USA, radiazioni cellulari da rivedere

La sezione investigativa del Congresso chiede a FCC di abbassare i limiti fissati nel 1996. Oggi i tempi sono cambiati: gli smartphone e i cellulari sono sempre ovunque

Roma – Lo US Government Accountability Office ( GAO ), la sezione investigativa del Congresso di Washington, ha chiesto all’autorità statunitense che vigila sulle comunicazioni, FCC ( Federal Communications Commission ), di rivedere i limiti per l’esposizione a radiofrequenze da telefoni cellulari .

Quello degli effetti e delle trasmissioni dei telefonini è un argomento caldo negli Stati Uniti: oltre a quest’ultimo intervento governativo, è recentemente passata in discussione una legge che obbliga i produttori ad etichettare con un avvertimento in stile tabacchi le scatole dei dispositivi cellulari, indicando il livello di radiazioni cui espongono il corpo dei loro utenti.

A convincere GAO a chiedere una revisione dei limiti è stato lo studio da essa condotto in materia che, pur non dimostrando effetti diretti dell’esposizione alle radiofrequenze sulla salute umana, spinge ad ulteriori osservazioni e a rivedere in via cautelare il livello massimo di radiazioni stabilito ormai nel lontano 1996 da FCC.

Da allora, d’altronde, è profondamente cambiato il tempo che gli utenti passano a stretto contatto con i dispositivi cellulari, nonché il modo in cui essi vengono utilizzati: per esempio la diffusione degli smartphone ha diminuito il numero di chiamate, ma aumentato il tempo di impiego e le abitudini si sono mutate con le dimensioni dei device incrementando il tempo che essi sono tenuti in tasca.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luisromano scrive:
    Questo è il gioco allo specchio
    La stessa ridicola e demenziale arma di Apple ritorta contro essa medesima: denuncia, denuncia, denuncia. Non mi sorprenderei se dietro a tutto questo non si sia proprio il governo cinese ad aver create proprio un network di (in)competenze per spillare soldi all'Apple.Una specie di risposta asiatica agli attacchi occidentali contro aziende asiatiche (Samsung).Il che, se non ci fossero tanti soldi e l'innovazione in ballo sarebbe pure un teatrino buffo tutto da godere.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Questo è il gioco allo specchio
      - Scritto da: luisromano
      Una specie di risposta asiatica agli attacchi
      occidentali contro aziende asiatiche
      (Samsung).La Cina Popolare che protegge la Corea del Sud? Alla faccia della fantapolitica!
      • bertuccia scrive:
        Re: Questo è il gioco allo specchio
        - Scritto da: Zucca Vuota

        La Cina Popolare che protegge la Corea del Sud?
        Alla faccia della fantapolitica! (rotfl)
Chiudi i commenti