USA: libereremo internet dalla censura

Da Washington arriva una proposta di legge di probabile prossima approvazione che sforna 16 milioni di dollari per le tecnologie che aggirano filtri e censure di stato attive in molti paesi
Da Washington arriva una proposta di legge di probabile prossima approvazione che sforna 16 milioni di dollari per le tecnologie che aggirano filtri e censure di stato attive in molti paesi


Washington (USA) – Non si può certo parlare di un obiettivo facile ma è certo una buona notizia la decisione del Congresso americano di prevedere un cospicuo stanziamento per lo sviluppo di tecnologie capaci di aggirare i controlli sul flusso dell’informazione in rete, quei filtri di stato così diffusi in mezzo mondo.

Alla Camera i parlamentari americani hanno appena deciso l’inserimento di queste misure in una legge che tratta anche di molte altre cose e che sarà probabilmente approvata in tempi rapidi anche dal Senato.

La sostanza della proposta è quella di finanziare le ricerche di chi sviluppa tecnologie innovative sul fronte dell’anticensura a favore dei cittadini di quei paesi, come la Cina, Myanmar e tanti altri, nei quali filtri e monitoraggio sulle attività online sono ormai strutturali.

Secondo Chris Cox, relatore sulla questione nonché chairman della commissione su Homeland Security, “questi regimi hanno bloccato l’accesso ad internet con molta cura, sfruttando tecnologie come firewall, filtri e black box. In più, questi regimi oppressivi monitorano abitualmente le attività su internet, incluse le email e i messaggi suoi forum… Il Global Internet Freedom Act offrirà a milioni di persone in tutto il mondo la possibilità di contrastare i regimi che vogliono il loro silenzio, e di proteggersi da rappresaglie”.

I giornali statunitensi che in queste ore commentano l’iniziativa fanno tutti riferimento al rapporto 2003 di Reporters sans frontières che, come si ricorderà, ha denunciato l’ampiezza e la pervasività della censura operata sui media in numerosi paesi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 07 2003
Link copiato negli appunti