USA, scacco matto alla neutralità?

La corte d'appello statunitense invalida parte del pacchetto di regole adottato da FCC per la net neutrality. Lo scontro viene vinto da Verizon, per un difetto nella classificazione dei provider USA

Roma – Alla corte d’appello del District of Columbia, una mazzata cala sui principi della cosiddetta neutralità della Rete, regolamentati dalla statunitense Federal Communications Commission (FCC) nel testo noto come Open Internet Order . Una preziosa vittoria per i vertici di Verizon, tra i provider più agguerriti contro quelle regole che vieterebbero attività di discriminazione – se non addirittura di blocco – nell’accesso a piattaforme, servizi e applicazioni sul web.

È questo l’ ultimo capitolo dello scontro sulla net neutrality , con gli alti rappresentanti di FCC accusati di un vero e proprio “abuso di potere” in seguito all’adozione del pacchetto di regole nel dicembre 2010. Verizon – insieme al carrier mobile MetroPCS – aveva denunciato la commissione di Julius Genachowski per aver imposto quelle che sono state definite restrizioni drammatiche alle attività di gestione della rete da parte dei fornitori di connettività . Volendo controllare “tutti gli aspetti dei servizi per l’accesso al broadband”, lamentavano gli operatori, FCC avrebbe assorbito un potere ben al di là delle possibilità di regolamentazione garantite dal Congresso USA.

Alla base della decisione in appello , un vizio formale dell’ Open Internet Order , un problema di classificazione che ha permesso a Verizon di vincere il suo round. Ancor prima di varare il pacchetto di regole sulla neutralità, FCC aveva identificato i vari ISP come servizi d’informazione piuttosto che operatori di telecomunicazione . Quest’ultima classificazione avrebbe certamente facilitato il compito della stessa FCC, perché sarebbe risultato più semplice imporre ai cosiddetti carrier le regole anti-blocco e anti-discriminazione nel traffico web.

In sostanza , i tre giudici d’appello hanno invalidato parte del testo Open Internet Order nel momento in cui FCC ha deciso di non classificare i vari fornitori di connettività (broadband provider) come operatori di telecomunicazione. Questo non significa che l’intero pacchetto di regole risulti nullo, dal momento che ai vari ISP è ancora imposto l’obbligo di rendere trasparenti le policy di gestione dei loro network . Il gruppo di attivisti digitali Public Knowledge ha ora esortato FCC a modificare il testo di regolamentazione per correggere la falla sfruttata da Verizon.

A complicare la faccenda, le recenti dichiarazioni del nuovo chairman di FCC Tom Wheeler, che non trova affatto assurda l’ipotesi che una piattaforma come Netflix possa decidere di pagare per ricevere agevolazioni in termini di banda per la fornitura di servizi di alta qualità ai suoi utenti . Pur considerando il ricorso contro la decisione in appello, i nuovi vertici di FCC potrebbero non assecondare in toto la politica precedentemente adottata da Genachowski, aprendo a nuove frontiere del mercato legato all’accesso al broadband a stelle e strisce.

Mentre Verizon ride di gusto – a suo parere la decisione non modificherebbe in alcun modo le attuali abitudini di navigazione dei netizen, mentre ci sarà più spazio per l’innovazione nel pieno spirito di una Internet aperta – gli attivisti di American Civil Liberties Union (ACLU) hanno espresso più di un dubbio sulle reali intenzioni di FCC, schiacciata da un dibattito politico molto delicato. Avviata sul sito di Free Press , una petizione che chiede alla commissione di Wheeler di riconsiderare gli operatori come servizi di telecomunicazione, per ripristinare le regole sulla net neutrality .

Sul fronte europeo, invece, supportata da varie organizzazioni come EDRi (European Digital Rights), La Quadrature du Net, Access Now, la campagna SaveTheInternet vuole bloccare la bozza legislativa adottata in ambito comunitario per regolamentare l’accesso ai servizi web. Anche nel Vecchio Continente c’è un difetto formale contestato dagli attivisti, dal momento che la Commissione Europea vorrebbe permettere ai vari provider di far pagare per la fornitura di “servizi speciali” . Ma quali servizi vi rientrerebbero? Si teme che gli ISP possano inserire servizi competitor (da Skype a WhatsApp) in questa categoria. Per questo motivo, la campagna SaveTheInternet chiede un emendamento – se non il blocco – al testo legislativo, che sarà votato alla commissione ITRE (Industry, Research and Energy) alla fine del prossimo febbraio.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 2014 scrive:
    serve l'immunità
    parlamentare anche a lui? :D
    • Leguleio scrive:
      Re: serve l'immunità

      parlamentare anche a lui? :DNon può: non ha la cittadinanza neozelandese. Farà il segretario di partito, in caso di seggi conquistati al parlamento.
  • no agli scarriconi scrive:
    grave
    Un tipico elettore del partito di 'Smilzo'[img]http://www.informatrieste.eu/articoli/fp-content/images/rapina_banca.jpg[/img]
    • sgabbietto scrive:
      Re: grave
      01/10
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: grave
      - Scritto da: no agli scarriconi
      Un tipico elettore del partito di 'Smilzo'Un tipico politico eletto dai videotecari[img]http://iltafano.typepad.com/photos/uncategorized/2008/08/07/brunettacomelovedo.jpg[/img]
      • sgabbione scrive:
        Re: grave
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: no agli scarriconi

        Un tipico elettore del partito di 'Smilzo'

        Un tipico politico eletto dai videotecari
        [img]http://iltafano.typepad.com/photos/uncategorized/2008/08/07/brunettacomelovedo.jpg[/img]08/10
  • Allibito scrive:
    Perchè non presidente?
    Più che un partito, un'associazione a delinquere...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Perchè non presidente?
      - Scritto da: Allibito
      Più che un partito, un'associazione a
      delinquere...E mica è quel criminale del tuo padrone (lui sì, a differenza di Kim Dotcom, con una CONDANNA DEFINITIVA che ha sancito che è un criminale) a cui hai finanziato <b
      con i <u
      tuoi </u
      soldi </b
      (illudendoti di darli a MEDUSA) la campagna elettorale.
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Internet Party? More like FAIL PARTY! @^
  • 123 scrive:
    vigliacchi!
    appena si accenna a S.B. .... fiiiiut! post rimosso.siete dei senza-palle!
  • 123 scrive:
    corsi e ricorsi
    Mi ricorda un tipetto dell'europa meridionale che, per salvarsi dal fallimento, fondo' in 3 mesi un partito politico e si fece eleggere: da li' le sue azined rifiorirono e lui divenne ancora piu' ricco di quanto gia' non fosse. Chissa se anche "dotcom" verra' falciato via da scandali sessuali....
    • vecchio compagno scrive:
      Re: corsi e ricorsi
      - Scritto da: 123
      Mi ricorda un tipetto dell'europa meridionale
      che, per salvarsi dal fallimento, fondo' in 3
      mesi un partito politico e si fece eleggere: da
      li' le sue azined rifiorirono e lui divenne
      ancora piu' ricco di quanto gia' non fosse.
      Chissa se anche "dotcom" verra' falciato via da
      scandali
      sessuali....Sarebbe solo quello che si merita, lui e tutti quelli che lo difendono.Tra la mentalità del pirata e quella del berluschino non c'è la minima differenza, lo dimostra che la pirateria è diffusa sopprattutto in Italia, paese in cui c'è solo il disprezzo per la legalità e ognuno vuole fare quello che gli pare.Dispiace che molti a sinistra questo nonn lo capiscono... rispetto per la legalità significa rispetto per tutte le leggi anche quelle sul copiryght, non solo per le leggi che non piacciono.
    • I soliti comunisti scrive:
      Re: corsi e ricorsi
      - Scritto da: 123
      Mi ricorda un tipetto dell'europa meridionale
      che, per salvarsi dal fallimento, fondo' in 3
      mesi un partito politico e si fece eleggere: da
      li' le sue azined rifiorirono e lui divenne
      ancora piu' ricco di quanto gia' non fosse.
      Chissa se anche "dotcom" verra' falciato via da
      scandali
      sessuali....Peccato che da quando è entrato in politica ci ha solo rimesso, ma voi comunisti avete una fetta di mortadella che vi copre gli occhi !!
Chiudi i commenti