USA, pizzicato lo spammer numero uno

L'FBI ha sequestrato tutta l'attrezzatura di Alan M. Ralsky, lo spammer più famoso degli Stati Uniti; lui si difende ma ammette che questa potrebbe essere la fine del suo business


Detroit (USA) – Le autorità statunitensi hanno confermato che quello che da tempo è considerato uno dei re dello spam mondiale, Alan M. Ralsky, è stato messo in condizioni di non nuocere alla web-sphera per un po’ di tempo. Si è infatti saputo che lo scorso settembre una squadra dell’ FBI ha fatto irruzione nella sua proprietà di Detroit, un complesso immobiliare nei pressi di West Bloomfield, e ha sequestrato PC, notebook e dati finanziari di ogni genere.

“A questo punto abbiamo chiuso. Ci hanno sequestrato tutta la nostra attrezzatura, è finita”, ha dichiarato Ralsky. Secondo gli inquirenti, negli anni questo simpatico sessantenne non solo è riuscito a racimolare centinaia di migliaia di dollari con lo spamming, ma sarebbe colpevole di aver intasato il Web con 100 milioni di mail quotidiane che pubblicizzano ogni tipo di prodotto, dai gadget più improbabili al botox.

“Alan M. Ralsky è noto nel mondo spam, ed ha già avuto una serie di incontri ravvicinati con la Giustizia negli ultimi anni. I politici che hanno promulgato le nuove leggi anti-spam hanno indicato lui come uno dei peggiori spammer del mondo. In molti siamo curiosi di sapere se si tratta dell’ultimo capitolo, oppure riuscirà a farcela anche questa volta, ritornando sulla cresta dell’onda”, ha dichiarato Graham Cluley, consulente tecnologico di Sophos .

Ralsky da parte sua sostiene di non essere uno spammer ma un professionista del mail marketing perseguitato dalla Legge. Scorrendo però le sue malefatte su Spamhaus.org non si può che rimanere stupiti del suo curriculum di “presunto” spammer. Su tutte la denuncia di Verizon Communications nel 2001, che scontò due giorni di chiusura del suo network a causa di un mail bombing. Lui promise di non fare più spam… sulla rete del provider.

La legge anti-spam statunitense varata nel 2003, ed operativa dal gennaio del 2004 è piuttosto chiara al riguardo, ed anche piuttosto severa: 20 anni di prigione come pena massima e 11 mila dollari per ogni violazione. Gli agenti FBI avrebbero individuato le prove dello spamming effettuato quotidianamente con almeno 14 domini di posta diversi. “Alan Ralsky credeva di essere in regola con la legge, tanto più che le ultime norme in alcuni casi non sono state ancora interpretate da nessuna Corte. Lui ha speso decine di migliaia di dollari per disporre di software che effettuassero mailing commerciale legale”, ha dichiarato Philip Kushner, il legale di Ralsky.

La storia di Ralsky, però, è decisamente curiosa. Racimolati 500 mila dollari nel 1980 come assicuratore, perse la licenza dieci anni dopo, dichiarando bancarotta e rimanendo invischiato, per tre anni, in una causa che lo vedeva accusato di falsificazione di dati bancari. Alla fine degli anni 90 venduta l’auto decise, con il ricavato, di acquistare due PC per re-inventarsi una professione. Da allora la spedizione di mail “spazzatura” per conto commercianti e società di servizi è diventato il suo pane quotidiano. Il suo nome ormai è conosciuto da tempo online. A casa gli vengono recapitate centinaia di riviste alle quali non ha sottoscritto l’abbonamento: questa è la vendetta di alcuni web surfer .

“Ralsky è diventato ormai un personaggio pubblico per le sue attività. Per ogni personaggio come lui, ce ne sono molti altri nell’ombra”, ha dichiarato Lih-Tah Wong, presidente di Computer Mail Services , società specializzata nello sviluppo di applicazioni anti-spam. Secondo un recente studio di IDC , lo spam raggiungerà quota 7,6 milioni di miliardi di mail spedite nel 2005, qualcosa di più rispetto ai 4,5 registrati nel 2003.

E così dopo l’arresto di Gaven Stubberfield e la condanna di Scott Richter , la lista degli spammer più pericolosi inizia a sfoltirsi . Ma gli esperti avvertono: Alan M. Ralsky è solo uno di meno.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • UxFTgtvUREp zQC scrive:
    fldVrTcFTKAtWvH
    http://cheapvaltrex.gq/#6596 cheap valtrex,
  • BgyoSCQaGNN sgwRzNXa scrive:
    rxSxGtpAuDvixDDxEA
    http://genericprednisolone.asia/#2389 view homepage,
  • hxSygayZUrP rXUo scrive:
    qycNJpnshioVOxqxp
    http://celebrex200mg.ga/#1210 celebrex 200 mg, http://fluoxetine20mgcapsules.ml/#2359 fluoxetine mg, http://celexageneric.info/#6638 buy celexa mg,
  • Anonimo scrive:
    Sisvel S.p.A. ???
    Hanno i "brevetti" del formato MP3???sono usciti dall'uovo di Pasqua .... oppure (più probabile) si tratta di Sisvel S.a. D. (=Società a Delinquere).Ma come si fa a brevettare un formato file di pubblico dominio?? Ridicolo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sisvel S.p.A. ???
      - Scritto da: Anonimo
      Hanno i "brevetti" del formato MP3???
      sono usciti dall'uovo di Pasqua .... oppure (più
      probabile) si tratta di Sisvel S.a. D. (=Società a Delinquere).
      Ma come si fa a brevettare un formato file di pubblico dominio??
      Ridicolo!!!Tutti i brevetti sono di pubblico dominio
    • Anonimo scrive:
      Re: Sisvel S.p.A. ???
      Ma quale mp3 di pubblico dominio!!! Piutto l'ogg, quello sì che è di pubblico dominio!
  • Anonimo scrive:
    Non ce da temere.
    mp3 si è diffuso proprio perche' non cerano dazi da pagare, e non cerano limitazioni sul sui uso o perlomeno perche' cosi' si pensava.Se questi vanno avanti succede la solita soria, il formato diventa a cosumo di un set limitato di software/dispositivi e la "gente normale" ripiega su altri formati.Pensate agli utenti di tutto il mondo come un ecosistema vivente che reagisce alle malattie.Gli ci vuole tempo, ma reagisce.Se mettono delle patenti onerosi su mp3 fidatevi che i produttori intependenti di dispositivi cambieranno formato nei nuovi prodotti.In altre parole s e mp3 non va piu bene come formato universale allora ne verra' fuori un altro.Uno (che personalemtne non conosco) ad esempio è stato suggerito in questo stess forum.
    • sbittante scrive:
      Re: Non ce da temere.
      Ogg vorbis percaso?http://www.vorbis.com/Guarda che comunque almeno l'encoding in mp3 è sempre stato tramite pagamento di licenze."Many people think that the MP3 standard is free and open, and that the ISO reference source code is also. But in the beginning of September 98, Fraunhofer Institute, largely involved in the development of MPEG-audio compression, has sent a letter to several developers of "free" ISO-source based encoders. In this letter they make it very clear that all developers and publishers of MPEG-audio layer 3 (MP3) encoders based on ISO-source must pay a license fee to Fraunhofer. So, what is the real situation of MP3?"
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ce da temere.
        - Scritto da: sbittante
        Ogg vorbis percaso?
        http://www.vorbis.com/

        Guarda che comunque almeno l'encoding in mp3 è
        sempre stato tramite pagamento di licenze.

        "Many people think that the MP3 standard is free
        and open, and that the ISO reference source code
        is also. But in the beginning of September 98,
        Fraunhofer Institute, largely involved in the
        development of MPEG-audio compression, has sent a
        letter to several developers of "free" ISO-source
        based encoders. In this letter they make it very
        clear that all developers and publishers of
        MPEG-audio layer 3 (MP3) encoders based on
        ISO-source must pay a license fee to Fraunhofer.
        So, what is the real situation of MP3?"Questa info che aggiungi non mi piace per nulla.Pero', molti soft. open soruce esistono e non credo che paghino nulla.Forse hanno aspettato apposta che si diffondesse il formato per andare a "picchiare" su un grande numero di ulizzatori? Speriamo di no.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non ce da temere.
          - Scritto da: Anonimo
          Forse hanno aspettato apposta che si diffondesse
          il formato per andare a "picchiare" su un grande
          numero di ulizzatori? Speriamo di no.Quella famosa lettera è roba vecchia e fu poi rimangiata. Comunque se uno fa apparecchi che utilizzano gli mp3 allora paga, se uno fa programmi a pagamento per leggere mp3 paga (compresi i videogiochi, infatti sono passati quasi tutti a ogg), se fai programmi gratuiti che utilizzano gli mp3 NON PAGHI.
  • Anonimo scrive:
    Buttate nel gabinetto tutto tranne Ogg!!
    Se dovete comprare un lettore, fate attenzione che sia compatibile Ogg... per il resto è qualitativamente migliore di mp3 e probabilmente anche di wma ed aac (non sono così esperto in materia).Su una cosa sono certo pero': se nessuno usa tecnologie proprietarie, nessuno può fare il buono ed il cattivo tempo sfruttando il sistema dei brevetti e la gente non dovrà mai temere.USATE OGG!Nella home di http://www.xiph.org/ , in alto a destra trovate i link a tutti i formati aperti necessari: audio per musica (lossy e loseless), audio per telefono, video, etcAdesso sarà un po' più macchinoso fare le cose, ma avremo tutti da guadagnarci nell'immediato futuro: più utenti usano questi formati, a più sviluppatori viene voglia di sviluppare il supporto per questi formati, più sviluppatori li usano, più prodotti usciranno fuori... bisogna solo innescare il circolo virtuoso.ciaoRenton78
    • Anonimo scrive:
      Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
      - Scritto da: Anonimo
      Se dovete comprare un lettore, fate attenzione
      che sia compatibile Ogg... per il resto è
      qualitativamente migliore di mp3 e probabilmente
      anche di wma ed aacbum
    • Anonimo scrive:
      Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
      - Scritto da: Anonimo
      Se dovete comprare un lettore, fate attenzione
      che sia compatibile Ogg... ce ne fossero...
    • Anonimo scrive:
      Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
      - Scritto da: Anonimo
      Se dovete comprare un lettore, fate attenzione
      che sia compatibile Ogg... Dimmi una marca e un modello disponibile in Italiaper il resto è
      qualitativamente migliore di mp3 e probabilmente
      anche di wma ed aac (non sono così esperto in
      materia).
      e si vede...mai sentito parlare di mp3 a 320 kbps che suonano in qualità cd???Ed hai mai fatto un confronto audiophile con cuffie sennheiser da 500 euro per sentire la vera differenza di una stessa canzone di un cd e l astessa canzone a 192 Kbps???
      Su una cosa sono certo pero': se nessuno usa
      tecnologie proprietarie, nessuno può fare il
      buono ed il cattivo tempo sfruttando il sistema
      dei brevetti e la gente non dovrà mai temere.

      USATE OGG!

      Nella home di http://www.xiph.org/ , in alto a
      destra trovate i link a tutti i formati aperti
      necessari: audio per musica (lossy e loseless),
      audio per telefono, video, etc

      Adesso sarà un po' più macchinoso fare le cose,
      ma avremo tutti da guadagnarci nell'immediato
      futuro: più utenti usano questi formati, a più
      sviluppatori viene voglia di sviluppare il
      supporto per questi formati, più sviluppatori li
      usano, più prodotti usciranno fuori... bisogna
      solo innescare il circolo virtuoso.
      Certo, tu ed altri 4 gonzi come te che convincono le multinazionali a lasciare lo standard mp3 per un formato dicui....acquisterebbero il brevetto.Come diceva Totò...MA MI FACCIA IL PIACERE!!!!!
      ciao

      Renton78
      • Anonimo scrive:
        Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
        - Scritto da: Anonimo
        Ed hai mai fatto un confronto audiophile con
        cuffie sennheiser da 500 euro per sentire la vera
        differenza di una stessa canzone di un cd e l
        astessa canzone a 192 Kbps???Parli come se alla gente comune gliene fregasse qualcosa.Cuffie da 500 euro, ma guarda te... :| .
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O

          Parli come se alla gente comune gliene fregasse
          qualcosa.Purtroppo hai ragione. La parola "Hi Fi" è troppo abusata nei supermercati dove ce la appiccicano agli scatoloni plasticosi e pieni di led che avranno un DAC da quattro soldi...
          Cuffie da 500 euro, ma guarda te... :| .Ci sono cuffie che costano anche 10 volte tanto. Io ho delle Sennheiser HD500, entry level per carità, ma già si sente la differenza tra un encoding e l'altro... In attesa di potermi comprare delle Grado RS1...TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se dovete comprare un lettore, fate attenzione

        che sia compatibile Ogg...

        Dimmi una marca e un modello disponibile in Italiahttp://wiki.xiph.org/index.php/PortablePlayershttp://wiki.xiph.org/index.php/StaticPlayers

        per il resto è

        qualitativamente migliore di mp3 e probabilmente

        anche di wma ed aac (non sono così esperto in

        materia).



        e si vede...mai sentito parlare di mp3 a 320 kbps
        che suonano in qualità cd???
        Ed hai mai fatto un confronto audiophile con
        cuffie sennheiser da 500 euro per sentire la vera
        differenza di una stessa canzone di un cd e l
        astessa canzone a 192 Kbps???
        Vedi i test nel post precedente

        Su una cosa sono certo pero': se nessuno usa

        tecnologie proprietarie, nessuno può fare il

        buono ed il cattivo tempo sfruttando il sistema

        dei brevetti e la gente non dovrà mai temere.



        USATE OGG!



        Nella home di http://www.xiph.org/ , in alto a

        destra trovate i link a tutti i formati aperti

        necessari: audio per musica (lossy e loseless),

        audio per telefono, video, etc



        Adesso sarà un po' più macchinoso fare le cose,

        ma avremo tutti da guadagnarci nell'immediato

        futuro: più utenti usano questi formati, a più

        sviluppatori viene voglia di sviluppare il

        supporto per questi formati, più sviluppatori li

        usano, più prodotti usciranno fuori... bisogna

        solo innescare il circolo virtuoso.


        Certo, tu ed altri 4 gonzi come te che convincono
        le multinazionali a lasciare lo standard mp3 per
        un formato dicui....acquisterebbero il brevetto.
        Come diceva Totò...MA MI FACCIA IL PIACERE!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O

        Dimmi una marca e un modello disponibile in Italiawww.iaudio.ittutti i modelli che hanno supportano OGGguarda se mi tocca anche fare pubblicità...
    • Anonimo scrive:
      Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
      - Scritto da: Anonimo
      Se dovete comprare un lettore, fate attenzione
      che sia compatibile Ogg... per il resto è
      qualitativamente migliore di mp3 e probabilmente
      anche di wma ed aac (non sono così esperto in
      materia).Il formato Ogg Vorbis batte tutti gli altri formati in termini di qualità. Posto solo alcuni test effettuati recentemente:A 80 Kb/s:http://www.hydrogenaudio.org/forums/index.php?showtopic=35438A 128 Kb/s:http://www.rjamorim.com/test/multiformat128/results.htmlA 180 Kb/s:http://www.hydrogenaudio.org/forums/index.php?showtopic=36465Sono dei test effettuati da persone esperte. Ad ogni modo ogni persona può avere una percezione differente della qualità sonora, quindi se non ci credete provate anche voi!
      • Anonimo scrive:
        Re: Buttate nel gabinetto tutto tranne O
        E' un ottimo formato. A suo tempo, ho fatto dei confronti. Un OGG codificato in VBR 80 ~ 112 Kbps suona come un MP3 in CBR 128 Kbps. Ma non lo utilizzo : non è facilmente "esportabile".Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Ahahahah
    Gli sta bene
  • Anonimo scrive:
    Evvai brevetti!
    Evvvai !Che palle ! :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Evvai brevetti!
      - Scritto da: Anonimo
      Evvvai !
      Che palle ! :sUn po' di vita nel forum
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Evvai brevetti!
      - Scritto da: Anonimo
      Evvvai !
      Che palle ! :sInfatti. Chi ci fa la fugura piu' grama sono proprio i brevetti software, ormai diventati dannosissimi per tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Evvai brevetti!
        Bene... allora per evitare i problemi su qualsiasi reato aboliamo le relative leggi !!!ma per piacere....Se qualsivoglia soggetto ha inventato un qualche cosa e lo ha brevettato non vedo perchè un altro soggetto dovrebbe trarne vantaggio senza pagare dazio.E' un problema dei soliti furbi, non dei brevetti o delle leggi.
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: Evvai brevetti!
          - Scritto da: Anonimo
          Bene... allora per evitare i problemi su
          qualsiasi reato aboliamo le relative leggi !!!
          Dove c@zzo era tutto questo tempo, quando si parlava di brevetti software??

          Se qualsivoglia soggetto ha inventato un qualche
          cosa e lo ha brevettato non vedo perchè un altro
          soggetto dovrebbe trarne vantaggio senza pagare
          dazio.

          E' un problema dei soliti furbi, non dei brevetti
          o delle leggi.Questa "legge" è fatta solo per i furbi... pensa te..
Chiudi i commenti