USA: mai dire nerd

Un professore di psicologia punta il dito contro un articolo del New York Times sulla presenza necessaria dei geek nell'economia nazionale. Si tratterebbe di una terminologia offensiva da bandire, al pari degli epiteti a sfondo razziale

Roma – Per Wikipedia, il termine nerd è spesso associato alla visione stereotipata di un individuo che vive con passione le sue facoltà intellettive, e molto spesso anche escluso dalle gioie della collettività festaiola e dalle attenzioni del gentil sesso. E si veda anche il termine slang geek , a rappresentare un individuo peculiare e strambo, spesso ossessionato dai ragionamenti complessi della sua mente e del suo computer (qualora siano due entità ben separate).

Al di là delle definizioni da enciclopedia libera, i termini nerd e geek hanno acquisito nel tempo una fama non sempre piacevole, spesso associati a sfigati con la testa china sulle linee di codice, certamente lontani anni luce dagli aitanti quaterback dei college statunitensi. Come tuttavia ha insegnato in primis Bill Gates, essere nerd potrebbe portare a parecchie soddisfazioni nella vita. Riconoscimenti che sono stati sottolineati anche dal New York Times .

Un recente articolo , infatti, ha riportato le esperienze personali di quelli che sono visti dai più come dei secchioni , in particolare quella di John Halamka, ora alla Harvard Medical School nonché consigliere del Presidente Obama sugli archivi elettronici dei dati sanitari. In altre parole, ha sentenziato il NYT, l’economia degli Stati Uniti avrà bisogno di un numero sempre maggiore di cool nerd , nerd fighi . Per questo i giovani, sempre stando all’articolo, non dovrebbero aver paura di smanettare con un computer solo per evitare di essere isolati e definiti dei nerd.

Apriti cielo. David Anderegg, professore di psicologia al Bennington College , ha accusato con veemenza l’articolo del New York Times , sostenendo che il semplice utilizzo delle parole nerd e geek serva ad accrescere gli stereotipi della gente a riguardo. Secondo il professore , questi termini sarebbero lesivi, così come lo sono gli epiteti a sfondo razziale, e dovrebbero essere assolutamente evitati .

L’articolo del NYT ha poi puntualizzato come il significato attribuito ai due termini non sia sempre lo stesso, ma cambi a seconda dei contesti. Ad esempio, pare che nelle scuole d’elite di Manhattan la parola nerd sia sinonimo di competenza e ricchezza di interessi. Ma Anderegg ha spiegato che nel resto degli Stati Uniti non è affatto così, che un nerd viene considerato un inetto a livello sociale .

Questi stereotipi avrebbero un effetto disastroso su una certa forza lavoro negli Stati Uniti, dal momento che i giovani evitano di avvicinarsi alle scienze informatiche per paura di non toccare poi una ragazza per i successivi due decenni. L’unico modo per evitare questo disastro professionale sarebbe quello di bandire definitivamente le parole nerd e geek dai vocabolari . Parola di David Anderegg , il cui libro sul fenomeno si intitola: Nerds, chi sono e perché abbiamo bisogno di loro .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti