Utente Xbox? Si vede anche a letto

Lo sostengono alcuni esperti: chi possiede una PS3 è uno che ha poco tempo e che potrebbe non essere consigliabile cercare come fidanzato. E chi ha Wii? Un tipo egocentrico ma disponibile

Roma – Alcuni ci ridono sopra ed è comprensibile: certe affermazioni di psicologi ed esperti di gaming pubblicate nelle scorse ore, non possono che suscitare una certa ilarità. Come quella secondo cui, se un uomo possiede una Playstation 3, difficilmente può essere un buon fidanzato.

A raccogliere le esternazioni di quattro personalità è la rubrica MSN Dating & Personals , una conversazione dalla quale si apprende che, secondo lo psicologo newyorkese Carl Arinoldo, anche Xbox 360 racconta molte cose del suo proprietario. “Ci sono molti giochi disponibili per Xbox 360.. quindi uno può più facilmente trovare dei giochi da giocare con una certa persona, che può non essere un giocatore accanito. Preferire la Xbox 360 può voler dire che il proprietario è un giocatore disponibile”. Non ne è convinto Shane Satterfield, editor di GameTrailers.com, secondo cui “questa gente tende ad apprezzare giochi molto violenti, viscerali (…) Sono molto appassionati del gaming e questo si vede anche in camera da letto”.

E la Playstation 3? “Indica – sostiene Arinoldo – che l’utente è un early-adopter, qualcuno a cui piace essere il primo nel quartiere nell’avere certe cose. Possedere una PS3 trasmette anche il messaggio che il suo proprietario ha soldi da spendere”. Un’attrattiva? Un uomo da sposare? Non secondo Satterfield, secondo cui chi ha una PS3 “conosce la gente giusta, va nei migliori ristoranti e non si mette in fila per entrare in un locale. Questo è un tipo a cui è difficile star dietro, che lavora costantemente. E che quando non lavora utilizza i videogiochi come possibilità per rilassarsi”. Ted Owen, CEO del network videoludico GGL, aggiunge: “È un tipo sofisticato, intelligente, a cui piace la competizione e che può aspettare per ottenere ciò che vuole. È anche un tipo leale”.

Ma gli intervistati sembrano più morbidi nei loro giudizi sugli utenti Wii. Lo stesso Owen sostiene che questi “è egocentrico rispetto alla propria passione (videoludica, ndr.), ma sa che Wii è accettabile grazie alle sue funzionalità e all’interazione sociale che suscita. È abbastanza intelligente per trovare un modo per continuare a giocare senza spaventare la donna con cui ha un appuntamento”. Nerd sì, dunque, ma cum grano salis.

Queste ed altre esternazioni a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti