USA, legittimi i videogiochi violenti

Lo stabilisce un tribunale dell'Illinois che giudica incostituzionale, perché viola la libertà personale, la nuova normativa dello stato federale americano che metteva al bando la vendita di certi titoli ai minori


Springfield (USA) – Fino a oggi Springfield significava per tutto il mondo: i gruppi neonazisti descritti simpaticamente ne The Blues Brothers , la città dei Simpsons e la legge statale sul divieto di vendita dei videogiochi violenti ai minori. Ebbene, il film di Belushi e la buzza di Homer rimarranno negli annali, la nuova normativa legislativa, invece, è destinata al cestino dei rifiuti.

La Corte Distrettuale, presieduta dal giudice Matthew Kennelly, ha dichiarato che le restrizioni alle vendite che coinvolgono i minori, contenute nella legge approvata dal Governo dell’Illinois, sono incostituzionali perché violano palesemente le libertà personali garantite dal Primo Emendamento senza motivazioni sufficiente a giustificarlo. Una sentenza che per il momento affossa la legge.

“E’ una sfortuna che lo Stato dell’Illinois abbia dovuto spendere i soldi dei contribuenti per difendere questa legge. Ci aspettavamo un epilogo di questo genere”, ha commentato David Vite, presidente della Illinois Retail Merchants Association , una delle associazioni che si erano opposte alla normativa.

“Non è certo finita qui. I genitori dovrebbero essere certi che i propri figli non possano accedere a videogiochi eccessivamente violenti e sessualmente espliciti senza il loro permesso”, ha invece dichiarato il Governatore Rod Blagojevich, primo sostenitore dell’iniziativa legislativa. Varie fonti danno il Governatore al lavoro per trovare una via che possa nuovamente portare al divieto.

“In questo paese, lo Stato non ha l’autorità per vietare la libertà di espressione che riguarda i pensieri e le attitudini degli ascoltatori e degli osservatori”, ha voluto sottolineare Kennelly. Un messaggio che in qualche modo sembra essere un monito per il futuro: i videogiochi vanno considerati come altri “prodotti d’informazione”. Non si tratta di “simulazioni” che possono influire sui comportamenti dei minorenni, come invece hanno sostenuto molti gruppi e lo stesso Governatore.

La battaglia sui videogiochi negli Stati Uniti si inasprisce ogni giorno di più. La scorsa settimana Hillary Clinton è scesa nella mischia proponendo una legge federale molto restrittiva ma, come ha ricordato l’ Entertainment Software Association , potrebbero profilarsi evidenti conflitti con il Primo Emendamento: in questo quadro, quanto avvenuto in Illinois è destinato ad influire non poco sull’iter della proposta Clinton.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Per fortuna...
    ...c'è qualcuno che veglia sull'incolumità dei podcaster italiani, lui, l'italico àcaro, lui, l'indomito guerriero del bit, lui, l'impavido difensore dei nostri hard disk!E quando la minaccia che corre in rete si avvicinerà al nostro PC, quando il perfido hijacker insidierà il nostro feed, quando l'infido worm si insinuerà nelle nostre pacioccose e-mail, basterà un grido, "Ciattutti!" e lui accorrerà.
  • Anonimo scrive:
    The other side of the story
    http://www.mckeay.net/secure/I guess it turns out that RSS hijacking can happen, but it's not what happened in this case. The owner of Vegan.com willingly used Podkeyword as his RSS feed, and didn't understand the consequences when he stopped using the service. The lesson to learn here if you're a podcaster or bloogger: always point people back to your own site, not some other site you have no control over.
    • Anonimo scrive:
      Re: The other side of the story
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.mckeay.net/secure/

      I guess it turns out that RSS hijacking can
      happen, but it's not what happened in this case.
      The owner of Vegan.com willingly used Podkeyword
      as his RSS feed, and didn't understand the
      consequences when he stopped using the service.
      The lesson to learn here if you're a podcaster or
      bloogger: always point people back to your own
      site, not some other site you have no control
      over.Che figura da peracottaro! Per un vegano è proprio il colmo! :D :D :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: The other side of the story
      Ma è stato goffo come un papero!Ce li ha diretti lui i suoi utenti sul sito che ora accusa di hijacking... non sarà che la ragione per cui i motori di ricerca puntano al sito sbagliato non sia dolosa, ma dovuta esclusivamente alla sua goffaggine e dabbenaggine? In fondo nell'indicizzazione automatica seguono i link e il link che ora rinnega a quanto pare è opera sua. Bah...
      • Anonimo scrive:
        Re: The other side of the story
        Poraccio, probabilmente la carenza di alcuni acidi grassi essenziali, fosforo, vit. B12, calcio e ferro in forme facilmente assimilabili ne ha minato le capacità cognitive. :D :D :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Che figata lo script a inizio pagina!
    si vedono da che parte nel mondo arrivano i collegamenti! :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Che figata lo script a inizio pagina
      C'è un altro script interessante alla fine della pagina.In mezzo ai commenti javascript che parlano di un fantomatico "PHP-COUNTER" ci sono 3 link a siti porno, preceduti e seguiti da una chiamata ad un altro javascript.Se ho ben capito i link vengono nascosti agli utenti da questo javascript (che è stato reso ovviamente quasi illeggibile), ma restano ben visibili quando la pagina è indicizzata dai motori di ricerca alzando quindi il rating di quei siti porno.E' ovviamente una pratica che i motori di ricerca disapprovano. Una specie di truffa.Non è un bel biglietto da visita per questo tizio.
  • Anonimo scrive:
    Ma yahoo ed apple...
    ...non possono sistemare l'url e buonanotte?ps: questo tizio è un veghiano, sono quei vegetariani che non mangiano manco le uova.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma yahoo ed apple...
      - Scritto da: Anonimo
      ...non possono sistemare l'url e buonanotte?


      ps: questo tizio è un veghiano, sono quei
      vegetariani che non mangiano manco le uova.E neanche latte , né yoghurt, mi risulta, l'unico animale che ritengono lecito sfruttare è il nègher che si rompe la schiena nei campi :p :p :p :p :p
Chiudi i commenti