USA, primo round contro lo streaming

Nuovo assalto dei lottatori legali della Ultimate Fighting Championship (UFC) alla piattaforma Justin.tv. Se ne sarebbe infischiata di avvertimenti e minacce, già colpevole di aver trasmesso incontri in maniera illecita

Roma – I suoi temibili lottatori legali sono tornati all’attacco , sul ring infuocato che vede da tempo contrapposti i signori del copyright e i principali protagonisti dello streaming non autorizzato. I responsabili della piattaforma californiana Justin.tv dovranno ora vedersela con gli avvocati di Zuffa LLC, la parent company che gestisce il business multimilionario legato alle arti marziali miste dell’organizzazione Ultimate Fighting Championship (UFC).

Una causa legale è stata recentemente avviata presso una corte dello stato del Nevada, nell’estremo tentativo di stroncare la trasmissione illecita di vari eventi organizzati da UFC. Zuffa LLC è attualmente responsabile di un giro d’affari pari a 380 milioni di dollari, provenienti dalla visione in pay per view dei vari incontri. Un business ostacolato dallo streaming di Justin.tv , che avrebbe permesso ad almeno centomila utenti di guardarsi un match in maniera del tutto gratuita .

Stando alla visione illustrata dai legali di Zuffa LLC, i responsabili di Justin.tv non avrebbero mai fatto alcunché per bloccare le trasmissioni, infischiandosene del continuo sollecito dei legali della società . L’indifferenza mostrata dalla piattaforma avrebbe costretto i detentori dei diritti al regolamento dei conti in un’aula di tribunale. Partendo dal presupposto che gli utenti di Justin.tv siano principalmente in cerca di contenuti in violazione del copyright.

Zuffa LLC e UFC si erano già mosse alla fine dello scorso luglio, cercando di convincere un giudice del Nevada ad emanare una specifica ordinanza contro i siti Justin.tv e Ustream . I legali della società avevano cercato di ottenere migliaia di indirizzi IP , oltre a farsi due calcoli per il potenziale rimborso da parte delle piattaforme. Cinque milioni di dollari erano stati stimati, dato che un evento dal vivo di UFC costa all’appassionato tra i 40 e i 50 dollari .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    lana caprina a gogo
    si prospetta una bella battaglia in puro stile "SCO vs IBM", dove oracle fa la parte di SCO chiaramente.L'unico vincitore CERTO, come spessssssissimo accade specie in usa, sono gli studi di avvocati.Nella PEGGIORE delle ipotesi google soccombera', venendo condannata alla rimozione dei file ,al pagamento delle spese processuali e a 1000 $ di multa, per risarcire oracle degli INESISTENTI danni ,per giustificare nella "forma" la condanna x violazione (forma ,xche sostanza non ce n'e').
    • TuttoaSaldo scrive:
      Re: lana caprina a gogo

      L'unico vincitore CERTO, come spessssssissimo
      accade specie in usa, sono gli studi di
      avvocati.
    • Maffei scrive:
      Re: lana caprina a gogo
      Non si paga il danno in questo caso.Si paga perché si è sfruttato a proprio vantaggio una cosa non propria.Google deve pagare per aver sfruttato cose non sue: è il mancato guadagno di Oracle a dover essere ripagato.
      • NS256 scrive:
        Re: lana caprina a gogo
        - Scritto da: Maffei
        Non si paga il danno in questo caso.
        Si paga perché si è sfruttato a proprio vantaggio
        una cosa non
        propria.
        Google deve pagare per aver sfruttato cose non
        sue: è il mancato guadagno di Oracle a dover
        essere
        ripagato.Mancato guadagno ? non mi pare che Oracle abbia mai prodotto un OS per dispositivi portatili.Che continui a giocare coi suoi elefantiaci DB.
  • p2p scrive:
    secondo me
    puro fud
Chiudi i commenti