USA: più ricerca sul nanotech

Il Congresso statunitense vaglierà a breve una proposta di legge che concentra fondi ed energie per lo sviluppo di nanocosi. Per non arrestare il progresso, tranquillizzando i più apprensivi

Gli Stati Uniti hanno deciso di puntare seriamente sul nanotech, pur non sottovalutando i possibili rischi per la salute ad esso legati. Le numerose richieste fatte in passato di una nuova regolamentazione che abbia il duplice ruolo di spingere la nuova tecnologia e di controllarne gli eventuali effetti collaterali sembrano aver trovato una prima risposta nel nuovo disegno di legge sottoposto dalla House Science and Technology Committee al Congresso.

Se approvata, con la nuova legge si stanzieranno ulteriori fondi per la ricerca e lo sviluppo delle nanotecnologie. Allo stato attuale delle cose, alla ricerca sul nanotech viene destinata una cifra pari ad 1,5 miliardi di dollari annui. Con la nuova legge tali fondi dovrebbero essere incrementati, anche se attualmente non è dato sapere di quanto.

Il tutto, tenendo sempre massima l’attenzione sui rischi potenziali, che pur non essendo stati ancora meglio specificati, vengono comunque presi in considerazione onde non dover rischiare di incappare in serie complicazioni una volta che la tecnologia sia già stata diffusa su larga scala: “Sappiamo bene che materiali sviluppati con nanotecnologie possono comportare dei rischi invisibili a livello macroscopico” spiega David Rejeski, direttore del Project on Emerging Nanotechnologies ( PEN ). “Questa nuova proposta di legge mostra che chi ha il compito di legiferare ha bene in mente sia l’enorme potenziale delle nanotecnologie, sia i potenziali rischi ad esse associati. Il senso di questa nuova normativa è quello di proteggere i cittadini e nel contempo incoraggiare un sano sviluppo della tecnologia e degli investimenti ad essa correlati”.

Nonostante le accese critiche piovute sul nanotech, tra i sostenitori dei nanocosi regna un malcelato ottimismo: la bozza di legge introdotta al Congresso è del tutto identica a quella presentata lo scorso anno, votata in prima istanza da 407 favorevoli e poi abbandonata per il decorrere dei tempi utili alla sua ufficializzazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mistermimmo scrive:
    bug barracuda 7200.11
    mod. barracuda 7200.11 500gbs/n 9qm67cojst 3500820asP/n: 9bx134-505firmware:SD25DATE CODE :09083SITE CODE: KRATSGPRODUCT OF THAILANDCOME SI INSERISCE L'AGGIORNAMENTO SE IL COMPUTER NON VEDE L'HARD DISK ?GRAZIE
  • Shaiulud scrive:
    Così vi tratta la Seagate
    Ciao, tempo fa ho comprato un disco Barracuda 7200.11 dove ho stipato praticamente tutta la mia collezione di telefilm di fantascienza. Un brutto giorno però accade il fattaccio, il S.O. non trova più il disco. Cercando in Internet ho scoperto questo sito, così ho saputo che il problema è ben conosciuto in Seagate, così, dopo circa due mesi di scambi di email con il centro di assistenza, finalmente mi mandano un corriere per il prelievo del disco e la riparazione. dopo un paio di giorni mi arriva un mail con la richiesta di oltre 700 Euro per il recupero dei dati, pensando che se la scheda fosse stata upgradata i dati sarebbero stati comunque disponibli, ho chiesto il solo upgrade, ma con mia sorpresa, il disco che mi è stato restituito, adesso ticketta ma continua ad essere inutilizzabile. Grazie Seagate. Pensateci bene prima di comprare da loro....Shaiulud
    • cla baby scrive:
      Re: Così vi tratta la Seagate
      3hd 500gb 1 da 1tb da aggiornare il firmaware al volo,rischio bug1 da tb spento causa bug con 800gb di dati grazie di cuore e felice anno nuovo a seagatei prossimi hd saranno sicuramente wd
  • Sergio C. scrive:
    Seagate Barracuda 7200.11
    Buongiorno.io non ho capito come fare a richiedere assistenza alla Seagate.Mi sembra che sia tutto fatto per scoraggiare le richieste.Qualcuno sa come fare?Grazie in anticipo
  • Alessandro Graziano scrive:
    HDD SEAGATE NON FUNZIONANTE
    Ragazzi ho avuto lo stesso problema, solo ke il mio hdd è un barracuda 7200.10 da 500 Gbytes (ST35OO630A). In pratica si è bloccato senza farmi accedere ai file e, addirittura, siccome lo uso come secondario (slave) se lo connetto mi blocca tutto il pc!!! Chiedo aiuto a voi della redazione e a qiunque abbia avuto il mio stesso problema...GRAZIE IN ANTICIPO
  • poo scrive:
    e la risposta seagate?
    ma seagate cosa dice???
  • fred scrive:
    Nuovo firmware killer?
    Dopo aver aggiornato alcuni dischi ce ne siamo trovati uno morto secco e uno che fatica a partire, e cercando in rete scopro che non e' solo un problema mio:The updated firmware Seagate issued to solve 1TB Barracuda drive faults is causing 500GB Barracuda drives to failThat firmware update screws 500GB Barracudas and has been withdrawn pending an update to the update. It is apparent that testing of the update on the full range of drives the firmware applied to was not completely or satisfactorily carried out by Seagate. Hundreds of drives are said to be affected, and a Seagate support forum thread is at 22 pages and rising.etc. etc.Ora mi preparo a spedire in rma tutti i dischi a magazzino e faccio prendere dischi WD come quelli che uso a casa anche se costano qualcosa in piu', ma se qualcuno di voi si trovasse con il disco morto sappia che non ha ancora perso i dati, deve solo reinstallare il firmware che aveva prima; non ho approfondito sul dove recuperarlo.
  • Mr.Bil scrive:
    I "panini" Maxtor
    Di sicuro la Maxtor una serie sfigata l'ha prodotta...anzi direi se l'è cercata!! Io li chiamo i cosidetti "panini", sono quegli hard disk sottili con la patina argentata sopra.Fortuna che hanno fatto solo i tagli da 30GB e 40GB poi si sono fermati...cavoli non ce n'è uno che si sia salvato di quelli venduti...i primi a morire dopo pochi mesi con tracce guaste, gli ultimi nel giro di un anno passavano a miglior vita, senza possibilità di recupero dati
    • fred scrive:
      Re: I "panini" Maxtor
      Tocco' la stessa serie agli Ibm prodoti in un certo periodo di tempo;Ad esempio e' difficile trovare ancora qualche IC35L040 o qualche IC35L060 ancora funzionante oggi; puntualmente le testine si danneggiavano e grattavano la superfice dei piattelli rendendo impossibile il recupero dei dati in maniera definitiva.
  • Lieutenant scrive:
    Seagate e Maxtor
    Non mi sono mai fidato di Maxtor... e da quando ha acquisito Seagate non mi sono più fidato nemmeno di Seagate.Questi problemi non mi sorprendono, purtroppo.La qualità sembra non essere la preoccupazione principale di Maxtor/Seagate...
  • Luigi Calabrese scrive:
    Segnalazione refuso
    Nota per la redazione: "ST31000340AS" non è un Serial Number ma il Model Number del 7200.11 da 1TB. Luigi.
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: Segnalazione refuso
      Ops, correggiamo subito, grazie per la segnalazione ;-)- Scritto da: Luigi Calabrese
      Nota per la redazione: "ST31000340AS" non è un
      Serial Number ma il Model Number del 7200.11 da
      1TB.
      Luigi.
  • cordialment e scrive:
    sara'
    ma di tutti i produttori, a parte la defunta micropolis, l'unico che non mi ha mai dato problemi fino ad ora e' stato ibm/hitachi: ho ancora dischi da 256 mega che funzionano come un orologio. se non ricordo male negli anni ci fu una sola serie disgraziata, una partita ungherese di ide da 45 gb circa che ebbe dei problemi di affidabilita', ma per il resto mai avuto un solo drive in panne. stessa cosa non posso dire ne di wd ne' di seagate: ancora sto imprecando per l'unica perdita dati mai avuta in vita mia proprio su un cheetach da 10mila giri scsi costato uno sproposito e durato si e no un paio di mesi. per quanto riguarda la quantum devo dire che la serie atlas non era poi cosi' male: peccato siano riusciti a sXXXXXXXrsi una ditta che era riuscita a produrrre dei drive molto interessanti.
    • fred scrive:
      Re: sara'
      Purtroppo la situazione cambia ogni pochi anni un po' come succede con cpu e gpu; in questo momento ad esempio Intel regna incontrastata sul mercato dei microproXXXXXri mentre Ati ha la superiorita' assoluta sia come prestazioni di punta assolute sia come rapporto prestazioni/prezzo (in questo momento piglia tutto) , ma pochi anni fa la situazione era differente e lo sara' nuovamente prima o poi.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: sara'
      una partita ungherese
      di ide da 45 gb circa che ebbe dei problemi di
      affidabilita',Vero, ho avuto un Deskstar 40 GBytes comprato nel luglio 2001 e guastatosi nel giugno del 2002, dopo una qualche avvisaglia. L'ho spedito in Olanda e me l'hanno sostituito in un mese.
    • All Your Base Are Belong To Us scrive:
      Re: sara'
      La partita ungherese degli IBM Deskstar 40 GB, nel mio caso, era Made in Thailand... :-)Ce l'ho qui davanti, irrecuperabile, a meno di non cambuare la scheda (praticamente introvabile). Il modello è DTLA-305040.Se qualcuno avesse un modello funzionante da cui recuperare la scheda, potrei riavere i miei dati dopo anni!!!
  • Mr.God scrive:
    WD...
    Purtroppo, quando qualcuno fa prodotti sacri, non puó essere sostituito da nessuno. Se non comprate Western Digital non andrete lontano.Un pó come i nokia per la telefonia.
    • rock3r scrive:
      Re: WD...
      straquoto la cosa della nokia... invece non posso fare lo stesso con i wd perché ad ora gli unici due hd che mi si sono rotti (entrambi in meno di due anni) erano wd... ma avrò avuto sfiga
      • fred scrive:
        Re: WD...
        Puoi dirci quando e' sucXXXXX? che tagli erano?Ogni 2-3 anni cambia tutto; c'erano momenti un cui i Seagate erano i migliori, c'erano momenti in cui i Maxtor erano buoni, c'erano momenti in cui gli Ibm (ora Hitachi) erano i migliori, e poi c'erano i Fujitsu, etc..;In questo momento WD sembra il migliore ma fra 2-3 anni cambia tutto di nuovo e allora cambiero' marca nuovamente.
        • Mr.God scrive:
          Re: WD...
          - Scritto da: fred
          Ogni 2-3 anni cambia tutto; c'erano momenti un
          cui i Seagate erano i migliori, c'erano momenti
          in cui i Maxtor erano buoni, c'erano momenti in
          cui gli Ibm (ora Hitachi) erano i migliori, e poi
          c'erano i Fujitsu,
          etc..;
          In questo momento WD sembra il migliore ma fra
          2-3 anni cambia tutto di nuovo e allora cambiero'
          marca
          nuovamente.Secondo te i miei giudizi vanno per moda? MAXTOR BUONI?!?! Dai, vai a leccare la presa.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: WD...
            Mio padre ne ha usato uno da 850 MBytes dal '95 fino all'anno scorso, quindi forse qualche buon prodotto la Maxtor l'ha sfornato.
          • fred scrive:
            Re: WD...
            dipende dai lotti di produzione corrispondenti ad alcuni periodi piu' o meno lunghi; i maxtor da 1,2 e 5gb circa erano decisamente piu' affidabili silenziosi e scaldavano meno di concorrenti allora molto venduti, e gran parte tuttora funzionano se ripresi in mano. Ma andando piu' indietro nel tempo occorrerebbe sapere come andavano, forse il produttore non esisteva nemmeno ma quelli dei tagli che ho nominato li posseggo ancora dentro una scatola.Il primo che comprai fu un costosissimo quantum scsi da 52 megabyte e nonostante il mese di stipendo che lo pagai si ruppe dopo meno di due anni....... Tutti i produttori hanno i loro buoni e i brutti momenti.
      • max Power scrive:
        Re: WD...
        - Scritto da: rock3r
        straquoto la cosa della nokia... invece non posso
        fare lo stesso con i wd perché ad ora gli unici
        due hd che mi si sono rotti (entrambi in meno di
        due anni) erano wd... ma avrò avuto
        sfigano anche io ne ho appena rotti 2 di WD in appena un anno e mezzo.
    • All Your Base Are Belong To Us scrive:
      Re: WD...
      Io ho fulminato un WD, di recente. Sostituito con un Seagate 500 GB.
      • fred scrive:
        Re: WD...
        Sarebbe bene riportare il taglio e la data approssimata di aquisto.Mi ricordo benissimo anch'io che i WD da 80gb , soprattutto le prime serie, erano tuttaltro che affidabili, e infatti ho evitato WD fino a qualche anno fa.
  • Stever scrive:
    samsung
    Io ho preso due economici Samsung da 500GB 16MB Cache 7200rpm (60 euro l'uno) sataII da sostituire ai miei vecchi seagate 80Gb sata (credo II) e adesso il pc per accendersi ci mette il doppio e va il doppio lento (premetto che ho reinstallato tutto d'accapo con addirittura meno programmi). La Scheda madre ha il controller con il firmware aggiornato altrimenti con i drive originali nemmeno riuscivo a lavorare (i dischi si disconnetettevano con il classico errore di "scrittura rimandata" a causa della Cache attivata).Questo per dire che da quando si sono superati i 250-350 Gb i dischi (o i firmware) hanno incominciato a dare problemi :-(
    • rock3r scrive:
      Re: samsung
      io ho due samsung sataII 7200rpm da 320gb in raid0 e vanno più che bene... ma in effetti sono sotto i 500gb
  • Blueyes scrive:
    Chi si ricorda...
    ... nel 1997?Lo stesso problema lo ebbe Quantum.Repetita juvant?
    • Giggi Giggi scrive:
      Re: Chi si ricorda...
      ma i Quantum non erano prodotti dalla Western Digital ?
      • fred scrive:
        Re: Chi si ricorda...
        Eppure WD in questo momento fa i migliori disch, come appena 3-4 anni fa i Seagate andavano bene per poi scendere di prezzo e di qualita'.WD adesso fa degli ottimi dischi denominati "Green Power" freddi e silenziosissimi in cui il calo di prestazioni e' minimo rispetto ai dischi tradizionali e non si nota nell'uso; a prescindere da quello che trovate scritto in giro tutti i modelli Green Power di WD hanno i piattelli che girano a 5400 rpm reali e fissi.
        • rock3r scrive:
          Re: Chi si ricorda...
          - Scritto da: fred
          Eppure WD in questo momento fa i migliori disch,
          come appena 3-4 anni fa i Seagate andavano bene
          per poi scendere di prezzo e di
          qualita'.
          WD adesso fa degli ottimi dischi denominati
          "Green Power" freddi e silenziosissimi in cui il
          calo di prestazioni e' minimo rispetto ai dischi
          tradizionali e non si nota nell'uso; a
          prescindere da quello che trovate scritto in giro
          tutti i modelli Green Power di WD hanno i
          piattelli che girano a 5400 rpm reali e
          fissi.ma wd non è stata comprata da seagate (o viceversa) qualche mese fa? mi ricordo male io?
          • DiMi scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            I Quantum li faceva la .... Quantum, non la WesternDigital.Poi la quantum fu assorbita da Maxtor.....ed infine la Maxtor fu assorbita da XXXXte....
          • rock3r scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            ah ecco... cmq non ricordavo male che la seagate avesse comprato qualche concorrente :)
          • Luigi Calabrese scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Oltre a Quantum/Maxtor, Seagate ha acquisito anche Conner (pochi lo ricorderanno ma fu una vera pioniera nel settore). Quindi: Conner-
            Seagate, Quantum-
            Maxtor, Maxtor-
            Seagate. Importante fusione è stata anche quella della divisione HDD di IBM in Hitachi GST.
          • Stein Franken scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Lol :D Conner... era il primo hd che ho mai avuto (lontano 1995) e l'ho ancora in giro (FUNZIONANTE).Qualcosa come 840 MB di spazio, e il suo caratteristico rumore nella lettura. Stabile come una roccia.Bei tempi...
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Come no, qualche Conner ce l'avevo (modelli CFS-qualcosa), hanno lavorato una decina di anni e ancora li conservo come funzionanti !
    • Phabio76 scrive:
      Re: Chi si ricorda...
      Il mitico Fireball da 6,4 Gb... o era il Bigfoot?Poi la Quantum fu acquisita da Maxtor, a sua volta acquisita da Seagate...
      • Super_Treje scrive:
        Re: Chi si ricorda...
        E forse ecco da dove proviene il bug ;)
        • jfk scrive:
          Re: Chi si ricorda...
          - Scritto da: Super_Treje
          E forse ecco da dove proviene il bug ;)Si perche' forse non ricordate, o NON SAPETE nel 1988 o GIU di lì la XXXXte ebbe una o due serie che dire facessero schifo e' un vero complimento. In sostanza, ognuno ha i suoi problemi prima o poi. Tutto sta a non incappare in quella serie. Io stesso ho avuto problemi con un'intera famiglia di IBM che poi sono continuati una volta passati ad hitachi (non si sono presi nemmeno la briga di correggere gli errori). Per non parlare di quando erano mfm/rll, ma questa e' tutta un'altra storia...
          • Super_Treje scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Purtroppo nel 1988 non conoscevo l'esistenza degli hd, sai avevo 7 anni ed erano meglio i cartoni animati :D :P
          • Karmakoma scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Io ne avevo 8 ma già mi paiceva la fi*a...
          • Stein Franken scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            Avevi dei problemi seri :o a quell'età se pensi a quello significa che hai avuto un infanzia infelice.
      • fred scrive:
        Re: Chi si ricorda...
        lo ricordo anchio quel modello; ma a tutt'oggi ne esistono ancora di funzionati di quei dischi? ricordo di avere visto molta gente piangere sui dati persi;probabilmente fu il periodo in cui si comincio' ad essere consapevoli dell'importanza del backup e della sicurezza dei dati.
        • Phabio76 scrive:
          Re: Chi si ricorda...
          Ho ancora un Seagate da 4,5 GB, uno dei primi modelli a 7200 rpm che frulla coma una motoXXXX...
          • Bastard Inside scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            - Scritto da: Phabio76
            Ho ancora un Seagate da 4,5 GB, uno dei primi
            modelli a 7200 rpm che frulla coma una
            motoXXXX...Mesi fa ho provato in successione un vecchio WD 5200RPM da 3GB, poi un WD (il mio primo 7200RPM) da 14GB, infine un Seagate P-ATA da 250GB, confrontandoli anche con l'80GB e il 160GB del desktop, come passare da motozappa a motoXXXX, a trapano da dentista fino a un sibilo appena avvertibile, ma neppure la motozappa da 3GB batte l'elicottero CD-R/RW LG :-P
          • alex scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            - Scritto da: Bastard Inside
            - Scritto da: Phabio76

            Ho ancora un Seagate da 4,5 GB, uno dei primi

            modelli a 7200 rpm che frulla coma una

            motoXXXX...
            Mesi fa ho provato in successione un vecchio WD
            5200RPM da 3GB, poi un WD (il mio primo 7200RPM)
            da 14GB, infine un Seagate P-ATA da 250GB,
            confrontandoli anche con l'80GB e il 160GB del
            desktop, come passare da motozappa a motoXXXX, a
            trapano da dentista fino a un sibilo appena
            avvertibile, ma neppure la motozappa da 3GB batte
            l'elicottero CD-R/RW LG
            :-PPer rimanere in metafora, ho qui uno space shuttle da 210MB risalente al 1991 che (udite udite) funziona perfettamente ... fa rumore sufficiente da sovrastare il case ma FUNZIONAAAAA alla faccia dei dischi moderni che sono diventati fragili come vetro soffiato...
          • fred scrive:
            Re: Chi si ricorda...
            il mio Quantum 105mb scsi pagato 770mila lire; qualche anno fa lo facevo funzionare aperto per mostrare agli amici le teste che frullavano, ma nonostante cio' funzionava; ora posso solo accenderlo perche' un adattatore scsi-usb non l'ho a disposizione ma probabilmente funzionan ancora;se lo tengo da parte e' per quei 770mila lire che ho sganciato...
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Chi si ricorda...
        I primi Fireball, fino all'1,25GB, erano delle schegge, poi peggiorarono in prestazioni e affidabilità, i BigFoot erano più capienti, ma lenti, infatti la maggiore capienza era dovuta all'uso di dischi da 5,25", e di conseguenza la velocità era di 3600RPM, portata a 4000RPM negli ultimi modelli.
    • All Your Base Are Belong To Us scrive:
      Re: Chi si ricorda...
      Gli HD IBM Deskstar 40GB, in compenso, si fulminavano che era un piacere. Ben 4 su 3 (uno non era mio).
    • -ToM- scrive:
      Re: Chi si ricorda...
      - Scritto da: Blueyes
      Repetita juvant?e dei seagate scsi 15k che si spaccavano ogni due per tre no? ;)
  • Fuffa scrive:
    Superfluo...
    Mi sembra alquanto superfluo ribadrire che l'aggiornamento del firmware venga fornito gratuitamente in quanto va a risolvere il problema del prodotto. Sarebbe da menzionare nel caso in cui fosse a pagamento, cosa che sarebbe assurda e inconcepibile.Ci manca pure che si debba pagare per risolvere un loro bug!
    • rockroll scrive:
      Re: Superfluo...
      Ci manca pure che si debba pagare per risolvere un loro bug! Perchè, la correzione dei "bug" di M$ pensi che sia gratis? E' compresa nei soldi della licenza, tanto è vero che se non superi quel gioiellino di WGA nisba updates (in teoria...).Comunque è prassi aziendale premunirsi con sostanziosi contratti di assistenza, e questi cosa sono se non correzioni dei bugs che non dovrebbero esserci ma ci sono?
      • GoodSpeed scrive:
        Re: Superfluo...
        - Scritto da: rockroll
        Ci manca pure che si debba pagare per
        risolvere un loro bug!


        Perchè, la correzione dei "bug" di M$ pensi che
        sia gratis? E' compresa nei soldi della licenza,
        tanto è vero che se non superi quel gioiellino di
        WGA nisba updates (in
        teoria...).

        Comunque è prassi aziendale premunirsi con
        sostanziosi contratti di assistenza, e questi
        cosa sono se non correzioni dei bugs che non
        dovrebbero esserci ma ci
        sono?Una cosa è il supporto dopo l'uscita del prodotto con update firmware/drivers mentre un'altra cosa è l'assistenza tecnica.Ms quota nella licenza che compri anche i futuri aggiornamenti sw ma NON ti supporta se hai un problema. Hai mai chiamato la Ms per un supporto tecnico, magari dopo 1 giorno che avevi il tuo bel pc con os nuovo?Ti dicono chiaramente che o paghi tot euro o niente (ci sono anche i pacchetti prepagati per tot chiamate).rockroll si riferiva al fatto che l'update del firmware fosse gratis. E' sucXXXXX spesso che compagnie (apple per esempio) rilasciassero update del firmware a pagamento e questa è una politica scorretta a mio avviso.
        • rock3r scrive:
          Re: Superfluo...
          - Scritto da: GoodSpeed
          - Scritto da: rockroll

          Ci manca pure che si debba pagare per

          risolvere un loro bug!





          Perchè, la correzione dei "bug" di M$ pensi che

          sia gratis? E' compresa nei soldi della licenza,

          tanto è vero che se non superi quel gioiellino
          di

          WGA nisba updates (in

          teoria...).



          Comunque è prassi aziendale premunirsi con

          sostanziosi contratti di assistenza, e questi

          cosa sono se non correzioni dei bugs che non

          dovrebbero esserci ma ci

          sono?

          Una cosa è il supporto dopo l'uscita del prodotto
          con update firmware/drivers mentre un'altra cosa
          è l'assistenza
          tecnica.

          Ms quota nella licenza che compri anche i futuri
          aggiornamenti sw ma NON ti supporta se hai un
          problema. Hai mai chiamato la Ms per un supporto
          tecnico, magari dopo 1 giorno che avevi il tuo
          bel pc con os
          nuovo?

          Ti dicono chiaramente che o paghi tot euro o
          niente (ci sono anche i pacchetti prepagati per
          tot
          chiamate).

          rockroll si riferiva al fatto che l'update del
          firmware fosse gratis. E' sucXXXXX spesso che
          compagnie (apple per esempio) rilasciassero
          update del firmware a pagamento e questa è una
          politica scorretta a mio
          avviso.Vorrei sottolineare che gli hotfix di sicurezza non richiedono validazione wga (tutti gli altri si però).Comunque concordo che sarebbe stato eclatante se il firmware aggiornato fosse stato a pagamento...
      • Fuffa scrive:
        Re: Superfluo...
        - Scritto da: rockroll
        Perchè, la correzione dei "bug" di M$ pensi che
        sia gratis? E' compresa nei soldi della licenza,
        tanto è vero che se non superi quel gioiellino di
        WGA nisba updates (in
        teoria...).

        Comunque è prassi aziendale premunirsi con
        sostanziosi contratti di assistenza, e questi
        cosa sono se non correzioni dei bugs che non
        dovrebbero esserci ma ci
        sono?Ma è possibile che in un modo o nell'altro riuscite a tirare in ballo microsoft?In ogni caso per rispondere a questo commento, non mi risulta che quanto detto valga SOLO per microsoft...Siete paranoici forte eh...
  • Marco Baratella scrive:
    attenzione al firmware
    io ho comprato da poco un barracuda da 1 tera che ha quel difetto, ho anche chiesto il firmware aggiornato sul sito ma non mi hanno risposto. domani lo rispedisco indietro, hanno detto che ha la garanzia fino al 2013 e me lo sostituiscono ex-novo. speriamo, anche perchè uso un altro barracuda da 250gb e mi son sempre trovato benissimo..
    • fred scrive:
      Re: attenzione al firmware
      I vecchi 250 erano ottimi dischi, all'avanzare di versione sono calati di prezzo e anche la qualita' e' calata (avevo 3 dischi da 250 comprati in periodi diversi e davano tutti prestazioni diverse), poi ho preso due dischi da 500 e sono rimasto decisamente insoddifatto poiche' se nelle velocita' di punta erano ottimi nell'uso intensivo si rivelavano delle trappole poi a differenza dei vecch iscaldavano ed erano rumorosi, quindi ho deciso di lasciare seagateho preso un WD serie green power da 500 e il funzionamento mi ' parso nuovo, in seguito una da tera, poi a distanza di tempo un altro da tera e adesso mi appresto a prenderne un terzo come disco esterno di storage ed eliminare tutti i dischi vecchi che girano fra tavolo e cassetti.Per ora va bene WD ma sono sicuro che fra qualche anno la situazione cambiera' e saro' costretto a cambiare di nuovo produttore come succede da sempre.
      • Bastard Inside scrive:
        Re: attenzione al firmware
        ZOMFG, ho appena ordinato un Seagate da 500GB (mi consolo che non è da 1Tera :-() Per lo meno, da quando faccio sempre anche in Windows una partizione riservata al swap (praticamente da quando i dischi economici hanno iniziato a partire dalle decine di GB), non ho più il progressivo degrado prestazionale e la frammentazione orrenda che avevo prima.
        • Tony Iommi scrive:
          Re: attenzione al firmware
          Ex-novo non credo, te ne danno sempre uno ricondizionato, testato da loro!
        • fred scrive:
          Re: attenzione al firmware
          Non e' che malfunzionano; e' che frullano un sacco e in presenza di multi I/O le prestazioni degradano (quindi c'e' qualche ottimizzazione di tutto il sistema che non va a dovere), inoltre scaldano molto.Ricordo in passato che avevo un 250 pata che funzionava che era un piacere, cosi comprai in seguito un altro 250 pata e un 250 sata, la meccanica sembrava uguale ma i modelli erano diferenti; costavano meno.Ricordo che mostrarono subito una serie di limiti confrontati q=con quello che avevo prima; se la velocita' di picco era maggiore risultavano rumorosi e molto caldi (e meno male che la meccanica sembrava identica), ma soprattutto frullavano con molta facilita' riducendo quidi le prestazioni effettive.Ci girai intorno parecchio pensando che almeno il pata fosse difettoso visto che avevo il termine di confronto, ma i successivi erano tutti cosi', di conseguenza ne ho da 250 e da 500 che uso come storage o per sostituire quelli che si rompono qua e la.
    • Momento di inerzia scrive:
      Re: attenzione al firmware
      A me hanno risposto con un link non funzionante (è un articolo della loro knowledge base che in Italiano è vuoto)Il link corretto da cui scaricare l'aggiornamento èhttp://seagate.custkb.com/seagate/crm/selfservice/search.jsp?Tab=search&Module=selfservice&TargetLanguage=selfservice&DocId=207931&NewLang=en
  • francososo scrive:
    alla faccia del firmware !
    alla faccia del firmware ! :| :|
Chiudi i commenti