se quelli che si esibiscono lo fanno da schifo, non fanno tanta strada nello spettacolo.
            ma va! non avrei mai
            detto che gente come te fosse brava a ragionare
            sempre con i soldi ed i diritti degli altri per
            poi applicare a se stessi regole e comportamenti
            diametralmente opposti.Non hai capito nulla: non mi stupisco.



            Io faccio stime e preventivi, che quando
            vengono

            accettati determinano il compenso

            finale.

            Dopodiche' sono solo problemi miei
            rispettare
            i

            tempi

            preventivati.

            No no, tu hai detto che uno va pagato solo quando
            lavora, quindi fai la persona seria e lavora al
            posto di stare qua a scrivere.Non sei tu quello preposto a valutare il mio lavoro.Chi deve farlo e' contento del mio operato.
            Altrimenti
            dimostri solo che tu pensi di essere superiore
            agli artisti.Nel mio lavoro sicuramente.Come gli artisti sono superiori a me nel loro lavoro.Come entrambi siamo superiori a te nel tuo meschino lavoro di passadanaro, che si trattiene una congrua percentuale per nessun motivo.



            Tu di mestiere fai il rigiratore di frittate,

            suppongo.



            No, di mestiere gioco a rigirare gli incoerenti
            come teMeglio se torni a noleggiare cassette allora; sara' sicuramente piu' remunerativo.

            Alla biglietteria, quando pago il biglietto
            per

            entrare a vedere lo

            spettacolo.



            ad un intermediario quindi, come volevasi
            dimostrare, No. A qualcuno che mi offre un servizio per il quale intendo pagare.



            No, l'importante e' far scomparire i
            parassiti,

            categoria alla quale hai appena dimostrato di

            appartenere.

            Parassita io? guarda che chi vive alla spalle di
            altri sei tu per tua stessa ammissione, di me non
            sai nullaPer mia stessa ammissione? Tu sei fuori come un balcone!

            Non sei un artista.

            Tu sei uno che sfrutta gli artisti senza
            neppure

            apprezzarli.

            Io almeno li apprezzo!

            come no...Lasciamo perdere.
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            Ma tu le sostieni.
            Per niente

            La qualita' conta sempre. Se quelli che si
            esibiscono lo fanno da schifo, non fanno tanta
            strada nello
            spettacolo.Non ho dubbi, sei il focus era un altro però: con quale diritto tu lavori 6 ore e te ne fai pagare 8? è lo stesso principio che stai combattendo visto che sostieni che un autore dovrebbe essere pagato solo mentre lavora, finita l'opera (cioè il lavoro) niente più soldi.

            Non hai capito nulla: non mi stupisco.
            Ho capito fin troppo bene, solitamnete chi giudica gli altri non ha il coraggio di applicare gli stessi parametri su se stesso.

            No no, tu hai detto che uno va pagato solo
            quando

            lavora, quindi fai la persona seria e lavora
            al

            posto di stare qua a scrivere.

            Non sei tu quello preposto a valutare il mio
            lavoro.
            Chi deve farlo e' contento del mio operato.
            Anche compra cd, dvd, giochi e libri è soddisfatto del prodotto, eppure c'è gente come te che non vuole che questo avvenga, naturalmente per quanto riguarda gli altri, per quanto riguarda te invece va bene pure che lavori meno ore di quanto dovresti, basta che il tuo "padrone" sia contento. Due pesi due misure.

            Nel mio lavoro sicuramente.
            Come gli artisti sono superiori a me nel loro
            lavoro.Però tu vuoi essere pagato 8 ore per 6 di lavoro effettivo blaterando di qualità, mentre un autore che magari ci mette un mese a scrivere una canzone deve essere pagato solo un euro per lo scaricamento da itunes, poi condivisa a tutti perchè tanto il suo lavoro è finito. Alla faccia...
            Come entrambi siamo superiori a te nel tuo
            meschino lavoro di passadanaro, che si trattiene
            una congrua percentuale per nessun
            motivo.
            Ti ho già detto che non faccio quel lavoro, mi dispiace veramente tanto che non riesci a parlare con una persona senza inquadarla come "nemica", del resto da qualche parte di devi sfogare. Io faccio un lavoro pagato ad ore, inizio alle 8.00 oggi infatti dopo non ti risponderò più, a differenza tua che passerai metà della tua giornata a scrivere su questi forum e poi farti pagare per l'alto valore di concetto che fai, ma l'artista no, lui deve solo andare ad esibirsi dal vivo, non faun alvoro di concetto come il tuo.

            Meglio se torni a noleggiare cassette allora;
            sara' sicuramente piu'
            remunerativo.Mai fatto, mi dispiace, del resto fare buchi nell'acqua ti viene facile mi sembra.

            No. A qualcuno che mi offre un servizio per il
            quale intendo
            pagare.Eccola qua il rigitatore di frittate: prima blatera di intermediari, poi gli va bene pagarli ma quelli che vuole lui... e più insisti e più affondi nell'incoerenza.
            Per mia stessa ammissione? Tu sei fuori come un
            balcone!hanno capito tutti

            Lasciamo perdere.come vuoi, io te lo avevo scritto sopra: o partiamo da una base comune, cioè ci mettiamo d'accordo se bisogna ragionare come bene fisico o opera d'ingegno (immateriale) e poi possiamo andare avanti, se tu cerchi di aver ragione esponendo argomenti che contrastano tra di loro e con il tuo stesso operato allora stai solo cercando di fare cagnara
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            Ma tu le sostieni.



            Per nienteE allora che vuoi da me?

            La qualita' conta sempre. Se quelli che si

            esibiscono lo fanno da schifo, non fanno
            tanta

            strada nello

            spettacolo.


            Non ho dubbi, sei il focus era un altro però: con
            quale diritto tu lavori 6 ore e te ne fai pagare
            8?La risposta e': con quale sfera di cristallo tu deduci che io lavoro 6 ore e me ne faccio pagare 8?
            è lo stesso principio che stai combattendo
            visto che sostieni che un autore dovrebbe essere
            pagato solo mentre lavora, finita l'opera (cioè
            il lavoro) niente più soldi.Cosi' e' per me.



            Non hai capito nulla: non mi stupisco.



            Ho capito fin troppo bene, solitamnete chi
            giudica gli altri non ha il coraggio di applicare
            gli stessi parametri su se
            stesso.Io li applico eccome tali parametri su me stesso.Io mi faccio pagare perche' faccio quanto mi viene commissionato.E mi faccio pagare una sola volta.Non pretendo pagamenti di durata eterna.Non pretendo neppure di fare qualcosa prima che mi venga commissionata, per poi eventualmente rifilarla.Io lavoro su commissione. Come dovrebbe fare chiunque.


            No no, tu hai detto che uno va pagato
            solo

            quando


            lavora, quindi fai la persona seria e
            lavora

            al


            posto di stare qua a scrivere.



            Non sei tu quello preposto a valutare il mio

            lavoro.

            Chi deve farlo e' contento del mio operato.



            Anche compra cd, dvd, giochi e libri è
            soddisfatto del prodotto, eppure c'è gente come
            te che non vuole che questo avvenga,Vedi che non hai capito niente del mio pensiero?Io non ho mai negato la possibilita' di VENDERE OGGETTI.Tu sei libero di vendere cd, dvd, giochi, libri e quant'altro.Ma la tua liberta' finisce nel momento in cui, con una mano dai l'oggetto e con l'altra ritiri i soldi. Fine. Compravendita avvenuta.Che cosa ci fa il NUOVO PROPRIETARIO dell'oggetto NON SONO PIU' AFFARI TUOI!Io quello che non voglio che avvenga e' l'abombinevole pretesa di avere ancora il controllo sull'oggetto dopo che questo e' stato venduto.
            naturalmente
            per quanto riguarda gli altri, per quanto
            riguarda te invece va bene pure che lavori meno
            ore di quanto dovresti, basta che il tuo
            "padrone" sia contento. Due pesi due
            misure. :-o

            Nel mio lavoro sicuramente.

            Come gli artisti sono superiori a me nel loro

            lavoro.

            Però tu vuoi essere pagato 8 ore per 6 di lavoro
            effettivo blaterando di qualità, mentre un autore
            che magari ci mette un mese a scrivere una
            canzone deve essere pagato solo un euro per lo
            scaricamento da itunes, poi condivisa a tutti
            perchè tanto il suo lavoro è finito. Alla
            faccia...Tu del mio lavoro non sai niente.L'autore invece, dopo aver perso un mese a scrivere una canzone, puo' andare a suonarla per locali e teatri.La gente va a vedere l'artista che si esibisce, ed e' disposta a pagare per questo.

            Come entrambi siamo superiori a te nel tuo

            meschino lavoro di passadanaro, che si
            trattiene

            una congrua percentuale per nessun

            motivo.



            Ti ho già detto che non faccio quel lavoro, mi
            dispiace veramente tanto che non riesci a parlare
            con una persona senza inquadarla come "nemica",E io ti ho gia' detto che non faccio il lavoro che tu riduci banalmente a 8 ore.
            del resto da qualche parte di devi sfogare.Mi sfogo dalle risate leggendo le freneticazioni altrui sul forum.
            Io
            faccio un lavoro pagato ad ore, inizio alle 8.00
            oggi infatti dopo non ti risponderò più, a
            differenza tua che passerai metà della tua
            giornata a scrivere su questi forum e poi farti
            pagare per l'alto valore di concetto che fai, ma
            l'artista no, lui deve solo andare ad esibirsi
            dal vivo, non faun alvoro di concetto come il
            tuo.Mi spiace davvero che tu faccia un lavoro che non ti piace e che ti impedisca di postare sul forum. Ma non e' un problema mio.

            Meglio se torni a noleggiare cassette allora;

            sara' sicuramente piu'

            remunerativo.

            Mai fatto, mi dispiace, del resto fare buchi
            nell'acqua ti viene facile mi
            sembra.Eppure dalla mia sfera di cristallo si vede benissimo che sei un videotecaro rancoroso e fallito.

            No. A qualcuno che mi offre un servizio per
            il

            quale intendo

            pagare.

            Eccola qua il rigitatore di frittate: prima
            blatera di intermediari, poi gli va bene pagarli
            ma quelli che vuole lui... e più insisti e più
            affondi
            nell'incoerenza.Certo che pago per i servizi che voglio io.Ci mancherebbe altro!Tu forse permetti che un imbianchino si introduca in casa tua, imbianchi tutto e poi pretendesse di essere pagato per il lavoro svolto ma che tu non hai richiesto?Se cosi' fosse, lascia pure il tuo indirizzo che ne verra' parecchia di gente a lavorare per te.



            Lasciamo perdere.

            come vuoi, io te lo avevo scritto sopra: o
            partiamo da una base comune, cioè ci mettiamo
            d'accordo se bisogna ragionare come bene fisico o
            opera d'ingegno (immateriale) e poi possiamo
            andare avanti, se tu cerchi di aver ragione
            esponendo argomenti che contrastano tra di loro e
            con il tuo stesso operato allora stai solo
            cercando di fare
            cagnaraNon c'e' nessuna contraddizione nei miei argomenti, tranne per coloro che non li vogliono capire e poi scappano con la scusa che devono lavorare.
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez

            poi scappano con la scusa che devono
            lavorare.Ecco qual'è il vostro problema: no sapete cosa vuol dire lavorare! adesso è diventata una scusa addirittura.lascia perdere, veramente.
          • krane scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo

            poi scappano con la scusa che devono

            lavorare.

            Ecco qual'è il vostro problema: no sapete cosa
            vuol dire lavorare! adesso è diventata una scusa
            addirittura.

            lascia perdere, veramente.Ma nel 21' secolo non dovevano essere le macchine a lavorare al nostro posto ?
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Furbissimo


            poi scappano con la scusa che devono


            lavorare.



            Ecco qual'è il vostro problema: no sapete
            cosa

            vuol dire lavorare! adesso è diventata una
            scusa

            addirittura.



            lascia perdere, veramente.

            Ma nel 21' secolo non dovevano essere le macchine
            a lavorare al nostro posto
            ?Nel mio caso e' cosi'.La macchina lavora, e io devo solo guardare che lo faccia.Scrivere su PI e' un ottimo sistema di verifica, visto che se non ci riesco, vuol dire che la mia rete aziendale ha un problema.
          • erik scrive:
            Re: piracy rulez

            Nel mio caso e' cosi'.
            La macchina lavora, e io devo solo guardare che
            lo
            faccia.
            Scrivere su PI e' un ottimo sistema di verifica,
            visto che se non ci riesco, vuol dire che la mia
            rete aziendale ha un
            problema.Ma non facevi i preventivi? http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3523614&m=3524935#p3524935un markettaro/commerciale insomma, ti hanno dato anche da controllare una macchina adesso? e se si illumina la luce rossa chi chiami? krane? o una scimmia?
          • krane scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: erik

            Nel mio caso e' cosi'.

            La macchina lavora, e io devo solo

            guardare che lo faccia.

            Scrivere su PI e' un ottimo sistema

            di verifica, visto che se non ci

            riesco, vuol dire che la mia

            rete aziendale ha un

            problema.
            Ma non facevi i preventivi?
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3523614&m=352
            un markettaro/commerciale insomma, ti hanno dato
            anche da controllare una macchina adesso? e se si
            illumina la luce rossa chi chiami? krane? o una
            scimmia?E' sempre il solito discorso: se e' una rete aziendale gestita da qualche unix servo io, se c'e' da premere il tasto reset su un server windows le scimmie vanno benissimo, vedi Fiber.
          • erik scrive:
            Re: piracy rulez
            ?

            E' sempre il solito discorso: se e' una rete
            aziendale gestita da qualche unix servo io, se
            c'e' da premere il tasto reset su un server
            windows le scimmie vanno benissimo, vedi
            Fiber.Servi tu krane/panda rossa?Allora aveva ragione quel tizio l'altro giorno, quello che ti ha beccato. Comunque si vede che a volte nella fretta sbagli account.
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: erik

            Nel mio caso e' cosi'.

            La macchina lavora, e io devo solo guardare
            che

            lo

            faccia.

            Scrivere su PI e' un ottimo sistema di
            verifica,

            visto che se non ci riesco, vuol dire che la
            mia

            rete aziendale ha un

            problema.


            Ma non facevi i preventivi?
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3523614&m=352Anche.
            un markettaro/commerciale insomma, ti hanno dato
            anche da controllare una macchina adesso? Quando una nuova applicazione va in produzione, viene richiesto anche del monitoraggio, nei posti dove dal buon funzionamento dell'applicazione dipende sia l'attivita' aziendale interna che i servizi offerti alla clientela.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: piracy rulez

            Tolti gli intermediari fammi capire in che punto
            del passaggio dello scaricamento tu fai arrivare
            soldi all'artista... uhm.. forse in nessuno?Ti faccio una domanda io: in quale parte dello scaricamento l'artista <b
            lavora </b
            ? Forse in nessuno?L'artista lavora quando si esibisce dal vivo (e viene pagato), oppure lavora quando realizza un nuovo brano e lo pubblica (e viene pagato anche lì, dai primi che comprano il brano). Poi, non lavora più, quando il brano è già stato pubblicato. Anzi, alle volte è addirittura morto, eppure il brano si può ancora scaricare e ascoltare. Per cosa dovrebbe venire pagato?
          • Furbissimo scrive:
            Re: piracy rulez


            L'artista lavora quando si esibisce dal vivo (e
            viene pagato), oppure lavora quando realizza un
            nuovo brano e lo pubblica (e viene pagato anche
            lì, dai primi che comprano il brano). Poi, non
            lavora più, quando il brano è già stato
            pubblicato. Anzi, alle volte è addirittura morto,
            eppure il brano si può ancora scaricare e
            ascoltare. Per cosa dovrebbe venire
            pagato?Hai ragione ma fai solo un esempio tra le tante opere d'ingegno che si possono fare. Ad esempio, per un film è diverso, ci sono migliaia di persone che lavorano, non puoi pensare di pagarle solo mentre lavorano, è normale che ci sia un finanziatore che poi cerchi di vendere il prodotto finito, non puoi pretendere di averlo gratis solo perchè hanno finito il lavoro.La ragione sta nel mezzo: cercare di bilanciare le esigenze degli investitori, incentivare gli artisti, dare contenuti di qualità fruibili per tutti a prezzi decenti, non protrarre copyright e diritto d'autore per decine di anni.Secondo te la ricetta sta nella pirateria? va bene, secondo me no, non sta nello scaricamento come non sta nell'attuale legislazione che difende solo centri di potere.Ed ora vado a guadagnarmi la giornata.
          • panda rossa scrive:
            Re: piracy rulez
            - Scritto da: Furbissimo



            L'artista lavora quando si esibisce dal vivo
            (e

            viene pagato), oppure lavora quando realizza
            un

            nuovo brano e lo pubblica (e viene pagato
            anche

            lì, dai primi che comprano il brano). Poi,
            non

            lavora più, quando il brano è già stato

            pubblicato. Anzi, alle volte è addirittura
            morto,

            eppure il brano si può ancora scaricare e

            ascoltare. Per cosa dovrebbe venire

            pagato?

            Hai ragione ma fai solo un esempio tra le tante
            opere d'ingegno che si possono fare. Ad esempio,
            per un film è diverso, ci sono migliaia di
            persone che lavorano, non puoi pensare di pagarle
            solo mentre lavorano, è normale che ci sia un
            finanziatore che poi cerchi di vendere il
            prodotto finito, non puoi pretendere di averlo
            gratis solo perchè hanno finito il
            lavoro.Per il cinema gli incassi si misurano nelle prime 2 settimane in sala.Se rende, prolungano le proiezioni per altri giorni.Se non rende, il film sparisce dalle sale ed e' un flop, al quale nessun dvd o noleggio potra' rimediare.E funziona cosi' da quando esiste il cinema, e nonostante questa "pirateria", i produttori continuano a finanziare film ogni giorno, e ogni settimana ne escono di nuovi.
            La ragione sta nel mezzo: cercare di bilanciare
            le esigenze degli investitori, incentivare gli
            artisti, dare contenuti di qualità fruibili per
            tutti a prezzi decenti, non protrarre copyright e
            diritto d'autore per decine di
            anni.
            Secondo te la ricetta sta nella pirateria? La pirateria e' la risposta della gente che non vuole il copyright cosi' restrittivo, ed e' pure la risposta della gente che, siccome non e' scema, non si fa prendere per il XXXX da chi vuole vendere a 20 euro un file che si puo' replicare e mettere a disposizione sulla rete per meno di 1 centesimo.
            va
            bene, secondo me no, non sta nello scaricamento
            come non sta nell'attuale legislazione che
            difende solo centri di
            potere.
            Ed ora vado a guadagnarmi la giornata.Buona giornata.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: piracy rulez

            Hai ragione ma fai solo un esempio tra le tante
            opere d'ingegno che si possono fare.Negli altri casi non cambia molto: al massimo c'è una azienda invece di una singola persona.
            Ad esempio,
            per un film è diverso, ci sono migliaia di
            persone che lavorano, non puoi pensare di pagarle
            solo mentre lavoranoDovrebbero essere pagate anche se non lavorano? Li paghi tu?
            , è normale che ci sia un
            finanziatore che poi cerchi di vendere il
            prodotto finitoBenissimo: ma anche qui, se vende il prodotto poi il prodotto non è più suo.Poco cambia se lui ha scritto un libro, o se ha finanziato la realizzazione di un film: in entrambi i casi lui ha l'unica copia di un file multimediale, e deve decidere se pubblicarla o no. Quando la pubblica si fa pagare... poi il suo ruolo è finito.
            , non puoi pretendere di averlo
            gratis solo perchè hanno finito il
            lavoro.No: io pretendo solo che venga pagato una volta sola, non migliaia di volte.
            La ragione sta nel mezzo: cercare di bilanciare
            le esigenze degli investitori, incentivare gli
            artisti, dare contenuti di qualità fruibili per
            tutti a prezzi decenti, non protrarre copyright e
            diritto d'autore per decine di
            anni."Fruibili per tutti" significa eliminare l'obbligo di pagare. Il contenuto va pagato solo quando lo si produce, poi basta.
            Secondo te la ricetta sta nella pirateria? Sì: la pirateria consente di eliminare un modello fondamentalmente errato, permettendo la crescita di qualcosa di diverso.In economia, il giusto prezzo si ha quando si raggiunge un equilibrio in cui domanda ed offerta si equivalgono: se l'offerta supera la domanda, i prezzi scendono (attirando nuovi clienti e facendo crescere la domanda), mentre se la domanda supera l'offerta i prezzi salgono (facendo allontanare qualche cliente, e inoltre rendendo economicamente più conveniente produrre, in modo da aumentare l'offerta e ridurre la domanda); quando un bene è disponibile in quantità infinita, l'offerta è sempre e comunque superiore alla domanda, e questo porta a un calo continuo dei prezzi, fino ad arrivare a zero.Per contrastare questo effetto, nei beni digitali (che sono disponibili in un numero di copie potenzialmente infinito), si usa il copyright per indurre una "scarsità artificiale", limitando il numero di copie possibili e quindi l'offerta. Ciò rappresenta una aberrazione, ed è nocivo per tutti. Inoltre, a lungo termine non funziona, perchè in molti casi (ad esempio nel software), dopo poco si realizza un programma equivalente, ma con licenza libera, che quindi porta l'offerta ad infinito ed abbatte i costi. Ma ciò richiede spesso parecchio tempo.La pirateria è un "cortocircuito" economico, che porta immediatamente l'offerta a infinito ed i prezzi al valore corretto: zero.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: piracy rulez
        - Scritto da: Furbissimo
        Si si, c'è anche da dire che però i numeri che
        scriveresti tu non se li cache...bbe nessuno,
        mentre i numeri che scrivono certi autori,
        musicisti, registi e sviluppatori li vogliono in
        tanti.E quindi?
        Il tuo ragionamento è ottimo per appiattire la
        vita di chi sa fare qualcosa allo stesso livello
        di chi non sa farla.Il tuo invece è ottimo per appiattire la cultura: fino ad ora milioni di artisti emergenti non vengono incentivati, la SIAE prende i soldi destinati a loro e li dà ai vari Venditti, Paoli, ecc.
  • ABOLIRE LA PIRATERIA scrive:
    ...
    Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo del download illegale e indiscriminato sta finendo!In futuro gli scariconi dovranno fare attenzione: scaricare film e canzonette con il rischio di lasciarci tutti i beni mobili ed immobili (la casa) e magari anche qualche mesetto di cella. E all'uscita dalla cella potranno andare a mangiare alla caritas e scaricare dvd sotto un ponte! @^
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo del
      download illegale e indiscriminato sta
      finendo!Illuso!
      In futuro gli scariconi dovranno fare attenzione:
      scaricare film e canzonette con il rischio di
      lasciarci tutti i beni mobili ed immobili (la
      casa) e magari anche qualche mesetto di cella.Falso. Il tipo in questione non aveva scaricato, ma caricato.

      E all'uscita dalla cella potranno andare a
      mangiare alla caritas e scaricare dvd sotto un
      ponte! No: sotto il ponte è tutto occupato da ex videotecari come te.
      • Polemik scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: uno qualsiasi
        No: sotto il ponte è tutto occupato da ex
        videotecari come
        te.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo del
      download illegale e indiscriminato sta
      finendo!Ma secondo te non compro i 10.000 cd e dvd che scarico in un anno, ho i soldi per pagarli a 13.000 euro a canzone? (rotfl)Ste multe milionarie non vengono mai pagate e ritornano al mittente sotto forma di pernacchio.
      • Osvy scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA

        Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo
        del

        download illegale e indiscriminato sta

        finendo!

        Ma secondo te non compro i 10.000 cd e dvd che
        scarico in un anno, ho i soldi per pagarli a
        13.000 euro a canzone?
        (rotfl)
        Ste multe milionarie non vengono mai pagate e
        ritornano al mittente sotto forma di
        pernacchio.Premesso che si tratterebbe di una multa spropositata, e che le norme attuali sul diritto d'autore sono idiote/incomprensibili/ladronesche,e vanno cambiate, cavvolo!!!che le multe tornino al mittente dipende dal patrimonio del tizio. Hai presenti le aste giudiziarie delle case, per dire?In ogni caso, se anche non puoi pagare la multa perché hai poco, è comunque un problema se ti tolgono anche quel poco... loro non otterranno granché, ma il tizio s'è rovinato la vita
        • Polemik scrive:
          Re: ...
          Si, ma se fossi un dirigente delle major non starei affatto tranquillo, negli USA le armi sono di fin troppo facile possesso...
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: ...
          - Scritto da: Osvy
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

          - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA


          Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo

          del


          download illegale e indiscriminato sta


          finendo!



          Ma secondo te non compro i 10.000 cd e dvd che

          scarico in un anno, ho i soldi per pagarli a

          13.000 euro a canzone?

          (rotfl)

          Ste multe milionarie non vengono mai pagate e

          ritornano al mittente sotto forma di

          pernacchio.

          Premesso che si tratterebbe di una multa
          spropositata, e che le norme attuali sul diritto
          d'autore sono
          idiote/incomprensibili/ladronesche,
          e vanno cambiate, cavvolo!!!
          che le multe tornino al mittente dipende dal
          patrimonio del tizio. Hai presenti le aste
          giudiziarie delle case, per
          dire?
          In ogni caso, se anche non puoi pagare la multa
          perché hai poco, è comunque un problema se ti
          tolgono anche quel poco... loro non otterranno
          granché, ma il tizio s'è rovinato la
          vitaIntesto tutto a un altro e campo felice... di mio-mio ho solo le mutande...
    • alvaro scrive:
      Re: ...
      aboliamo commenti idioti come il tuo
    • anon scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      E all'uscita dalla cella potranno andare a
      mangiare alla caritas e scaricare dvd sotto un
      ponte!Ironicamente, potrebbe finire proprio così. Che te li ritroverai tutti sotto casa tua a scaricare a manetta dalla tua connessione wireless.Così loro saranno puliti e intonsi, e l'unico che ci andrà di mezzo sarai tu. (in quanto intestatario dell'abbonamento e proprietario del router wi-fi)Poi vediamo se sarai ancora a favore delle leggi draconiane/liberticide contro la pirateria.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: ...

      Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo del
      download illegale e indiscriminato sta
      finendo!E' inutile che continui ad illuderti...Questo è il vero futuro:[img]http://www.torrentfreak.com//images/blockbuster.jpg[/img] <b
      ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
      p)
    • Funz scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Ecco l'ennesima dimostrazione che il tempo del
      download illegale e indiscriminato sta
      finendo!
      In futuro gli scariconi dovranno fare attenzione:
      scaricare film e canzonette con il rischio di
      lasciarci tutti i beni mobili ed immobili (la
      casa) e magari anche qualche mesetto di cella.

      E all'uscita dalla cella potranno andare a
      mangiare alla caritas e scaricare dvd sotto un
      ponte!
      @^Avanti così!Adesso abbiamo spezzato le reni agli scarriconi di Kazzaa! Se va avanti così tra dieci anni arriveremo a beccare quelli di WinMX!
  • uno qualsiasi scrive:
    Tanto non li pagherà
    Con multe così elevate, è impossibile pagarle. Le majors si fanno sono la reputazione di bestie da eliminare il prima possibile, e non vedranno un centesimo.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Il copyright è contro i Diritti Umani
    22.500 a canzone!Ennesima dimostrazione che il copyright è contro i Diritti Umani. ABOLIRE IL COPYRIGHT p)
Chiudi i commenti