USA, se prestare una password è reato

Approvato un nuovo disegno di legge nello stato del Tennessee: gli utenti di Netflix o Rhapsody non potranno più condividere le proprie credenziali d'accesso con amici o colleghi. Pena un anno di carcere e 2500 dollari di multa
Approvato un nuovo disegno di legge nello stato del Tennessee: gli utenti di Netflix o Rhapsody non potranno più condividere le proprie credenziali d'accesso con amici o colleghi. Pena un anno di carcere e 2500 dollari di multa

Una legge unica nel suo genere, promossa dalla Recording Industry Association of America (RIAA) in uno degli stati più musicali degli Stati Uniti. Bill Haslam – attuale governatore del Tennessee – ha così ratificato un testo insolito, che trasformerà in un vero e proprio crimine la condivisione selvaggia di password per la fruizione gratuita di contenuti audiovisivi online .

In sostanza , gli utenti iscritti a piattaforme come Netflix o Rhapsody non potranno più concedere liberamente le proprie credenziali d’accesso. Ad esempio, uno studente universitario rischierebbe fino ad un anno di carcere – più una sanzione pecuniaria pari a 2500 dollari – per aver condiviso una password con i suoi compagni di stanza .

Stando alla visione illustrata dal legislatore del Tennessee, si tratterebbe di una misura necessaria per limitare fenomeni come lo streaming selvaggio e il file sharing illecito. Un comune utente di Netflix potrà però condividere le credenziali d’accesso all’interno del suo nucleo familiare . L’invio a mezzo posta elettronica di username e password – magari a decine di amici – non sarà più tollerato nello stato a stelle e strisce.

La proposta di legge – che entrerà in vigore a partire dal prossimo primo luglio – ha di fatto allargato un precedente testo sul furto di servizi legati al cavo, che aveva compreso persino il mancato pagamento di un conto al ristorante. Le sottoscrizioni relative a servizi online d’intrattenimento sono dunque state aggiunte nella nuova versione legislativa .

Non sono mancate le critiche da parte degli utenti: l’introduzione dell’aspetto penale costituirebbe una misura eccessiva, che non risolverebbe il problema dello streaming illecito. Almeno non punendo la condivisione di un account personale ad un ristretto gruppo di amici. Secondo lo stesso governatore del Tennessee, la nuova legge servirebbe a fermare la compravendita di password su più larga scala .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 06 2011
Link copiato negli appunti