Utenza telefonica e disdetta automatica

Drammatica incredibile ricostruzione di una lettrice che ha perso la linea telefonica dopo aver chiesto informazioni ad un operatore alternativo a Telecom Italia


Roma – Quali sono i rapporti tra clienti e operatori telefonici? Quali sono le tutele? Queste domande nell’epoca dei Call Center e delle attivazioni senza ricevuta, dei contratti incrociati tra operatori su procedure che spesso si inceppano sono all’ordine del giorno. Di seguito pubblichiamo una vicenda emblematica dei diritti dell’utente.

Il 26 giugno 2004 ho avuto l’insana idea di acquisire delle informazioni da Fastweb ed il risultato è stato che l’8 luglio 2004 mi hanno tagliato la linea Telecom.

Come è accaduto?

Il giorno 26 giugno 2004 mio figlio, su mio incarico, chiama il 192192 per saperne di più sulle offerte presenti sul sito Fastweb in scadenza il 30 giugno 2004 e richiede la visualizzazione del contratto.

Gli vengono richieste una serie di informazioni sul mio conto (codice fiscale, nome, banca e coordinate bancarie, etc..) con la precisazione che esse non costituiscono alcun impegno formale ma che essendo i tempi stretti servono per accelerare le procedure qualora si arrivasse alla sottoscrizione del contratto. Questo viene inviato lo stesso giorno alla e-mail di mio figlio accompagnato da una nota che sottolinea come Fastweb operi solo a sottoscrizione avvenuta.

Analizzo il contratto e lo giudico “una cambiale in bianco” dove l’unico costo indicato è relativo alla quota fissa di abbonamento nascosta sotto la voce “megaline adsl” che si è obbligati a prendere a qualsiasi altro servizio ci si abboni. La descrizione dei servizi offerti è pressocchè inesistente ed inoltre l’opzione di potenziamento (da 2mb a 4 mb) della linea di trasmissione che sul sito Fastweb veniva offerta gratuitamente per sempre se “richiesta contestualmente alla sottoscrizione dei servizi promo italia senzalimiti e promo internet giornoenotte” nel contratto appare tra i servizi addizionali a pagamento.

Rifiuto la proposta.

Il 2 luglio ricevo una e-mail in cui Fastweb mi scrive che il potenziamento della linea è assicurato ed in più mi offre altri due mesi di abbonamento a metà prezzo: prezzo che non compare in alcuna parte del contratto.

Un agente Fastweb mi contatta nella stessa serata per chiedermi se accetto l’offerta inviata: gli rispondo che non sono convinta e che ho bisogno di una integrazione esplicativa da inserire nel contratto. Ricevo un diniego e rifiuto. A quel punto l’agente mi informa che l’8 luglio la Telecom taglierà la mia linea telefonica poiché Fastweb ha erroneamente registrato i dati come contratto firmato e lo stesso 26 giugno ha inoltrato la disdetta a Telecom.

Sono allibita e chiedo che Fastweb receda: mi risponde che non dipende più da loro. Mi dice inoltre che andrò incontro a mesi senza telefono. Ho pensato che fosse solo una minaccia per farmi firmare.

Chiamo Telecom nella stessa serata del 2 luglio per accertarmi: mi viene confermato. Osservo che non avendo firmato alcun contratto sono una utente Telecom e che il rapporto tra noi è sancito da un contratto a suo tempo sottoscritto. Intimo di non procedere al taglio della linea pena una azione legale da parte mia. Telecom mi risponde che “la procedura è avviata e non si può far nulla”. Chiedo un fax a cui inviare una formale protesta e la sera stessa lo invio. Il giorno successivo mando una mail di diffida a Fastweb.
Dal 5 luglio seguono una serie di e-mail e fax da parte mia verso Telecom e Fastweb tese a non far interrompere la linea.
Il 6 luglio il call center di Telecom invia una e_mail in cui, citando le delibere dell’Autorità di Garanzia delle comunicazioni n. 4/99/CIR e 7/00/CIR, declina ogni responsabilità del disservizio.

Faccio notare con una eMail e fax dello stesso giorno che non è così e facendo riferimento agli art. 1325-26 e 1494 del codice civile invoco il rispetto del contratto.
Invio in giornata un fax a Telecom di richiesta immediata di riallacciamento della linea invocando la violazione dei termini di contratto con me sottoscritto e a Fastweb di procedere per il ripristino del mio numero non avendo mai dato loro alcun mandato scritto o verbale a prendere in uso la mia linea telecom: faccio presente inoltre che adirò per vie legali chiedendo ad entrambe le società i danni per i disservizi subiti.

Intanto mando una denuncia-esposto all’Autorità di Garanzia delle Comunicazioni.
Fastweb mi ricontatta per invitarmi di nuovo a firmare offrendo anche l’allacciamento gratuito.
Rifiuto e mi viene ribadito che starò per lunghi mesi senza telefono e che loro non possono fa nulla: offrono, inoltre, di rimborsare i 150 euro di nuovo contratto Telecom qualora io ne faccia richiesta.

Non accetto e cerco l’Associazione Nazionale Consumatori: invio dal sito una descrizione dei fatti: invio la stessa a “Striscia la Notizia”, a “Mi manda Rai3” e infine alla trasmissione radiofonica di R24 “al posto tuo”.
Non ricevo risposta e chiamo anche “Altro Consumo” di Milano che, dopo avermi chiesto se sono una iscritta, mi consiglia di inviare quanto già trasmesso a Telecom e Fastweb via fax a anche via posta: l’ho fatto subito.

Tutto però continua a tacere ed io continuo a rimanere senza telefono.

L’8 luglio ricevo dal call center di Telecom una e-mail in cui mi chiede di rifare la domanda per riavere il mio numero e allegare la disdetta del nuovo operatore.
Mi sembra una farsa: al danno si unisce la beffa. Invio un nuovo fax in cui informo che ho gia richiesto la riattivazione gratuita della linea Telecom che non ho mai disdettato e che non posso inviare la disdetta “del nuovo operatore” visto che non ho mai avuto un operatore diverso da Telecom.

Nel silenzio che impera decido di tentare la carta del Giudice di Pace: il 12 luglio mi reco in via Sforza a Milano per inoltrare una denuncia contro Telecom e Fastweb. Dopo essere passata da 2 uffici diversi e 2 ore a far nulla riesco a parlare con la giudice di pace: il risultato è che non sa cosa fare e per giunta non ha i moduli per raccogliere la mia denuncia.

Esco e vado in Piazza Affari alla sede Telecom: non mi fanno entrare perchè la società non ha più servizi aperti agli utenti.
Da Piazza Cordusio richiamo il 187: sembra che qualcuno si muova, mi dicono che sarò contattata entro 48 ore.
La sera del 13 luglio richiamo e mi dicono che loro non hanno colpe che tutto dipende da Fastweb che non vuole ridare il numero: si dicono tutelati da una comunicazione-contratto firmato a loro inoltrato.

Mi arrabbio: chiedo di parlare con un direttore commerciale. Mi dicono che devo chiamare il mattino successivo e parlare con l’agente di zona.
Il 14 luglio invio un altro fax sia a Telecom che a Fastweb:
– a Telecom oltre a richiedere la riattivazione gratuita del telefono chiedo anche la visura del sedicente contratto; allego la comunicazione inviata a Fastweb;
– a Fastweb intimo il rilascio del numero per non aver mai ricevuto mandato né scritto né verbale a disdire la mia linea Telecom: informo inoltre di aver richiesto a Telecom visura della loro richiesta e che quindi rischiano di essere denunciati per falsa dichiarazione e contraffazione di firma.

Il 15 luglio ho ritelefonato al 187 ed ho ripetuto all’agente di zona le mie disavventure: lamentano una mancanza di segnalazione da parte mia. Alterata informo che ho inviato fax, e-mail e raccomandate. Le ritrovano e mi dicono che: “la mia situazione è in esame” e mi faranno sapere.

Stamane sono andata alla Federconsumatori per avviare attraverso loro una denuncia: sembrerebbe che Wind e Tele2 operino allo stesso modo e che tutto ciò che si riesce a ottenere è di fare un nuovo allacciamento e chiedere il rimborso.

Nicoletta M.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non ce la si cava +!!
    Ci hanno messo in un turbine di cavilli che sta andando sempre peggio............Tutti noi siamo d'accordo che il P2P nn fa male come vogliono farci credere.... che il loro fatturato precipita perchè il banchetto del "nero" è sempre esistito!!Dico io chi ca.zzo mai si sogna di comprare dal "nero" quando posso farmelo io a casa spendendo 1?????Vero anche che se i prezzi dei Cd/DVD costassero 10? sarebbe tutto un'altra storia !! ( vi rendete conto che stanno rimasterizzando Film Cult Trash come "l'allenatore del Pallone" o " Attila flagello di Dio" e li vendo a 18???????? Questi sono fuoriii.. .film che hanno + di 20 anni e che dovremmo pagare da 3/5?)Il discorso è questo stanno stringendo le gabbie della nostra libertà..... tra un pò potremmo andare in bagno solo se abbiamo il bollino..... perchè anche le feci vengo dal "nero"!!!!!!!!Che paese di mer.da che stiamo diventando...... se potessi andare a roma e MENARLI .... almeno mi mettano il bollino per qualcosa che HO voluto fare ... e nessuno mi ha imposto per ingrassare la tasca di qualche "povera" minor.... opsss MAJOR!! :@:@:@:@:@:@:@:@:@
  • Anonimo scrive:
    Comunque, per piccoli siti...
    ...c'è la solita soluzione: emigrare virtualmente. Gestisco tre mailing lists su yahoo, che ricadrebbero a tutti gli effetti nella normativa italiana, incluso il deposito in biblioteca nazionale: due si trovano su yahoogroups italiano, e le ho chiuse al pubblico (in questo caso c'è l'esenzione dal deposito). La terza l'ho aperta direttamente nella sezione statunitense di yahoo. Ho inoltre registrato un piccolo spazio per me su fortunecity.fr, e quindi di nuovo sono fuori dalla giurisdizione di questi geni. A breve inizierò a distribuire miei lavori dalla francia. Poiché scrivo, avevo pensato di distribuire miei scritti con la licenza libera GNU/FDL. Dall'italia mi sarei dovuto autoapporre il bollino e depositare presso le due biblioteche nazionali di firenze e roma tutto quel che faccio, ma così l'obbligo ricadrà solo su chi importa (cioè scarica). Occhio dunque, italiani, non venite a leggermi. Andate a leggervi piuttosto il sito del ministro Urbani, se proprio non sapete come passare il tempo.Ma chi gliele scrive le leggi a questi?
  • Anonimo scrive:
    Rassegnamoci...
    ...maggioranza e opposizione erano finalmente d'accordo per chiudere in gabbia il demente, ma purtroppo gli altri animali dello zoo di Roma si sono fermamente opposti e appellandosi ai verdi, al WWF e all'ENPA sono riusciti a far naufragare il progetto :D
  • Anonimo scrive:
    Sito fuorilegge
    www.disney.com non ha il bollino,forza urbani chiudi questo sito di mascalzoni così i bambini di tutto il mondo sapranno chi è lo scemo del villaggio globale e in quale nazione all'avanguardia nelle difesa dei diritti vive :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Sito fuorilegge
      - Scritto da: Anonimo
      www.disney.com non ha il bollino,forza
      urbani chiudi questo sito di mascalzoni
      così i bambini di tutto il mondo
      sapranno chi è lo scemo del villaggio
      globale e in quale nazione all'avanguardia
      nelle difesa dei diritti vive :DIn Italia all'avanguardia sono solo IDIOZIA e CONTRADDIZIONE.
  • Anonimo scrive:
    e che vi aspettavate? sono FUORILEGGE!!!
    io non ci avrei scommesso un soldo bucato, sul rispetto di un tale obbrobrio di legge che solo un governo come questo ha la faccia di presentare...la legge pesta i piedi a tutti, per primi a quelli che l'hanno voluta, siamo tutti fuorilegge: evviva!!!!informativa: ai sensi della legge della repubblica di bananas, fate un po' che volete con quello che ho scritto qui sopra...
  • Anonimo scrive:
    Ekleptical, dove sei?
    Tu che sostenevi il bollino dicendo che era un'idea meravigliosa e che addirittura avresti scritto a Gabriella Carlucci per dargli il tuo appoggio, dove sei? Come mai non commenti la notizia? Ah...forse non si parla di p2p quindi non puoi dare del ladro a nessuno...
  • Anonimo scrive:
    Riparte la protesta
    Sembra che le modifiche alla legge Urbani si siano arenate causa la mancata emissione del parere favorevole della V Commissione. (Bilancio)Il relatore è il Senatore Nocco che ai più sembra aver preso la questione un pò sottogambaDal sito di Cortiana è partita la proposta di inviare un email a Nocco per chiedergli d'accellerare i tempi Ecco il testo che chiunque può adattare a suo piacimento :Caro Senatore Nocco,Come le sarà giunta voce siamo in diverse migliaia a seguire costantemente l'iter del DDL 2980, soprattutto per ciò che riguarda la depenalizzazione del mancato pagamento di alcuni diritti d'autore su Internet.Noi sosteniamo diverse soluzioni rispetto a quella puramente penale, con piena soddisfazione delle parti.La preghiamo quindi della massima sollecitudine nell'emissione di una relazione centrata su un parere favorevole da parte della V Commissione del Senato a una rapida approvazione del Ddl, così come deciso anche dal partito di cui Lei fa parte.Saniamo questa sventurata questione Internet per ripartire tutti con maggior buon senso...In fede...Mandate e diffondeteCiao
  • Earthquake scrive:
    A me viene un'idea....... scema
    Questo vuol dire che se faccio incetta sulla rete di foto domani mattina come si applica la legge tutte quelle foto (ovviamente ho comprato i bollini) sono mie e protette da (c)?Se è così è grandioso.
  • Anonimo scrive:
    ma se sposto tutto all'estero?
    o è la raggiungibilità dall'italia che conta? non ci metto ne due ne tre e a chiudere un paio di giorni e spostare tutto oltreoceano.. saran ben felici di farsi pagare la connettività...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma se sposto tutto all'estero?
      - Scritto da: Anonimo
      o è la raggiungibilità
      dall'italia che conta? non ci metto ne due
      ne tre e a chiudere un paio di giorni e
      spostare tutto oltreoceano.. saran ben
      felici di farsi pagare la
      connettività...Guarda, qui sopra ho messo un post sui piccoli siti. Credo che farò anche io la stessa cosa.Quanto al bollino, credo che non ci siano problemi perché il tuo sito sarà all'estero e quindi fuori dalla geniale giurisdizione di questo geniale paese guidato da veri geni dell'informatica. Casomai il bollino dovrà metterlo chi scarica, nel momento in cui importasse materiali audiovideo o testuali frutto del tuo ingegno. Il ministro Urbani, ad esempio, avrà cura di bollinarsi lo schermo prima di visualizzare il tuo sito, i cui file costituenti saranno stati importati in italia per via telematica e salvati nella cache del suo browser, che a tutti gli effetti è un "supporto".Però fintanto che i materiali online si trovano all'estero, (USA ad esempio) il tuo sito è sottoposto alle norme di quel paese. Nessun bollino, quindi.Nel mio caso invece (come dicevo nel mio post vorrei usare il mio sito francese per distribuire miei scritti con licenza GNU/FDL) c'è un problema supplementare. Stante il fatto che il bollino non lo dovrò mettere io, che pubblico all'estero, ma caso mai chi mi legge ove scarichi i files e li importi in questo geniale paese, io sarei comunque tenuto al deposito in biblioteca nazionale, che si applica a qualunque opera prodotta in italia anche solo parzialmente. Questo è un problema perché se scrivo in italia e carico il file sul server francese, ricado nell'obbligo del deposito. Eventualmente potrei far fare il trasferimento direttamente dall'estero a cura di qualche amico o parente cui potrei spedire il file per posta ordinaria (non elettronica, intendo). Perché in italia non è ancora reato inviare lettere all'estero, nevvero?
  • Anonimo scrive:
    hanno rovinato la rete
    beceri ignoranti, ecco cosa han fatto.. non solo hanno finanziato quegli incapaci produttori di porcate che sono i cineasti italiani, non solo apertamente fanno lo sporco gioco di siae fimi fapav e altro... han avuto anche la bella idea di mettere sta porcata che rende il web italiano una merda peggiore di quello cinesebravi complimenti.e quando si compra un cd ricordatevi che per proprietà transitiva finanziate chi ci ha ridotto così: loro, le maledette major discografiche
  • Anonimo scrive:
    sanzioni amministrarive e criminali
    a ben vedere questi siti potrebbero essere solo soggetti a sanzioni amministrative quindi, l'avvocato che scrive, non può tecnicamente definirli "criminali" perchè, se ha studiato giurisprudenza conoscerà le differenza tra "crimini" e "delitti".
    • Anonimo scrive:
      Re: sanzioni amministrarive e criminali
      - Scritto da: Anonimo
      a ben vedere questi siti potrebbero essere
      solo soggetti a sanzioni amministrative
      quindi, l'avvocato che scrive, non
      può tecnicamente definirli
      "criminali" perchè, se ha studiato
      giurisprudenza conoscerà le
      differenza tra "crimini" e "delitti".hai proprio ragione..... a loro, per i loro "delitti", una sanzione pecuniaria;agli "scaricatori", per il loro "crimine", la pena del carcere.bravo, tu si che hai capito il senso vero della legge e, soprattutto dell'articolo ;)
  • Anonimo scrive:
    denunciamo...
    la siae la fimi la fapav .... in massa...
  • Anonimo scrive:
    Guida all'uso del bollino virtuale
    A tutti coloro che si chiedono come deve essere applicato il bollino, vorrei segnalare, dello stesso Navarrini, la "Breve guida all?uso in Rete delle opere dell?ingegno dopo il D.L. Urbani". Lo trovate qui: http://www.newglobal.it/xoops2/html/modules/news/article.php?storyid=53oppure qui:http://www.giornaletecnologico.it/dirweb/200406/01/40bb4292058ac/
  • Anonimo scrive:
    Se non rispettano loro la legge....
    Se non rispettano loro la legge....non pensino che la rispettiamo noi,una legge fortemente criticata da tutti.Ai dirigenti della SIAE,possiamo dire che il bollino virtuale se lo appicicano nel loro bel posto preferito,sulla bella auto di lusso fiammante,sulla villa faraonica,ecc E non dico altro se no mi censurano.
  • Dem-f scrive:
    Possibile che nessuno se ne renda conto?
    Ma sono solo io a pensare che tutta sta fuffa del diritto d'autore sia servita solo a distogliere l'opinione pubblica dal vero intento della legge, che è il finanziamento -meglio sarebbe dire regalo- di ingenti somme pubbliche alle case di produzione, spesso farlocche?BooooooooDem::Effe
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile che nessuno se ne renda co
      - Scritto da: Dem-f

      Ma sono solo io a pensare che tutta sta
      fuffa del diritto d'autore sia servita solo
      a distogliere l'opinione pubblica dal vero
      intento della legge, che è il
      finanziamento -meglio sarebbe dire regalo-
      di ingenti somme pubbliche alle case di
      produzione, spesso farlocche?



      Boooooooo


      Dem::EffeSgarbi che Urbani badasse soprattutto a ricompensare la Di Benedetto per prestazioni che miracolosamente sono sì orali, ma anche mute, lo ha sempre sostenuto anche prima delle ultime castronerie della mens nana in corpore nano (ah, per dare le giuste attribuzioni, prima ancora di Berlusconi fu Cossiga a definire così lo sclerotico dalla facies vagamente adenoidea).
      • Anonimo scrive:
        Re: Possibile che nessuno se ne renda co
        - Scritto da: Anonimo
        Sgarbi che Urbani badasse soprattutto a
        ricompensare la Di Benedetto per prestazioni
        che miracolosamente sono sì orali, ma
        anche mute, lo ha sempre sostenuto anche
        prima delle ultime castronerie della mens
        nana in corpore nano (ah, per dare le giuste
        attribuzioni, prima ancora di Berlusconi fu
        Cossiga a definire così lo sclerotico
        dalla facies vagamente adenoidea).:):D;):D:):D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    A questo punto........
    ...............manca anche il bollino su questo articolo?
  • Anonimo scrive:
    PRIMO: NON COMPRARE!
    un semplice comandamento.sentite/vedete solo quello che gia' possedete (legalmente o no..) e resistete alla tentazione del negozio...e' troppo bello pensare di vederli tutti sulla strada!
  • Mimmotto scrive:
    mah...allora...
    Scusate la mia grandissima ignoranza, ma allora per essere a posto e nella piena legalità,i gestori di siti web amatoriali pubblicati come personali.... cosa dovrebbero fare? mettere in ogni pagina l'informativa di legge?pagare alla SIAE il famoso bollino blu? o cos'altro?Ringrazio chiunque voglia chiarire questi miei dubbi;)
    • Anonimo scrive:
      Re: mah...allora...
      - Scritto da: Mimmotto
      Scusate la mia grandissima ignoranza, ma
      allora per essere a posto e nella piena
      legalità,i gestori di siti web
      amatoriali pubblicati come personali....
      cosa dovrebbero fare?aspettare una seria normativa.non verrà mai applicata, a meno di dovre creare dei filtri di stato (ISP) per non far accedere alle pagine senza bollino.
      mettere in ogni pagina l'informativa di
      legge?
      pagare alla SIAE il famoso bollino blu? o
      cos'altro?
      Ringrazio chiunque voglia chiarire questi
      miei dubbi;)
  • pandavr scrive:
    Simulatore di Bollino...
    Ciao a tutti... INFORMATIVA - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione del presente contributo, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera, in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale del contributo, purché in forma integrale ed a titolo gratuito, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa, visualizzata in caratteri di corpo non inferiore a quello del testo dell'opera, in calce alla stessa, è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione, la riduzione del carattere o la variazione del colore del testo o dello sfondo al fine di renderla illeggibile saranno ad ogni effetto considerati come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione dell'opera a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico. :p INFORMATIVA - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione della presente emoticon, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera, in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale del contributo, purché in forma integrale ed a titolo gratuito, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione sarà ad ogni effetto considerata come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione dell'emoticon a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico.
    • Anonimo scrive:
      scusate ma...
      http://www.siae.it/utilizzaopere.asp?link_page=contrassegni_bollino.htm&open_menu=yesforse sono tarda nel capire..ma se andate a leggere su questo link, c'è scritto come procurarsi un bollino per rendere legale le copie di programmi o quant'altro uno possegga..questo vuol dire che se io mi compro un cd dal marocchino e vado alla siae e ci applico il bollino, diventa legale la copia che ho??oppure è un discorso di produzione??io sviluppo un programma,poi vado alla siae a denunciarlo e a pagare il bollino??
      • Anonimo scrive:
        Re: scusate ma...

        questo vuol dire che se io mi compro un cd
        dal marocchino e vado alla siae e ci applico
        il bollino, diventa legale la copia che
        ho??Se tu ti procurassi l'autorizzazione scritta del proprietario dell'opera (che quasi mai e' l'autore, quasi sempre e' la label) a detenere ed usare la copia pirata, e ci mettessi il bollino siae, saresti a posto.Difficilmente la label ti dara' l'autorizzazione.
  • Anonimo scrive:
    Perchè ...
    Perchè dovremmo adeguarci (se non per spirito di correttezza), mentre chi ha voluto questa legge non si regolarizza in base alla stessa ???Dovrebbero essere puniti per primi tra tutti per far notare loro l'assurdità prepotentemente voluta.
  • Anonimo scrive:
    che si vergogni urbani
    è da non so quanto mesi che ci sono critiche su tutte le proposte di urbani!ma dove siamo ...in italia?ogni giorno una nuova scoperta del c.....o!urbani non si accontenta di uccidere il web....no lui vorrebbe che fossimo anche contenti!ma che facciano qualcosa di serio per lo spam! per abbassare le tariffe telefoniche! insomma per darci tranquillità mentre navighiamo.
  • Anonimo scrive:
    Come si cita!
    Nella nota in calce all'intervento si legge:"Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale del contributo, purché in forma integrale ed a titolo gratuito, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto."Vi pongo una domanda allora:se volessi citare in questo mio post una frase dell'articolo (che ho molto apprezzato) sarei autorizzato?
  • visionx scrive:
    bollino blu? ma si dai...
    vorrei portare all'attenzione un dettaglio:nell'ipotesi in cui si dovesse applicare questo bollino da repubblica delle banane, una domanda mi sorge spontanea.quanto costa e cosa vale ?I siti web sono fatti anche da fasce meno abbienti, ergo sarebbe ragionevole che il prezzo del bollino sia decisamente ridotto, per evitare che venga lesa la liberta' d'espressione (che ricordiamo e' un diritto costituzionale).ma a quel punto cosa succede ?vuol dire che se X persona (che non e' fotografo professionista iscritto Siae) pubblicando una versione digitale delle sue foto on line, automaticamente se le ritrova magicamente protette dal benestare dello stato come se fossero (c) del costo di un buon quantitativo di euri (mi pare una cosa dai 1500 a salire).Tutto sommato non sarebbe poi così male... :D
  • marcocavicchioli scrive:
    un'unica semplice domanda
    COME sarebbe stato posibile (tecnicamente parlando e rimanendo sulla Terra) aggiornare i siti istituzionali per farli "rientrare" nella legalità mettendoli completamente a norma rispetto alla Urbani? Il genio che dovesse saperlo può provare a postare la sua idea e magari vincere un orsetto autografato dal ministro in persona e, forme ma forse, un posto di lavoro al ministero per sostituire qualcuno che evidentemente ne sa molto di meno!!! PS: ricordo che il fantomatico, fantascientifico ed alieno "bollino" prospettato nella Urbani è pura fantasia; non solo NON esiste, ma non si saprebbe nemmeno come REALMENTE realizzarlo. quindi... non ci resta che ridere!==================================Modificato dall'autore il 21/07/2004 10.30.25==================================Modificato dall'autore il 21/07/2004 10.30.47
    • Anonimo scrive:
      Re: un'unica semplice domanda

      PS: ricordo che il fantomatico,
      fantascientifico ed alieno "bollino"
      prospettato nella Urbani è pura
      fantasia; non solo NON esiste, ma non si
      saprebbe nemmeno come REALMENTE realizzarlo.
      quindi... non ci resta che ridere!ma no dai...e' facilissimo:basta fare una gif 500X500 pixel (cosi si legge bene e' sobria e sta bene dappertutto) che sia linkata ad una pagina della siae (o cosa per essa) che peschi i dati della tua registrazione da un database di dimensioni sovraumane."italiaaaa si italia no, ce famu du spaghi"
      • 3p scrive:
        un'unica semplice domanda (semitrollata)
        - Scritto da: Anonimo
        "italiaaaa si italia no, ce famu du spaghi"Spero tu sia molto ricco: hai appena infranto un diritto di autore :p
    • Anonimo scrive:
      Re: un'unica semplice domanda
      - Scritto da: marcocavicchioli
      COME sarebbe stato posibile (tecnicamente
      parlando e rimanendo sulla Terra) aggiornare
      i siti istituzionali per farli "rientrare"
      nella legalità mettendoli
      completamente a norma rispetto alla Urbani?obbligando ad appiccicare il bollino su tutti i monitor? (e' solo un'idea)
  • Anonimo scrive:
    Ma perchè non andare fino alla radice
    Dico, ma perchè prendersela con Urbani solo, ma andiamo direttamente alla fonta, il sito di Forza Italia non rispetta la legge voluta dal suo ministro, che venga denunziato e che paghi la multa, visto tutte le foto e i testi che contiene.
  • Anonimo scrive:
    Entro Luglio ?
    Hanno altri 10 giorni per cambiare 'sta 'cchio di legge...lo faranno ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Entro Luglio ?
      - Scritto da: Anonimo
      Hanno altri 10 giorni per cambiare 'sta
      'cchio di legge...
      lo faranno ?Ma perchè ci credete ancora nelle modifiche???? :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Entro Luglio ?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Hanno altri 10 giorni per cambiare 'sta

        'cchio di legge...

        lo faranno ?

        Ma perchè ci credete ancora nelle
        modifiche???? :|Non lo so ma so soltanto una cosa se entro 10 giorninon cambia nulla passeremo alla soluzione finale.....Disdire l'abbonamento ADSL! :D:)
        • Anonimo scrive:
          Re: Entro Luglio ?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Hanno altri 10 giorni per cambiare
          'sta


          'cchio di legge...


          lo faranno ?



          Ma perchè ci credete ancora nelle

          modifiche???? :|
          Non lo so ma so soltanto una cosa se entro
          10 giorninon cambia nulla passeremo alla
          soluzione finale.....Disdire l'abbonamento
          ADSL! :D:)Ma de che, se la legge non si cambia, sarebbe bello autodenunciarci tutti voglio vedere cosa accade, al limite si continuera' a fare come prima, scaricare scaricare scaricare, e ovviamente non accattare nada de nada, al massimo all'estero
  • Anonimo scrive:
    Musica un business in autodistruzione
    Continuando a mettere leggi che non si possono rispettare, fare pagare un CD a peso d'oro (ovviamente per colpa dei pirati :D), per non parlare poi delle complicazioi che si porta dietro la SIAE tutte le volte che si vuole fare musica,si stà ottenendo che la gente si disinteressi di questa arte.Le persone che per ascoltare la musica si accorgono di pagare solo balzelli a questo e a quello si è stufata e si dedica ad altro.(Ad esempio è sempre maggiore il numero di radio che hanno deciso di darsi all'informazione più che alla musica)Risultato:Si uccide il senso musicale nella gente e le case discografiche vanno in crisi :'( , per la serie chi troppo vuole...W:-}(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Musica un business in autodistruzione
      mah, e pensi che a loro interessi? non c'è nulla di supporto all'arte, nella attività delle major (e non solo), c'è solo volontà di accumulare. sembra quasi che qualcuno anzi abbia subodorato l'esistenza di una situazione di crisi 'a parabola inesorabilmente discendente' come quella da te rilevata, e che vi sia una sorta di corsa all'eccesso: incamerare l'incamerabile, accumulare l'accumulabile, tutto-qui-e-ora, il domani? 'domani è un altro giorno, si vedrà'...
      • Anonimo scrive:
        Re: Musica un business in autodistruzione
        Ma io sono contento lavoro, per una ditta che si basa sui giovani e dove spendono i loro soldi .. se non spendono in musica ... li spendono sui miei prodotti .. e infatti in questo periodo si va alla grande... Continuate così....... Grazie signore major, Grazie .. ... Grazie signor SIAE Grazie, ... Grazie signiore Grazie ...Grazieee...
  • Anonimo scrive:
    non ci capisco ...
    ...niente.Io che ho dei siti a carattere no-profit ,anzi siti di volontariato (ONLUS) cosa devofare nel rispetto di questa legge?
  • shevathas scrive:
    Articolo molto interessante
    Complimenti all'autore dell'articolo.Personalmente ritengo che il decreto in questione avesse due scopi principali, finanziare con aiuti economici l'industria cinematografica italiana.(sarei curioso di sapere come mai la sinistra non sia intervenuta con emendamenti su una legge nata male e completamente sballata)e minacciare con le manette lo scaricamento da internet.Ultimo delirio il bollino virtuale.Emblema della miopia del legislatore, ormai internet è trans nazionale, siamo in un mondo globalizzato e in italia si pensa ci si trovi ancora nel nostro orticello circondato da quattro mura.Che effetto ha avuto il salasso sui CD per "risarcire" gli artisti dalla "copia privata"?un'aumento dell'acquisto, legale, di CD e DVD vergini in altri paesi della communità.Poi ci si stupisce che in italia abbiamo 9.000 leggi e puntualmente ne violiamo 10.000:s
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo molto interessante
      - Scritto da: shevathas
      Complimenti all'autore dell'articolo.
      Personalmente ritengo che il decreto in
      questione avesse due scopi principali,
      finanziare con aiuti economici l'industria
      cinematografica italiana.
      (sarei curioso di sapere come mai la
      sinistra non sia intervenuta con emendamenti
      su una legge nata male e completamente
      sballata)
      e minacciare con le manette lo scaricamento
      da internet.
      Ultimo delirio il bollino virtuale.
      Emblema della miopia del legislatore, ormai
      internet è trans nazionale, siamo in
      un mondo globalizzato e in italia si pensa
      ci si trovi ancora nel nostro orticello
      circondato da quattro mura.
      Che effetto ha avuto il salasso sui CD per
      "risarcire" gli artisti dalla "copia
      privata"?
      un'aumento dell'acquisto, legale, di CD e
      DVD vergini in altri paesi della
      communità.
      Poi ci si stupisce che in italia abbiamo
      9.000 leggi e puntualmente ne violiamo
      10.000
      :sE io che pensava se ne violassero 1.000.000!!!8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo molto interessante
      - Scritto da: shevathas
      Complimenti all'autore dell'articolo.
      Personalmente ritengo che il decreto in
      questione avesse due scopi principali,
      finanziare con aiuti economici l'industria
      cinematografica italiana.
      (sarei curioso di sapere come mai la
      sinistra non sia intervenuta con emendamenti
      su una legge nata male e completamente
      sballata)
      e minacciare con le manette lo scaricamento
      da internet.
      Ultimo delirio il bollino virtuale.
      Emblema della miopia del legislatore, ormai
      internet è trans nazionale, siamo in
      un mondo globalizzato e in italia si pensa
      ci si trovi ancora nel nostro orticello
      circondato da quattro mura.
      Che effetto ha avuto il salasso sui CD per
      "risarcire" gli artisti dalla "copia
      privata"?
      un'aumento dell'acquisto, legale, di CD e
      DVD vergini in altri paesi della
      communità.
      Poi ci si stupisce che in italia abbiamo
      9.000 leggi e puntualmente ne violiamo
      10.000
      :sMagari fossero 9.000 leggi. Vorrebbe dire che siamo meglio degli USA (la cui sola legislazione fiscale + le sentenze rilevanti assomma a 54,000 pagine e le loro leggi le capisco persino io che l'inglese lo parlo male, Patriot Act a parte, che sembra scritto da un italiano).La verità è che neppure le istituzioni sanno quante siano le leggi in vigore in Italia. Ricordo di aver visto una stima, credo della Corte dei Conti, che ipotizzava, per difetto, superassero le centomila di pagine (quando studiavo diritto, per capire e studiare una pagina di codice civile, che rispetto a molte leggi è ben scritto, ci voleva almeno un ora. Sarà che io non sono troppo brillante -comunque laurea e MBA me li sono conquistati, anche con buoni voti- ma applicando una facile formuletta, si arriva a stimare per difetto in 35 anni il tempo necessario a capire le leggi in vigore (100000/8 ore = 12500 giorni; 12500/365= 34 anni e rotti).Credo ci sia una fondamentale "inefficienza" nel spendere metà della propria vita SOLO per capire come ci si deve comportare, o no?)Comunque, grazie alle 100000 pagine di leggi e leggine, unite al ben noto principio che l'ignoranza della legge non è una scusante, direi che ogni italiano è certo di violare qualche legge ogni giorno, anche se è una persona retta ed onesta (categoria ormai da proteggere dall'estinzione, WWF dove sei?).In fin dei conti, perchè preoccuparsi se poi chi governa viola la Costituzione? Si vede che, fondamentalmente efficientista come ogni bravo dirigente deve essere, avrà giudicato poco utile spendere così tanto tempo a capire quello che già c'è. Grandi e piccoli principi, valgono tutti uguali, no? NO?
  • Anonimo scrive:
    Metteteli in galera!
    ...è quello che si meritano!
  • Anonimo scrive:
    Dott. Navarrini, grazie!
    Come da oggetto!
  • Anonimo scrive:
    c'e solo da aspettare
    che il peggior governo della storia d'italia si tolga finalmente dai piedi
    • Anonimo scrive:
      Re: c'e solo da aspettare
      - Scritto da: Anonimo
      che il peggior governo della storia d'italia
      si tolga finalmente dai piediGuarda che il peggior governo del paese è già caduto, la scorsa legislatura... quando in un periodo di vacche grasse (new economy ed economia al galoppo) non sono riusciti a far altro che un buco di bilancio senza fare le necessarie riforme dello stato, nemmeno la tanto "agognata" legge sul conflitto di interessi... poi che questo non abbia fatto bene, secondo alcuni, in un periodo in cui gli altri "grandi" paesi europei si beccavano un cartellino rosso per i loro bilanci, non lo trovo così deprecabile... almeno abbiamo fatto meglio di altri... soprattutto in un momento in cui l'economia mondiale è in crisi.:)
  • Anonimo scrive:
    che fine faranno i miei siti?
    uffcredo sia la sola cosa che verrebbe da pensareho diversi siti personali dove mostro alcuni miei lavori "amatoriali", e 2 siti TRIBUTO uno su un gruppo musicale ormai scomparso da 14 anni e su un artista morto 10 anni fa.. e in fine uno su un cartone animato della mia infansia..oltre a dover registrare tutti i siti in biblioteca, sono costretto a mettere un bollino cichita sui 10 siti.. bollini che immagino vanno messi in ogni pagina, su ogni immagine (tra i 2 siti tributo e il cartone non oso contare le immagini contenute), su ogni minimo particolare grafico, magari a fianco ad ogni bottone dato che sono diversi l'uno dall'altro.ma poi chi mi darebbe il bollino per avere diritto di mettere le immagini di quel gruppo o di quel artista o di quel disegnatore? penso nessuno.. o a che prezzo?3 siti fatti per passione, fatti per trasmettere la mia passione ad altri e magari avvicinare altri alla mia stessa passione, hanno raggionto quasi i 300.000 contatti. è chiaro che se dovessi andare a chiedere il permesso di questi bollini finirei nei guai qui in italia, con questa stupida legge da ignorante in materia, e diciamo che la galera non me la leva nessuno.il paradosso se vogliamo sta nel fatto che io stesso a suo tempo comunicai i link dei miei siti ai gestori dei rispettivi siti ufficiali e non mi hanno mai intimato di togliere immagini o chiudere il sito.. mentre qui da noi i siti si vogliono chiudere da persone non direttamente coinvolte nel diritto stesso dell'operainutile dire che è chiaro come l'editoria amatoriale in internet non ha un futuro dato che qui si sta veramente mettendo un costo al sito internet anche + scarno e inutile e mai visitato..a certa gente brucia l'idea che su internet chiunque può creare un opera/ un articolo/ un giornale/ una community aggratisabbiate pazienza che metteranno prima o poi anche il francobollo elettronico sulle emailazz adesso che ci penso il bollino lo devo mettere anche sulle emali dato che la mia firma è accompagnata da una immagine. e dovrò metterlo ogni volta che spedisco una foto agli amici.. si praticamente prima di inviare l'immagine devo aspettare giorni per ricevere sto bollino
  • DoubleGJ scrive:
    CHE SPETTACOLO!
    Complimenti per l'articolo veramente una chicca :)Urbani quando ti trovi un vero lavoro?DoubleGJ Tha King
    • Anonimo scrive:
      Re: CHE SPETTACOLO!
      E perchè dovrebbè farlo...sta così bene dovestà... senza far nulla!O meglio... facendo danni?!:Tu immaginalo come capo del governo.... meglio di no!
    • Anonimo scrive:
      Re: CHE SPETTACOLO!
      - Scritto da: DoubleGJ
      Complimenti per l'articolo veramente una
      chicca :)

      Urbani quando ti trovi un vero lavoro?

      DoubleGJ Tha KingSperiamo presto quando lo butteranno fuori dopo le elezioni anticipate e poi ci faremo un sacco di risate!!!!!!!:D:D:D:D
      • 3p scrive:
        Re: CHE SPETTACOLO!
        - Scritto da: Anonimo
        Speriamo presto quando lo butteranno fuori
        dopo le elezioni anticipate e poi ci faremo
        un sacco di risate!!!!!!!:D:D:D:DMagari poi te lo trovi come capufficio! Ghghgh! :D
        • Anonimo scrive:
          Re: CHE SPETTACOLO!
          - Scritto da: 3p

          - Scritto da: Anonimo


          Speriamo presto quando lo butteranno
          fuori

          dopo le elezioni anticipate e poi ci
          faremo

          un sacco di risate!!!!!!!:D:D:D:D

          Magari poi te lo trovi come capufficio!
          Ghghgh! :DNo, spero molto che finisca sotto i ponti ed a chiedere l'elemosina puzzando di fame lontano 1 km.:@:@:@
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE SPETTACOLO!
            certa gente cade sempre in piedi....non sono mia come noi poveri mortali
      • Anonimo scrive:
        Re: CHE SPETTACOLO!
        Scusatemi tanto ma lo spettacolo del signor Urbani è gratuito o gli dobbiamo pagare idiritti d'autore?:$8):D
        • Anonimo scrive:
          Re: CHE SPETTACOLO!
          - Scritto da: Anonimo
          Scusatemi tanto ma lo spettacolo del signor
          Urbani è gratuito o gli dobbiamo
          pagare idiritti d'autore?:$8):DCredo che bisogna correttamene rifondere alla SIAE il giusto "compenso"::$8)
          • Anonimo scrive:
            Re: CHE SPETTACOLO!
            meglio che finisca a vendere i cd con senegalesi.. LADRI!come noi :D siamo tutti una grande famiglia noi consumantori martoriati
  • Anonimo scrive:
    nota in calce
    attento... specifichi che la nota non puo' essere tolta o cambiato il carattere in dimensione, ma nessuno impedirebbe di metterla dello stesso colore dello sfondo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: nota in calce
      - Scritto da: munehiro
      attento... specifichi che la nota non puo'
      essere tolta o cambiato il carattere in
      dimensione, ma nessuno impedirebbe di
      metterla dello stesso colore dello sfondo :)ROOOOTFL!Hai ragione (ma dove sono i colori nell'interfaccia di PI ? )!!
  • Anonimo scrive:
    Siamo tutti uguali davanti alla legge
    "Comunque sia, l'impressione che se ne trae è di un legalismo di facciata, che invoca il rispetto delle leggi sul diritto d'autore solo per gli altri."... ma qualcuno è più uguale degli altri :DVisto chi da l'esempio di leggi fatte su misura per lui... povero Silvio
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo tutti uguali davanti alla legge
      - Scritto da: Anonimo

      "Comunque sia, l'impressione che se ne trae
      è di un legalismo di facciata, che
      invoca il rispetto delle leggi sul diritto
      d'autore solo per gli altri."

      ... ma qualcuno è più uguale
      degli altri :D
      Visto chi da l'esempio di leggi fatte su
      misura per lui... povero Silvioè sceso in campo! .... el'ha fatto per noi!!!!!!!!! POVERO ILVIOOOOOOOOOOOOOOooooooooooooooooooooooooo
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo tutti uguali davanti alla legge
      - [OT] Re: Siamo tutti uguali davanti alla legge (voto: 0) di Utente non registrato del 21/07/04 (9:05) - Scritto da: AnonimoCito:

      "Comunque sia, l'impressione che se ne trae

      è di un legalismo di facciata, che

      invoca il rispetto delle leggi sul diritto

      d'autore solo per gli altri."



      ... ma qualcuno è più uguale

      degli altri

      Visto chi da l'esempio di leggi fatte su

      misura per lui... povero Silvio
      è sceso in campo! .... el'ha fatto per noi!!!!!!!!! POVERO
      ILVIOOOOOOOOOOOOOOooooooooooooooooooooooooo E chi glielo ha chiesto?:D Io no!:@8)
  • Anonimo scrive:
    Finalmente...
    Il primo testo che non ignora la legge Urbani...PS. Se devo mettere tutta quella informativa sotto ogni testo che scrivo sul mio sito web... mi arrendo vado a casa di ogni mio visitatore e glielo dico a voce cio' che avrei voluto scrivere... mostrandogli lo sfondo BIANCO del mio sito web!!! ;)
  • Anonimo scrive:
    PI: e la creative commons?
    in calce all'articolo dell'avvocato, c'è quella tostissima informativa.ma in fondo all'informativa, come in fondo ad OGNI articolo, c'è la creative commons.che bisogno c'è di quella informativa dunque?* TUTTI * i contenuti delle pagine sono sotto Creative Commons, no?Mi piacerebbe chiarire.direi che OGNUNO di quelli che pubblica su PI - automaticamente - qualsiasi cosa scriva ed invii, la intende sotto Creative Commons, e quindi copiabile ... un po' come dice l'informativa (che potrebbe essere una ottima base di traduzione per la CC stessa) .... come dire: pubblichi per noi? Pubblichi in Creative Commons. Non ti sta bene? Peccato, non ti pubblichiamo.Oppure ancora: non vuoi pubblicare in creative commons? Su questa pagina TOGLIAMO il bollino.che ne dite? sembra burocratico ... ma allora l'informativa... no?
    • Anonimo scrive:
      Re: PI: e la creative commons?
      il punto credo sia tutto li' in fondohai letto l'informativa? e' uno spiscio
    • Anonimo scrive:
      Re: PI: e la creative commons?
      non sempre le cose sono così semplici come appaiono. l'informativa aggiunta in calce dall'autore di questo articolo vi sta probabilmente perchè l'autore ha inviato il testo non solo a PI, ma anche ad altri siti nelle cui pagine di pubblicazione non necessariamente c'è l'informativa per l'utilizzo del materiale coperto da copyright. e poi perchè non ci concentriamo sulle cose serie al posto che perdere tempo con virgole, virgolette e virgoline???
      • Anonimo scrive:
        Re: PI: e la creative commons?
        - Scritto da: Anonimo
        non sempre le cose sono così semplici
        come appaiono. l'informativa aggiunta in
        calce dall'autore di questo articolo vi sta
        probabilmente perchè l'autore ha
        inviato il testo non solo a PI, ma anche ad
        altri siti nelle cui pagine di pubblicazione
        non necessariamente c'è l'informativa
        per l'utilizzo del materiale coperto da
        copyright. e poi perchè non ci
        concentriamo sulle cose serie al posto che
        perdere tempo con virgole, virgolette e
        virgoline???Già... però comincia tu! Usa un po' di forma nei tuoi interventi. Dopo il punto va la maiscola! Mi sembri uno di mia conoscenza ;)
  • Anonimo scrive:
    il paese normale
    così lo chiamava d'alema quel paese in cui:-le aziende decotte non falliscono ma usufruiscono di prestiti ponte (che mangeranno in poco tempo)-le squadre di calcio che hanno debiti con il fisco usufruiscono di dilazioni di pagamento (che saranno pressochè infinite)-Un ministro fa una legge e automaticamente diventa fuorilegge-un ministro fa una legge che dice "mandate i siti web alla biblioteca di Roma e firenze"...le biblioteche esortano invece a non rispettare la legge...sarà qualunquismo...ma mi viene in mente una sola frase per la politica italiana e cioè "astenersi perditempo....."gute nachtmax
  • Anonimo scrive:
    Gent.mi Prof.Avv. Navarrini e On.Cortian
    Caro Avvocato, perchè non date seguito alle parole presentando una bella denuncia contro questi signori? Fatelo voi che avete i mezzi e la giurisprudenza! Avrete tutto il nostro appoggio e solidarietà. Grazie e saluti.
  • midori scrive:
    Forti o incapaci?
    "Il sospetto è che tali enti - visto che hanno dimostrato di poter ottenere l'approvazione di leggi di loro gradimento - si sentano talmente forti da ritenere di essere sottratti all'osservanza di quelle stesse leggi"Forti?Potrebbe esserci una ben piu' amara verita', e cio' che sono totalmente incapaci ed ingoranti, che hanno spinto l'approvazione di una cosa del genere senza alcuna cognizione di causa, senza sospettare manco lontanamente le conseguenze (ma vedendo esclusivamente i loro vantaggi).
  • Anonimo scrive:
    come si fa?
    Come si fa a denunciare questi inadempimenti da parte di SIAE FIMI ed ANICA? Chi ne ha competenza?
    • Anonimo scrive:
      Re: come si fa?
      chi è competente ad irrogare le sanzioni???? Già una segnalazione NON anonima credo possa bastare no??
    • Anonimo scrive:
      Re: come si fa?
      - Scritto da: Anonimo
      Come si fa a denunciare questi inadempimenti
      da parte di SIAE FIMI ed ANICA? Chi ne ha
      competenza?Il divertente è che dato il nostro sistema giudiziario, un qualunque pubblico ufficiale che noti una violazione delle legge deve intervenire d'ufficio....:p:|Già:...:| facendo due "conti della serva" (TM and (C)) sicuramente un carabiniere, oppure un poliziotto, oppure un GIP, oppure un GUP o meglio ancora un agente GdF in tutta l'italia hanno sicuramente visto uno dei siti indicati: per dovere d'ufficio dovrebbero agire altrimenti il reato lo compiono loro (inosservanza di atti d'uffico...ricorda niente???):$8)
      • Anonimo scrive:
        Re: come si fa?
        a guardare bene però sul sito FIMI l'avviso c'è, bisogna cliccare sulla scritta copyright in basso. E' quasi invisibile ma poi si apre un pop up con il testo di un avviso
        • Anonimo scrive:
          Re: come si fa?
          - Scritto da: Anonimo
          a guardare bene però sul sito FIMI
          l'avviso c'è, bisogna cliccare sulla
          scritta copyright in basso. E' quasi
          invisibile ma poi si apre un pop up con il
          testo di un avvisoGuarda che la legge non contempla le famose "clausole capestro" scritte nel punto che separa la F dalla I ; leggibili solo con microscopio elettronico di 3^ generazione: dice testualmente che tale bollino deve essere parte integrante dell'opera...cioè ogni foto, ogni musichetta, ogni testo ogni cosa soggetta a (C) deve esserci tale "Bollino Blu"!!!:(Come si faccia non l'ho ancora capito, ma la legge è chiara a tal proposito....8)
  • argaar scrive:
    E ora?
    Una gran bella multa da pagare (o da farci pagare tanto è il governo che se la prende) o finalmente capiranno che cosa sono riusciti a tirare fuori e la smetteranno con queste cavolate?
Chiudi i commenti